Home page Planetmountain.com
Simon Gietl sale in free solo la via Lacedelli sulla Cima Scotoni in Dolomiti. Il 34enne alpinista sudtirolese ha salito la via senza corda il 18/10/2018
Fotografia di Christof Ursch
La guida alpina Simon Gietl sale in free solo la via Lacedelli sulla Cima Scotoni in Dolomiti
Fotografia di Christof Ursch
Simon Gietl sale in free solo la via Lacedelli sulla Cima Scotoni in Dolomiti
Fotografia di Christof Ursch
Il materiale utilizzato da Simon Gietl per la sua free solo la via Lacedelli sulla Cima Scotoni in Dolomiti il 18/10/2018
Fotografia di Christof Ursch

Simon Gietl via Lacedelli free solo sulla Cima Scotoni in Dolomiti

di

Intervista a Simon Gietl dopo la sua salita in free solo (slegato) della Lacedelli sulla Cima Scotoni in Dolomiti il 18 ottobre 2018.

La notizia è filtrata solo ora: il 18 ottobre scorso Simon Gietl ha salito in free solo, quindi senza corda ed imbrago, la Lacedelli sulla parete sudovest della Cima Scotoni. Si tratta di una grande classica delle Dolomiti, aperta nel 1952 dai giovani Scoiattoli di Cortina Lino Lacedelli, Luigi Ghedina e Guido Lorenzi e ora salita in solitaria dal 34enne alpinista sudtirolese. Inutile dire che si tratta di una realizzazione importante - si tratta di difficoltà fino a VIII- su 450 metri di via e su roccia non proprio di ottima qualità - come è superfluo sottolineare quanto le free solo sono una sfaccettatura dell’alpinismo assolutamente personale e altamente pericolosa. Con queste premesse, ecco la nostra intervista.

Simon. Come mai questa free solo della Lacedelli?
Per me è una delle vie più belle delle Dolomiti e nel 2003 è stata la prima via difficile, lunga ed esposta che ho salito. All’epoca non riuscivo a salirla in libera. Tre anni fa ho avuto il piacere di accompagnare un cliente sulla via. In quel momento ho iniziato a pensare a come sarebbe stato salirla senza la corda.

Ti conosciamo ormai da molto tempo, ma non per salite in free solo
In passato ho fatto alcune vie senza la corda, come ad esempio la Cassin, la Comici - Dimai e la Innerkofler alle Tre Cime di Lavaredo. Ma sempre con l’imbrago, che ovviamente fa una differenza psicologica enorme, perché se ne hai bisogno, puoi sempre usarlo per proteggerti. Sulla Cassin mi sono autoassicurato sul tiro chiave e anche sul traverso, anche sulla Comici ad un certo punto, mentre mai sulla Innerkofler. Ho salito anche la Egger - Sauscheck sulla Cima Piccola nel 2017 senza corda per le riprese del film "Manaslu, la montagna delle anime". Quindi un po’ di cose slegate in passato le avevo già fatte. Ma la differenza con la Lacedelli è che queste salite non le avevo programmate, la Lacedelli invece sì.

Racconta
Allora il pensiero fisso mi è venuto quando ho aperto Can you hear me?. Ogni volta quando salivo con lo zaino pesante guardavo verso la Lacedelli e mi chiedevo, come sarebbe stato salirla in uno stile leggero. Come sarebbe stato non avere nulla con me. Dopo la mia spedizione in Pakistan volevo salire Can you hear me? in libera ed in giornata, il tempo era perfetto, ma ho avuto una tonsillite e ho dovuto prendere antibiotici per 10 giorni. Non ero più al top della forma e così è svanito il sogno della rotpunkt. Ma il tempo è rimasto stabile, quindi ho salito la Lacedelli con un amico, Klaus Gruber.

Lui sapeva delle tue intenzioni?
No, niente. Non ho parlato con nessuno del mio progetto. Nemmeno a mia moglie. Dopo la mia salita senza corda Klaus mi ha detto che gli sembrava strano che io guardassi così minuziosamente il tiro chiave. Si era chiesto se forse volevo fare qualcosa, ma non ne abbiamo mai parlato assieme.

Poi è arrivata la free solo
No. Allora, con Klaus ho salito la via 8 giorni prima della mia free solo. 3 giorni prima sono tornato, questa volta da solo ma con l’imbrago. Specialmente il tiro chiave me lo sono studiato attentamente. Mi sentivo bene. Chiaro, rimane sempre un rischio residuo, ma ero del tutto convinto che sarei riuscito a salirla senza corda. Anzì, avrei potuto farlo quel giorno stesso, ma mi sono detto "prenditi il tuo tempo e aspetta che arrivi il giorno giusto."

Che è arrivato tre giorni più tardi. Come è andata?
Onestamente? Più facile di quanto immaginassi. Tutto era perfetto e non c'era nessun momento in cui non mi sentivo sicuro. Sapevo tutto a memoria. Conoscevo tutte le prese e gli appoggi. E dopo il tiro chiave mi sono goduto appieno la via. In effetti, si tratta di un via meravigliosa e anche questo è stato importante, volevo salire qualcosa dove mi sarei divertivo.

E...?
Ci sono arrivato relativamente tardi, verso le 11:00 ho iniziato ad incamminarmi verso la parete. Sul sentiero ho incontrato per caso Alex Walpoth e Tito Prinoth, poi poco prima di arrivare alla base ci siamo separati, loro verso Zauberlehrling, L'Apprendista Stregone, io verso la Lacedelli. Non ho portato con me l’orologio, perché volevo vivere l'esperienza intensamente e non lasciarmi influenzare dal tempo. Tuttavia, so esattamente quanto ho impiegato: 1 ora e 32 minuti fino alla cengia. Lo so perché ho girato tutta la salita, e la mia GoPro ha un autonomia di un’ora e mezza. Quando mi sono seduto sulla cengia per togliermi le scarpette d’arrampicata ho sentito che ha smesso di girare.

Allora le foto da dove arrivano?
Sono arrivate dopo. Nelle foto sono esattamente come ero durante la free solo, ma sono state scattate un paio di giorni dopo. Volevo ritornare, per documentare la salita. Se questa è stata la mia ultima free solo, non saprei dirvi. Ma salire la Lacedelli slegato è stato qualcosa di molto speciale per me e volevo avere delle foto che lo documentassero. Quindi con il fotografo Christof Ursch sono ritornato e lui mi ha scattato le foto sul tiro chiave e anche sul settimo tiro.

Come sono state le reazioni?
Finora non l'ho capito del tutto. Ho salito la via solo per me. Quello che ho vissuto lì su è stato molto intenso e mi accompagnerà per tutta la vita. Le opinioni sono diverse, ma credo sia naturale.

E adesso?
Ora il progetto è finito e rimane un ricordo profondo. Sinceramente non avevo compreso che fosse finito fino al giorno dopo, quando mi sono svegliato. Il mio primo pensiero non era più la Lacedelli. Onestamente, non avrei potuto fermarlo.

Hai detto prima, un rischio residuo rimane sempre
Sì, e ne sono consapevole. Ho cercato di ridurre questo rischio al minimo e ho lavorato la via intensamente, imparando in particolare le prese su cui mi dovevo fidare. Questo è un tema molto difficile. Ma di una cosa sono sicuro: ho salito altre vie con la corda dove ho rischiato molto di più.

Simon, onestamente... era necessario? Ora sei anche padre
Per me è chiara una cosa: se quando sono alla base non sono convinto al 100%, lascio stare, come sempre. Non è facile spiegare questa sensazione a parole. Diciamo che in quel momento mi sembrava giusto, e quindi l'ho fatto. Sentivo il bisogno di vivere questa esperienza.

Simon Gietl ringrazia: Salewa, Neolit, Südtirol, Grivel, Komperdell, Keaxl-Board, Hotel Schwarzenstein, Julbo, Lyo-Foot

Link: www.simongietl.itFB Simon Gietl

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cima Scotoni, Dolomiti: Simon Gietl apre una nuova via in solitaria
09.10.2018
Cima Scotoni, Dolomiti: Simon Gietl apre una nuova via in solitaria
L’alpinista altoatesino Simon Gietl ha aperto in solitaria Can you hear me? nuova via d’arrampicata sulla Cima Scotoni (Dolomiti). La nuova linea è stata dedicata a Gerhard Fiegl.
Diluvio Universale, sul Monte Prijakt in Austria una nuova via di misto per Gietl e Messini
13.11.2018
Diluvio Universale, sul Monte Prijakt in Austria una nuova via di misto per Gietl e Messini
L’ 8/11/2018 Simon Gietl e Vittorio Messini hanno aperto Sintflut, Diluvio Universale (M6/WI5, R, 500m), una nuova via di ghiaccio e misto sulla parete nord del Monte Prijakt in Austria. Il report di Messini.
Stigmata (Sass de la Crusc - Dolomiti) nuova via d’arrampicata per Gietl e Oberbacher
06.08.2018
Stigmata (Sass de la Crusc - Dolomiti) nuova via d’arrampicata per Gietl e Oberbacher
In quattro giorni nell'agosto 2016 Simon Gietl e Andrea Oberbacher hanno aperto dal basso Stigmata, una via d’arrampicata sul Sass de la Crusc nelle Dolomiti liberata il 17/07/2017 dagli stessi alpinisti con difficoltà fino al X-.
La Strada alla Cima Grande di Lavaredo ripetuta in Dolomiti da Simon Gietl, Thomas Huber e Rainer Treppte
06.05.2018
La Strada alla Cima Grande di Lavaredo ripetuta in Dolomiti da Simon Gietl, Thomas Huber e Rainer Treppte
Simon Gietl, Thomas Huber e Rainer Treppte hanno effettuato quella che probabilmente è la prima ripetizione di La Strada, la via d’arrampicata alla Cima Grande di Lavaredo, Dolomiti, aperta dai polacchi Piotr Edelman e Jan Fijalkowski tra il 6 e 7 agosto 1980.
Arrampicata nelle Dolomiti: Simon Gietl e Andrea Oberbacher liberano Oblivion sopra l'Alta Badia
29.07.2017
Arrampicata nelle Dolomiti: Simon Gietl e Andrea Oberbacher liberano Oblivion sopra l'Alta Badia
Sulla parete Piz Ander in Alta Badia, Dolomiti, Simon Gietl e Andrea Oberbacher hanno aperto e liberato Oblivion (IX, 275m).
Angela Eiter a l'arrampicata a Kyparissi in Grecia
29.10.2015
Angela Eiter a l'arrampicata a Kyparissi in Grecia
Il video della climber Angela Eiter e l’arrampicata ancora tutto da sviluppare a Kyparissi in Grecia.
Cima Scotoni, invernale di Simon Gietl e Gerhard Fiegl su Waffenlos
27.02.2015
Cima Scotoni, invernale di Simon Gietl e Gerhard Fiegl su Waffenlos
A metà febbraio 2015 Simon Gietl e Gerry Fiegl hanno effettuato la probabile prima salita invernale di Waffenlos sulla Cima Scotoni, Fanis, Dolomiti.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra