Home page Planetmountain.com
Dobbiamo ricostruire e pensare il futuro assieme. Per questo ognuno deve fare la sua parte, piccola o grande che sia
Fotografia di Nicholas Hobley
Qui ci si salva tutti insieme perché siamo tutti sulla stessa barca o, se volete, perché siamo tutti legati alla stessa corda.
Fotografia di Nicholas Hobley
Leggo anche che c’è chi invoca la 'libertà' di uscire di casa, di andare ad arrampicare o chissà dove. Chi si inventa deroghe personali o per qualsivoglia attività “all’aria aperta”. Non pensando, tra l’altro, che qualsiasi incidente dovesse succedergli sarebbe un aggravio per i già stremati soccorritori e ospedali.
Fotografia di Nicholas Hobley
... penso alla stragrande maggioranza che invece è restata a casa. A quelli che non scalano da più di un mese. Alle decine di milioni di italiani che rispettano le norme.
Fotografia di Planetmountain

Arrampicatori, regole e Coronavirus

di

Una riflessione sul mancato rispetto delle norme per l’emergenza Covid-19 da parte di alcuni climber (ma non solo).

Leggo di un’altra guida alpina che sarebbe stata sanzionata per non aver rispettato le norme contro il Coronavirus. In questo caso sarebbe stata trovata a chiodare una via in falesia. E, devo dire, che con rammarico ancora una volta non riesco proprio a capire. Così penso alla stragrande maggioranza che invece è restata a casa. A quelli che non scalano da più di un mese. Alle decine di milioni di italiani che rispettano le norme.

Ma penso anche, e soprattutto, alle più di 20.000 vittime del Covid-19, un tragico primato e un bilancio purtroppo destinato ad aggravarsi ancora. Penso ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari. Vedo le loro facce sfatte. Mi pare di sentire la loro disperazione. La loro paura, anche. “Non chiamateci eroi, aiutateci restando a casa” hanno ripetuto all’infinito. Mi immagino i tanti di loro che invece, per giorni e giorni, non hanno potuto tornare nella loro casa per timore di infettare i figli, i mariti, le mogli, i genitori. Penso ancora ai medici e agli infermieri che hanno perso la vita per curare i loro pazienti.

Penso anche ai moltissimi volontari, ai commessi dei supermercati, ai farmacisti, ai tanti che per forza hanno dovuto continuare a lavorare. Mi inchino al loro coraggio, al loro senso del dovere. Impreco perché per molto tempo hanno dovuto farlo in situazioni impossibili, e a volte anche con protezioni inadeguate. Anche per questo sono convinto che meritino tutto il nostro incondizionato appoggio. Oltre alla promessa che non dimenticheremo. E anche per questo, ancora, non mi capacito.

Riguardo un’altra volta le stramaledette statistiche: ieri ci sono state ancora 566 vittime, i ricoverati per Covid sono 28.023, di questi 3.260 in terapia intensiva. E’ vero, pare che lentamente, molto lentamente, le cose stiano migliorando. Ma ci dicono che occorre stare molto attenti perché una nuova “ondata” di contagi sarebbe assolutamente insostenibile. Dobbiamo stare a casa, ripetono. E, in effetti, non ci vuol molto a crederci: chi può immaginare come ne uscirebbero città già letteralmente martoriate come Bergamo e la sua Val Seriana, piuttosto che Brescia o la Lombardia tutta? Per non parlare dell’Emilia Romagna, del Piemonte e del Veneto e tutto il resto. Dunque, non sembra difficile agire di conseguenza visto che l’unica possibilità - per ora - è quella di stare a casa.

Ma non è così… c’è chi (non solo gli arrampicatori evidentemente) continua ad uscire di casa per qualsiasi cosa. In barba alle norme. E in barba a tutti quelli (evidentemente dei cretini secondo loro) che in casa invece ci stanno, e che ad arrampicare, in montagna, o al mare non ci vanno. Sì, davvero non ci arrivo, non riesco a farmene una ragione. Così penso ai tantissimi che hanno perso i loro cari. Penso che non hanno potuto nemmeno salutarli per l’ultima volta. Penso che difficilmente si possa immaginare qualcosa di peggio.

E, a fronte di tutto questo, leggo anche che c’è chi invoca la “libertà” di uscire di casa, di andare ad arrampicare o chissà dove. Chi si inventa deroghe personali o per qualsivoglia attività “all’aria aperta”. Non pensando, tra l’altro, che qualsiasi incidente dovesse succedergli sarebbe un aggravio per i già stremati soccorritori e ospedali. Ma anche che a forza di moltiplicare le eccezioni in giro si troverebbero delle folle (anche in montagna).

Sono persone, in definitiva, che sembrano non aver neanche minimamente compreso che ciò che stiamo vivendo è una cosa non solo tragicamente seria, ma epocale. Una cosa di cui non ci potremo più scordare. E allora non mi sforzo più di capire, né tantomeno di giustificare, chi non resta a casa quando dovrebbe. Dunque non avevo e non ho dubbi: qui ci si salva tutti insieme perché siamo tutti sulla stessa barca o, se volete, perché siamo tutti legati alla stessa corda. Dobbiamo ricostruire e pensare il futuro assieme. Per questo ognuno deve fare la sua parte, piccola o grande che sia. Solo così, quando sarà passata (perché prima o poi passerà!), ciascuno di noi potrà dire di aver fatto tutto ciò che poteva fare, con dignità!

Vinicio Stefanello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il libro del Gruppo Gamma per aiutare l'ospedale di Lecco
11.04.2020
Il libro del Gruppo Gamma per aiutare l'ospedale di Lecco
Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato con cui il Gruppo alpinistico Gamma di Lecco lancia una sottoscrizione a favore dell'ospedale di Lecco aderendo all'iniziativa 'Aiutiamoci' della Fondazione Comunitaria del Lecchese.
La mia quarantena. Il Covid-19 raccontato dagli alpinisti
11.04.2020
La mia quarantena. Il Covid-19 raccontato dagli alpinisti
Una piccola antologia di scritti, pensieri e poesie di alpinisti in quarantena per il Coronavirus. A cura di Pietro Lacasella.
Incidente del 6 aprile 2020 a Madonna di Campiglio. Il comunicato delle Guide Alpine Italiane
08.04.2020
Incidente del 6 aprile 2020 a Madonna di Campiglio. Il comunicato delle Guide Alpine Italiane
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa delle Guide Alpine Italiane in merito all’incidente di una guida alpina il 6 aprile a Madonna di Campiglio che ha richiesto l’intervento del Soccorso Alpino.
Arrampicatori Culturisti - capitolo 1 / Il peso della cultura
09.04.2020
Arrampicatori Culturisti - capitolo 1 / Il peso della cultura
Un piccolo infinito viaggio in 4 capitoli tra climbing training e letteratura per pensare e volare oltre le pareti domestiche. Si inizia con Il Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Céline interpretato con parole, training e video da Andrea Tosi.
Un punto di vista: la montagna in fase 3 Covid-19
07.04.2020
Un punto di vista: la montagna in fase 3 Covid-19
Guido Luccisano e Matteo Michelini, appassionati alpinisti, condividono il loro punto di vista circa le attività di montagna nella futura cosiddetta fase 3 del COVID-19.
Custodi del Silenzio
07.04.2020
Custodi del Silenzio
Una riflessione e una storia di Giovanni Spitale che riesce ad interpretare anche questi nostri giorni.
Fare la propria parte
23.03.2020
Fare la propria parte
Ora più che mai serve l'impegno di tutti. Restare a casa, fare la propria parte, è quello che si deve fare per il bene di tutti, per riconquistare la felicità e anche la libertà di ritornare in montagna.
Porsi domande e accogliere l'inaspettato ai tempi del coronavirus
22.03.2020
Porsi domande e accogliere l'inaspettato ai tempi del coronavirus
Quando tutto questo sarà finito saremo cambiati abbastanza per ripartire con un pensiero e una visione diversi? Il pensiero di Michele Comi, alpinista e Guida alpina della Valmalenco, che guardando al bosco e alle montagne attorno a casa sua ci invita a resistere coltivando la speranza per una grande e profonda ripartenza.
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
18.03.2020
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
L’appello di Klaas Willems, fortissimo climber belga affetto da fibrosi cistica, di stare a casa per ridurre il rischio di diffusione del Coronavirus.
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
16.03.2020
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
Un messaggio di speranza, in questo periodo emotivamente provante, da parte della Dottoressa Ester Del Signore, oncologa dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, che 'nel tempo libero si dedica alla montagna a 360°'
La cordata contro il Coronavirus
15.03.2020
La cordata contro il Coronavirus
Siamo chiamati ad una prova epocale, di difficoltà altissima. Dobbiamo usare tutta la nostra forza e la nostra esperienza. E dobbiamo farlo tutti assieme. Solo così andrà tutto bene.
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
10.03.2020
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
L’appello del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), pubblicato originariamente sulla pagina facebook, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. La prima regola: uscire di casa solo per esigenze essenziali.
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
09.03.2020
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
L'appello di Stefano Ghisolfi, uno dei climber più forti, di non sottovalutare l'emergenza Coronavirus e di stare il più possibile a casa.
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
08.03.2020
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
Con le palestre indoor chiuse, molti arrampicatori tornano a considerare l'arrampicata in falesia. Ma non bisogna dimenticare che ora, tra zone rosse e non, è indispensabile essere ancora più responsabili, per noi e per gli altri. Buona arrampicata (se potete) e un abbraccio a tutti, da almeno un metro di distanza.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock