Home page Planetmountain.com
Jakob Schubert vince il Rock Master 2022
Fotografia di Newspower.it
Jessica Pilz vs Vita Lukan nella finale del Duello del Rock Master 2022
Fotografia di Newspower.it
Rock Master 2022: Seo Chaehyun
Fotografia di Newspower
I vincitori del Rock Master 2022: Jessica Pilz, Seo Chaehyun e Jakob Schubert
Fotografia di Newspower.it

A Jakob Schubert, Seo Chaehyun e Jessica Pilz il Rock Master 2022

di

Ieri sera il Rock Master 2022 è stato vinto dall'austriaco Jakob Schubert e, vittoria ex aequo, dalla sudcoreana Seo Chaehyun e dall'austriaca Jessica Pilz. A vincere il Duello Schubert e Pilz, il KO Boulder Schubert e Chaehyun. Tre repliche su RAI Sport: sabato 30 luglio ore 13:25, domenica 31 luglio alle ore 07:20 e 17:25.

Ieri sera ad Arco il 35° Rock Master è stato vinto dall'austriaco Jakob Schubert e, vittoria ex aequo, dalla sudcoreana Seo Chaehyun e dall'austriaca Jessica Pilz. Tre repliche su RAI Sport: sabato 30 luglio ore 13:25, domenica 31 luglio alle ore 07:20 e 17:25.

KO BOULDER FEMMINILE
Podio mondiale, addirittura olimpico oggi ad Arco al 35° Rock Master nella prima fase Boulder, con l’austriaco Jakob Schubert. Il quattro volte campione del mondo, bronzo olimpico e sette volte vincitore della classifica generale di Coppa del Mondo ha steso tutti gli avversari, precedendo il poliziotto gardenese Filip Schenk. Al femminile la reginetta indiscussa è stata la coreana Seo Chaehyun, campionessa del mondo Lead in carica, la quale si è messa dietro Laura Rogora.

Start ufficiale con le ragazze: le climbers hanno interpretato il primo boulder in maniera diversa ed è stata una pioggia di top, out la slovena Vita Lukan e la serba Stasa Gejo. Al secondo blocco la figlia d’arte Ievgeniia Kazbekova, sotto gli occhi attenti del padre Serik (argento nella Coppa del Mondo Boulder 1999), scivola al primo tentativo così come l’azzurra Camilla Moroni, ma scivola a terra anche l’austriaca Jessica Pilz che, grazie al miglior primo boulder, passa il turno. Fiato sospeso per la sorprendente azione della romana Laura Rogora, con il caloroso pubblico che la spinge in alto fino a raggiungere il top. Il terzo boulder è il più fisico e mette subito KO la Kazbekova. Altra storia per la reginetta "Jessy" Pilz, Rogora e la forte coreana Seo Chaehyun, le quali danzano con grande armonia fino a raggiungere il top: sono loro le tre finaliste del KO Boulder. La fatica si fa sentire nell’ultimo blocco: scivolano al primo tentativo Rogora e Pilz, mentre Chaehyun mantiene la calma e con una tranquillità disarmante fa top al primo tentativo. L’osso duro è la seconda parte del blocco. Pilz ritenta, ma nulla da fare. Invece la Rogora fa sognare, stringe i denti e conquista il top al secondo tentativo, tra applausi scroscianti e le prime gocce di pioggia.

La vittoria del KO Boulder è andata alla sucoreana Seo Chaehyun, unica climber a risolvere tutti i problemi al primo tentativo: "Partecipare al Rock Master era il mio sogno e mi sono divertita molto. È stato un po’ difficile, ho dovuto concentrarmi molto sui tracciati ma sono molto orgogliosa di averli "flashati" tutti. Stasera sarà la mia prima volta al Duello Lead e non so come andrà, ma voglio divertirmi insieme agli altri climbers".

Medaglia d’argento per la campionessa di casa (vive e studia a Trento) Laura Rogora, poliziotta delle FFOO: "La gara è andata molto bene e sono contenta del mio risultato. Mi sono divertita tantissimo, come sempre qui al Rock Master. Avere il pubblico ti gasa, mi dà la carica giusta per dare il meglio. È una formula molto strana, proviamo i blocchi il giorno prima ma poi in realtà li aggiornano e li rendono più duri, quindi quando parti non sai cosa ti aspetta. Abbiamo già provato la via di questa sera ed è difficile. Sarà difficile andare veloce, è anche rischiosa. Vedremo, io ce la metterò tutta come al solito". Sul terzo gradino del podio la ex campionessa del mondo Lead Jessica Pilz.

KO BOULDER MASCHILE
I colpi di scena non sono mancati, più tardi, nemmeno nella sfida maschile. I tracciatori hanno disegnato dei boulder davvero tosti. Parte bene l’ucraino Fedir Samoilov, unico a risolvere il problema al primo tentativo. Al top ci arrivano con il secondo tentativo il leggendario Schubert e il campione di casa Stefano Ghisolfi, mentre all’ultimo conquista il top pure l’altoatesino Filip Schenk. Out l’austriaco Nicolai Uznik e il ceco Martin Stranik.

Il secondo blocco si rivela molto intenso: il gardenese Michael Piccolruaz sfiora il top nei tre tentativi, e alla fine viene escluso assieme all’ucraino Samoilov. Schubert studia, prova e riprova e alla fine riesce a sbloccare il problema al terzo tentativo. Bravo lo sloveno Luka Potocar, al top già al secondo tentativo. Gli azzurri delle Fiamme Oro Ghisolfi e Schenk scivolano nella parte alta della parete.

Schubert danza sulle prese del terzo boulder, dà spettacolo al pubblico e conquista il top al terzo tentativo. Gli azzurri scivolano a terra, ma riescono comunque a staccare il pass per la finale. Fuori lo sloveno Potocar. In un battibaleno il campione Schubert è già in alto e saluta il pubblico, manda un bacio alla telecamera e diventa il re del KO Boulder. Gli azzurri Schenk e Ghisolfi si giocano l’argento e il bronzo: Schenk incassa il top al secondo tentativo e si mette in tasca il secondo posto, precedendo Ghisolfi.

DUELLO
Schubert, l’incontentabile. Schubert, l’ingordo. Schubert la Star del Rock Master. E al Climbing Stadium di Arco l’Austria fa doppietta al femminile con Jessica Pilz che "duella" con la slovena Lukan e che vince il Trofeo Rock Master della combinata KO Boulder – Duello Lead condividendolo con la coreana Chaehyun, un po' come era successo lo scorso anno con la slovena Vita Lukan.

Un intreccio di nomi stranieri nei quali si incuneano con due scivolate maledette i poliziotti Michael Piccolruaz e Filip Schenk, secondo e terzo nel Duello e a posizioni invertite nel Rock Master (Combinata). È stato un turbinio di emozioni, per nulla spente da un fortissimo temporale dopo il Boulder e prima del Duello, con tanta gente con impermeabili e ombrelli ad applaudire le evoluzioni dei duellanti. Una giornata da incorniciare, insomma, la 35° edizione che va a rafforzare la grande spettacolarità del Rock Master che ha infiammato il Climbing Stadium di Arco.

La cronaca spicciola ha riempito i taccuini dei giornalisti. La lotta al femminile per il terzo e quarto posto ha visto duellare la sudcoreana Seo Chaehyun, prima nel pomeriggio nella prova KO Boulder, assieme all’azzurra Camilla Moroni, vice campionessa del mondo Boulder. Chaehyun ha dimostrato tutta la sua maestria e con un tempo che poteva essere da finalissima chiude al terzo posto e Moroni scivola al quarto posto.

Il pubblico è in fermento per la finale tra la slovena Vita Lukan e l’austriaca Jessica Pilz, vincitrici a pari merito del Trofeo Rock Master 2021. Le due sono vicinissime, scalano in fotocopia i 25 metri a strapiombo della parete Lead. La finale è al cardiopalma e rimangono appaiate fino all’ultima presa: per soli 4 decimi ha la meglio Pilz sulla Lukan.

Tra gli uomini la lotta per il terzo e quarto posto è tra un sorprendente Filip Schenk (scivolato in semifinale) e l’esperto climber ceco Martin Stranik. Quella del gardenese è stata un’azione in progressione, ha tenuto sotto controllo Stranik all’inizio e poi ha sferrato il colpo vincente: salta l’ultimo appiglio e va a prendersi così la medaglia di bronzo, davanti a Stranik.

Ed ecco il mitico Duello finale per assegnare le medaglie più preziose. L’austriaco Jakob Schubert contro il gardenese Michael Piccolruaz, un duello leggendario tra ex coinquilini e compagni di allenamento, la situazione perfetta che sognava tanto Piccolruaz alla vigilia dell’evento, secondo lo scorso anno dietro a Ghisolfi. Schubert, primo già nel KO Boulder, è apparso imbattibile scalando con una semplicità mostruosa. Piccolruaz ci crede fino alla fine, ma scivola e deve inchinarsi davanti all’impresa stratosferica del bronzo olimpico Schubert. Vincono la classifica generale che somma i punteggi delle prove KO Boulder e Duello Lead Jakob Schubert e, a pari merito, Jessica Pilz e Seo Chaehyun, un ex equo per l’austriaca come nel 2021.

Jessica Pilz, sorridente ha affermato: "È stata super divertente la finale del Duello. In qualificazione sono stata molto lenta perché avevo paura di scivolare, poi sono migliorata ed ero davvero esaltata alla fine. È stato davvero divertente!"

"Mi sono sentita molto bene lungo il tracciato, è stato molto difficile restare aggrappati ma l’esperienza qui è stata fantastica e arrampicare con altri grandi climbers è stato davvero emozionante", ha raccontato invece Seo Chaehyun.

Angelo Seneci aveva già preparato due trofei Rock Master, dopo lo storico pari merito dell’anno scorso. Stefano Tamburini, presidente del comitato organizzatore Rock Master 20.20 soddisfatto ha commentato: "Il bilancio è positivo, abbiamo avuto qualche problema e timore con le condizioni meteo nel tardo pomeriggio. Ma direi che è stato un grande spettacolo con degli atleti come sempre di altissimo livello. Un grosso applauso anche al pubblico, che nonostante il tempo ha presidiato e sostenuto l’evento. Abbiamo in mente qualche novità che contiamo di concretizzare l’anno prossimo, speriamo sia l’anno giusto."

Classifiche KO Boulder
Donne: 1 Seo Chaehyun KOR; 2 Laura Rogora ITA; 3 Jessica Pilz AUT; 4 Ievgeniia Kazbekova UKR; 5 Camilla Moroni ITA; 6 Yuetong Zhang CHN; 7 Vita Lukan SLO; 8 Stasa Gejo SRB
Uomini: 1 Jakob Schubert AUT; 2 Filip Schenk ITA; 3 Stefano Ghisolfi ITA; 4 Luka Potocar SLO; 5 Michael Piccolruaz ITA; 6 Fedir Samoilov UKR; 7 Nicolai Uznik AUT; 8 Martin Stranik CZE

Classifiche Duello Lead
Donne: 1 Jessica Pilz AUT; 2 Vita Lukan SLO; 3 Seo Chaehyun KOR; 4 Camilla Moroni ITA; 5 Ievgeniia Kazbekova UKR; 6 Stasa Gejo SRB; 7 Yuetong Zhang CHN; 8 Laura Rogora ITA
Uomini: 1 Jakob Schubert AUT; 2 Michael Piccolruaz ITA; 3 Filip Schenk ITA; 4 Martin Stranik CZE; 5 Stefano Ghisolfi ITA; 6 Luka Potocar SLO; 7 Nicolai Uznik AUT; 8 Fedir Samoilov UKR

Trofeo Rock Master (combinata)
Donne: 1 Jessica Pilz AUT; 1 Seo Chaehyun KOR; 3 Vita Lukan SLO
Uomini: 1 Jakob Schubert AUT; 2 Filip Schenk ITA; 3 Michael Piccolruaz ITA

ALBO D'ORO
1987
 Lynn Hill (USA) – Stefan Glowacz (GER)
1988 Lynn Hill (USA) – Patrick Edlinger (FRA), Stefan Glowacz (GER)
1989 Lynn Hill (USA) – Didier Raboutou (FRA)
1990 Lynn Hill (USA) – François Legrand (FRA)
1991 Isabelle Patissier (FRA) – Yuji Hirayama (JPN)
1992 Lynn Hill (USA) – Stefan Glowacz (GER)
1993 Susi Good (SUI) – Elie Chevieux (SUI)
1994 Robyn Erbesfield (USA) – François Legrand (FRA)
1995 Laurence Guyon (USA) – François Lombard (FRA)
1996 Katie Brown (USA) – François Lombard (FRA)
1997 Katie Brown (USA) – François Legrand (FRA)
1998 Liv Sansoz (FRA) – François Legrand (FRA)
1999 Muriel Sarkany (BEL) – Eugeny Ovtchinnikov (RUS)
2000 Muriel Sarkany (BEL) – Eugeny Ovtchinnikov (RUS)
2001 Muriel Sarkany (BEL), Martina Cufar (SLO) – Christian Bindhammer (GER), Tomas Mrazek (CZ), Yuji Hirayama (JPN)
2002 Sandrine Levet (FRA) – Alexandre Chabot (FRA)
2003 Angela Eiter (AUT) – Alexandre Chabot (FRA)
2004 Angela Eiter (AUT) – Alexandre Chabot (FRA)
2005 Angela Eiter (AUT) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2006 Sandrine Levet (FRA) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2007 Angela Eiter (AUT) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2008 Johanna Ernst (AUT) – Patxi Usobiaga (ESP)
2009 Angela Eiter (AUT) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2010 Jain Kim (KOR) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2011 Chereshneva Yana (RUS) – Adam Ondra (CZE)
2012 Angela Eiter (AUT) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2013 Mina Markovič (SLO) – Ramòn Julien Puigblanque (ESP)
2014 Magdalena Röck (AUT) – Sachi Amma (JPN)
2015 Hélène Janicot (FRA) – Adam Ondra (CZE)
2016 Janja Garnbret (SLO) – Adam Ondra (CZE)
2017 Julia Chanourdie (FRA) – Adam Ondra (CZE)
2018 Janja Garnbret (SLO) – Adam Ondra (CZE)
2019 Mia Krampl (SLO) – Jakob Schubert (AUT)
2021 Vita Lukan (SLO), Jessica Pilz (AUT) - Adam Ondra (CZE)
2022 Seo Chaehyun (ROK), Jessica Pilz (AUT) - Jakob Schubert (AUT)

Info: www.rockmasterfestival.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Rock Master 2022: diretta RAI Sport e live streaming su Youtube
27.07.2022
Rock Master 2022: diretta RAI Sport e live streaming su Youtube

Venerdì 29 luglio 2022 andrà in scena il 35° Rock Master. Per chi non potesse recarsi al Climbing Stadium di Arco, il Duello sarà trasmesso live dalle ore 21:30 alle 23 in diretta RAI Sport. Per chi segue da fuori Italia, a partire dalle 12:15 sul canale Youtube del Rock Master Festival sarà trasmesso anche il KO Boulder.
Rock Master 2022, l'elite dell'arrampicata ad Arco venerdì 29 luglio
23.07.2022
Rock Master 2022, l'elite dell'arrampicata ad Arco venerdì 29 luglio
Tutto è pronto al Climbing Stadium di Arco per il 35° Rock Master, che andrà in scena venerdì 29 luglio 2022. Adam Ondra non ci sarà dopo aver contratto il Covid, al suo posto il climber austriaco Nicolai Uznik. Confermata la diretta nazionale sul canale Rai Sport.
Rock Master ad Arco venerdì 29 luglio, aperta online la prevendita biglietti
05.07.2022
Rock Master ad Arco venerdì 29 luglio, aperta online la prevendita biglietti
Venerdì 29 luglio al 35° Rock Master una giornata piena di gare al Climbing Stadium di Arco con il KO Boulder e al Duello Lead. Da ieri sono disponibili online i biglietti; non è prevista nessuna vendita sul posto.
Annunciati i protagonisti del Rock Master 2022
23.06.2022
Annunciati i protagonisti del Rock Master 2022
Annunciata la lista degli atleti che parteciperanno venerdì 29 luglio al 35° Rock Master di Arco. In campo maschile: Stefano Ghisolfi, Adam Ondra, Michael Piccolruaz, Luka Potocar, Jakob Schubert, Martin Stranik, Pan Yufei. In campo femminile: Seo Chaehyun, Stasa Gejo, Vita Lukan, Camilla Moroni, Jessica Pilz, Laura Rogora, Yeutong Zhang
Rock Master 2022 va in scena ad Arco venerdì 29 luglio
20.06.2022
Rock Master 2022 va in scena ad Arco venerdì 29 luglio
Quest’anno il tradizionale Rock Master di Arco si terrà venerdì 29 luglio con il Duello Lead e il KO Boulder.
Rock Master, la storia di 30 anni d'arrampicata ad Arco
05.09.2016
Rock Master, la storia di 30 anni d'arrampicata ad Arco
Nel 2016 il Rock Master di Arco (Trentino) ha festeggiato trent'anni ininterrotte di competizioni d'arrampicata sportiva; un tuffo nel passato, fino al 1986, per capire com'è nata la gara più longeva al mondo e scoprire come la piccola cittadina al nord del Lago di Garda è diventata uno degli indiscussi punti di riferimento dell'arrampicata mondiale. Di Vinicio Stefanello.
Adam Ondra, Vita Lukan e Jessica Pilz vincono il Rock Master 2021
28.08.2021
Adam Ondra, Vita Lukan e Jessica Pilz vincono il Rock Master 2021
Il Rock Master 2021 è stato vinto ieri sera dal climber ceco Adam Ondra e, vittoria ex aequo, dalla slovena Vita Lukan e dall’austriaca Jessica Pilz. A vincere il Duello Lead sono stati Mia Krampl e Stefano Ghisolfi, mentre ad aggiudicarsi il KO Boulder sono stati Laura Rogora e Ondra.
Rock Master 2020: annullata anche la più classica gara di arrampicata sportiva del mondo
06.05.2020
Rock Master 2020: annullata anche la più classica gara di arrampicata sportiva del mondo
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della SSD Arrampicata Sportiva Arco che annuncia che quest’anno, a causa dell’emergenza Covid-19, non si terrà ad agosto il Rock Master. Dopo aver gettato le basi con SportRoccia nel 1985 e 1986, la gara dei campioni nel Climbing Stadium di Arco si è imposta come la più antica e classica gara di arrampicata sportiva al mondo.
Mia Krampl e Jakob Schubert show al Rock Master di Arco
01.09.2019
Mia Krampl e Jakob Schubert show al Rock Master di Arco
La slovena Mia Krampl e l'austriaco Jakob Schubert hanno vinto il Duello ieri sera del Rock Master di Arco.
Adam Ondra e Julia Chanourdie vincono il Rock Master ad Arco
28.08.2017
Adam Ondra e Julia Chanourdie vincono il Rock Master ad Arco
Il 31° Trofeo Rock Master di Arco è stato vinto con la formula del Duello sabato 26 agosto da Adam Ondra e Julia Chanourdie. La quarta tappa della Coppa del Mondo Lead invece è stata vinta da Jakob Schubert e da Jain Kim, mentre la Coppa del Mondo Speed è stata vinta da Vladislav Deulin e Anouck Jaubert. Marcello Bombardi è secondo nel Rock Master Duel. Gabriele Moroni è 2° nel Boulder. Ludovico Fossali è 3° nella Speed.
Adam Ondra e Janja Garnbret vincono il 30° trofeo Rock Master
28.08.2016
Adam Ondra e Janja Garnbret vincono il 30° trofeo Rock Master
E’ di Adam Ondra (Cze) e Janja Garnbret (Slo) la vittoria del 30° Trofeo Rock Master di Arco assegnato con la formula del Duello. Alle spalle di Ondra, gli austriaci Jakob Schubert e Max Rudigier sono rispettivamente 2° e 3°. In gara femminile Katharina Posch (Aut) è seconda, Anak Verhoeven (Bel) è terza.
Adam Ondra ed Hélène Janicot vincono il Duello e il Rock Master 2015
06.09.2015
Adam Ondra ed Hélène Janicot vincono il Duello e il Rock Master 2015
Sabato 06/09/2015 il ceco Adam Ondra e la francese Hélène Janicot si sono aggiudicati il Rock Master 2015, battendo rispettivamente nel Duello il canadese Sean McColl e la francese Mathilde Becerra. Il terzo posto è stato assegnato al francese Supper Gautier e alla belga Anak Verhoeven, che hanno battuto rispettivamente gli sloveni Domen Skofic e Mina Markovic.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós