Home page Planetmountain.com
Giuliano Stenghel in arrampicata
Fotografia di archivio Franco Nicolini
Franco Nicolini con Giuliano Stenghel
Fotografia di archivio Franco Nicolini
Giuliano Stenghel insieme a Franco Nicolini in sosta
Fotografia di archivio Franco Nicolini
Giuliano Stenghel
Fotografia di Franco Nicolini

Per Giuliano Stenghel. Il ricordo di Franco Nicolini

di

Franco Nicolini, guida Alpina e gestore del Rifugio Tosa Pedrotti, ricorda l’amico Giuliano Stenghel, il forte alpinista roveretano deceduto nell’agosto 2020 in un incidente di arrampicata sull'Isola di Tavolara in Sardegna.

Poco tempo fa al ritorno da una delle tante giornate di scalate insieme una volta mi hai detto: "Ora che siamo diventati vecchi, i nostri sogni ci consentono di guardare avanti anche quando la vita sembra volerci portare indietro ai soli ricordi, ma per sognare non c'è età, un uomo è vecchio solo quando i rimpianti, in lui, superano i sogni. Quindi continuiamo a sognare perché il mondo è nelle mani di coloro che, nonostante tutto, hanno ancora il coraggio di correre il rischio di vivere i propri sogni."

Una filosofia di vita coraggiosa, com’era coraggioso il tuo modo di intendere la scalata, pulita, con minimi mezzi artificiali, instaurando una lotta con le proprie paure. Per Te lottare per una cima non era la conquista dell’inutile, ma un modo di fortificarsi dentro e fuori, per imparare a soffrire, a lottare, a sognare e molto altro.

Con il tuo entusiasmo e la tua forza vitale hai trasmesso non solo a me ma anche a molte altre persone tanta passione e voglia di vivere. Mi ricordo tanti anni fa quando assieme abbiamo percorso alcune scalate sulle allora sconosciute pareti del lago e della valle del Sarca.

Avresti potuto scalare con alpinisti più famosi e bravi invece volevi condividere queste nuove esperienze con me, un giovane in erba e con poca esperienza. Mi parlavi del tuo spirito che è rimasto sempre uguale, trovare delle linee naturali e logiche, cercando i passaggi più facili su pareti difficili con il minimo di materiale, talmente minimo che alcune volte ci siamo trovati in situazioni delicate e difficili.

Un particolare ricordo del passato su tanti, mi rimane la nostra scalata alla parete del Casale con Fabio e Guido. Ci avevi preventivato una bella scalata con un bivacco su larga cengia e un bel fuoco. Alla fine ne è uscita una via che abbiamo chiamato Follia; il nome riassume le forti difficolta incontrate con la brutta roccia e con un bivacco fatto su una sosta marcia.

Al ritorno eravamo comunque contenti e ci hai ricordato che: "La vita è fatta d’istanti, momenti che incarnano una parte importante del nostro cammino, che si misurano con i battiti del cuore e preannunciano situazioni indimenticabili."

Questo eri Giuliano, un combattente con un cuore d’oro, per Te molte volte prevaleva amicizia invece che concludere una salita per apparire. Hai passato dei momenti difficili con la malattia e l’immensa sofferenza per la perdita di Serenella, ma con la Tua grande forza hai reagito e hai continuato a vivere intensamente costruendo una nuova famiglia e crescendo le Tue due figlie con Nicoletta.

In questi ultimi anni, dopo aver fatto nel frattempo parecchie esperienze individuali separate sulle montagne del mondo, ci siamo riavvicinati e assieme abbiamo vissuto ancora momenti di scalata avventurosa, proprio per il piacere di farlo e di condividere la nostra duratura amicizia.

La mia stima per il Tuo ardimento era ed è massima, simile a uomini scalatori vissuti nel passato che hanno segnato con le loro scalate pagine di storia e che sono rimasti immortali. IMMORTALE, ecco la parola che in questo momento più Ti impersona, la Tua figura di amico e scalatore, anche adesso che non sei più fra noi ci trasmette forza, ardimento e passione. Tuttavia senza di Te la Valle del Sarca non sarà più la stessa.

Capolavoro è il nome che abbiamo dato alla nostra ultima linea che abbiamo disegnato, una scalata sulla scogliera nella parte più difficile della Tavolara, una giornata indimenticabile, anche se, come sapevi, il mare mi spaventava!

Nella discesa mi avevi detto "Nella nostra vita ognuno di noi lascia delle tracce, alcune caduche altre scolpite che si perdono nel tempo, ma capita che riaffiorino e ci parlino di noi. E le nostre tracce non sono come le righe spumeggianti che appaiono nel mare, ma sono impronte scolpite nella roccia che in eterno parleranno di noi."

Ciao Giuliano
di Franco Nicolini

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Addio a Giuliano Stenghel
14.08.2020
Addio a Giuliano Stenghel
E' scomparso oggi, precipitando dalle pareti dell'Isola di Tavolara in Sardegna, Giuliano Stenghel conosciutissimo e fortissimo alpinista roveretano.
Los Picos 6500: 13 cime in 43 giorni nelle Ande per Franco Nicolini e i fratelli Franchini
10.04.2018
Los Picos 6500: 13 cime in 43 giorni nelle Ande per Franco Nicolini e i fratelli Franchini
Conclusa la prima parte di Los Picos 6500, la spedizione degli alpinisti trentini Franco Nicolini, Tomas e Silvestro Franchini che in 43 giorni hanno salito 13 delle più alte montagne oltre i 6500 metri delle Ande Sudamericane. Le ultime tre verranno tentate a settembre quando le condizioni meteo in Perù saranno migliori.
Vie d'arrampicata di Giuliano Stenghel sull'Isola di Tavolara, Sardegna
04.04.2017
Vie d'arrampicata di Giuliano Stenghel sull'Isola di Tavolara, Sardegna
Giuliano Stenghel introduce l’affascinate Isola di Tavolara sulla costa NE della Sardegna che, anni fa, aveva letteralmente stregato l’alpinista di Rovereto. A tal punto da aprire una grande quantità di vie di arrampicata su questa montagna in mezzo al mare.
Via in ricordo di Giuliano Stenghel sulla Cima Omet nelle Dolomiti di Brenta
08.09.2020
Via in ricordo di Giuliano Stenghel sulla Cima Omet nelle Dolomiti di Brenta
Il racconto di Stefano Menegardi che insieme a suo padre Emanuele il 3 settembre 2020 ha aperto la Via in ricordo di Giuliano Stenghel sul Pilastro Scolobi della Cima Omet in Val di Tovel (Dolomiti di Brenta).
Alpinisti che fanno la differenza: sulla Stenghel alla Torre d'Ambiez, di Ivo Ferrari
09.07.2013
Alpinisti che fanno la differenza: sulla Stenghel alla Torre d'Ambiez, di Ivo Ferrari
Ivo Ferrari e la via aperta da Giuliano Stenghel e Valentino Chini sulla Torre d'Ambiez (Dolomiti di Brenta) ovvero gli alpinisti che fanno la differenza.
Tavolara, l’arrampicata sull’isola avvolta tra leggenda e realtà
10.10.2016
Tavolara, l’arrampicata sull’isola avvolta tra leggenda e realtà
Maurizio Oviglia racconta l’affascinate storia dell’arrampicata sull'Isola di Tavolara, sulla costa NE della Sardegna, e ripercorre la via 'Affora sa nato’ (6b, 215m) aperta da Enzo Lecis e Simone Sarti negli anni novanta.
Torre Innerkofler al Sassolungo, Dolomiti
31.07.2017
Torre Innerkofler al Sassolungo, Dolomiti
Il quarto capitolo sul Sassolungo è dedicato alla Torre Innerkofler, alta 3098 metri ed incastrata tra la Punta Grohmann e il Dente del Sassolungo è un missile di Dolomia che domina Campitello in Val di Fassa.
Leoni in gabbia, nuova via d’arrampicata sul Monte Casale (Valle del Sarca)
05.10.2017
Leoni in gabbia, nuova via d’arrampicata sul Monte Casale (Valle del Sarca)
Sul Primo Pilastro del Monte Casale (Valle del Sarca) Gianni Canale, Aldo Mazzotti e Franco Cavallaro hanno aperto Leoni in gabbia, una difficile via d’arrampicata su 'roccia fantastica' che corre parallela alla famosissima Via del Missile (Alessandro Baldessarini, Giuliano Stenghel, 1981)
Arrampicata nell'Isola di Tavolara, le nuove vie di Maurizio Giordani
24.10.2017
Arrampicata nell'Isola di Tavolara, le nuove vie di Maurizio Giordani
Dopo la prima puntata sulle sue ultime nuove vie d’arrampicata in Dolomiti, Maurizio Giordani presenta anche le sue ultime vie nuove aperte sull’Isola di Tavolara (Sardegna) insieme a Luciano Ferrari e Giuliano Stenghel.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock