Home page Planetmountain.com
Strada infinita in Namibia
Fotografia di Manuel Lugli
Ama Dablam, Valle del Khumbu, Nepal.
Fotografia di Manuel Lugli
Cacciatori con le aquile, Mongolia
Fotografia di Manuel Lugli
Pasticceria in Peshawar, Pakistan
Fotografia di Manuel Lugli

Il viaggio sospeso. Di Manuel Lugli

di

Una riflessione, più filosofica che pratica e del tutto personale, di Manuel Lugli sui viaggi che non si fanno più in seguito alla pandemia di Covid-19.

Ci penso da mesi, da quando la pandemia ha iniziato a soffiare per il mondo e si è estesa, causando quel che tutti conosciamo in termini di disastri umani ed economici. Colpendo duramente e indistintamente paesi "avanzati" e paesi poveri, facendo emergere leadership e approcci all’emergenza adeguati – o quantomeno volonterosi – e altri disastrosi. Per incapacità o, più spesso, per arroganza – spesso vanno a braccetto - ma con lo stesso risultato: la catastrofe.

Quello su cui continuo a riflettere e che mi rode dentro come un tarlo, è che in questa emergenza e post-emergenza il colpo più grave, al netto ovviamente delle dolorose perdite umane, è stato alla nostra libertà. Ci siamo trovati improvvisamente costretti ad annullare la nostra personale libertà di muoverci come mai era accaduto prima e mai avremmo pensato che avrebbe potuto accadere in questa epoca di prolungata pace post-bellica.

La riflessione su quanto facilmente ci siamo adeguati a questa nuova condizione di ultra-controllo da parte delle autorità, a quanto sia stato relativamente semplice fermare tutto e fermarci è tanto scontata quanto inquietante. Certo qui intervengono fattori molto complessi, psicologici e sociali a cui sottende comunque un sentimento cardine: la paura.
Non è un caso che i regimi autoritari di tutto il mondo fondino il controllo dei cittadini sulla paura. In quel caso della repressione e del carcere o peggio, nel caso del Covid, della malattia e della possibile morte.

Non mi avventuro in riflessioni ancora più complesse – non è questa la sede e in ogni caso occorrono strumenti che nemmeno possiedo – sul nostro rapporto con la morte e sul senso perduto di accettazione della nostra fragilità e impermanenza: sono decenni che le nostre vite pubbliche e private vengono indirizzate da istituzioni, media, politici e pensatori sui binari di una “conservazione” a tutti i costi e di tutela da qualsiasi minimo, elementare rischio connesso col vivere. Fino a respingere, appunto, la naturalità dell’invecchiamento, della malattia e della morte in favore di finti miti di sicurezza, perfezione ed eterna giovinezza.

Nella perdita di libertà che ha comunque seguito – e continua a seguire – la fine del lockdown, si staglia su tutto l’impossibilità di viaggiare. Non parlo dei piccoli viaggi, di lavoro o vacanza, che sono in parte ripresi, per lo più a corto raggio e brevi, ma parlo di quei viaggi che consentono di cambiare completamente i propri orizzonti.

Personalmente ho visto svanire due viaggi che attendevo con grande impazienza. Uno in primavera, alle Svalbard, per continuare a soddisfare la grande passione di esplorazione sci-alpinistica e l’altro estivo in Namibia, nella più bella natura selvaggia africana che si possa immaginare, natura in cui si sublima la bellezza degli spazi infiniti e inabitati. Capisco che possa apparire una lamentatio ingiustificata per una piccola rinuncia, se paragonata agli enormi problemi vissuti, umani ed economici. E a quelli che con buona probabilità ci troveremo ad affrontare in un futuro molto prossimo, senza avere idea di quando potremo tornare a una “normalità” di vita. SE potremo tornare.

Ma anche questo rientra in quel triste, preoccupante e drastico cambio nelle nostre vite portato dalla pandemia. Non ho mai avuto l’ottimismo fatalista e infantile dell’”andrà tutto bene” così come mi sono tenuto ben lontano dalle insopportabili retoriche del “dopo saremo migliori”. Non è così, non lo è mai stato quando si ha a che fare con l’uomo. Il quale solitamente impara poco o niente dalla propria storia.

Non so quanto durerà ancora, nessuno sa quanti mesi o anni occorreranno per tornare a viaggiare in libertà. E in quali paesi. Tanti paesi, in cui già le libertà di parola, azione e pensiero sono limitate o addirittura assenti, vedono giri di vite; basti pensare a Turchia o Egitto. In altre aree in cui esistono storici focolai di tensione, le chiusure dei confini hanno dato il via – e la giustificazione – a nuovi inasprimenti, come nel confronto tra Armenia e Azerbaijan o nei nuovi attacchi della Turchia al Kurdistan iracheno. Altri paesi si sono rinchiusi per preservare una certa incolumità ottenuta per virtù o fortuna, ma con risultati economici devastanti che non escludono l’insorgere in tempi più o meno lunghi di scenari sociali davvero complicati - per non dire di peggio.

Il blocco dei viaggi provoca un altro grave rischio: allontana l’esperienza del contatto con l’alterità, la diversità. Anzi, l’”altro” diventa fonte di ancor maggiore diffidenza se non paura: non più solo per motivi culturali, etnici o, purtroppo, razziali, ma addirittura come fonte di pericolo diretto per la propria salute. Ed ecco quindi il suo esito: l’accettazione, l’assuefazione al limite, al confine. Con il corollario che tutto ciò che succede “oltre”, qualsiasi cosa, non ci riguarda più, presi come siamo a pensare alla nostra sopravvivenza personale o al massimo famigliare.

In biologia, la varietà genetica è sempre apportatrice di miglioramenti alla specie, così come il contrario avviene nelle situazioni chiuse, in cui vi è bassa “circolazione” genetica: qui la specie si corrompe e decade. Allo stesso modo la storia umana ha visto la nascita delle più grandi civiltà dai grandi flussi migratori, dal mescolarsi di culture e spiritualità diverse, dall’incrocio fisico di etnie e gruppi sociali.

Ecco, un mondo impaurito, senza possibilità di viaggiare, fatto di donne e uomini diffidenti, rimpicciolisce, si rattrappisce e si corrompe, proprio come un grande organismo cellulare. Ma di vaccini per questa malattia, purtroppo, non ne esistono. Occorre che ognuno di noi non si rassegni, non si rinchiuda e faccia invece di sè stesso una cura, per sè e per il mondo.

di Manuel Lugli

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
L'uomo, la natura, il panico e l'agire collettivo
24.02.2020
L'uomo, la natura, il panico e l'agire collettivo
Una riflessione di Manuel Lugli sul rapporto tra uomo, natura e l’impegno collettivo per un cambiamento che diventa sempre più imprescindibile.
Nirmal Purja e la gloria
08.11.2019
Nirmal Purja e la gloria
Una riflessione di Manuel Lugli sull’impresa di Nirmal Purja, l’alpinista nepalese che ha salito tutti i quattordici ottomila in meno di sette mesi, con l’utilizzo di ossigeno supplementare.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
L'innocenza perduta e la montagna dell'età del ferro
05.08.2019
L'innocenza perduta e la montagna dell'età del ferro
Manuel Lugli racconta la montagna che non c'è più e quella attuale.
Everest 2019. Una riflessione. Di Manuel Lugli
07.06.2019
Everest 2019. Una riflessione. Di Manuel Lugli
Si è parlato molto dell'Everest in questi ultimi tempi, del suo affollamento, delle code sotto la cima, dei morti. Purtroppo nulla di nuovo, in verità. Per questo è interessante questa riflessione di Manuel Lugli che va oltre l'Everest e si estende anche ad altre montagne simbolo come il Mount Vinson e il Monte Bianco anch'esse "prese d'assalto". Difficile definire il "fenomeno", impossibile forse trovare soluzioni se non con un invito alla consapevolezza e all'educazione alla montagna.
Antartide, antica esplorazione in un ambiente unico
15.02.2019
Antartide, antica esplorazione in un ambiente unico
La chiusura (ovvero la nona puntata) di Manuel Lugli dopo il rientro dall’Antartide dove ha esplorato  alcune delle montagne più belle della penisola Antartica insieme ad un piccolo gruppo di scialpinisti guidati dall’alpinista ed esploratore britannico Stephen Venables.
La foto, i ricordi e la condivisione che dà senso all'alpinismo
11.01.2018
La foto, i ricordi e la condivisione che dà senso all'alpinismo
Manuel Lugli, ripensando ad Hayden Kennedy e a quei compagni di avventura come Oskar Piazza, Mihai Cioroianu, Ugur Uluocak, Jay Sieger che non ci sono più, cerca il senso di un alpinismo che non si può comprendere se non condividendone i sogni, le fatiche, la passione.
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
23.08.2017
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
Alcune riflessioni di Manuel Lugli sull’apparente incapacità odierna di accettare e vivere la natura e la wilderness.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
Monte Bianco: 'unreality' show. Di Manuel Lugli
12.11.2015
Monte Bianco: 'unreality' show. Di Manuel Lugli
Un altro parere, di Manuel Lugli, sul reality di Rai Due: Monte Bianco Sfida Verticale, condotto da Caterina Balivo, affiancata per la parte tecnica dall'alpinista Simone Moro.
L'alpinismo esplorativo è fallito?
06.10.2014
L'alpinismo esplorativo è fallito?
Partendo dalle recenti dichiarazioni di Reinhold Messner, Manuel Lugli commenta la presunta fine dell'alpinismo tradizionale ed esplorativo.
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
10.10.2011
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
Intervista allo scrittore, poeta e alpinista Erri di Luca di Manuel Lugli. 9 domande per parlare di alpinismo, montagna, amicizia e vita.
La democrazia dell’orizzontale in montagna
01.05.2011
La democrazia dell’orizzontale in montagna
I cambiamenti, i desideri, i momenti e le scelte diverse della passione per la montagna e l'alpinismo visti come naturale evoluzione della vita. Una riflessione di Manuel Lugli sul tempo che (per tutti) scorre e sulla capacità e bellezza del saperlo cogliere.
Tibet per la giustizia e la verità
19.03.2008
Tibet per la giustizia e la verità
Una riflessione di Manuel Lugli, alpinista e organizzatore di trekking e spedizione, sulla situazione tibetana dopo i gravissimi fatti di questi ultimi giorni a Lhasa e in Tibet.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock