Home page Planetmountain.com
Nicola Tondini e Lorenzo d'Addario in apertura su Il Castello errante a Castel Presina, Monte Cimo, Val d’Adige
Fotografia di Stefano Castioni
Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini su Il Castello errante a Castel Presina in Val d’Adige
Fotografia di Stefano Castioni
Lorenzo d'Addario apre il quarto tiro di Castello errante a Castel Presina in Val d’Adige
Fotografia di Nicola Tondini
Il Castello errante a Castel Presina in Val d’Adige di Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini
Fotografia di Lorenzo d'Addario, Nicola Tondini

Il Castello errante di Lorenzo D’Addario e Nicola Tondini a Castel Presina, Val d’Adige

Il doppio report delle due guide alpine XMountain Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini che hanno aperto Il Castello errante (180m, 8a+ max, 7b+ obbl.), attualmente la via di più tiri più difficile a Castel Presina, Monte Cimo, Val d’Adige.

Tra il 20 e il 21 aprile Lorenzo D’Addario e Nicola Tondini hanno terminato la rotpunkt di una nuova via a Castel Presina sul Monte Cimo in Val d’Adige. Seppur in giorni separati, hanno liberato così tutti i tiri di Castello errante. Un via aperta nel 2018 dal basso, a comando alternato, con il solito stile esigente, che non prevede alcun passo in artificiale per superare i passaggi e l’uso del cliff solo per posizionare i fix.

La via è particolarmente bella e difficile. Presenta un primo tiro (8a), ben chiodato con un boulder impegnativo. Un secondo tiro (7a+) lungo un diedro appena accennato, tecnico e con una chiodatura lunga. Un terzo tiro (6a+) facile di "trasferimento" verso destra per portarsi in una sezione di parete “bombata” sotto cui traversano in direzione opposta Brivido Rosso e La Divina Commedia; sono presenti solo 2 spit e 1 clessidra per non infastidire le due vie incrociate. Un quarto tiro (7b) con un bel runout finale. Un quinto tiro (8a+), che dopo un muro verticale molto tecnico supera in traverso un placca spettacolare. Su questo tiro l’obbligatorio arriva al 7b+: esigente ma non pericoloso. Infine un facile tiro di IV° per uscire nel bosco sommitale. Risulta al momento la via più impegnativa della parete di Castel Presina.

L'ASSOLUTA ESPOSIZIONE DEL CASTELLO ERRANTE di Nicola Tondini
Tutte le volte che andavo ad arrampicare sulla parete rossa di Castel Presina, mi correva lo sguardo verso destra ad ammirare una bombatura di roccia su cui non c'era ancora nessun itinerario. L’esposizione, ho sempre pensato, lassù dev'essere spettacolare. Ma l’occasione per andare a metterci il naso è nata grazie a Lorenzo, appassionatissimo di Castel Presina, su cui ha ripetuto tutte le vie esistenti.

Mi racconta che un giorno ha iniziato un progetto a sinistra della partenza di Baby doc con l’idea di puntare proprio a quello bellissimo settore di roccia. Mi invita a farlo nostro, invito al quale non posso assolutamente porre rifiuto. Nel corso del 2018 portiamo avanti e terminiamo il progetto. Non ci resta che provarlo in rotpunkt.

Ma qui la storia si interrompe per ben due anni di fila. Iniziamo a provare l’intera via a febbraio del 2019, ma dobbiamo abbandonare il progetto a causa di un infortunio al ginocchio di Lorenzo. Torniamo l’anno successivo, sempre a febbraio, un paio di volte e ci sembra di avere chiari i movimenti per tentare a breve una rotpunkt completa. Ma di lì a pochissimo inizia il lockdown e tutto si ferma. A febbraio di quest’anno ci dedichiamo ad un nuovo progetto per ri-trovare feeling e motivazione. Così appena terminata Sturm und Drang ci rimettiamo sul Castello Errante.

I tiri centrali erano stati già percorsi rotpunkt da entrambi, ma ci rimaneva da chiudere i conti con il primo e il 5° tiro. Da subito ci siamo accorti che il primo si adattava perfettamente alla caratteristiche di Lorenzo e l’altro alle mie. Così favoriti anche dalle ottime condizioni climatiche, il 20 aprile Lorenzo chiude i conti con io "suo" tiro e il giorno dopo io con il "mio".

Castello Errante sarà una via che ricorderò a lungo e che certamente tornerò a ripercorrere per il piacere di godermi l’assoluta esposizione dei suoi tiri alti.

Il CASTELLO ERRANTE di Lorenzo d’Addario
I Lupi Climbing Team sono la mia squadra di arrampicata, sono la mia prima essenza dell’essere guida. Trasmettere a loro il mio amore per la montagna e la “scienza dei boschi” è per me vitale e fondamentale. Il Castello errante è dedicato a loro e a tutti i giovani.

Il nome della via nasce proprio grazie al film d’animazione di Miyazaki Il Castello Errante di Howl, guardato insieme durante un campo di arrampicata in Dolomiti. E per me la Parete di Castel Presina è come la casa del mago Howl, un castello in continuo movimento che muta di fronte a chi si avvicina alla sua maestosità, temuta e desiderata allo stesso tempo.

Una fortezza nascosta ai più e protetta da una scorza di calcare grigio e rosso che racchiude al suo interno un cuore pulsante, fatto di tutte le emozioni che ogni arrampicatore trasmette alla roccia durante ogni sua ripetizione. Proprio come Calcifer che racchiude l’anima di Howl, cosi in questa parete vi è un pezzetto della nostre. Il castello è caleidoscopico e sempre in trasformazione e racchiude in sé il senso dell’esistenza.

Castel Presina è un luogo libero, dove regna l’anarchismo. Inteso nella sua corretta accezione, e non quello inculcato dal sistema ma quella basata su ideali libertari e di uguaglianza. Dove conta l’autonomia e la libertà degli individui in opposizione al potere costituito , anche "verticale". Porta dentro di sé l’amore. Per me, infatti arrampicare è un gesto di amore incondizionato, da sempre.

Nietszche diceva "Tutto ciò che si fa per amore va al di la del bene e del male." Castel Presina è reale e sincera. In parete, li nell’hic et nunc tutto è azzerato, non come nel "mercato" esterno dei racconti. Le apparenze non contano, ma vale ciò che si è e si porta dentro.

Questa via racchiude per me tutto questo, la magia e la vita... una linea incredibile che ad ogni passo, se saprete ascoltare, vi parlerà con le voci di tutte le persone che si sono lasciate rapire dall’incanto di Howl.

RINGRAZIAMENTI

Lorenzo D'Addario - XMountain Guide Alpine, ringrazia: SCARPA, Skylotec, Vaude, Kästle, Arva
Nicola Tondini – XMountain Guide Alpine, ringrazia: Climbing TechnologyWild ClimbDolomite 1897Ferrino, Marmot Mountain Europe, Maxim Ropes

SCHEDA: Il Castello errante, Castel Presina, Monte Baldo, Val Adige

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sturm und Drang a Castel Presina in Val d’Adige di Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini
07.04.2021
Sturm und Drang a Castel Presina in Val d’Adige di Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini
Lorenzo d'Addario e Nicola Tondini hanno aperto Sturm und Drang (7a+, 165m), una nuova via di più tiri a Castel Presina sul Monte Cimo in Val d’Adige. Il report delle due guide alpine XMountain.
Dulcis in fundo in veste invernale, nel silenzio magico del Civetta
26.03.2021
Dulcis in fundo in veste invernale, nel silenzio magico del Civetta
Il doppio report delle guide alpine XMountain Lorenzo D’Addario e Nicola Tondini che il 03/03/2021 hanno effettuato la prima invernale di Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti.
Dulcis in fundo sulla Torre d’Alleghe in Civetta, prima invernale di Nicola Tondini e Lorenzo D'Addario
04.03.2021
Dulcis in fundo sulla Torre d’Alleghe in Civetta, prima invernale di Nicola Tondini e Lorenzo D'Addario
Il 03/03/2021 alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti, le due guide alpine Nicola Tondini e Lorenzo D’Addario si sono aggiudicati la prima invernale di Dulcis in fundo.
A Castel Presina in Val d’Adige la nuova via di Sartori e Tondini
31.12.2020
A Castel Presina in Val d’Adige la nuova via di Sartori e Tondini
La guida alpina Nicola Tondini presenta Prendimi, la via di più tiri aperta e liberata insieme al collega Nicola Sartori a Castel Presina sul Monte Cimo in Val d’Adige.
Castel Presina, due salite per Andrea Simonini
05.06.2013
Castel Presina, due salite per Andrea Simonini
A Castel Presina in Val d'Adige Andrea Simonini ha effettuato la prima libera della via Brivido Rosso, aperta da Alberico Mangano e Gigi Pinamonte nel 1999, e la prima ripetizione in libera (dopo quella degli apritori) di Destini Incrociati di Nicola Tondini e Nicola Sartori del 2011.
Viaggio su Plutone al Monte Cimo. Intervista di Tondini a Sartori
05.02.2019
Viaggio su Plutone al Monte Cimo. Intervista di Tondini a Sartori
Intervista di Nicola Tondini a Nicola Sartori dopo la sua salita dal basso in un’unica soluzione e in libera di Viaggio su Plutone. La via di più tiri era stata aperta dal basso sul Monte Cimo  (Brentino, Val d’Adige) dagli stessi Tondini e Sartori nel 2010.
La Falesia dei Ciclopi al Monte Cimo. Di Rolando Larcher
03.10.2017
La Falesia dei Ciclopi al Monte Cimo. Di Rolando Larcher
Rolando Larcher presenta la bellissima Falesia dei Ciclopi situata sulla parete Scoglio dei Ciclopi del Monte Cimo (Val d'Adige). 50 vie d'arrampicata sportiva dal 6b+ all’ 8b+.
Monte Cimo: tre vie d'arrampicata da 8a presentate da Nicola Tondini
09.11.2015
Monte Cimo: tre vie d'arrampicata da 8a presentate da Nicola Tondini
Nicola Tondini presenta tre vie d'arrampicata sul Monte Cimo (Brentino, Val d'Adige) che hanno in comune, oltre il grado di 8a, soprattutto la straordinaria bellezza: Tra Nuvole e Sogni e The Edge sulla parete Sass Mesdì, e Destini Incrociati sulla parete Castel Presina.
L'uovo di Colombo, nuova via sul Monte Cimo
02.07.2013
L'uovo di Colombo, nuova via sul Monte Cimo
Il racconto di Rolando Larcher che, assieme a Herman Zanetti, a metà giugno ha aperto L'uovo di Colombo sul Monte Cimo in Val d'Adige. Una via di 200m che supera i grandi tetti con due versioni: hard 7c+ e soft 7a+.
Testa o Croce al Monte Cimo: libera per Nicola Tondini
18.05.2011
Testa o Croce al Monte Cimo: libera per Nicola Tondini
Il 16 Aprile 2011, Nicola Tondini è riuscito nella seconda libera (rotpunkt) di tutti i tiri nello stesso giorno, di “Testa o Croce” (185m, 8b max, 7c obbl.). La via aperta nel 2009 sul Monte Cimo (Val d’Adige), era stata liberata dal compagno di apertura Nicola Sartori nell’Aprile 2010.
Testa o Croce per Tondini e Sartori sul Monte Cimo
04.01.2011
Testa o Croce per Tondini e Sartori sul Monte Cimo
Dalla primavera del 2009 al 30/10/2009 Nicola Tondini e Nicola Sartori, in più giorni di arrampicata, hanno aperto Testa o Croce (188m, 8b max, 7c obbl.) sul Monte Cimo - Scoglio dei Ciclopi, Brentino, Val d'Adige. La prima libera in giornata è di Nicola Sartori nell'aprile 2010.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli