Home page Planetmountain.com
Nicola Tondini durante la prima invernale di Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti
Fotografia di Nicola Tondini / Lorenzo D'Addario
Lorenzo D'Addario su Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti
Fotografia di Nicola Tondini
Lorenzo D'Addario sul tiro chiave di Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti
Fotografia di Nicola Tondini / Lorenzo D'Addario
Lorenzo D'Addario e Nicola Tondini durante la prima invernale di Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti il 03/03/2021
Fotografia di Nicola Tondini

Dulcis in fundo in veste invernale, nel silenzio magico del Civetta

Il doppio report delle guide alpine XMountain Lorenzo D’Addario e Nicola Tondini che il 03/03/2021 hanno effettuato la prima invernale di Dulcis in fundo alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti.

Passato il laghetto del Coldai, ecco aprirsi ai nostri occhi l’immensa parete della NW del Civetta. Sappiamo che là su, sulla Punta Tissi, sono in azione in nostri colleghi di XMountain Alessandro Baù e Giovanni Zaccaria insieme al loro amico Thomas Gianola.

Sono quasi le 8. Siamo partiti poco prima delle 5 da Pian di Pezzé e ora finalmente siamo sotto la Torre d’Alleghe. Saliamo zizzagando, tra cenge e passaggi di misto i 250m dello zoccolo che porta alla base del compatto monolite che caratterizza questa suggestiva cima sul versante NW del Civetta.

Sono felice di essere qui con Lorenzo. In questo inverno, mi sarebbe piaciuto fare una salita lunga con bivacco, ma nei giorni inizialmente programmati il tempo era stato particolarmente avverso e ora che le circostanze lavorative e famigliari non me lo permettevano, ecco regnare sovrana l’alta pressione. Ci siamo, così, sentiti più volte nell’ultima settimana io e Lorenzo per trovare una salita da provare in giornata, che potesse essere anche molto stimolante.

Anni fa, ripetendo la Bellenzier alla Torre d’Alleghe, ricordavo di aver adocchiato una via ardita aperta dal forte Gigi da Pozzo insieme a Nanni De Biasi nel lontano 1988 (Dulcis in Fundo, IX-). Sapevo che era stata ripetuta da Alessandro Baù insieme a sua moglie Claudia Mario e che non era certamente un passeggiata.

C’erano tutti gli ingredienti per un’avventura: uno zoccolo certamente non banale da fare in inverno; una via che né io né Lorenzo avevamo ripetuto e con pochissime ripetizioni; un obbligatorio impegnativo; un apritore molto forte; una discesa da effettuare lungo la via normale, con l’incognita che può esserci nel rientrare all’imbrunire lungo pendii completamente modificati dalla tanta neve; dover avere sia l’attrezzatura da ghiaccio che quella da roccia.

Arrivati alla base dello zoccolo, abbiamo deciso di salire più a destra rispetto al percorso originale, traversando più in alto verso sinistra. Questa scelta ci ha fatto guadagnare velocemente metri, ma ci ha costretti a fare una doppia per rientrare, alla fine, sul percorso originale. In ogni caso verso le 10,30 abbiamo attaccato la via vera e propria. Dopo un paio di tiri in cui la neve presente nei tratti più facili ci ha fatto perdere un po’ di tempo, abbiamo affrontato il tiro chiave.

Protetto dagli apritori con alcuni spit messi a mano, ha una sezione di VIII+ obbligatorio che ci ha messo subito alla prova. Psicologicamente anche i successivi due tiri, sulla carta tra il VII e il VII+, hanno richiesto tutta la nostra massima concentrazione. La via infatti serpeggia lungo compatte placconate, di lettura non immediata e dove i pochi chiodi lasciati non indicano chiaramente il percorso da seguire. Così tiro dopo tiro eccoci sbucare sul pendio di neve sommitale verso le 18,00. Giusto il tempo di far su il materiale, indossare scarponi e ramponi e fare la foto di vetta alle 18,30.

La giornata è stata meno soleggiate delle precedenti, il cielo plumbeo ci ha nascosto la bellezza del tramonto e ci ha ricordato i freddi colori dell’inverno. Sono contento e vedo anche il mio compagno di cordata raggiante. Abbiamo fatto, penso, anche noi la nostra "piccola" invernale, nel silenzio magico del Civetta.

Terminata la via normale, incrociamo delle tracce nel rientro al rif. Coldai. Una è di sci e l’altra è una traccia a piedi. Mi domando chi mai possiamo ringraziare per tanta fortuna. Avere una traccia a piedi da seguire nel buio, ci conduce facilmente “per mano” al rifugio. Arrivati intorno alle 21,30 all’auto scopriamo che quella comoda traccia era stata fatta da Titus Prinoth e da Alex Walpoth al rientro dalla loro prima invernale a Chimera Verticale alla Punta Civetta. Insomma un inverno, questo, quasi affollato a Nord Ovest.

di Nicola Tondini

STORIA DI UN INVERNO CHE HA IL SAPORE CALDO DELL'ESTATE
Invernale, estiva, primaverile o autunnale. Sono solo stagioni che si susseguono ciclicamente con il passare degli anni. Il tempo, una variabile in continua crescita, una presenza ambigua che fatico fino in fondo a gestire, domare, comprendere. 

Vorrei essere Momo, per sconfiggere gli uomini grigi, per cogliere sempre ogni istante ogni attimo, senza farmelo rubare. Ma è proprio quel sempre l'errore; l'ambizione di credere di controllare sempre il tempo. Ogni attimo, anche il più brutto, il più difficile ha un valore incredibile se riusciamo a cogliere e vedere il bello in ogni nostra esperienza e situazione. Ma è il tempo a giocare un ruolo fondamentale in questo e noi dobbiamo riuscire a comprenderlo e attenderlo come un re. 

La mia invernale è stata questa. Un'attesa di oltre un anno, in cui la stagione non aveva nessun valore, in cui l'unica cosa importante era tornare a fare ciò che per me è vitale: scalare in Montagna. E così è stato, un'avventura senza tempo e senza stagione, un cammino verso il fiume e il suo lento scorrere. 

di Lorenzo D'Addario

Nicola Tondini – XMountain Guide Alpine, ringrazia: Climbing TechnologyWild ClimbDolomite 1897Ferrino, Marmot Mountain Europe, Maxim Ropes
Lorenzo D'Addario - XMountain Guide Alpine, ringrazia: SCARPA, Gentic, Skylotec, Vaude


Dulcis in Fundo - Torre d’Alleghe, Civetta, Dolomiti
Apertura: Luigi Dal Pozzo (Gigi) e Giovanni De Biasi (Nanni), 4/09/1988
Prima ripetizione: Loris De Col e Gianni Del Din 9/08/1989
Prima invernale: Lorenzo D’Addario, Nicola Tondini 3/03/2021
fonte Alessandro Baù, Luca Vallata

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Dulcis in fundo sulla Torre d’Alleghe in Civetta, prima invernale di Nicola Tondini e Lorenzo D'Addario
04.03.2021
Dulcis in fundo sulla Torre d’Alleghe in Civetta, prima invernale di Nicola Tondini e Lorenzo D'Addario
Il 03/03/2021 alla Torre d’Alleghe in Civetta, Dolomiti, le due guide alpine Nicola Tondini e Lorenzo D’Addario si sono aggiudicati la prima invernale di Dulcis in fundo.
Doppio colpo in Civetta: prima invernale di Chimera Verticale e W Mexico Cabrones
03.03.2021
Doppio colpo in Civetta: prima invernale di Chimera Verticale e W Mexico Cabrones
In questi giorni sulla parete nordovest del Civetta nelle Dolomiti sono stati ripetute due grande vie alpinistiche: Chimera Verticale da parte di Titus Prinoth e Alex Walpoth, e W Mexico Cabrones da Alessandro Baù, Thomas Gianola e Giovanni Zaccaria. Per entrambe le vie si tratta della prima invernale.
Zuita Patavina, nuova via di misto in Civetta, Dolomiti
14.03.2019
Zuita Patavina, nuova via di misto in Civetta, Dolomiti
Il racconto di Alessandro Baù, Daniele Geremia e Giovanni Zaccaria che hanno aperto Zuita Patavina, una nuova via di misto in Civetta, Dolomiti.
Dolomiti: invernale francese della Solleder alla Civetta
03.01.2018
Dolomiti: invernale francese della Solleder alla Civetta
Alpinismo: l’intervista all’alpinista francese Max Bonniot dopo la ripetizione della storica Solleder - Lettenbauer alla Nord-Ovest del Civetta in Dolomiti, effettuata insieme a Léo Billon e Benjamin Védrines dal 22 al 25 dicembre 2017.
Alpinismo condiviso: le persone, oltre le montagne
30.09.2016
Alpinismo condiviso: le persone, oltre le montagne
A settembre 2016 Giovanni Zaccaria, Matteo Baù e Christian Sega hanno ripetuto W Mejico Cabrones (1.000m, fino all'VIII-) la via aperta in solitaria, nel 2001, da Venturino de Bona sulla Nord Ovest della Civetta (Dolomiti). Una grande via ma soprattutto una grande esperienza umana come ci racconta Giovanni Zaccaria in questo report
Civetta in Dolomiti: nuova Via degli studenti sulla parete NO
17.08.2015
Civetta in Dolomiti: nuova Via degli studenti sulla parete NO
In questo agosto è stata completata la Via degli studenti, un’importante nuova via d’arrampicata sulla mitica parete Nord-Ovest della Civetta in Dolomiti aperta da Martin Dejori, Marta Mozzati, Titus Prinoth, Giorgio Travaglia e Alex Walpoth.
Argento vivo sulla nord della Piccola Civetta
25.06.2013
Argento vivo sulla nord della Piccola Civetta
Dal 12 al 15 maggio 2013 Stefano Angelini, Alessandro Beber e Fabrizio Dellai hanno aperto Argento vivo, una nuova via di ghiaccio e misto sulla nord della Piccola Civetta, Dolomiti. Il racconto di Alessandro Beber.
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
27.04.2012
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
Dal 1 al 3 marzo 2012 Nicola Tondini, Alessandro Baù ed Enrico Geremia hanno effettuato la prima salita invernale di Kein Rest Von Sehnsucht (1250m, 28 tiri, VIII+ max) sulla Nord Ovest di Punta Tissi, Civetta (Dolomiti). Una via, tra le più impegnative della parete, aperta da Cristoph Hainz e Valentin Pardeller.
Fabio Valseschini, intervista dopo la prima solitaria invernale sulla Civetta
24.02.2011
Fabio Valseschini, intervista dopo la prima solitaria invernale sulla Civetta
Fabio Valseschini parla della sua recente (grande) prima solitaria invernale della Via dei 5 di Valmadrera sulla parete NO della Civetta (Dolomiti), ma anche del suo alpinismo e della sua passione per la montagna.
Prima invernale solitaria sulla Nord-Ovest della Civetta per Fabio Valseschini
14.02.2011
Prima invernale solitaria sulla Nord-Ovest della Civetta per Fabio Valseschini
Domenica 13 febbraio l'alpinista lecchese Fabio Valseschini, dopo 7 bivacchi in parete, ha compito la prima solitaria invernale della grande Via dei cinque di Valmadrera (1350m, VI+ A3) sulla parete Nord Ovest della Civetta (Dolomiti). Oggi, dopo un ottavo bivacco sotto la cima, Valseschini ha completato la sua impresa scendendo lungo la normale.
Chimera Verticale, Civetta
13.08.2010
Chimera Verticale, Civetta
Chimera Verticale (IX, 600m + zoccolo iniziale), aperta in più riprese sulla parete Nord-Ovest del Civetta, raccontato da uno dei primi salitori, Alessandro Baù.
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
23.03.2010
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
Il 19 Marzo 2010, Alessandro Baù e Nicola Tondini hanno realizzato la prima invernale, la terza ripetizione assoluta di Capitan Sky-hook (500m + 380m di zoccolo, 7b+) sulla parete Nord-Ovest del Civetta.
08.08.2005
Civetta: ripetizione di “W Mejico Cabrones” per Baù e Marini
Il 29-30/07, Alessandro Baù ed Enrico Marini (24enni di Padova) hanno realizzato la prima ripetizione di “W Mejico Cabrones”, la via aperta da Venturino De Bona nel 2001, in solitaria, sul versante Nord Ovest della Civetta.
03.08.2000
Marmolada, Civetta e Agner in 14 ore per Marco Anghileri
L'1/8 'tour dolomitico' di Marco Anghileri che ha concatenato in 14 ore, comprensive degli spostamenti, la Vinatzer/Messner alla Sud della Marmolada, la Solleder alla Nord Ovest della Civetta, lo Spigolo Gilberti sull'Agner.
17.02.2000
Marco Anghileri e la Solleder al Civetta
Intervista a Marco Anghileri dopo la prima solitaria invernale della Solleder al Civetta effettuata dal 14 al 18 gennaio 2000
21.01.2000
Marco Anghileri compie la prima invernale solitaria della Solleder al Civetta
Dal 14 al 18 gennaio 2000 Marco Anghileri ha salito in prima invernale solitaria la Via Solleder alla Nord-Ovest del Civetta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.

Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.

NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo