Home page Planetmountain.com
Romano Benet e Nives Meroi al Trento Film Festival 2021
Fotografia di Federica Daldon /
Nives Meroi in vetta al K2
Fotografia di arch. Meroi
Nives Meroi e Romano Benet
Fotografia di arch. Meroi-Benet
Nives Meroi: la vetta dell'Everest si avvicina
Fotografia di Romano Benet

Nives Meroi e Romano Benet al Trento Film Festival: un passo alla volta senza scoraggiarsi mai

di

La serata conclusiva di 'Dirette di montagna' al 69° Trento Film Festival ha visto i due alpinisti friulani Nives Meroi e Romano Benet dialogare con Hervé Barmasse sulle loro imprese straordinarie. Il racconto di Monica Malfatti.

Nives Meroi e Romano Benet sono forse la coppia di alpinisti più famosa al mondo. Legati in una sola, fortissima, cordata – fra le montagne come nella vita – hanno conquistato insieme tutti i 14 ottomila del pianeta, senza sherpa né ossigeno supplementare.

Il loro motto, "un passo alla volta senza scoraggiarsi mai", è stato il filo conduttore della serata organizzata dal Trento Film Festival il 6 maggio. La conversazione dei due alpinisti di Tarvisio con la guida valdostana Hervé Barmasse ha davvero incantato il pubblico – virtuale ma nutrito.

La pazienza e la resistenza di Nives, unite alla forza e alla perseveranza di Romano, hanno creato negli anni un'alchimia perfetta, fatta di fatica, sacrificio e dedizione, ma anche di passione e divertimento. La stessa passione e lo stesso divertimento che caratterizzavano il modo di vivere la montagna testimoniato da due dei loro miti: Ignazio Piussi, figura simbolo dell'alpinismo friulano, e Erhard Loretan, fuoriclasse svizzero che per terzo ha salito tutti gli ottomila – secondo soltanto a Messner per quanto riguarda la lista di chi ha compiuto la stessa impresa in assenza di ossigeno supplementare. E proprio parlando di ottomila, due in particolare sono le vette rimaste nel cuore di Nives e Romano: Annapurna e Kangchenjunga.

La prima è di fatto l'ultima, ovvero la vetta che ha chiuso il cerchio, la corona delle quattordici cime. In quel caso – siamo nel 2017 – i due si sono trovati da soli al campo base per poi unire le forze con i membri di un'altra cordata, presentatasi al cospetto dell'imponente montagna: gli spagnoli Alberto Zerain e Jonatan Garcìa. Insieme, sono partiti alla cieca sulla via francese della parete nord, l'itinerario che taglia la cosiddetta "falce" e considerato perciò pericolosissimo, perché regolarmente soggetto a rischiose scariche. In quel contesto, il lavoro di squadra, non scontato nelle spedizioni himalayane, ha sancito il loro successo.

Il secondo ottomila del cuore è il Kangchenjunga, conquistato nel 2014. Una cima preziosissima, la terza più alta delle quattordici vette, tentata dai due per la prima volta nel 2009. In quell'anno, tuttavia, un malore di Romano li ha costretti prematuramente al ritiro e alla conseguente conquista del loro "quindicesimo" ottomila: la lotta alla malattia di quest'ultimo, diagnosticata proprio al loro ritorno. Si palesa in questa circostanza la vera priorità dell'alpinismo che caratterizza Meroi e Benet: l'obiettivo resta di certo la vetta, ma prima di tutto c'è la cordata e la vita.

"A quel punto lì penso che proprio la montagna mi abbia tirato fuori dai guai" ha dichiarato Romano, "perché non mi sono mai lasciato abbattere. Mi sentivo come quando sali lungo una parete e d'improvviso arriva brutto tempo: sei chiuso nella tenda, ti tocca fermarti e non sai se andrai avanti o dovrai tornare indietro. Io mi sono messo lì e ho atteso in pratica un po' più di un anno: è stata molto lunga, però se non avessi vissuto tutte le esperienze forti che ho avuto modo di sperimentare nell'alpinismo, dove bisogna giocoforza superare delle difficoltà e dei momenti impegnativi, forse mi sarei lasciato abbattere".

Nel 2014, alle pendici del Kangchenjunga, non erano allora soli, ma legati paradossalmente in cordata con quel donatore anonimo di midollo osseo che aveva, con il suo gesto, permesso a Romano di continuare la conquista. Nives, da parte sua, ha dimostrato in quel frangente la resilienza di una donna in grado di affiancare il proprio compagno in ogni circostanza della vita. Il tutto all'interno di un ambiente, quello dell'alpinismo himalayano, che è storicamente maschile, fatta eccezione per qualche rara figura affacciatasi sulla scena soprattutto a partire dagli anni Settanta.

Ma andando oltre l'Himalaya, sicuramente centrale nella loro carriera alpinistica, Meroi e Benet hanno anche ammesso di essere molto legati alle montagne di casa. "La particolarità delle Alpi Giulie" afferma Romano, "è che dal bosco esci direttamente sotto le pareti, le trovi in un momento, le scopri nel giro di pochi metri".

"Noi abitiamo proprio ai piedi della catena del Mangart" continua Nives, "la nostra porta finestra si affaccia su quelle cime e per me svegliarmi al mattino, fare colazione da sola al tavolo, con una vista stupenda sull'umore della montagna, mi dà ristoro e mi fa sentire a casa".

Quella che li ha visti protagonisti è stata l'ultima delle sei "Dirette di montagna" organizzate dal Trento Film Festival: gli incontri serali sui canali social della kermesse che hanno sostituito, in questa 69/ma edizione, le consuete serate alpinistiche.

Non è mancato, in questo contesto, un ultimo messaggio per le nuove generazioni. "Stiamo attraversando un momento davvero difficile" ha dichiarato Nives Meroi, "ma una cosa ho subito pensato, già quando c'è stato il primo lockdown, lo scorso anno. Per lunghi periodi di tempo abbiamo impiegato i nostri giorni a tirare su muri, per chiudere fuori chi minacciava il nostro stile di vita, il nostro benessere, le nostre abitudini e consuetudini. Poi, da un giorno all'altro, siamo stati messi in scacco da questo virus che ci ha costretti lui stesso dentro altre mura: quelle delle nostre case, ricordandoci l'importanza di rimanere persone libere e aperte, nonostante le nostre paure".

In nome di questa libertà e apertura, Romano Benet e Nives Meroi – soci onorari, fra l'altro, del Trento Film Festival – non hanno mai smesso di credere nei quattordici sogni che condividevano, anzi quindici: un passo alla volta, senza scoraggiarsi mai.

Info: trentofestival.itFacebook TFFYoutube TFF

Tutti gli Ottomila (senza ossigeno) saliti da Nives Meroi e Romano Benet:
Annapurna (2017)
Makalu (2016)
Kangchenjunga (2014)
Manaslu (2008)
Everest (2007)
K2 (2006)
Dhaulagiri (2006)
Lhotse (2004)
Broad Peak (2003)
Gasherbrum 2 (2003)
Gasherbrum 1 (2003)
Cho Oyu (1999)
Shisha Pangma (1999)
Nanga Parbat (1998)

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Trento Film Festival day 7: Cesare Maestri, Nives Meroi, Romano Benet e il grande alpinismo di ieri e oggi
06.05.2021
Trento Film Festival day 7: Cesare Maestri, Nives Meroi, Romano Benet e il grande alpinismo di ieri e oggi
Giovedì 6 maggio al Trento Film festival sarà protagonista il grande alpinismo di ieri e di oggi: al mattino un ricordo dell’indimenticabile Cesare Maestri, nel pomeriggio la consegna del Premio 'Chiodo d’oro' SOSAT e la proiezione al Multisala Modena del film My Upside Down World con la climber Angelika Rainer. In serata la Diretta di Montagna con Hervé Barmasse che ospita Nives Meroi e Romano Benet.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
Nives Meroi e Romano Benet in vetta all’Annapurna, il loro 14° Ottomila
11.05.2017
Nives Meroi e Romano Benet in vetta all’Annapurna, il loro 14° Ottomila
Nives Meroi e Romano Benet hanno salito l’Annapurna. Con questa cima hanno concluso il loro splendido viaggio in vetta a tutti i 14 ottomila.
Makalu, vetta per Nives Meroi e Romano Benet
13.05.2016
Makalu, vetta per Nives Meroi e Romano Benet
Ieri, giovedì 12 maggio, alle ore 10:00 ora locale, Romano Benet e Nives Meroi hanno raggiunto la vetta del Makalu, il loro 13° Ottomila.
Nives Meroi e Romano Benet, in cima al Kangchenjunga per una grande storia
21.05.2014
Nives Meroi e Romano Benet, in cima al Kangchenjunga per una grande storia
Sabato 17 maggio gli alpinisti tarvisiani Nives Meroi e Romano Benet hanno raggiunto la vetta del Kangchenjunga (8.586m), terza montagna più alta della terra. Una salita che segna il loro grande ritorno all'Himalaya ma anche un viaggio importante e unico.
Vetta del Manaslu per Nives Meroi, Romano Benet e Luca Vuerich
05.10.2008
Vetta del Manaslu per Nives Meroi, Romano Benet e Luca Vuerich
Intervista a Nives Meroi dopo la vetta del Manaslu 8.156 m (Himalaya, Nepal) raggiunta il 4/10 alle 10,00 (ora nepalese) insieme a Romano Benet e Luca Vuerich. E' l'11° Ottomila per Nives Meroi e Romano Benet e il 5° per Luca Vuerich.
Everest flash: Nives Meroi e Romano Benet in vetta
17.05.2007
Everest flash: Nives Meroi e Romano Benet in vetta
Il 17/05 Nives Meroi e Romano Benet senza uso di ossigeno supplementare hanno raggiunto la cima dell’Everest (8850m) lungo il versante Nord. Dopo essere stata la prima italiana in vetta al K2, ora Nives Meroi è l’unica italiana ad aver salito l’Everest senza ossigeno, e l’unica donna con 10 Ottomila tutti senza ossigeno.
26.07.2006
Vetta del K2 per Nives Meroi e Romano Benet
Il 26/07 Nives Meroi e Romano Benet hanno raggiunto la vetta del K2 8611m (Himalaya, Karakorum).
17.05.2006
Romano Benet e Nives Meroi in vetta al Dhaulagiri!
Alle 13,40 (locali) Nives Meroi e Romano Benet hanno messo piede sulla loro ottava vetta di ottomila metri: il Dhaulagiri. La salita è stata effettuata senza utilizzo di ossigeno e portatatori d'alta quota.
17.05.2004
Lhotse per Nives Meroi, Romano Benet, Luca Vuerich
Il 16/05 i tarvisiani Nives Meroi, Romano Benet, Luca Vuerich hanno salito il Lhotse (8516m) Nives Meroi diventa così, con sette montagne oltre gli 8000m, la donna (vivente) con più 8000 all'attivo.
08.08.2003
Dopo G1 e G2, vetta del Broad Peak per Nives Meroi, Benet e Vuerich
L'8/08, alle ore 13,00 locali, Nives Meroi, Romano Benet e Luca Vuerich hanno raggiunto la cima del Broad Peak (8.047m) (Pakistan).
27.07.2003
Gasherbrum I per Meroi, Benet, Vuerich
Dopo il GI, Nives Meroi, Romano Benet, Luca Vuerich hanno raggiunto anche la cima del Gasherbrum I 8068m. (Pakistan).
20.07.2003
Gasherbrum II per Meroi, Benet, Vuerich, Galbiati, Canestri, Tossutti e Chert
Il 19/07, alle ore 9,03 locali, Nives Meroi, Romano Benet, Luca Vuerich, Gian Battista Galbiati hanno raggiunto la cima del Gasherbrum II 8035 m. (Pakistan). Il 20/07 sono arrivati in vetta anche Alessandra Canestri, Marco Tossutti e Miro Chert.
Nives Meroi, la montagna, gli 8000 e la fantasia
06.06.2000
Nives Meroi, la montagna, gli 8000 e la fantasia
Intervista a Nives Meroi, l'alpinista italiana con tre 8000 all'attivo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra