Home page Planetmountain.com
La torre esterna della palestra di arrampicata Up Urban Climbing a Bologna
Fotografia di archivio Up Urban Climbing
Da lunedì 18 maggio 2020 sarà possibile tornare ad arrampicare sulla torre esterna della palestra di arrampicata Up Urban Climbing a Bologna
Fotografia di archivio Up Urban Climbing
La torre esterna della palestra di arrampicata Up Urban Climbing a Bologna
Fotografia di archivio Up Urban Climbing
La torre esterna della palestra di arrampicata Up Urban Climbing a Bologna
Fotografia di archivio Up Urban Climbing

Up Urban Climbing Bologna, il 18 maggio riapre la torre esterna

di


Dal 18 maggio si potrà arrampicare sulla torre esterna della palestra d’arrampicata Up Urban Climbing a Bologna. Fabrizio Minnino, socio fondatore della palestra e delegato tecnico dell'IFSC, presenta le norme precauzionali da adottare per ridurre i rischi associati al Covid-19.

La voglia di aprire era veramente tanta: vedere la palestra con tutte le vie nuove tracciate, i materassi puliti, neanche un’ombra di magnesio in giro e nessuno dentro ad arrampicare era come essersi vestiti eleganti per sedersi da soli sul divano a guardare la televisione. Finalmente il 6 maggio una ordinanza della regione Emilia Romagna ha consentito “l’attività sportiva all’interno di strutture e circoli sportivi, se svolta in spazi all’aperto che consentano nello svolgimento dell’attività il rispetto del distanziamento ed evitino il contatto fisico tra i singoli atleti.”

Per chi non la conosce, la nostra palestra (UP urban climbing di Bologna) è formata da una sala interna con vie di corda e zona boulder ed una torre esterna di 15 metri con circa una ventina di catene: abbiamo cominciato a pensare come fare per poter aprire la torre, garantendo la sicurezza degli arrampicatori e del nostro staff (il COVID, lo abbiamo imparato in questi mesi, è un animale subdolo, che si infiltra nei varchi lasciati aperti) perché la difesa del fatturato non vale il rischio che qualcuno si faccia del male.

Il problema più grande è stata la mancanza di regole certe per il nostro settore: le regole predisposte dalla FASI sono fatte molto bene ma riguardano l’allenamento degli atleti di interesse nazionale, più gestibili e sotto il controllo dei loro allenatori, e non la frequenza del normale appassionato che viene in palestra per rilassarsi e fare due tiri in compagnia.

Per la mia collaborazione con IFSC (International Federation of Sport Climbing) mi sono trovato coinvolto in alcuni gruppi di lavoro tra cui uno gestito da CWA (Climbing Wall Association), una associazione nordamericana di supporto all’industria dei muri di arrampicata. A questo gruppo di lavoro partecipano persone di diversa provenienza (Austria, Germania, Svizzera, Gran Bretagna, Olanda, Canada, Italia) e ci confrontiamo su come ripartire in sicurezza. Le idee sul contagio e la sua prevenzione sui muri di arrampicata non sono chiare per nessuno: la situazione sanitaria di ogni nazione influisce pesantemente sull’approccio alla sicurezza: Austria e Germania (paesi meno colpiti) apriranno le palestre in questi giorni senza obblighi particolari, Gran Bretagna e Olanda (ancora nell’occhio del ciclone) non parlano ancora di riaperture, in Italia, dopo due mesi di clausura totale, l’idea di un "liberi tutti" spaventa non poco.

In mancanza di direttive specifiche chiare abbiamo recepito le norme generali, le abbiamo integrate sulla base della nostra esperienza e alla fine ci siamo dati queste regole:

- Si può entrare solo con una temperatura inferiore a 37.5°.

- La mascherina è obbligatoria all’interno dell’area, anche quando si arrampica.

- È obbligatorio igienizzarsi le mani al momento dell’entrata e continuare a farlo durante il periodo di permanenza (l’uso del magnesio liquido in base alcoolica è consigliato come coadiuvante nella sanificazione delle mani).

- L’attività non è libera ma suddivisa in fasce orarie di 2 ore e 30 minuti a partire dalle 10 di mattina (2.15 di arrampicata effettive e gli ultimi 15 minuti per raccogliere il proprio materiale ed uscire).

- Vengono ammesse al massimo 20 persone per ogni fascia oraria.

- È necessario prenotarsi, attraverso l’apposita funzione che si trovate sul sito web, per la giornata e la fascia oraria desiderata. Per lasciare spazio al maggior numero di persone possibile, è possibile prenotarsi solamente due volte nella stessa settimana.

- Vengono noleggiati solo imbraghi e gri-gri.

- È possibile arrampicare solo con la corda personale o utilizzando gli autobelay presenti.

- Spogliatoi e docce non possono essere utilizzati, quindi è opportuno venire già vestiti da arrampicata: non è possibile stare all’interno dell’area o arrampicare scalzi e/o a torso nudo.

Chi fosse interessato a vedere l’intero protocollo lo può trovare sul nostro sito a questo link www.upurbanclimbing.it/si-torna-ad-arrampicare-in-torre

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Covid-19: le raccomandazioni del CAI per la ripresa delle attività in montagna
14.05.2020
Covid-19: le raccomandazioni del CAI per la ripresa delle attività in montagna
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Club Alpino Italiano con le loro raccomandazioni per la ripresa delle attività in montagna.
The North Face Covid-19 Explore Fund, un fondo da 1 milione di euro a supporto della community dell'outdoor
06.05.2020
The North Face Covid-19 Explore Fund, un fondo da 1 milione di euro a supporto della community dell'outdoor
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di The North Face riguardante il Covid-19 Explore Fund, un fondo da 1 milione di euro per supportare coloro che lavorano in ambito outdoor nei paesi di Francia, Italia, Germania e Regno Unito, le cui attività sono state duramente colpite dall’emergenza Covid-19. Candidature online aperte fino al 22 maggio 2020.
Covid-19 e ripresa: il comunicato del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto
04.05.2020
Covid-19 e ripresa: il comunicato del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto riguardante la: 'Ripresa dell'attività in montagna: invito alla prudenza e al rispetto delle direttive covid - 19'. Il tutto naturalmente riferito solo alla Regione Veneto e alle attuali disposizioni in essere.
Arrampicatori, regole e Coronavirus
14.04.2020
Arrampicatori, regole e Coronavirus
Una riflessione sul mancato rispetto delle norme per l’emergenza Covid-19 da parte di alcuni climber (ma non solo).
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
08.03.2020
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
Con le palestre indoor chiuse, molti arrampicatori tornano a considerare l'arrampicata in falesia. Ma non bisogna dimenticare che ora, tra zone rosse e non, è indispensabile essere ancora più responsabili, per noi e per gli altri. Buona arrampicata (se potete) e un abbraccio a tutti, da almeno un metro di distanza.
Arrampicata e Coronavirus: sospensione manifestazioni sportive nelle zone interessate dal contagio da COVID-19
24.02.2020
Arrampicata e Coronavirus: sospensione manifestazioni sportive nelle zone interessate dal contagio da COVID-19
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato della Federazione Arrampicata Sportiva Italiana riguardante i provvedimenti presi per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. 

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini