Home page Planetmountain.com
Fitz Roy Patagonia: Laura Tiefenthaler verso la cima di mattina presto
Fotografia di Raphaela Haug
Fitz Roy Patagonia: Raphaela Haug sale da capocordata
Fotografia di Babsi Vigl
Cerro Torre Patagonia: in salita verso l'Elmo
Fotografia di Raphaela Haug
Fitz Roy Patagonia: Raphaela Haug, Laura Tiefenthaler e Babsi Vigl in cima
Fotografia di Babsi Vigl

Una premiere perfetta in Patagonia. Di Raphaela Haug

di

L'alpinista tedesca Raphaela Haug racconta il suo primo viaggio in Patagonia nel quale, con la sua compagna di cordata Laura Tiefenthaler, ha salito il Cerro Torre e, insieme anche a Barbara Vigl, il Fitz Roy.

Cosa puoi aspettarti dal tuo primo viaggio in Patagonia? Ovviamente hai da sempre i tuoi sogni e desideri, lì ci sono le montagne che vorresti scalare. So però che tutto quello che puoi fare prima è semplicemente sperare e prepararti al meglio, ma non aspettarti assolutamente nulla. Il tempo laggiù è instabile e davvero brutto, il granito è erto ed impegnativo; la Patagonia, si sa, non è un posto facile per fare alpinismo. Il fatto che siamo riuscite a raggiungere cinque cime nelle cinque settimane in cui siamo state là, tra cui il Cerro Fitz Roy e il Cerro Torre, non mi sembra ancora reale.

Laura Tiefenthaler, Fabian Buhl e io ci siamo avvicinati al Cerro Torre attraverso il colle Standhardt insieme a Christophe Ogier, Mathieu Perrussel e Jean Baptiste Tapie. Fabian voleva volare dalla vetta in parapendio, e Laura e io eravamo felici di supportarlo quanto potevamo. Siamo saliti sull'Elmo dove abbiamo allestito il campo. Il giorno successivo siamo saliti alternandoci da capocordata, Laura ha salito i primi tiri di misto, poi Fabi ha preso il comando. Sulla headwall c’era un tiro ripido e ricoperto di ghiaccio spesso 25 centimetri, non era facile da pulire. Scavare un tunnel nei primi due funghi di ghiaccio è stata un'esperienza bizzarra ed indimenticabile. Chi avrebbe mai detto che qualcosa di questo genere potesse davvero esistere in natura?

Christophe ha preso il comando sull’ultimo fungo, scalandone circa due terzi prima di passare il timone a Edoardo Saccaro che ha aperto la strada di quest'ultima sezione fino in cima. Aprire la maggior parte della Via dei Ragni durante la prima salita stagionale è stato davvero speciale. La grandiosità del paesaggio, con le montagne e i ghiacciai senza fine a ovest e la distesa infinita a est, era uguale alla immensa felicità che provavo dentro.

Dopo la nostra salita del Cerro Torre ci siamo riposate a El Chaltén, aspettando pazientemente la successiva finestra di bel tempo. Anche se fino al nostro arrivo la stagione era stata difficile, con tempo piuttosto brutto tra novembre e fine gennaio, siamo state fortunate e già tre giorni più tardi si preannunciava un'altra finestra di bel tempo - incredibile!

Il piano era di arrampicare con le mie due amiche austriache, Laura Tiefenthaler e Babsi Vigl. Il nostro obiettivo era la Supercanaleta: la bella linea sul Cerro Fitz Roy salita per la prima volta dagli argentini Carlos Comesaña e José Louis Fonrouge nel 1965. I primi 1000 metri salgono un canalone di neve e ghiaccio fino a raggiungere delle ripide rocce e del terreno misto che portano ai pendii finali e alla vetta.

Il primo giorno abbiamo affrontato la lunga camminata nella foresta e sulla morena glaciale per poi salire oltre Paso Cuadrado e raggiungere la base della via - gli avvicinamenti in Patagonia sono davvero lunghi! Quella stessa sera, all’imbrunire abbiamo scalato i 1000 metri del canalone su neve buona fino ad un bivacco sotto un grande blocco. La mattina seguente abbiamo considerato le nostre opzioni. Potevamo tentare la vetta quel giorno e tornare al nostro materiale da bivacco depositato al blocco. Sebbene tutte ritenessimo che fosse un piano fattibile, alla fine abbiamo deciso che un approccio più cauto sarebbe stato più saggio, quindi abbiamo continuato a salire con tutto il nostro materiale. In Patagonia le cose possono cambiare molto rapidamente e abbiamo pensato che sarebbe stato meglio essere preparati.

La salita quel secondo giorno è stata più impegnativa di quanto ci aspettassimo. Le condizioni erano molto difficili; tranne per un tiro sono sempre stata costretta ad indossare i miei ramponi. Le rocce ricoperte di ghiaccio richiedevano molta attenzione e dovevamo affrontare un misto delicato invece che roccia pulita. Tuttavia, ci siamo divertite molto. Abbiamo però fatto tardi e per questo abbiamo deciso di bivaccare nuovamente, questa volta sui pendii di neve circa venti metri sotto la cima. Anche se ci aspettava un bivacco gelido, non avrei potuto immaginare un posto migliore dove stare che lassù. Vivere il tramonto e poi l'alba dalla cima del Fitz Roy è stata un'esperienza che non dimenticherò mai; le montagne splendevano e noi eravamo immersi nella loro incredibile bellezza. La notte irrequieta e fredda in qualche modo è stata resa più facile dalla visione di stelle a me totalmente sconosciute, e posso tranquillamente dire che questa è stata una delle notti più belle della mia vita. La mattina successiva siamo salite in vetta, poi siamo scese lungo la via di salita prima di affrontare il lungo rientro verso la strada per poi tornare a El Chaltén e ad un bel gelato.

Ho il privilegio di aver vissuto il lato dolce e bello della Patagonia. Ho vissuto momenti indimenticabili con amici incredibili su montagne spettacolari, così tanti momenti che non mi scorderò mai. Alla domanda se mai tornerò in Patagonia ho trovata la risposta già durante questo primo viaggio. Perché anche se mi è chiaro che le cose non andranno sempre così bene come questa volta, non posso fare a meno di chiedermi cosa mi riserverà la Patagonia al mio ritorno.

Info: IG Raphaela HaugPetzl, Mountain Equipment

View this post on Instagram

Fitz Roy via Supercanaleta. Together with @laura_tiefenthaler and @babsi_vigl. . Frankly, I'm speechless. I don't now what to say... That we have such a good weather window and can climb up Cerro Torre was incredible. That we get another weather window and climbed Fitz Roy is just mega. What a great season here in Patagonia!! . We approched to the base on Wednesday, and then in the evening at dusk we climbed the 1000m of the ice tube without ropes. We bivouaced under the block and continued towards the summit on Thursday. The rock pitches were pure mixed climbing - I took off my crampons for exactly one pitch.. We knew that the weather would be great on Friday and so we decided to bivouac at the summit again. Friday morning we rappled down over the Supercanaleta and returned to Chaltén. . For me it was one of the most beautiful routes I have ever climbed. We had a lot of fun up there and the climbing was super nice. Thanks to Laura and Babsi for the perfect adventure. I am aware that quite a lot has to come together to reach the summit and I more than appreciate it :) . The pictures on which I am to be seen are from Babsi. #fitzroy #patagonia #patagoniavertical #elchalten #climbing #nationalpark #weatherwindow #goodtimes #MEalpinism #MEclimbing #tupilak37 #firefly @mountainequipment

A post shared by Raphaela Haug (@raphaela.haug) on

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cerro Torre e l'immenso crollo del fungo di ghiaccio
03.03.2020
Cerro Torre e l'immenso crollo del fungo di ghiaccio
Il video del crollo del fungo di ghiaccio che ha investito il Cerro Torre in Patagonia, girato dall'alpinista russo Dmitry Golovchenko.
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
18.02.2020
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
Intervista al 29enne alpinista tedesco Fabian Buhl che il 7 febbraio 2020 si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, Patagonia.
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
12.02.2020
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
Il video del volo in parapendio di Fabian Buhl dalla cima del Cerro Torre in Patagonia, effettuato il 7 febbraio 2020.
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
08.02.2020
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
Paralpinismo in Patagonia: l'alpinista tedesco Fabian Buhl si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, in Patagonia. E’ il primo a farlo salendo autonomamente in vetta.
Valsertal in Austria, Raphaela Haug e Martin Schidlowski salgono Catwalk sulla Hohe Warte
19.01.2020
Valsertal in Austria, Raphaela Haug e Martin Schidlowski salgono Catwalk sulla Hohe Warte
In Valsertal (Alpi della Zillertal, Tirolo) Martin Schidlowski e Raphaela Haug hanno effettuato la prima salita di Catwalk, una probabile nuova linea di misto sulla parete nord-est di Hohe Warte.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra