Home page Planetmountain.com
Xylophon Sass de la Crusc, Dolomiti: Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth nel 2020
Fotografia di Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth
Xylophon Sass de la Crusc, Dolomiti: Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth nel 2020
Fotografia di Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth
Martin Dejori, Alex Walpoth e Titus Prinoth in cima al Sass de la Crusc dopo l'apertura di Xylophon, estate 2020
Fotografia di Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth
La linea di Xylophon al Sass de la Crusc, Dolomiti, aperta da Martin Dejori, Titus Prinoth e Alex Walpoth
Fotografia di Martin Dejori, Titus Prinoth, Alex Walpoth

Xylophon al Sass de la Crusc di Martin Dejori, Titus Prinoth e Alex Walpoth

di

Gli alpinisti del Gruppo Alpinisti Gardenesi Martin Dejori, Titus Prinoth e Alex Walpoth hanno aperto Xylophon, una nuova via d’arrampicata al Sass de la Crusc, Dolomiti.

Martin Dejori, Titus Prinoth e Alex Walpoth hanno completato Xylophon, una nuova via di più tiri sul Sass de la Crusc in Val Badia, nelle Dolomiti. La via affronta una linea sull’impressionate parete ovest del Piz dl' Ciaval, a sinistra del famoso Pilastro di Livanos, aperto nel 1953 da Georges Livanos e Robert Gabriel, e a destra di Stigmata, aperta da Simon Gietl e Andrea Oberbacher nell’agosto 2016, prima di incrociare quest’ultima a circa metà altezza.

I tre membri del Gruppo Alpinisti Gardenesi hanno iniziato la loro via già nell'agosto 2016. Notando uno zaino pieno di chiodi ed altro materiale da arrampicata alla base della linea hanno scrutato attentamente la parete ma, non trovando alcun segno di un precedente tentativo, hanno attaccato la roccia gialla, spesso friabile, aprendo i primi due tiri prima di ritirarsi e bivaccare alla base. Nonostante il freddo pungente, la mattina successiva sono riusciti ad aprire un ulteriore mezzo tiro, ma sono stati poi costretti a ritirarsi.

All'insaputa del terzetto, pochi giorni più tardi Gietl e Oberbacher sono tornati allo misterioso zaino da loro depositato pochi giorni prima e hanno aperto la difficile Stigmata, partendo più a sinistra e salendo in diagonale verso destra fino in cima.

Dopo la delusione iniziale, Dejori, Prinoth e Walpoth sono riusciti a tornare soltanto quest'estate per portare a termine la via. Il 5 settembre hanno rapidamente raggiunto il punto più alto del primo tentativo e hanno completato il terzo tiro, condividendo la sosta con Stigmata. Da qui hanno incrociato la via di Gietl e Oberbacher per prendere una linea che tende sempre verso sinistra, su roccia eccellente fino alla vetta. Avendo portato tutto il materiale per un bivacco hanno deciso di passare la notte in vetta, poi sono scesi a piedi il giorno successivo.

La nuova via di 240 metri e 7 tiri supera difficoltà fino all'VIII+ /A0 e si chiama Xylophon perchè, come spiega Alex Walpoth "la prima lettera indica le linee che prendono la via nostra e quella di Gietl, e anche perché il nome suona simile alle altre selvagge vie sul Sass de la Crusc."

Martin e Alex ringraziano: Mammut, SCARPA e Mountainspirit
Titus ringrazia: SCARPA e Salewa

Link: www.gagherdeina.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sassopiatto: una cresta di rara eleganza ed una nuova via di Dejori, Moroder, Walpoth
26.11.2019
Sassopiatto: una cresta di rara eleganza ed una nuova via di Dejori, Moroder, Walpoth
Dal 27 al 28 agosto 2019 Alex Walpoth, Aaron Moroder e Martin Dejori hanno aperto una nuova via sul Sassopiatto (Dolomiti) completando così una traversata in cresta di rara bellezza che unisce la Torre Castiglioni, Torre Vinatzer, Primo Campanile del Sassopiatto, Secondo Campanile del Sassopiatto, Ciampanil dl Malan (Terzo Campanile del Sassopiatto) e il Quarto Campanile del Sassopiatto.
Ricordi nebbiosi, nuova via sulla Cima della Busazza in Civetta
01.06.2017
Ricordi nebbiosi, nuova via sulla Cima della Busazza in Civetta
Dal 02 al 3 agosto 2016 Giorgio Travaglia, Martin Dejori, Titus Prinoth e Alex Walpoth hanno aperto Ricordi nebbiosi (IX- A1), una via d’arrampicata di quasi 1200m sulla parete nord ovest della Cima della Busazza (Gruppo della Civetta, Dolomiti).
Stigmata (Sass de la Crusc - Dolomiti) nuova via d’arrampicata per Gietl e Oberbacher
06.08.2018
Stigmata (Sass de la Crusc - Dolomiti) nuova via d’arrampicata per Gietl e Oberbacher
In quattro giorni nell'agosto 2016 Simon Gietl e Andrea Oberbacher hanno aperto dal basso Stigmata, una via d’arrampicata sul Sass de la Crusc nelle Dolomiti liberata il 17/07/2017 dagli stessi alpinisti con difficoltà fino al X-.
Video: Stigmata sul Sass de la Crusc in Dolomiti di Simon Gietl e Andrea Oberbacher
22.05.2018
Video: Stigmata sul Sass de la Crusc in Dolomiti di Simon Gietl e Andrea Oberbacher
Il trailer della nuova via d'arrampicata Stigmata sul Sass de la Crusc in Dolomiti, liberata nell'estate 2017 da Simon Gietl e Andrea Oberbacher.
Voodoo-Zauber, nuova via sul Sass de la Crusc in Dolomiti per Simon Gietl e Andrea Oberbacher
26.10.2015
Voodoo-Zauber, nuova via sul Sass de la Crusc in Dolomiti per Simon Gietl e Andrea Oberbacher
Sul Sass de la Crusc (2718m) in Dolomiti Simon Gietl e Andrea Oberbacher hanno aperto e liberato la nuova via d’arrampicata Voodoo-Zauber (IX-, 180m).
Hansjörg Auer, Mephisto free solo sul Sass de la Crusc in Dolomiti
09.09.2015
Hansjörg Auer, Mephisto free solo sul Sass de la Crusc in Dolomiti
Il 26 agosto 2015 l’alpinista austriaco Hansjörg Auer è salito in free solo Mephisto, la via di Reinhard Schiestl e Luggi Rieser del 1979 sul Sass de la Crusc in Dolomiti.
Wüstenblume, prima invernale sul Sass de la Crusc per Gietl e Holzknecht
29.12.2014
Wüstenblume, prima invernale sul Sass de la Crusc per Gietl e Holzknecht
Dal 22 al 23 dicembre gli alpinisti altoatesini Simon Gietl e Adam Holzknecht hanno effettuato la prima invernale della via Wüstenblume, Sass de la Crusc in Dolomiti.
Wüstenblume, nuova via sul Sass de la Crusc
04.11.2013
Wüstenblume, nuova via sul Sass de la Crusc
La scorsa estate Josef Hilpold e Ulrich Viertler hanno aperto Wüstenblume (400m, VIII+), una nuova via sul Sass de la Crusc in Dolomiti.
Quo Vadis, la scheda della via e la cronostoria della libera di Tondini sul Sass dla Crusc
05.06.2012
Quo Vadis, la scheda della via e la cronostoria della libera di Tondini sul Sass dla Crusc
La scheda e il racconto di Nicola Tondini della prima libera di tutti i tiri (in 4 distinti giorni) della severa, impegnativa e bella via Quo Vadis (X-, 8a+, R3/4; IV EX+ 470m), aperta nel 2010 assieme a Ingo Irsara sul Sass dla Crusc (Dolomiti).
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
07.11.2010
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
Il famoso passaggio di Reinhold Messner sul Pilastro di Mezzo del Sass dla Crusc visto da Heinz Mariacher, più la storia e un video e un reportage sul campo di Nicola Tondini.
Hansjörg Auer libera Silberschrei sul Sass de la Crusc e con Much Maier sale a-vista la Cattedrale in Marmolada
14.08.2009
Hansjörg Auer libera Silberschrei sul Sass de la Crusc e con Much Maier sale a-vista la Cattedrale in Marmolada
Mesi intensi per Hansjörg Auer: assieme a Thomas Schreiber libera Silberschrei in Sass de la Crusc, poi con Much Maier ripete Gaia, la via simbolo del gritstone in Inghilterra. I due poi salgono a-vista la Cattedrale in Marmolada, Dolomiti.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock