Home page Planetmountain.com
Simon Gietl apre in solitaria Can you hear me?, Cima Scotoni, Dolomiti, dedicata a Gerhard Fiegl.
Fotografia di Matteo Mocellin
Simon Gietl da solo e auto-assicurato sulla sua via Can you hear me?, Cima Scotoni, Dolomiti
Fotografia di Matteo Mocellin
Simon Gietl apre in solitaria Can you hear me?, Cima Scotoni, Dolomiti
Fotografia di Matteo Mocellin
Cima Scotoni, Dolomiti, e la linea Can you hear me? aperta in solitaria da Simon Gietl tra il 2016 e il 2018
Fotografia di Matteo Mocellin

Cima Scotoni, Dolomiti: Simon Gietl apre una nuova via in solitaria

di

L’alpinista altoatesino Simon Gietl ha aperto in solitaria Can you hear me? nuova via d’arrampicata sulla Cima Scotoni (Dolomiti). La nuova linea è stata dedicata a Gerhard Fiegl.

Arrampicando sempre da solo e auto-assicurato, a fine giugno il 33enne alpinista altoatesino Simon Gietl ha completato una nuova via sulla Cima Scotoni in Dolomiti. Gietl aveva dedicato alla via 4 giorni nel mese di settembre 2016, poi dopo altri quattro giorni di arrampicata il 27 giungo 2018 è riuscito a completare tutti i 21 tiri. La via è stata aperta dal basso, senza spit, utilizzando un misto di arrampicata libera ed arrampicata artificiale, superando difficoltà fino all' VIII+/A2 per i suoi 550 metri di sviluppo. La via si chiama “Can you hear me?” ed è dedicata all’amico Gerhard Fiegl, deceduto in Himalaya nel 2017 e che per primo aveva individuato questa linea che sale tra la via Ivano Dibona e Zauberlehrling, ed incrocia la Dibona dove questa devia verso destra sulla prima cengia.

CAN YOU HEAR ME di Simon Gietl

Durante un meeting degli atleti Salewa nel 2009 ho incontrato Gerry Fiegl per la prima volta, all’epoca era nuovo nel team. Fin da subito ci siamo capiti molto bene, come se ci conoscessimo già da molti anni! Spesso abbiamo arrampicato insieme nelle Alpi. Non sono state soltanto le sue doti arrampicatorie che mi facevano voglia di stare con lui, è stata la combinazione tra le sue capacità e il suo modo simpatico di porsi, che prometteva sempre grande divertimento!

Nel 2014 abbiamo deciso di fare un viaggio insieme in Patagonia. Una breve finestra meteo di sole 6 ore è stata la nostra unica chance per tentare il Fitz Roy. Il nostro piano era di salire senza mai fermarci dalla valle alla vetta e ritornare velocemente a valle. La probabilità di raggiungere la cima in quelle condizioni era bassa, ma la nostra motivazione era senza limiti. Bisogna dire che per tentare una cosa del genere hai bisogno del compagno di cordata giusto, su cui puoi fare affidamento al 100%. E Gerry era proprio quel compagno giusto!

Dopo 21 ore abbiamo raggiunto il punto più alto del Fitz Roy, dove ci siamo dati la mano, felicissimi! Sono state ore intense, la pioggia, la neve ed il vento forte ci hanno reso la vita difficile, eppure abbiamo sempre mantenuto un buon spirito, e ci siamo divertiti un sacco. Per un breve momento ci siamo sentiti come degli eroi in cima, eroi immortali, ma purtroppo anche noi siamo mortali!

Gerry è morto in un incidente il 26 ottobre 2015 in Nepal. Quando ho saputo la notizia, ho sentito la terra sprofondare sotto i piedi. Non volevo crederci, non riuscivo a crederci!

In quel momento mi sono reso conto per la prima volta di quanto Gerry mi fosse diventato caro, quanto significasse per me come essere umano, era un vero amico con cui potevo parlare di tutto! Per questo è stato così importante per me mantenere la promessa che gli avevo fatto prima della sua spedizione in Nepal: era stato lui ad avere l’idea di aprire una nuova via in stile tradizionale sulla Scotoni. Ed era stato lui a chiedermi se volevo aprirla insieme a lui, mi aveva detto che gli dovevo dare la mia parola! E gliel'ho data.

Sfortunatamente il destino ha avuto altri progetti e per me era chiara una cosa: siccome avevo promesso di salire questa via con nessun altro, l’avrei aperta in solitaria!

Mi era anche chiaro che salire in sicurezza rappresentava la sfida più grande, come d’altronde in qualsiasi delle mie aperture, e mi era anche chiaro che avrei dato tanto. No, avrei dato tutto.

Quando ho finalmente raggiunto il vertice della Cima Scotoni dopo 21 tiri sono stato sopraffatto da mille emozioni diverse. Non c'era nessuno in giro, eppure non mi sentivo da solo e ho detto: "GRAZIE Gerry" ... Can you hear me? Riesci a sentirmi?

Simon Gietl ringrazia: Salewa, Neolit, Südtirol, Grivel, Komperdell, Keaxl-Board, Hotel Schwarzenstein, Julbo, Lyo-Foot



Link: www.simongietl.itFB Simon Gietl

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Gerhard Fiegl perde la vita sul Nilgiri South in Himalaya
05.11.2015
Gerhard Fiegl perde la vita sul Nilgiri South in Himalaya
Il 25 ottobre Hansjörg Auer, Alexander Blümel e Gerhard Fiegl hanno raggiunto la cima del Nilgiri South, la difficile montagna di 6839m, nel massiccio dell’Annapurna (Nepal), dopo aver superato l’inviolata parete Sud. Il giorno successivo alla vetta la spedizione austriaca si è trasformata in tragedia: in discesa il 27enne Gerhard Fiegl ha perso la vita.
Fitz Roy non stop per Simon Gietl e Gerhard Fiegl
05.03.2014
Fitz Roy non stop per Simon Gietl e Gerhard Fiegl
Il report di Simon Gietl sulla veloce salita della via Supercanaleta al Fitz Roy (Patagonia) effettuata con Gerhard Fiegl.
Cima Scotoni, invernale di Simon Gietl e Gerhard Fiegl su Waffenlos
27.02.2015
Cima Scotoni, invernale di Simon Gietl e Gerhard Fiegl su Waffenlos
A metà febbraio 2015 Simon Gietl e Gerry Fiegl hanno effettuato la probabile prima salita invernale di Waffenlos sulla Cima Scotoni, Fanis, Dolomiti.
Agoge, nuova via sulla Cima Scotoni per i fratelli Gietl
04.07.2012
Agoge, nuova via sulla Cima Scotoni per i fratelli Gietl
Il 26/06/2012 Simon Gietl e suo fratello Manuel hanno completato Agoge (VIII/VIII+,400m), una nuova via di arrampicata sulla Cima Scotoni in Dolomiti.
Cima Scotoni, Dolomiti: Nicola Tondini prima libera single push di Non abbiate paura di sognare
14.09.2018
Cima Scotoni, Dolomiti: Nicola Tondini prima libera single push di Non abbiate paura di sognare
Nicola Tondini, in cordata con Lorenzo d’Addario, ha effettuato la prima libera in una spinta unica (single push) dal basso di Non abbiate paura di sognare, la direttissima della parete sudovest.
Schwarze Witwe, nuova via sulla Hohe Warte per Simon Gietl e Gerry Fiegl
01.01.2014
Schwarze Witwe, nuova via sulla Hohe Warte per Simon Gietl e Gerry Fiegl
Gli alpinisti Gerhard Fiegl e Simon Gietl hanno aperto Schwarze Witwe (WI6 M5, 800m) sulla parete nord della Hohe Warte, Alpi dello Zillertal, Austria.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra