Home page Planetmountain.com
Gerhard Fiegl, Alexander Blümel e Hansjörg Auer in cima al Nilgiri South, Himalaya il 26 ottobre 2015
Fotografia di Hansjörg Auer
Nilgiri South 6869m, Himalaya e la linea di salita percorsa da Hansjörg Auer, Alexander Blümel e Gerhard Fiegl
Fotografia di Elias Holzknecht
Durante il primo giorno della salita di Nilgiri South, Himalaya (Hansjörg Auer, Alexander Blümel, Gerhard Fiegl)
Fotografia di Hansjörg Auer
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Gerhard Fiegl perde la vita sul Nilgiri South in Himalaya

di

Il 25 ottobre Hansjörg Auer, Alexander Blümel e Gerhard Fiegl hanno raggiunto la cima del Nilgiri South, la difficile montagna di 6839m, nel massiccio dell’Annapurna (Nepal), dopo aver superato l’inviolata parete Sud. Il giorno successivo alla vetta la spedizione austriaca si è trasformata in tragedia: in discesa il 27enne Gerhard Fiegl ha perso la vita.

Quella che vi stiamo per raccontare è una storia di alpinismo. Un alpinismo che, purtroppo, come è già accaduto in passato, sposa una bella e difficile salita con il dramma. Un grande successo con la tragedia. E' ciò che è accaduto ad Hansjörg Auer, Alexander Blümel e a Gerhard Fiegl sull'inviolata parete sud del Nilgiri South, un'ambita cima di 6839m situata nel massiccio dell'Annapurna, nell'Himalaya nepalese. Il gruppo del Nilgiri, infatti, è composto da tre cime distinte: Nilgiri North (7061m), Nilgiri Central (6940m) e Nilgiri South (6839m). La cima sud era stata salita solo una volta in precedenza, nel 1978, mentre i 1500 metri della sua verticale, complessa e lunghissima parete Sud aveva resisitito a tutti i tentativi. Insomma, una "prima" e un progetto ambizioso, di quelli che, come si dice in alpinismo, mirano a risolvere e superare un "problema". Che poi è quello che l'alpinismo da sempre si propone di fare. Auer (31 anni), Blümel (28) e Fiegl (27) avevano i numeri per tentarlo e riuscirci. Chi segue le cronache alpinistiche sa che si tratta di tre tra i più forti alpinisti tirolesi, il che vuol dire anche tra i più forti e preparati in assoluto. Inoltre con loro c'era anche Elias Holzknecht un alpinista- fotografo tra i più esperti.

Tutto inizia il 5 ottobre con la partenza della spedizione dall'Austria. Dopo il trekking di avvicinamento e il classico periodo di acclimatamento alla quota, arriva per i tre il momento di provare la Sud. E' il 22 ottobre quando partono per il primo tentativo. Difronte hanno un compito difficile e sconosciuto: i 1500 metri di misto, roccia e ghiaccio della Sud del Nilgiri South. Vogliono salirla in un'unica soluzione dalla base alla cima, nello stile alpino più puro. Ed è subitto battaglia. Incontrano difficoltà di M5 e ghiaccio a 90°. Lottano e continuano a salire, combattendo anche contro il vento e il freddo. Così, dopo due bivacchi e tre giorni di parete. Dopo aver superato il Nilgiri Spire, sceso la sua cresta nord e poi risalito la cresta sudovest. Arriva il momento a lungo sognato: alle 11 del 25 ottobre sono in vetta. Sono provati ed esausti, ma questo è il momento della gioia per il grande successo. E' una liberazione che fa dimenticare tutte le fatiche e le tensioni. Ma dura lo spazio di un niente. Auer e Blümel si accorgono che Fiegl non sta bene. La situazione, da subito, si fa difficile. E dalla felicità si passa al dramma. Bisogna scendere, e in fretta!

Sanno che la linea di salita è troppo difficile e pericolosa da ripercorrere in discesa, così iniziano immediatamente a scendere lungo la sconosciuta ma meno verticale cresta sudovest. Le condizioni di Fiegli però peggiorano repentinamente e i tre sono costretti a bivaccare poche centinaia di metri sotto la cima. E' il loro terzo bivacco sulla montagna. Nel frattempo, dal campo base Elias Holzknecht cerca di attivare un soccorso in elicottero, cosa che si rivela impossibile per il forte vento e la quota.

Arriva così la mattina del 26 ottobre. Dopo il bivacco le condizioni di Gerhard Fiegl sembrano leggermente migliorate. Fa molto freddo e c'è un vento fortissimo. Ma bisogna assolutamente scendere di quota il più rapidamente possibile. E' l'unico modo per aiutare Fiegl. E' una vera corsa contro il tempo. I tre continuano a scendere faticosamente per la cresta sud ovest del Nilgiri South quando, verso le 14 del 26 ottobre, accade l'irreparabile. Gerhard Fiegl perde l’equilibrio e precipita per 800 metri nel vuoto davanti agli occhi impotenti dei suoi amici. Per loro è uno shock terribile, inimmaginabile per chi non l'ha vissuto. Devastati fisicamente dalle difficoltà dell’impegnativa discesa e da 4 giorni di parete, impietriti da quanto è successo al loro amico, Auer e Blümel hanno un'unica scelta: trovare la forza di continuare verso il basso. Completamente esausti e sconvolti raggiungono la base della parete e la salvezza verso le 18.

Immediatamente il team si attiva per avviare un'operazione di ricerca del compagno caduto. Ma, per il maltempo e le forti nevicate, l’elicottero di soccorso ha potuto levarsi in volo solo due giorni dopo... e di Gerhard Fiegl non c'era più nessuna traccia. Non c'era più nulla da fare e da tentare. Così la notizia dell’inattesa morte di uno dei più promettenti giovani alpinisti tirolesi ha colpito al cuore l’affiatata comunità alpinistica austriaca e il mondo dell'alpinismo.

Come si viene fuori da queste tragedie? Nessuno può dirlo. Di sicuro resta il dramma dei famigliari. Ma anche di chi è tornato a casa. L'angoscia, anche. E il ricordo. "Quando un vecchio amico cade e muore davanti ai tuoi occhi, in quel momento tutto il resto perde importanza. La nostra spedizione non avrebbe potuto avere una fine peggiore. Siamo tutti molto tristi." ha dichiarato Hansjörg Auer. "Sono molto addolorato per la perdita del nostro amico" ha aggiunto Alexander Blümel "Ma nessuno mi potrà togliere i ricordi dei momenti intensi che ho condiviso con Gerry."

Il Nilgiri South è stato salito per la prima volta il 10 ottobre 1978 lungo la cresta est da una spedizione giapponese guidata da Kazao Mitsui. La formidabile parete sud e la cresta sudovest erano state tentate più volte a partire degli anni ’80 da vari alpinisti giapponesi, cechi e sloveni, senza successo. La via aperta da Auer, Blümel e Fiegl con tre bivacchi in salita e una in discesa è stata gradata M5, ghiaccio 90° ed è soltanto la seconda salita della cima sud. È probabilmente una della salite più importanti di questa stagione, che però è stata purtroppo oscurata, in discesa, dalla grandissima tragedia della perdita di Fiegl.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni