Home page Planetmountain.com
Sassolungo Dolomiti: arriva il sole mentre Alessandro Baù raggiunge la prima sosta di Caddymania
Fotografia di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria
Giovanni Zaccaria finalmente raggiunge la colata del secondo tiro di Caddymania, Sassolungo, Dolomiti
Fotografia di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria
Alessandro Baù sull'esile candela iniziale del terzo tiro di Caddymania, Sassolungo Dolomiti
Fotografia di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria
Caddymania, Sassolungo Dolomiti (Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria 18/12/2018)
Fotografia di Edoardo Montorsi

Caddymania, nuova via in Sassolungo, Dolomiti di Alessandro Baù, Giovanni Zaccaria

di

Alpinismo in Dolomiti: sulla parete Nord-Ovest della Torre Innerkofler, Sassolungo, Alessandro Baù e Giovanni Zaccaria hanno aperto la via di misto Caddymania. Il report di Zaccaria.

Metà dicembre. Le giornate sono corte, come le viti che non vorremmo mai usare.

Alle cinque di pomeriggio, mentre altrove la gente chiude la porta dell’ufficio, porta i figli in piscina o prende un tè, alla Torre Innerkofler gli scalatori montano le frontali sul caschetto e scendono correndo lungo le corde, cercando di raggiungere velocemente la base della parete. Il primo passo verso un luogo caldo e asciutto, del cibo su un tavolo e fiumi di birra: l’immagine del paradiso.

"Piedi per terra finalmente!"

"Mentre ti calavi, dall’ultima sosta per caso prendeva il telefono. Sono riuscito a chiamare il concessionario e bloccare l’auto: Caddy bianco in arrivo!"

"Grande Ale! Sbaglio o nella Scuola XMountain abbiamo più Caddy che altri mezzi?"

"Si! Oltre a noi due c’è il Gelmo e il Lorenz…Quattro guide alpine Caddy-munite! Che corda dobbiamo tirare?"

"La viola. Dovremmo fare un qualche tipo di accordo di sponsorizzazione con la Volkswagen..."

"Già, sarebbe... Fai su mentre io recupero?"

"Giornatina piena, bel modo per cominciare la stagione invernale."

"Pazzesco, sembra giorni fa che abbiamo lasciato il mio Caddy a Caprile…"

"E invece erano solo le quattro di stamattina!"

"Settimana scorsa quando hai fatto Mistica scommetto che sei sceso ben prima"

"Eh, a quest’ora ero già a casa. Ma si sa, quando si apre una via nuova è tutto imprevedib.."

"Gio"

"No, non dirmi"

"La gialla si è incastrata."

"Merda, adesso? Non ci voleva!"

"Che palle, sai da quanto era che non mi si incastrava una corda?"

"È sempre così, sempre nei momenti sbagliati. Come se ci fosse un momento giusto poi… Passami il capo della viola, che mi ri-lego e vado a prenderla."

"Si ok, chiamo la Claudia, le dico che faremo tardi...e che ho bloccato il Caddy!"

"Ci avanza un goccio di tè? Comunque poteva andarci peggio. Se non trovavo per caso quelle fessure scavando con le piccozze...col cavolo che mi cacciavo su per quel tiro senza proteggermi!"

"Mi sa che il tè è finito… Legati bene, che quando si è stanchi si rischia di fare cazzate."

"Vado...Se non fosse stato per quest’ultima doppia incastrata sul maledetto traverso..."

"E se non fosse stato per la neve inconsistente che tradisce le piccozze…"

"...Saremmo ben più vicini alla nostra birra! Comunque che figata di giornata! Recuperami la corda lasca quando torno indietro dal traverso."

"Saremo alla macchina alle 22 mi sa, speriamo di trovare qualcosa da mangiare in giro."

"Si, al massimo accenderemo il riscaldamento in Caddy e ci faremo una pasta…"

"Ok… Sai a cosa stavo pensando?"

"No, dimmi…."

"Come è possibile che dopo una giornata così abbiamo ancora voglia di prendere freddo?"

di Giovanni Zaccaria

SCHEDA: Caddymania, Sassolungo. Dolomiti

Giovanni Zaccaria ringrazia: Scarpa Spa, Climbing Technology
Alessandro Baù ringrazia: Scarpa Spa, Camp-Cassin, Montura, Dynastar, Salice

Info: www.xmountain.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Alpinismo Vagabondo #5: una finestra su El Chalten
30.01.2017
Alpinismo Vagabondo #5: una finestra su El Chalten
La quinta e ultima puntata di Alpinismo Vagabondo: il viaggio di Giovanni Zaccaria e Alice Lazzaro in Patagonia approda a El Chalten e sulle montagne alla fine del mondo. La Supercanaleta al Fitz Roy, l'Aguja Poincenot, l'Aguja Guillaumet, un avventuroso avvicinamento al Cerro Torre il tutto tra attese, incontri e immersioni in quella storia e in quelle storie che affiorano tra il vento e i ricordi di un viaggio indimenticabile.
Alpinismo condiviso: le persone, oltre le montagne
30.09.2016
Alpinismo condiviso: le persone, oltre le montagne
A settembre 2016 Giovanni Zaccaria, Matteo Baù e Christian Sega hanno ripetuto W Mejico Cabrones (1.000m, fino all'VIII-) la via aperta in solitaria, nel 2001, da Venturino de Bona sulla Nord Ovest della Civetta (Dolomiti). Una grande via ma soprattutto una grande esperienza umana come ci racconta Giovanni Zaccaria in questo report
Alta pressione in Monte Bianco
07.09.2016
Alta pressione in Monte Bianco
L'alta pressione, tanta passione, due settimane di tempo, una tendina e la voglia di un alpinismo vagabondo e semplice, con tutte le cime e le mille meraviglie del Monte Bianco a disposizione. Il racconto del libero tour alpinistico, tra scalate e vita, di Giovanni Zaccaria e Alice Lazzaro.
Il bisogno di piantare chiodi, di perdersi per ritrovarsi. Di Giovanni Zaccaria
21.08.2016
Il bisogno di piantare chiodi, di perdersi per ritrovarsi. Di Giovanni Zaccaria
Il racconto di Giovanni Zaccaria della salita, effettuata a dicembre 2015 insieme a Alice Lazzaro, di 'Per aspera ad astra'; non necessariamente una via nuova ma un’avventura sulla parete N del Campanile S. Marco (Marmarole) in memoria del nonno Giuseppe Suppiej.
Cuore e muscoli: Monte Bianco a piedi e pedali
15.04.2015
Cuore e muscoli: Monte Bianco a piedi e pedali
Da Padova alla cima del Monte Bianco, un viaggio iniziato in bicicletta e culminato sulla vetta della montagna simbolo dell'alpinismo, una piccola grande avventura vissuta con la lentezza giusta per un'esperienza che, a distanza di tre estati, è ancora nella memoria dei giovani protagonisti: Giovanni Zaccaria, Claudio Gavagnin, Giuseppe Frizziero, Francesco Facco. Il racconto di Giovanni Zaccaria.
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
27.04.2012
Punta Tissi, Civetta: invernale di Kein Rest Von Sehnsucht per Tondini, Baù e Geremia
Dal 1 al 3 marzo 2012 Nicola Tondini, Alessandro Baù ed Enrico Geremia hanno effettuato la prima salita invernale di Kein Rest Von Sehnsucht (1250m, 28 tiri, VIII+ max) sulla Nord Ovest di Punta Tissi, Civetta (Dolomiti). Una via, tra le più impegnative della parete, aperta da Cristoph Hainz e Valentin Pardeller.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni