Home page Planetmountain.com
Marco Milanese sulla Punta Giradili in Sardegna, in basso la Pedra Longa
Fotografia di archivio Marco Milanese
Marco Milanese vola da Jebel Jais, Emirati Arabi Uniti
Fotografia di archivio Marco Milanese
Marco Milanese con la tuta alare dalla Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo
Fotografia di Marco Milanese
La copertina del libro Volare le Montagne di Marco Milanese
Fotografia di Marco Milanese

Paralpinismo: il nuovo che avanza. Di Marco Milanese

di

La guida alpina Marco Milanese, esperto di parapendio e volo con la tuta alare, parla di una forma di alpinismo che sta prendendo sempre più piede: il paralpinismo. È uscito da poco il suo primo libro Volare le Montagne, con la prefazione di Mauro Corona, che sarà presentato in diretta streaming questa sera alle ore 21.00.

Chi di noi non ha desiderato, almeno una volta, scendere dalla cima di una montagna volando? Specialmente dopo una giornata faticosa, magari passata ad arrampicare una grande parete? Sei in cima, felice come una pasqua per la gloriosa vista a 360 gradi, ti godi la tua pace interiore e riposi, ma… non hai ancora fatto i conti con la discesa! Quella in cui le ginocchia chiedono di fermarsi e i quadricipiti, ormai esausti, non ne vogliono sapere di rimanere piegati a mezza gamba mentre si attraversa terreni scoscesi, sentieri ripidi oppure neve (no non avete gli sci ai piedi!).

Ecco, il progresso tecnologico, i materiali e le conoscenze approfondite sul meteo hanno permesso di trovare un’eccellente soluzione al faticoso rientro… scendere volando! Sì, perché sembra qualcosa di estremo, sembra un’opzione inarrivabile e invece è alla portata di tutti, soprattutto di chi, come noi, ha già affrontato il mondo impegnativo del sapere alpinistico. Esistono infatti corsi di parapendio che permettono in pochi mesi di apprendere tutto ciò che serve per scendere da una montagna in sicurezza. Questa disciplina si chiama paralpinismo.

Ci sono molti modi per scendere volando da una montagna, come d’altronde per salirla, tuttavia il più comune è usando le vele da “Hike and Fly”, il nome permette di capire già il concetto. Una vela e un imbrago leggero, a volte leggerissimo, che permettono di camminare o arrampicare una cima e poi scendere volando saranno il perfetto kit per questo tipo di avventure. Stiamo parlando di circa 2,5 kg in più nello zaino, ma esistono vele che pesano addirittura meno di un chilo! La borraccia da un litro e mezzo pesa di più…

L’organizzazione di questo tipo di gite tuttavia, richiede più pianificazione. In primis è importante trovare una montagna che soddisfi i criteri per un decollo con un parapendio, il che vuol dire un fazzoletto di terra di dimensioni variabili, a seconda dei criteri di sicurezza che ognuno vuole prefissarsi, che permetta una corsa appropriata ad un decollo. È necessario disporre anche di uno o più atterraggi (in caso di emergenza), che devono essere raggiungibili facilmente in volo.

Infine è importantissimo capire l’esposizione del decollo per staccare i piedi da terra in sicurezza: abbiamo fondamentalmente bisogno di vento contrario alla nostra direzione di corsa. Sono accettabili diversi gradi d’inclinazione laterale del vento a secondo delle capacità del pilota ma queste sono considerazioni personali che vengono con l’esperienza. Per progettare questa attività quindi dovrò tener conto di molti fattori aggiuntivi rispetto ad una gita “normale”: direzione e intensità del vento, copertura nuvolosa, perturbazioni in arrivo, stabilità dell’aria, tipo di volo, ostacoli da superare e cosi via.

Se non ci sono decolli accettabili in cima ad una montagna esiste un'altra soluzione, quella che personalmente preferisco. Saltare con un paracadute! Questa disciplina mi appartiene di più, specialmente se legata alla tuta alare. Purtroppo questi tipi di materiali sono parecchio più pesanti dei precedenti, un paracadute pesa mediamente tre o quattro kg mentre una tuta alare ne pesa 2,5. Questo rende la salita più faticosa, ma l’emozione nel momento del salto è impagabile. Il percorso per saltare in sicurezza col paracadute da una montagna è più lungo ed impegnativo rispetto al parapendio, ma non per questo impossibile.

Negli ultimi anni stiamo assistendo ad exploit para-alpinistici di tutti i generi, dalla Patagonia all’Himalaya e il Karakorum, passando per le Alpi. I francesi come sempre in queste attività sono all’avanguardia e già da anni vivono l’ambiente aria connesso all’alpinismo.

Nel mio piccolo invece, usando il mio stile preferito, ho salito e sceso velocemente alcune pareti dolomitiche, arrampicando da solo tutte e tre le Cime di Lavaredo e saltando da esse col paracadute, il tutto in 5 ore e 40 minuti. Alcuni anni fa invece sono salito e sceso dal Campanile di Val Montanaia nelle Dolomiti Friulane e ancora sulla Tofana di Rozes: in 2 ore e 40 minuti ero nuovamente al parcheggio dopo aver arrampicato il Secondo Spigolo (una via di 600 metri) e saltato con la tuta alare. Ho sperimentato anche il “paralpinismo d’alta quota”, sulle Gran Jorasses dove, una volta arrivati in cima a quota 4208 metri, io e il mio amico Tim abbiamo saltato con la tuta alare e in due minuti eravamo nuovamente a valle risparmiandoci 3000 metri di dislivello in discesa, vivendo quelle sensazioni impagabili che solo pilotare il proprio corpo ti può dare; abbiamo sentito il vento freddo sulla nostra pelle farsi pian piano più caldo, siamo noi stessi diventati aria.

Ho raccontato queste ed altre avventure di montagna nel mio libro Volare le montagne, un libro che racconta un modo di vivere prima che uno stile di alpinismo. Ho accettato l’invito a scriverlo per raccontare in prima persona cosa c’è dietro un video di pochi secondi, cosa si nasconde dietro un’attività che sta prendendo sempre più piede e che spesso viene demonizzata, che scelte di vita ci sono dietro ad un’attività ad alto rischio.

Può il paralpinismo essere considerato un nuovo stile di alpinismo? Questo lo lascio decidere ad ognuno di voi, ma sta di fatto che rimane un’affascinante opzione per le nostre giornate in montagna. Perché non serve sempre viaggiare all’altro capo del mondo per trovare l’avventura, ogni tanto basta cambiare prospettiva guardando le montagne dietro casa.

di Marco Milanese

Volare le Montagne
presentazione del libro 07/04/2021 ore 21: www.facebook.com/Edicicloeditore

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Marco Milanese Tre Cime di Lavaredo tripla free solo e BASE jump
17.08.2018
Marco Milanese Tre Cime di Lavaredo tripla free solo e BASE jump
Ieri Marco Milanese ha salito in free solo la Cima Piccola, Cima Ovest fino a metà e Cima Grande, scendendo da ciascuna delle Tre Cime di Lavaredo in BASE jump.
Campanile di Val Montanaia e il primo BASE Jump di Marco Milanese
20.09.2016
Campanile di Val Montanaia e il primo BASE Jump di Marco Milanese
Il video del B.A.S.E. jump dal Campanile di Val Montanaia in Dolomiti, effettuato il 20 luglio 2016 da Marco Milanese che propone anche le sue riflessioni sul difficile rapporto tra sport estremi, la vita e la morte.
Simon Gietl in solitaria invernale sul Grande Muro del Sass de la Crusc
05.03.2021
Simon Gietl in solitaria invernale sul Grande Muro del Sass de la Crusc
Ieri l’alpinista altoatesino Simon Gietl ha salito in poche ore in solitaria invernale il Grande Muro sul Sass dla Crusc nelle Dolomiti, per poi tornare a valle in parapendio.
Paralpinismo in Patagonia: il volo dall'Aiguille de l’S
09.02.2021
Paralpinismo in Patagonia: il volo dall'Aiguille de l’S
Il video del volo dalla cima dall'Aguja de la S in Patagonia, effettuato l’8 febbraio 2020 dagli alpinisti Alban Alozy, Arnaud Bayol e Pierre Sancier appartenenti al Gruppo Militare di Alta Montagna di Chamonix.
Aaron Durogati e Bruno Mottini: paralpinismo nelle Dolomiti
10.09.2020
Aaron Durogati e Bruno Mottini: paralpinismo nelle Dolomiti
Il racconto e il video di Aaron Durogati e Bruno Mottini del loro due-giorni di arrampicata e volo in parapendio nelle Dolomiti durante il quale hanno salito la Via Don Quixote sulla Marmolada, la Via Maria e Via Dibona sul Sass Pordoi e la Via Adang sul Sass Ciampiac prima di ritornare al punto di partenza a Malga Ciapella.
Ortles e Gran Zebrù: il video del paralpinismo di Aaron Durogati e Bruno Mottini
17.06.2020
Ortles e Gran Zebrù: il video del paralpinismo di Aaron Durogati e Bruno Mottini
Il video di Aaron Durogati e Bruno Mottini che il 1 giungo 2020 hanno salito la parete nord dell’ Ortles e la nord-est del Gran Zebrù. Per concatenare le due pareti in 9 ore e mezza hanno usato il parapendio.
Combo Nord: Ortles e Gran Zebrù paralpinismo per Aaron Durogati e Bruno Mottini
03.06.2020
Combo Nord: Ortles e Gran Zebrù paralpinismo per Aaron Durogati e Bruno Mottini
Il racconto di Aaron Durogati che, lunedì 1 giungo 2020, insieme a Bruno Mottini, ha salito la parete nord dell’ Ortles e la nord-est del Gran Zebrù, usando il parapendio per concatenare le due pareti, in 9 ore e mezza.
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
08.02.2020
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
Paralpinismo in Patagonia: l'alpinista tedesco Fabian Buhl si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, in Patagonia. E’ il primo a farlo salendo autonomamente in vetta.
Aaron Durogati e Mirco Grasso, volo in parapendio tandem dalla cengia mediana della Marmolada
18.09.2019
Aaron Durogati e Mirco Grasso, volo in parapendio tandem dalla cengia mediana della Marmolada
Domenica 15 settembre Aaron Durogati e Mirco Grasso sulla Marmolada in Dolomiti hanno salito la via Moby Dick fino alla cengia mediana da dove hanno volato con un parapendio biposto. Un’esperienza che ha ricordato al pilota altoatesino molto da vicino i suoi voli in Patagonia.
Hansjörg Auer: Marmolada, Piz Ciavazes e Sass dla Crusc in giornata
01.08.2017
Hansjörg Auer: Marmolada, Piz Ciavazes e Sass dla Crusc in giornata
Il video di Hansjörg Auer che l' 8 agosto 2016 nelle Dolomiti ha salito in giornata e senza corda le vie Vinatzer/Messner in Marmolada, lo Spigolo Abram al Piz Ciavazes e il Grande Muro al Sass dla Crusc, volando in parapendio dalle cime ed impiegando 12 ore complessive.
Stromboli, il vulcano e la spettacolare salita al cratere
24.03.2017
Stromboli, il vulcano e la spettacolare salita al cratere
Marco Milanese introduce il trekking al vulcano di Stromboli, l’affascinate isola nell’arcipelago delle isole Eolie in Sicilia.
Highline - quando camminare su una fettuccia diventa meditare
05.01.2017
Highline - quando camminare su una fettuccia diventa meditare
Slackline, longline, highline... camminare su una fettuccia trovando l'armonia e l'equilibrio perfetto tra corpo e mente. Marco Milanese esamina questo affascinante sport che, anche in montagna, sta prendendo sempre più piede.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo