Home page Planetmountain.com
Annapurna, con i suoi 8091m la decima montagna più alta della terra.
Fotografia di Marco Camandona
Sean Villanueva e le sette cime principali: Aguja de l'S, Aguja Saint-Exúpery, Aguja Rafael Juárez, Aguja Poincenot, Cerro Fitz Roy, Aguja Mermoz, Aguja Guillaumet.
Fotografia di Sean Villanueva archive
Vista sulla Patagonia durante Moonwalk Traverse di Sean Villanueva, effettuata dal 5 - 10 Febbraio 2021
Fotografia di Sean Villanueva archive
Il Moonwalk Traverse, ovvero la traversata della skyline del Fitz Roy in Patagonia, salita in solitaria da Sean Villanueva dal 5 - 10 febbraio 2021
Fotografia di Rolando Garibotti / Patagonia Vertical

Sean Villanueva sul Fitz Roy e l’elicottero al Campo 4 dell'Annapurna

di

Le riflessioni di Manuel Lugli in merito alla solitaria traversata del Fitz Roy in Patagonia effettuata da Sean Villanueva O’Driscoll a febbraio, in contrapposizione con le ultime notizie dall' Himalaya dove un elicottero è volato fino a 7300 metri sull’Annapurna per rifornire il Campo 4.

Il video che riassume la "bella camminatina in montagna" di Sean Villanueva sul Fitz Roy è delizioso e a suo modo geniale. Anzitutto perché mentre lo apri, istintivamente t’aspetti di vedere cosa diavolo ha combinato il mitico Villanueva O’Driscoll da solo su quella lunga traversata, quella Moonwalk Traverse che è già una leggenda, nonostante siano passati solo un paio di mesi. Poi scopri che d’arrampicata, passaggi mozzafiato, riprese adrenaliniche, non c’è nulla. O almeno non sono state montate nel video. Certo arrampicare in solitaria e fare riprese spettacolari non è facile, ma con la tecnologia moderna - GoPro, droni che ti seguono, stick vari – qualcosa si riesce sempre a fare.

Villanueva invece non fa nulla di tutto questo. Ci fa vedere i momenti salienti delle vette, una tenda sbattuta dal vento, il disappunto per qualche problema col materiale, i canti di gioia sfrenati, una piccola preoccupazione o un panorama in distanza. Come un qualsiasi alpinista della domenica che fa un video di vetta, che so, sulla Torre Delago in Vajolet e indica la Torre Winkler oppure là, in fondo in fondo, la Marmolada. Cose così.

Da una parte vedi tutto l’entusiasmo del bambino "latino" perso in un gioco fantastico e dall’altra avverti la classe di un understatement che probabilmente i suoi geni irlandesi gli "impongono".

È il suo stile: quello dei grandi che prima fanno le cose e poi le raccontano. Come per tanti personaggi fuori del comune - accade in vari campi, non solo nell’alpinismo - mi piace pensare che buona parte della sua genialità venga dal melting pot delle sue origini: padre spagnolo, madre irlandese, nato in Belgio e cittadino del Mondo. Non c’è niente da fare: c’è qualcosa nel mescolarsi dei geni, delle culture e delle vite che porta ricchezza e ampiezza di visione. La prospettiva si allarga e diventa come i panorami dalla cima del Fitz Roy o dell’Aguja Saint-Exupery – nome che riporta ad un altro geniale sognatore.

Ed è proprio riflettendo sull’idea di prospettiva, che non posso non notare il contrasto quasi brutale con l’ultima trovata dell’himalaysmo anni 2020: l’uso dell’elicottero per rifornire non più solo il campo base, prassi ormai abituale per le spedizioni himalayane, ma addirittura i campi alti.

La notizia, dell'altro giorno, è confermata: all’Annapurna un elicottero ha scaricato (con la long line) ai 7.300 del campo 4, corde, bombole di ossigeno, gas, fornelletti e cibo. Una specie di delivery, come quelle che ogni tanto tutti noi utilizziamo per farci portare il sushi a casa. Solo che qui il rider è un pilota con l’elicottero. Heli-doping lo ha ben definito Stefan Nestler, alpinista e giornalista tedesco commentando la notizia. E come dargli torto, visto che diversi alpinisti sono riusciti, grazie a questo materiale ad arrivare in vetta…

Normalmente se durante una salita himalayana, per i motivi più vari, finisci – o non trovi più – le corde fisse, ci sono solo due strade: o prosegui senza, sempre che le tue capacità tecniche, fisiche e psicologiche te lo consentano o torni indietro, all’ultimo campo, magari fino al campo base, per prenderne altre o mettere la parola fine all’avventura: Laghyelo, così hanno voluto gli dei.

Ora siamo a un nuovo livello: l’attrezzatura che manca si fa arrivare ai campi alti con una telefonata – a patto, naturalmente, di essere economicamente capienti, come si dice. Certo, qui stiamo parlando di una spedizione commerciale – alcuni degli alpinisti bloccati dalla mancanza di corde sono clienti dell’ormai celeberrima agenzia nepalese Seven Summit - con tutto quel che ne consegue in termini di "necessità" di vetta per i clienti. Non starò qui ad analizzare nuovamente quanto l’evoluzione dell’himalaysmo, ormai in mano alle agenzie locali, abbia imboccato sentieri davvero tristi, riproponendo, e spesso aggravando, le peggiori abitudini e attitudini occidentali.

Ma il contrasto tra l’avventura pura di Sean Villanueva e le pseudo-avventure dei "nuovi" himalaysti, clienti agevolati e danarosi delle varie agenzie nepalesi di grido, è davvero stridente. Prospettive si diceva.

Qual è la prospettiva di un elicottero in hovering a 7.400 metri di quota che scarica materiale per consentire a chi normalmente avrebbe dovuto scendere, di proseguire? E qual è la prospettiva di chi prosegue e arriva in vetta sapendo di poterlo fare solo grazie ad un’assistenza e supporti tecnici straordinari – elicottero, sherpa, ossigeno, rifornimenti extra - senza i quali sarebbe già al campo base da giorni? Forse nel prossimo scenario vedremo gli alpinisti verricellati dall’elicottero direttamente ai campi alti – naturalmente dopo qualche comoda settimana di tenda ipobarica al campo base. È la prospettiva per un nuovo heli-climbing? La risposta, amico mio, si perde nel vento. Delle pale dell’elicottero.

L’alta montagna, l’alta quota non è per tutti, non può esserlo e non deve. La visione si allarga davvero solo se si sale come Sean Villanueva: in maniera etica, senza scorciatoie e senza "doping".

Altrimenti rimane un giro al luna park: seduti sull’ottovolante, con l’addetto che abbassa la sbarra e stacca il biglietto, il cuore che aumenta i battiti, pronti all’adrenalina. Ma sapendo di avere il culo ben attaccato al seggiolino. Signore e signori, tenetevi stretti che si parte, e al prossimo giro si vince la bambolina!

di Manuel Lugli

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sean Villanueva e la sua magica Moonwalk, ovvero la solitaria Traversata del Fitz Roy in Patagonia
15.02.2021
Sean Villanueva e la sua magica Moonwalk, ovvero la solitaria Traversata del Fitz Roy in Patagonia
Intervista a Sean Villanueva O’Driscoll dopo la Traversata del Fitz Roy in Patagonia, effettuata dal 5 al 10 Febbraio in solitaria e battezzata dall’alpinista belga la Moonwalk Traverse. È soltanto la seconda volta che la mitica skyline della Patagonia viene percorsa in continuità ed è la prima solitaria.
Sogni e tarme: chi sono i sognatori?
16.11.2020
Sogni e tarme: chi sono i sognatori?
Alpinisti, esploratori, giramondo, navigatori e aviatori: chi sono quei visionari che inseguono i propri sogni affrontando l'incognito? Manuel Lugli ce ne presenta alcuni, come Daniele Nardi, Maurice Wilson, Alexandra David-Néel, Bill Tilman, Amelia Earheart.
Sull’Himalaya e l’alpinismo
24.09.2020
Sull’Himalaya e l’alpinismo
Partendo dalla sua esperienza, Manuel Lugli riflette sullo stato attuale e sul futuro dell’alpinismo in Nepal ed in Himalaya.
Il viaggio sospeso. Di Manuel Lugli
27.07.2020
Il viaggio sospeso. Di Manuel Lugli
Una riflessione, più filosofica che pratica e del tutto personale, di Manuel Lugli sui viaggi che non si fanno più in seguito alla pandemia di Covid-19.
Everest 2019. Una riflessione. Di Manuel Lugli
07.06.2019
Everest 2019. Una riflessione. Di Manuel Lugli
Si è parlato molto dell'Everest in questi ultimi tempi, del suo affollamento, delle code sotto la cima, dei morti. Purtroppo nulla di nuovo, in verità. Per questo è interessante questa riflessione di Manuel Lugli che va oltre l'Everest e si estende anche ad altre montagne simbolo come il Mount Vinson e il Monte Bianco anch'esse "prese d'assalto". Difficile definire il "fenomeno", impossibile forse trovare soluzioni se non con un invito alla consapevolezza e all'educazione alla montagna.
Antartica: il sospiro delle balene. Di Manuel Lugli
22.01.2019
Antartica: il sospiro delle balene. Di Manuel Lugli
Vicino alla bellezza pura del mondo: un incontro ravvicinato con delle balene. La settima puntata di Manuel Lugli dall’Antartide dove sta esplorando alcune delle montagne più belle della penisola.
L'uomo, la natura, il panico e l'agire collettivo
24.02.2020
L'uomo, la natura, il panico e l'agire collettivo
Una riflessione di Manuel Lugli sul rapporto tra uomo, natura e l’impegno collettivo per un cambiamento che diventa sempre più imprescindibile.
Nirmal Purja e la gloria
08.11.2019
Nirmal Purja e la gloria
Una riflessione di Manuel Lugli sull’impresa di Nirmal Purja, l’alpinista nepalese che ha salito tutti i quattordici ottomila in meno di sette mesi, con l’utilizzo di ossigeno supplementare.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
L'innocenza perduta e la montagna dell'età del ferro
05.08.2019
L'innocenza perduta e la montagna dell'età del ferro
Manuel Lugli racconta la montagna che non c'è più e quella attuale.
Antartide, antica esplorazione in un ambiente unico
15.02.2019
Antartide, antica esplorazione in un ambiente unico
La chiusura (ovvero la nona puntata) di Manuel Lugli dopo il rientro dall’Antartide dove ha esplorato  alcune delle montagne più belle della penisola Antartica insieme ad un piccolo gruppo di scialpinisti guidati dall’alpinista ed esploratore britannico Stephen Venables.
La foto, i ricordi e la condivisione che dà senso all'alpinismo
11.01.2018
La foto, i ricordi e la condivisione che dà senso all'alpinismo
Manuel Lugli, ripensando ad Hayden Kennedy e a quei compagni di avventura come Oskar Piazza, Mihai Cioroianu, Ugur Uluocak, Jay Sieger che non ci sono più, cerca il senso di un alpinismo che non si può comprendere se non condividendone i sogni, le fatiche, la passione.
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
23.08.2017
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
Alcune riflessioni di Manuel Lugli sull’apparente incapacità odierna di accettare e vivere la natura e la wilderness.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
Monte Bianco: 'unreality' show. Di Manuel Lugli
12.11.2015
Monte Bianco: 'unreality' show. Di Manuel Lugli
Un altro parere, di Manuel Lugli, sul reality di Rai Due: Monte Bianco Sfida Verticale, condotto da Caterina Balivo, affiancata per la parte tecnica dall'alpinista Simone Moro.
L'alpinismo esplorativo è fallito?
06.10.2014
L'alpinismo esplorativo è fallito?
Partendo dalle recenti dichiarazioni di Reinhold Messner, Manuel Lugli commenta la presunta fine dell'alpinismo tradizionale ed esplorativo.
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
10.10.2011
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
Intervista allo scrittore, poeta e alpinista Erri di Luca di Manuel Lugli. 9 domande per parlare di alpinismo, montagna, amicizia e vita.
La democrazia dell’orizzontale in montagna
01.05.2011
La democrazia dell’orizzontale in montagna
I cambiamenti, i desideri, i momenti e le scelte diverse della passione per la montagna e l'alpinismo visti come naturale evoluzione della vita. Una riflessione di Manuel Lugli sul tempo che (per tutti) scorre e sulla capacità e bellezza del saperlo cogliere.
Tibet per la giustizia e la verità
19.03.2008
Tibet per la giustizia e la verità
Una riflessione di Manuel Lugli, alpinista e organizzatore di trekking e spedizione, sulla situazione tibetana dopo i gravissimi fatti di questi ultimi giorni a Lhasa e in Tibet.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli