Home page Planetmountain.com
Integralissima di Peuterey, salita per la prima volta nel 1973 dai tedeschi Gottlieb Braun-Elwert e Rudi Kirmeier e ripetuta, per la prima volta, in 17 ore il 31/07/2020 da Filip Babicz
Fotografia di Filip Babicz
Filip Babicz in vetta alla Aiguille Noire durante la Integralissima di Peuterey
Fotografia di Filip Babicz
Filip Babicz e la Integralissima di Peuterey: attraversando Aiguille Blanche
Fotografia di Filip Babicz
Filip Babicz in vetta al Monte Bianco il 31/07/2020 dopo la sua velocissima salita della Integralissima di Peuterey
Fotografia di Filip Babicz

Filip Babicz in velocissima solitaria sull’Integralissima di Peuterey del Monte Bianco

di

L’alpinista Filip Babicz ha salito in solitaria L'Integralissima di Peuterey nel massiccio del Monte Bianco in un tempo strabiliante di 17 ore. Si tratta della prima ripetizione delle 'Cresta più lunga delle Alpi', salita integralmente per la prima volta nel 1973 dai tedeschi Gottlieb Braun-Elwert e Rudi Kirmeier.

Il 31 luglio Filip Babicz ha salito L'Integralissima di Peuterey nel massiccio del Monte Bianco in solitaria ed in un tempo assolutamente strabiliante di soltanto 17 ore. Come spiega l’alpinista di origina polacca, ma valdostano di adozione, la cosiddetta "Cresta più lunga delle Alpi" consiste nella "traversata della Cresta Peuterey nella sua completezza: dal fondovalle, dove nasce nei pressi del Torrente di Frêney, circa a 1840 m di altitudine, attraversando poi le creste di Mont Rouge, Tête de Chasseures, Aiguille Noire, Dames Anglaises, Aiguille Blanche, Grand Pillier d’Angle, Monte Bianco di Courmayeur fino alla vetta del Monte Bianco 4810m."

L’Integralissima era stata percorsa per la prima volta nel 1973 dalla cordata tedesca formata da Gottlieb Braun-Elwert e Rudi Kirmeier in tre giorni, dall' 11 al 13 luglio del 1973 e finora non era mai stata ripetuta. Si tratta di 8000 metri di sviluppo, 4000 metri di dislivello positivo e ben 900 metri di corde doppie sul terreno tecnico di alta montagna, e il tempo di Babicz - ripetiamolo, soltanto 17 ore - è talmente veloce che è difficile persino da immaginare.

In cima ha incontrato casualmente François Cazzanelli e Francesco Ratti, impegnati nel trittico del Frêney, poi dopo un’ora godendosi il momento, Babicz è sceso lungo la via normale francese. Questa volta con calma, giustamente. L’approfondimento seguirà a breve.

View this post on Instagram

CRESTA INTEGRALISSIMA DI PEUTEREY Yesterday, on July 31st, I soloed "The longest alpine ridge". It is the first solo ascent and the first repetition of this variant of Peuterey Ridge. The ascent was performed without neither any support nor deposits. What is more, the second part, from Aiguille Noire to Monte Bianco di Courmayeur had been unknown to me. . Integralissima di Peuterey, made by nature, dreamed by Preuss back in 1913, was passed for the first time in 1973 by german team Braun – Elwert and Kirmeier. It took the team 3 days, after a previous ascent of classic Integrale. This longest variant has remained unrepeated for 47 years, now repeat in solo and in only 17 hours! . Integralissima requires climbing the Peuterey Ridge from the bottom of the valley, where, near Frêney creek, on 1840m altitude the ridge starts and then it goes through peaks Mont Rouge, Tête de Chasseures, Aiguille Noire, Dames Anglaises, Aiguille Blanche, Grand Pillier d’Angle, Monte Bianco di Courmayeur back untill the top of Mont Blanc, 4810m. When it comes to numbers, this ridge has no competition throughout all Alpes. 8000m long, over 4000m altitude gain, 900m of rappeling. In relation to much more popular variant of Peuterey Ridge, the classical Integrale, it addes the traverse of two peaks: Mont Rouge and Tête de Chasseurs. As to compare the seriousness, longitude and difficulty of Integralissima to Integrale, it would be like at the beginning, before one can go forward, they would have to pass the notorious south ridge of Aiguille Noire twice! Mont Rouge ridges have nothing to envy their older sister and the time taken along with the seriousness of the climb itself compared to the south ridge of Aiguille Noire are virtually the same. For and see below in comment. #eliteclimb #formanaszczyt #polskizwiazekalpinizmu #polskihimalaizmzimowy #ebclimbing #wearebeal

A post shared by Filip Babicz (@filipbabicz) on

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il trittico del Frêney sul Monte Bianco: François Cazzanelli e Francesco Ratti sulle orme di Renato Casarotto
01.08.2020
Il trittico del Frêney sul Monte Bianco: François Cazzanelli e Francesco Ratti sulle orme di Renato Casarotto
Le guide alpine François Cazzanelli e Francesco Ratti hanno salito la via Ratti-Vitali sull’ Aiguille Noire de Peutèrey, la via Gervasutti-Boccalatte al Picco Gugliermina e la via Bonington di Chris Bonington, Ian Clough, Jan Duglosz, Don Whillans al Pilone Centrale del Frêney per giungere poi in vetta al Monte Bianco. Il cosiddetto Trittico del Frêney era stato effettuato nel 1982 grande Renato Casarotto in solitaria ed in inverno con un’epica impresa che resterà nella storia dell’alpinismo.
Monte Bianco: Denis Trento e Filip Babicz aprono Forza Gioele a Pointe de l'Androsace
23.01.2020
Monte Bianco: Denis Trento e Filip Babicz aprono Forza Gioele a Pointe de l'Androsace
Il racconto di Denis Trento che insieme a Filip Babicz ha aperto Forza Gioele (600m, WI3, M7, D7), una nuova via di ghiaccio e misto su Pointe de l'Androsace (4107m) nel massiccio del Monte Bianco
Filip Babicz completa Ade Integrale, total dry tooling di D15+ nella grotta Gran Borna
05.12.2019
Filip Babicz completa Ade Integrale, total dry tooling di D15+ nella grotta Gran Borna
Il 26 novembre Filip Babicz ha completato Ade Integrale, una difficilissima via di total dry tooling nella grotta Gran Borna vicino a La Thuile in Valle d’Aosta, per la quale il polacco suggerisce il grado di D15+. La via è su prese completamente naturali.
La Sostanza dei Sogni sull'Isola di Marettimo scovata da Filip Babicz e Marco Benedetto
07.05.2019
La Sostanza dei Sogni sull'Isola di Marettimo scovata da Filip Babicz e Marco Benedetto
Sulla parete Bonagia sull’Isola di Marettimo nell'arcipelago delle Isole Egadi in Sicilia Filip Babicz e Marco Benedetto hanno aperto La Sostanza dei Sogni, una via d’arrampicata di 220 metri su una delle pareti più remote d’Italia. Il report di Babicz
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
13.03.2019
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
Alla falesia di dry tooling Bus del Quai (Iseo) Filip Babicz ha liberato Uragano Dorato, una via di total dry gradata D15.
Filip Babicz, pareti di libertà
18.02.2019
Filip Babicz, pareti di libertà
La storia di Filip Babicz, l'arrampicatore polacco che ai piedi del Monte Bianco ha trovato la sua casa. Intervista di Vittorino Mason.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock