Home page Planetmountain.com
Sassopiatto, Dolomiti: Melodia dl chiet - Cresta dl infiern salito da Martin Dejori, Aaron Moroder, Alex Walpoth (27- 28/08/2019)
Fotografia di Alex Walpoth, Aaron Moroder, Martin Dejori
Sassopiatto, Dolomiti: Melodia dl chiet - Cresta dl infiern salito da Martin Dejori, Aaron Moroder, Alex Walpoth (27- 28/08/2019)
Fotografia di Alex Walpoth, Aaron Moroder, Martin Dejori
Martin Dejori, Aaron Moroder e Alex Walpoth durante la loro salita sul Sassopiatto in Dolomiti di Melodia dl chiet - Cresta dl infiern salito da (27- 28/08/2019)
Fotografia di Martin Dejori
Sassopiatto, Dolomiti: il tracciato di Melodia dl chiet seguito dalla Cresta dl infiern, salito da Martin Dejori, Aaron Moroder, Alex Walpoth (27- 28/08/2019)
Fotografia di Alex Walpoth, Aaron Moroder, Martin Dejori

Sassopiatto: una cresta di rara eleganza ed una nuova via di Dejori, Moroder, Walpoth

di

Dal 27 al 28 agosto 2019 Alex Walpoth, Aaron Moroder e Martin Dejori hanno aperto una nuova via sul Sassopiatto (Dolomiti) completando così una traversata in cresta di rara bellezza che unisce la Torre Castiglioni, Torre Vinatzer, Primo Campanile del Sassopiatto, Secondo Campanile del Sassopiatto, Ciampanil dl Malan (Terzo Campanile del Sassopiatto) e il Quarto Campanile del Sassopiatto.

Il mondo contorto di bizzarre cime e ripide pareti del gruppo del Sassolungo ha sempre dato agli alpinisti ampio spazio per cercare l'avventura. Sono trascorsi 150 anni da quando Paul Grohmann, insieme a Peter Salcher e Franz Innerkofler, sono saliti per primi in cima al Sassopiatto. Da allora, tutte le principali formazioni del massiccio sono state salite attraverso innumerevole vie di diversi difficoltà. Grandi alpinisti come Emilio Comici o Gino Soldà hanno lasciato il loro segno sulle imponenti pareti settentrionali sopra la Val Gardena. Solitamente era preso di mira l’enorme Sassolungo, con le sue vie lunghe e impegnative. Mentre, a causa della sua facile via normale, la vicina e piatta montagna è sempre rimasta all'ombra delle cime circostanti. Fu soltanto verso la fine del XX secolo che le cime del Sassopiatto, torreggianti sopra il Cunfin, furono affrontate dagli alpinisti. Le due torri più grandi sul lato destro del Canale Nord del Sassopiatto dovettero attendere una prima salita fino agli anni ottanta. Oggi portano il nome di due alpinisti di prima categoria: Torre Vinatzer e Torre Castiglioni. Se dall'Alpe di Siusi si osserva queste due torri, si capisce che fanno parte di una maestosa cresta che si estende sul fianco occidentale del Sassopiatto. Alcune di queste sei torri appaiano quasi fragili.

L’inverno scorso, durante le escursioni con le racchette da neve con i miei clienti, osservavo spesso queste spettacolari cime. In qualche modo non riuscivo a scrollarmi di dosso il pensiero che un giorno le avrei salite. Alla fine dell'estate è finalmente arrivato il momento. Era già passato un anno dal viaggio in Turchia, dove ero riuscito ad aprire una bella via insieme ai miei amici Alex e Aaron. Poiché quest'anno purtroppo non abbiamo avuto tempo per intraprendere un lungo viaggio, abbiamo deciso di affrontare insieme un'avventura sulle montagne di casa. Abbiamo progettato la cresta del Sassopiatto e allo stesso tempo abbiamo deciso di provare ad aprire una nuova via alla Torre Castiglioni. Pensavamo di complettarla in due giorni.

Il tempo è perfetto quando Aaron, Alex e io saliamo molto motivati il canalone. L’aria è chiara e pulita, l’ambiente in cui ci troviamo selvaggio e le ripidi pareti intorno a noi quasi intimidatorie. Ci sentiamo bene, comunque. Abbiamo spesso sentito questo sentimento, che associamo alla libertà assoluta. I primi tiri sono un assaggio della meravigliosa arrampicata che ci aspetta. La roccia risulta estremamente solida e può essere protetta relativamente bene. Presto arriviamo sotto la ripida sezione della parete nella parte centrale del pilastro alto quattrocento metri. Aaron apre la strada salendo un tiro su roccia gialla e strapiombante. Dopo una lunga ricerca riesce a costruire una sosta. La roccia qui è compatta, ci vuole molta esperienza per trovare dove posizionare dei chiodi. Alex descrive il tiro successivo come uno dei più belli che abbia mai salito. Non c'è da stupirsi: la roccia giallo-grigia è di altissima qualità e può essere protetta bene con nuts e friends. Un vero dono della natura. Seguendo delle ripide placche e fessure raggiungiamo la cima della Torre Castiglioni nel tardo pomeriggio. I nostri occhi vagano verso le cinque torri che seguono verso l’alto.

Dopo una breve calata raggiungiamo la sella tra Torre Castiglioni e Torre Vinatzer. C'è un chiodo. Da lì probabilmente si scende verso il canalone. La calata non sembra invitante ed è per questo che siamo contenti di continuare a salire. Dopo tre facili tiri raggiungiamo all’imbrunire la seconda cima della nostra traversata. Un’altra lunga calata ci porta al punto dove passeremo la notte. Il nostro Haulbag, che durante questa salita viene chiamato “le saaac”, è pieno di sacchi a pelo caldi e cibo. Passa una buona mezz'ora prima che finiamo di preparare il bivacco per noi tre. Poi prepariamo la cena con le nostri mani sporche e graffiate. Couscous con formaggio e tonno, una vera delizia. Ci addormentiamo sotto la stellata, davanti a noi si estende la parete che vorremmo salire il giorno seguente. Ogni tanto ci svegliamo, sentiamo la brezza fredda in viso, osserviamo l’enormità dell'universo e poi ci riaddormentiamo, felici.

Al mattino Alex si prepara ad affrontare la terza cima della cresta. La roccia è ancora di buona qualità e le difficoltà sono diminuite. Facciamo buoni progressi e ben presto raggiungiamo la sosta sotto la cima. Lì in alto siamo perplessi, ci chiediamo se davvero nessuno prima di noi abbia raggiunto questo punto. Non lo sapremo mai per certo, ma lo presumiamo fortemente visto che non abbiamo trovato tracce di salite precedenti. Per noi tre è la prima volta che ci troviamo su un cima inviolata. È una sensazione speciale, anche se è soltanto su un'elevazione insignificante in questo ambiente labirintico e verticale.

Le ultime tre cime sono molto ripide e non sono facili da salire da nessun versante. Sentiamo un'esposizione che fino ad ora abbiamo sentito raramente nelle Dolomiti. Da entrambi i lati c’è il vuoto per alcune centinaia di metri e non vogliamo assolutamente dover affrontare una ritirata, scendendo per uno dei profondo canaloni. Siamo d'accordo su una cosa: la via più semplice e bella porta in cima al Sassopiatto. Pertanto non perdiamo tempo e prepariamo la prossima calata. Le doppie si alternano con l'arrampicata e presto siamo sull'ultima delle sei cime. Guardiamo indietro al Ciampanil dl Malan, come l’abbiamo appena battezzato, e siamo sopraffatti dalla bellezza e dall'esposizione della cresta appena salita. L'ultima parete che porta in cima al Sassopiatto non è difficile e incastonati nella nebbia ci godiamo l'atmosfera mistica.

Fortunatamente esistono ancora gli angoli selvaggi nel regno delle nostre meravigliose montagne di casa.

di Martin Dejori

Sponsor: Mammut

Info: www.gagherdeina.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Spirit Bird, nuova via in Turchia di Alex Walpoth, Martin Dejori, Aaron Moroder
30.05.2019
Spirit Bird, nuova via in Turchia di Alex Walpoth, Martin Dejori, Aaron Moroder
Il racconto di Alex Walpoth che in Turchia insieme a Martin Dejori e Aaron Moroder ha aperto Spirit Bird, una difficile via d'arrampicata sulla parete Kızılın Başı in Ala Daglar.
Rockbusters, con gli alpinisti Alex Walpoth e Samuel Zeni
15.04.2019
Rockbusters, con gli alpinisti Alex Walpoth e Samuel Zeni
La terza puntata della serie video Mammut Elements che vede Mattia Felicetti, Martin Dejori, Janluca Kostner, Samuel Zeni, Alex Walpoth e Michael Piccolruaz raccontare il proprio rapporto con il 'loro' elemento. I protagonisti dell’episodio Blockbusters, girato alle Cinque Torri in Dolomiti, sono Walpoth e Zeni.
Ecstaice con Martin Dejori e Janluca Kostner
23.03.2018
Ecstaice con Martin Dejori e Janluca Kostner
La seconda puntata della serie video Mammut Elements che vede protagonisti Mattia Felicetti, Martin Dejori, Alex Walpoth, Filip Schenk e Michael Piccolruaz. Gli alpinisti Martin Dejori e Janluca Kostner sono i protagonisti dell’episodio Ecstaice, girato nel canyon Bletterbach.
Nuova via di misto in Val Lasties, Dolomiti, di Aaron Moroder e Alex Walpoth
08.04.2016
Nuova via di misto in Val Lasties, Dolomiti, di Aaron Moroder e Alex Walpoth
Il 16/02/2016 Aaron Moroder e Alex Walpoth hanno aperto Frëit dl mond (120m, M7, VI+), una nuova via di ghiaccio e misto in Val Lasties, massiccio del Sella, Dolomiti.
La storia infinita all'Agner, prima ripetizione e invernale per Martin Dejori e Titus Prinoth
18.01.2016
La storia infinita all'Agner, prima ripetizione e invernale per Martin Dejori e Titus Prinoth
Dal 29 al 30 dicembre 2015 gli alpinisti Martin Dejori e Titus Prinoth hanno realizzato la prima ripetizione (e prima invernale) de La storia infinita la via aperta nel 1990 sulla parete nord est dell'Agner (Dolomiti) dai fratelli cecoslovacchi Miroslav e Michal Coubal.
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
26.05.2015
Via Esposito - Butta sul Sassolungo, la prima invernale di Giorgio Travaglia e Alex Walpoth
Dal 18 al 20 febbraio 2015 Giorgio Travaglia e Alex Walpoth hanno effettuato la prima invernale della Via Esposito - Butta sulla parete nord del Sassolungo, Dolomiti.
Amore e ombra, Adam Holzknecht e Alex Walpoth aprono una nuova via di misto in Vallunga
24.02.2015
Amore e ombra, Adam Holzknecht e Alex Walpoth aprono una nuova via di misto in Vallunga
Sul Col Turont, Vallunga, Dolomiti, Adam Holzknecht e Alex Walpoth hanno aperto e liberato la via di arrampicata su ghiaccio e misto Amore e ombra (160m, M9, VIII, WI5).
Sas Rigais, La Salieria per Dejori, Walpoth e Moroder
25.12.2014
Sas Rigais, La Salieria per Dejori, Walpoth e Moroder
Il video di Martin Dejori, Alex Walpoth e Aaron Moroder e la prima salita di La Salieria, effettuata il 7/03/2014 sul Sas Rigais, Dolomiti.
Civetta: Colonne d'Ercole per Alex Walpoth e Martin Dejori
09.10.2014
Civetta: Colonne d'Ercole per Alex Walpoth e Martin Dejori
Il racconto di Alex Walpoth della seconda ripetizione, effettuata il 18 e 19 settembre 2014 insieme a Martin Dejori, di Colonne d'Ercole, la grande via aperta sulla Punta Tissi, parete NO del Civetta, da Alessandro Baù, Alessandro Beber e Nicola Tondini.
Alex Walpoth, solitaria di Vint ani do in Dolomiti
15.11.2013
Alex Walpoth, solitaria di Vint ani do in Dolomiti
Quest'estate l'alpinista gardenese Alex Walpoth ha salito in solitaria la via Vint ani do sulla sud ovest delle Meisules de la Bièsces (2457m), gruppo del Sella, Dolomiti.
Africa, nuova via sulla Torre Meisules Est per Alex Walpoth e Martin Dejori
27.08.2012
Africa, nuova via sulla Torre Meisules Est per Alex Walpoth e Martin Dejori
Il 21 Agosto 2012 Alex Walpoth e Martin Dejori hanno aperto Africa (245m, VIII- max) una nuova via in stile trad che sale la parete nord della Torre orientale delle Meisules tra la via Brunsin e Plitschka.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni