Home page Planetmountain.com
Zuita Patavina, Civetta, Dolomiti: Alessandro Baù in apertura sul ghiaccio sottile di L5
Fotografia di archivio Baù / Zaccaria
Zuita Patavina, Civetta, Dolomiti: Daniele Geremia guadagna la candela che scende dal Pilastro Zuiton (L10)
Fotografia di archivio Baù / Zaccaria
Zuita Patavina, Civetta, Dolomiti: Giovanni Zaccaria in apertura sul misto di L9
Fotografia di archivio Baù / Zaccaria
La linea di Zuita Patavina, Civetta, Dolomiti (Alessandro Baù, Matteo Baù, Daniele Geremia, Giovanni Zaccaria)
Fotografia di archivio Baù / Zaccaria

Zuita Patavina, nuova via di misto in Civetta, Dolomiti

Il racconto di Alessandro Baù, Daniele Geremia e Giovanni Zaccaria che hanno aperto Zuita Patavina, una nuova via di misto in Civetta, Dolomiti.

Nevica, nevica maledizione. E’ un mese e mezzo che la neve ha deciso di cadere ovunque tranne che sulle Dolomiti e invece oggi, nonostante le solite previsioni di bel tempo, nevica. Con le ultime luci della giornata abbiamo terminato un tiro incredibile. Il ghiaccio, scollato di 40 cm dalla parete, ci ha obbligato a deviare a destra su roccia. Ne è uscita una lunghezza difficile, pericolosa e snervante. Siamo psicologicamente provati e la sosta dove ci troviamo è tutto tranne che un buon posto da bivacco. Nevica e l’aggiornamento delle previsioni dice che continuerà per tutta la notte e parte del mattino.

Alla luce delle frontali ci dividiamo i compiti. Gio raccoglie alla bene e meglio il materiale, io e Gere montiamo il portaledge. Continue slavine ci investono bagnandoci e abbassando il nostro morale. Quantomeno l’arrivo della neve ha placato il vento. Cerchiamo di entrare nel portaledge portando con noi meno neve possibile. Anche se è tutto umido e l’aria fuma di condensa, entriamo con piacere nel sacco a pelo. Finiamo il thermos e ancora prima di cena mangiamo il dolcetto del buon umore di Gio, per provare, anche se ormai è buio, a dare una svolta alla giornata.

Oggi siamo risaliti fino al punto più alto del precedente tentativo e da li abbiamo aperto due tiri nuovi. La settimana scorsa, incuranti del vento, eravamo partiti agguerriti per stare in parete 3 giorni. A metà del secondo, avendo salito solo 6 lunghezze, avevamo capito che non saremmo mai usciti. Così, abbandonato in parete quasi tutto il materiale che avevamo, eravamo scesi con l’idea di tornare per chiudere i conti. E così eccoci qua: accendiamo un po’ di musica in vero stile Yosemite. C’è chi scioglie la neve, chi fa da cambusiere e chi sonnecchia. Tutti e tre però abbiamo la mente rivolta a quello che ci riserverà il domani. Dopo aver risolto il tetris di corpi nel portaledge, insieme alle frontali spegniamo anche la testa.

La notte passa e il risveglio al mattino è lento e macchinoso. Il pilastro Zuiton d’inverno si illumina all’alba solo per qualche minuto e il nostro morale ha bisogno di assorbire ogni singolo raggio di sole. Gio è il primo ad uscire dal portaledge e quando esclama "beh, non è neanche male" tiriamo un sospiro di sollievo. Quando ci eravamo chiusi nel nostro bozzolo la sera prima, non sapevamo se il giorno seguente avremmo continuato a salire oppure se le condizioni nostre e della parete ci avrebbero suggerito di scendere. Proviamo a scrollarci di dosso umidità e stanchezza, e di li a poco usciamo tutti. Guardiamo il materiale incrostato, le corde e tutta la neve accumulata sul portaledge e capiamo che il cielo sereno e i raggi del sole hanno sortito l’effetto sperato. L’ambiente è surreale, alè non bisogna più perdere tempo!

Dopo un tiro facile, dove il ghiaccio però batte vuoto come un tamburo, prendiamo una saggia decisione, la scelta logistica che può far cambiare l’esito di una salita. E’ solo mezzogiorno e abbiamo ancora ben 4 ore di luce, ma rimontiamo il portaledge mentre Gio continua ad aprire un bel tiro di misto. E’ il punto perfetto, relativamente comodo, con buona neve da sciogliere e riparato da un grande strapiombo sopra la testa. Mentre Gere resta nel portaledge a preparare la cena e sciogliere la neve, io e Gio puntiamo a scalare il più possibile per poi fissare le corde dal punto più alto raggiunto; perfetto lavoro di squadra. In realtà abbiamo salito 60 metri, non tanta strada, ma quanto basta per essere di buon umore. La sezione di roccia che, dalle foto, sembrava uno dei tratti più ostici ed incogniti è quasi risolta.

Al buio torniamo nel portaledge congelati ma felici. Questa sera tutto è diverso: il materiale è perfettamente ordinato e pronto per il giorno seguente, abbiamo da bere, l’umidità è "quasi" sparita, addirittura gli spazi sembrano più confortevoli e il solito cibo liofilizzato è molto più saporito. Quasi non abbiamo più dubbi: domani chiuderemo i conti con il pilastro Zuiton. E’ incredibile come la mente riesca a trovare motivazione nonostante il freddo, la fatica e le difficoltà. Carichiamo le batterie sulle note di Bohemian Rapsody.

L’indomani il vento è completamente assente, l’aria sembra più calda e il nostro team è ormai un meccanismo perfettamente oliato. Lasciamo i sacconi in sosta e partiamo leggeri per finire la via. Una breve sezione di roccia e ghiaccio particolarmente sottile e spaccoso ci costringono a lasciare uno spit in più di quello che avremmo voluto. Le picche tornano a mordere il ghiaccio che si fa via via più spesso e con altri 60 metri superiamo una sezione più verticale, la grossa candela così evidente dal fondovalle. È fatta, altri tre tiri e ci stringiamo la mano, condensando in uno sguardo complice giorni di fatiche, sofferenze ed emozioni.

Zuita Patavina è stato un gioco di squadra e un sogno vissuto insieme, una bella occasione per tornare a scalare con vecchi compagni di cordata. È una linea iniziata da Gere, che ormai qualche anno fa aveva attaccato i primi tiri ma vista, fortemente voluta e inseguita da tutti e tre. Un sogno reso concreto anche grazie al supporto di Lucia e Elisabetta Zaccaria, e Alice Lazzaro, sorelle e morosa di Gio, nel portare il materiale alla base della parete. Grazie anche a Matteo Baù che ha sudato su per le statiche e preso freddo con noi durante il primo ventoso tentativo. Questa salita è anche un po’ loro.

Per chi non lo sapesse, "Zuita" è il nome della Civetta in Zoldano, "Patavina" semplicemente perchè tutti noi siamo padovani e particolarmente affezionati alla montagna che "la incanta".

di Alessandro Baù, Daniele Geremia, Giovanni Zaccaria


SCHEDA: Zuita Patavina, Civetta, Dolomiti

Giovanni Zaccaria ringrazia: Scarpa SpaClimbing Technology
Alessandro Baù ringrazia: Scarpa SpaCamp-Cassin, Montura, Dynastar, Salice
Daniele Geremia ringrazia: Salewa, Tuttosport Longarone


Info: www.xmountain.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Caddymania, nuova via in Sassolungo, Dolomiti di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria
04.02.2019
Caddymania, nuova via in Sassolungo, Dolomiti di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria
Alpinismo in Dolomiti: sulla parete Nord-Ovest della Torre Innerkofler, Sassolungo, Alessandro Baù e Giovanni Zaccaria hanno aperto la via di misto Caddymania. Il report di Zaccaria.
Dolomiti: invernale francese della Solleder alla Civetta
03.01.2018
Dolomiti: invernale francese della Solleder alla Civetta
Alpinismo: l’intervista all’alpinista francese Max Bonniot dopo la ripetizione della storica Solleder - Lettenbauer alla Nord-Ovest del Civetta in Dolomiti, effettuata insieme a Léo Billon e Benjamin Védrines dal 22 al 25 dicembre 2017.
Civetta in Dolomiti: nuova Via degli studenti sulla parete NO
17.08.2015
Civetta in Dolomiti: nuova Via degli studenti sulla parete NO
In questo agosto è stata completata la Via degli studenti, un’importante nuova via d’arrampicata sulla mitica parete Nord-Ovest della Civetta in Dolomiti aperta da Martin Dejori, Marta Mozzati, Titus Prinoth, Giorgio Travaglia e Alex Walpoth.
Argento vivo sulla nord della Piccola Civetta
25.06.2013
Argento vivo sulla nord della Piccola Civetta
Dal 12 al 15 maggio 2013 Stefano Angelini, Alessandro Beber e Fabrizio Dellai hanno aperto Argento vivo, una nuova via di ghiaccio e misto sulla nord della Piccola Civetta, Dolomiti. Il racconto di Alessandro Beber.
Colonne d'Ercole, Punta Tissi alla Civetta, intervista ad Alessandro Baù
17.05.2013
Colonne d'Ercole, Punta Tissi alla Civetta, intervista ad Alessandro Baù
Intervista ad Alessandro Baù sulla nuova grande via aperta e poi liberata dallo stesso Baù insieme ad Alessandro Beber e Nicola Tondini sulla Punta Tissi (parete NO Civetta, Dolomiti).
Colonne d'Ercole, nuova via sulla Punta Tissi in Civetta per Baù, Beber e Tondini
12.09.2012
Colonne d'Ercole, nuova via sulla Punta Tissi in Civetta per Baù, Beber e Tondini
Il 7 e 8 settembre 2012 Alessandro Baù, Alessandro Beber e Nicola Tondini hanno effettuato la prima libera integrale di Colonne d'Ercole (1200m, max IX, obbl. VIII+) sulla Punta Tissi, parete Nord-Ovest della Civetta, Dolomiti, la nuova grande via da loro stessi aperta tra il 2009 e il 2012.
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
27.04.2012
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
Dal 1 al 3 marzo 2012 Nicola Tondini, Alessandro Baù ed Enrico Geremia hanno effettuato la prima salita invernale di Kein Rest Von Sehnsucht (1250m, 28 tiri, VIII+ max) sulla Nord Ovest di Punta Tissi, Civetta (Dolomiti). Una via, tra le più impegnative della parete, aperta da Cristoph Hainz e Valentin Pardeller.
Via Casarotto a Cima Civetta in solitaria
04.10.2011
Via Casarotto a Cima Civetta in solitaria
Martedi 30 agosto 2011 Fabrizio della Rossa ha realizzato la probabile prima solitaria e una delle pochissime ripetizioni della via Casarotto a Cima Civetta 3.220m (Dolomiti).
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
23.03.2010
Nord-Ovest del Civetta: prima invernale di Capitan Sky-hook per Tondini e Baù
Il 19 Marzo 2010, Alessandro Baù e Nicola Tondini hanno realizzato la prima invernale, la terza ripetizione assoluta di Capitan Sky-hook (500m + 380m di zoccolo, 7b+) sulla parete Nord-Ovest del Civetta.
17.02.2000
Marco Anghileri e la Solleder al Civetta
Intervista a Marco Anghileri dopo la prima solitaria invernale della Solleder al Civetta effettuata dal 14 al 18 gennaio 2000
21.01.2000
Marco Anghileri compie la prima invernale solitaria della Solleder al Civetta
Dal 14 al 18 gennaio 2000 Marco Anghileri ha salito in prima invernale solitaria la Via Solleder alla Nord-Ovest del Civetta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra