Home page Planetmountain.com
Matteo Rivadossi su M come Mostro all Maddalena
Fotografia di C. Tonini
Matteo Rivadossi attrezza M come Mostro all Maddalena, dicembre 2006
Fotografia di A. Damioli
Matteo Rivadossi a metà di M come Mostro all Maddalena
Fotografia di C. Tonini
Matteo Rivadossi su M come Mostro all Maddalena
Fotografia di C. Tonini

M come Mostro, D13+ in DTS per Matteo Rivadossi alla Maddalena

di

Il racconto di Matteo Rivadossi che il 9 gennaio 2021 è tornato su M come Mostro, la sua mitica via di total dry tooling alla Maddalena (BS). 13 anni dopo averla aperta e liberata, Rivadossi ha ora compiuto la seconda salita nello stile più pulito, cioè DTS (Dry Tooling Style) senza Yaniro, dopo quella effettuata da Lele Bagnoli nel 2018.

Complici le restrizioni del lockdown ed un principio di nausea per il Bus del Quai, sotto le odiate feste avevo proprio bisogno di aria, di motivazione. E tornare sulla mia M come Mostro dopo tanti anni è stato come sfogliare un vecchio diario dalle prime pagine. Tutte dedicate alle emozioni per quel gioco nuovo di nuovi attrezzi, tecnica e gestualità.

Indietro fino a quel tiepido dicembre 2006 in cui io e lo zio Alberto “Bibo” Damioli, trapano Makita a benzina in cintura, attaccammo l’Antro di Polifemo sulla montagna di casa affamati di vuoto, come pirati di soffitti in pieno delirio di onnipotenza. Semplicemente perché le linee naturali di ghiaccio e roccia non bastavano certo ad allenarsi per le gimkane dei pannelli, dei tronchi e dei cubi di ghiaccio della prima folgorante tappa mondiale di Daone e delle successive gare del campionato italiano.

Nacque così il nostro primo esperimento di Total Dry, per metà "bricolage" forando la roccia umida laddove non offriva agganci. Perfettamente al centro di quell’enorme squarcio a sbalzo sulla bianca falesia della Maddalena, in uno spazio rovescio senza remore etiche trovandosi tra linee da libera con prese scavate ed addirittura in resina avvitate.

Appesi a testa in giù come pipistrelli, unica chance per vincere la gravità era il taumaturgico sperone, universalmente usato nel dry per addomesticare il mondo al contrario dei soffitti. Fix, longe, picca, buco, staffa su picca: il Mostro richiese tre giornate con la schiena spezzata e gli occhi pieni di polvere ripagate da un vista mozzafiato sulla pianura 600 metri più in basso. Venti metri in gran parte orizzontali: e chi li avrebbe mai liberati?

Tra una gara e l’altra, ci vollero vari giri spostando ogni volta il mio limite per venire a capo di quella creatura: l’agognata liberà arrivò a fine febbraio 2007, senza però immaginare che grado potesse avere la cosa più difficile che avevo mai provato. Illuminante a quel punto fu una visita alla grotta di Dryland sopra Innsbruck per provare l’M13 di Game Over, solo l’anno prima la via più difficile d’Europa.

Accompagnato da Bibo ricordo un timore reverenziale più che delle difficoltà impossibili; in diagonale cercando i buchi nel conglomerato, mi ritrovai nel mezzo del soffitto. Movimenti lunghi con un passaggio negativo poi ruotando a guadagnare il bordo esterno. Una via corta esplosiva a me congeniale, tant’è che al terzo giro con un resting arrivai addirittura a 3 metri dalla catena e solo per mancanza di ghiaccio!

Torniamo dall’Austria entusiasti perché se quello era M13, il Mostro non era da meno, anzi! E a questo punto poteva addirittura essere la via più difficile d’Italia spodestando l’M12 di Tsunami in Valsavaranche! Che per inciso chiusi l’anno successivo al terzo giro e senza vederla.

Ma per noi umani non ci fu tempo per gongolarsi: lo sperone cominciava ormai a stridere con il concetto di libera a cui si ispiravano gli atleti più forti che dal 2006 avevano iniziato a chiudere le prime vie più difficili "spurless" (o "bareback"), cioè senza speroni sui ramponi. Almeno 3 anni prima che fosse bandito dalle gare.

E come potevo rinunciarvi io che ne ero solo un abile speronatore? Ricordo lo sconforto iniziale, poi chiacchierando con l’insuperabile Mauro Bubu Bole, tra i più grandi atleti ed innovatori del dry a livello mondiale, fu lui a rassicurarmi che da quel momento avrei semplicemente imparato a scalare davvero.

Passai qualche anno a provare le vecchie vie senza sperone, sfruttando nel vuoto gli incroci gamba-braccio dello Yaniro e del Tergicristallo (rispettivamente Figure 4 e 9) per poi rinunciarvi di colpo, folgorato dal restrittivo manifesto francese del Dry Tooling Style.

Capitanato dall’amico Jeff Merçier e compagni, il DTS infatti si sforza di elevare idealmente il dry all’arrampicata libera: al bando quindi Yaniro e varianti che di fatto, fuori dalle gare, banalizzano la scalata, sia tecnicamente che fisicamente. Da subito quello stile mi è sembrato naturale e rivoluzionario al tempo stesso, almeno quanto la libera sistematica delle vie artificiali di metà anni ’70.

E se i vecchi gradi per me si allontanavano ancora, nel frattempo crescevo. Come con soddisfazione cresceva in numero e dedizione il gruppo di ragazzi del Quai che avrebbero raccolto il mio testimone, consapevoli che un maggiore sforzo fisico è ripagato da una scalata più naturale, elegante e remunerativa. Certamente più esigente, soprattutto sui soffitti dove si è obbligati a sfruttare ogni benché minimo appoggio, a meno di dispendiose sospensioni da ginnasti. E non essere un ginnasta e nemmeno un climber da 8c, non a caso, su Low G Man al Quai, primo D14 italiano, tre anni fa mi costò una spalla

Ora a cinquant’anni suonati, esorcizzando lombalgie, borsiti e tendiniti, mi ritrovo ancora in Maddalena dov’ero partito. A giocare con le mie piccozze, sui miei gradi, sui miei progetti. Sul bordo della grotta oggi pendono addirittura delle candele di ghiaccio ma almeno non c’è la bufera dell’altro giorno. Sono partito con due rinvii fissi da cambiare e la chiave da 17, non pensavo al giro buono. Ma gli incitamenti di Simone e Carlo mi tengono su.

Respiro tra movimenti e prese a memoria fino all’allungone: sì, preso! Guardando la pianura a testa in giù ancora il respiro profondo di una sghisata prima di quell’ultimo rovescio infinito. E per la prima volta assaporo di poter chiudere questo viaggio. Liberatorio farlo con le stesse regole usate sulle vie più dure del mondo, liberate e gradate in questo stile da Tom Ballard, Dariusz Sokołowski e Filip Babicz.

Chiunque potrebbe usare uno stile diverso ma dovrebbe dichiararlo con onestà, visto che per una via a soffitto, chiusa con e senza Yaniro, corre un buon grado e mezzo. Inutile raccontarsela.

Penso a quanto è stata dura per me rinunciare allo sperone salvifico e, qualche anno dopo, anche al meccanico Yaniro: è stato quasi come imparare altre due volte da zero. Ma oggi arrivare alle ultime pagine del diario a clippare ancora quella catena è stato scalare quel Mostro per la prima volta.

di Matteo Rivadossi

Matteo ringrazia: Camp - Cassin, Montura, Kayland, Elbec

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Filip Babicz completa Ade Integrale, total dry tooling di D15+ nella grotta Gran Borna
05.12.2019
Filip Babicz completa Ade Integrale, total dry tooling di D15+ nella grotta Gran Borna
Il 26 novembre Filip Babicz ha completato Ade Integrale, una difficilissima via di total dry tooling nella grotta Gran Borna vicino a La Thuile in Valle d’Aosta, per la quale il polacco suggerisce il grado di D15+. La via è su prese completamente naturali.
Darek Sokołowski sale Ironknight a Eptingen in Svizzera in Dry Tooling Style
03.12.2019
Darek Sokołowski sale Ironknight a Eptingen in Svizzera in Dry Tooling Style
A novembre l'alpinista polacco Dariusz Sokołowski ha salito la via di dry tooling Ironknight a Eptingen in Svizzera, salendola in stile Dry Tooling Style. Il report di una delle vie di drytooling più difficile della Svizzera.
Gabriele Bagnoli dry tooling di fine stagione con il botto
04.06.2019
Gabriele Bagnoli dry tooling di fine stagione con il botto
Il racconto di Gabriele Bagnoli che in una settimana ha salito Uragano Dorato D15 a Bus del Quai e Invocation D14+ nella falesia di drytooling Tomorrow’s World in Dolomiti
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
13.03.2019
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
Alla falesia di dry tooling Bus del Quai (Iseo) Filip Babicz ha liberato Uragano Dorato, una via di total dry gradata D15.
Dariusz Sokołowski libera Parallel World, dry tooling di D16 in Dolomiti
18.01.2019
Dariusz Sokołowski libera Parallel World, dry tooling di D16 in Dolomiti
Il 20 dicembre 2018 l'alpinista polacco Dariusz Sokołowski ha effettuato la prima libera di Parallel World, una via di dry tooling che supera un tetto orizzontale di 60 metri nella falesia Tomorrow's World (Dolomiti). Gradata D16, se il grado viene confermato si colloca come una delle vie di dry tooling più difficili al mondo.
Tom Ballard libera una via di D15 in Dolomiti, il grado di drytooling più difficile al mondo
05.02.2016
Tom Ballard libera una via di D15 in Dolomiti, il grado di drytooling più difficile al mondo
Il climber inglese Tom Ballard ha liberato A Line Above the Sky nella falesia Tomorrow's World, in Dolomiti. Se il grado di D15 viene confermato, si tratterebbe della più difficile via di drytooling al mondo.
Tom Ballard: arrampicando nelle Dolomiti verso il futuro
18.01.2016
Tom Ballard: arrampicando nelle Dolomiti verso il futuro
Il climber inglese Tom Ballard racconta le sue ultime vie di arrampicata di misto e drytooling, dove spicca la prima salita di Je Ne Sais Quoi D14+ in Dolomiti.
Angelika Rainer libera Il volo dell’angelo in Dolomiti, bis di drytooling D13-
05.03.2012
Angelika Rainer libera Il volo dell’angelo in Dolomiti, bis di drytooling D13-
Il racconto e il video della altoatesina Angelika Rainer che ha liberato la sua prima via di dry tooling, "Il volo dell’angelo" D13- in Dolomiti e ha ripetuto la via "M come mostro" D13- alla Maddalena (BS).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock