Home page Planetmountain.com
Steve House in cima al Nanga Parbat.
Fotografia di arch. Steve House - Vincent Anderson
Simone Moro, Cory Richards e Denis Urubko sul GII
Fotografia di Cory Richards
Hervé Barmasse il 13 marzo 2014 durante il primo concatenamento invernale delle 4 creste del Cervino
Fotografia di Damiano Levati
Marek Raganowicz e Marcin Tomaszewski durante la prima salita di Katharsis (1100m, A4/M7) Trollveggen Troll Wall, Norvegia
Fotografia di Marek Raganowicz, Marcin Tomaszewski
PORTFOLIO / gallery Portfolio: Alpinismo e rischio
NOTIZIE / Collegamenti:

Alpinismo e rischio

di

L'alpinismo e la libertà di assumersene consapevolmente i rischi. Di Vinicio Stefanello.

L’alpinismo ha un posto in questa società? O meglio, come viene interpretato da chi alpinista non è? Di certo l’alpinismo non è più - come agli inizi - “giustificato” dalla ricerca scientifica. Oppure, come negli anni '30, funzionale ai regimi fascisti e nazisti e al loro strumentale mito dell'eroe. E più in là, nel secondo dopoguerra, con la corsa agli Ottomila, simbolo del riscatto di intere nazioni. Non che tutti gli alpinisti accettassero questo sfruttamento della loro passione, anzi.

Volendo semplificare molto l’alpinista in fondo è sempre stato un po’ “anarchico”, o per meglio dire un “anarchico - individualista”. Anche per questo ha sempre difeso la sua assoluta libertà di scelta in montagna, aldilà dei rischi anche altissimi che questo può comportare (un atteggiamento spesso letto all’esterno come egoismo tout-court).

Di sicuro però in epoche passate anche chi era esterno al mondo dell’andar per montagne, cioè la stragrande maggioranza, almeno aveva dei parametri, seppur manipolati, per dargli un significato, per collocarlo in una casella. Ora, invece, sembra esserci uno scollamento, una sorta di quasi assoluta incomprensione sul significato e il senso dell'alpinismo. Forse anche per questo bisognerebbe chiedersi come si rappresenta l'alpinismo e che senso dà di sé ai nostri tempi.

Una risposta, c'è da scommetterci, è quella di sempre. Quella che, anche in tempi non così vicini, l'ha sempre definito come la ricerca dei limiti e di se stessi. Una nobile e sempre valida motivazione. Che sembrerebbe assumere un valore alto ed insieme inclusivo: ogni esperienza di alpinismo, grande e piccola, dovrebbe avvicinare ad una maggior conoscenza di sé e del mondo. Ed è proprio per questo suo valore intrinseco e assolutamente personale che l'alpinismo e gli alpinisti rivendicano giustamente il diritto, e con esso la loro sacrosanta libertà, di assumersi consapevolmente i rischi che l'andar per montagne sempre comporta.

C'è un però: storicamente questa esperienza personale è stata da sempre misurata dagli stessi alpinisti con il metro della difficoltà strettamente legato al rischio, anche di morte, che ci si assume per superarla. Ergo: più la salita è difficile e più ci si espone al rischio, più l'impresa è grande. Ciò comporta un problema, se non proprio una contraddizione: anche il valore dell'esperienza umana è legato implicitamente al rischio e alla difficoltà della salita?

Tutti gli appassionati risponderanno che no, che l'alpinismo va aldilà del mero grado di difficoltà e della quantità di rischi a cui ci si espone. Anzi, aggiungeranno anche, che in alpinismo non può esistere competizione. Vogliamo crederci…

Resta il fatto che gran parte della storia e delle storie di alpinismo raccontano e celebrano proprio questo: il superamento delle difficoltà e dei rischi che comporta una salita. Così che le prime salite di una cima, di una parete, del versante più lontano, più difficile, più alto, insomma quelle anche più rischiose, sono sempre state valutate come un plus e un punto di arrivo dagli alpinisti.

Ma se ciò è perfettamente comprensibile dal loro punto di vista. Dall'altro può creare un vero e proprio corto circuito di comprensione per chi è all'esterno o si avvicina a questo mondo. Forse bisognerebbe fare un po' di chiarezza per recuperare il senso primo dell'andar per montagne. Un senso inclusivo, più aperto all'esperienza di tutti, anche aldilà del grado di difficoltà e dei rischi. Ribadendo all'infinito che la sicurezza assoluta in montagna, come nella natura tutta, non esiste. Puntando prima di tutto sulla conoscenza e sulla consapevolezza del rischio a cui ci si espone, che non potrà mai essere slegato da una motivazione personale, forte e sincera e dall'assunzione completa di responsabilità per le possibili conseguenze.

Forse così ci avvicineremo ad un libero alpinismo che riesce a trasmettere di sé un'immagine comprensibile. E che, a ragione, pretende per sé quella libertà (e felicità) a cui ogni uomo e donna ha diritto.

di Vinicio Stefanello

pubblicato su Il Manifesto In Movimento (maggio 2016)

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sul soccorso al Nanga Parbat
30.01.2018
Sul soccorso al Nanga Parbat
Il soccorso di Elisabeth Revol sul Nanga Parbat da parte di Denis Urubko, Adam Bielecki, Jarek Botor e Piotr Tomala e la grandezza di tutti i soccorritori e di chi non esita ad aiutare chi è in difficoltà.
L'Annapurna, la storia di Lafaille e la necessità dell'alpinismo
06.10.2017
L'Annapurna, la storia di Lafaille e la necessità dell'alpinismo
25 anni fa Jean-Christophe Lafaille visse un dramma e insieme un'avventura pazzesca sulla Sud dell'Annapurna. Ritorniamo a quella storia lontana per ricordare oltre a Lafaille anche Pierre Beghin e Ueli Steck e la loro necessità di vivere quell'alpinismo che li motivava.
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
05.06.2017
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
Arrampicata oltre il limite: una riflessione sulla portata della recente free solo della via Freerider su El Capitan (Yosemite) da parte di Alex Honnold.
L' Everest, la folla e la corsa nel nulla
28.05.2012
L' Everest, la folla e la corsa nel nulla
La corsa verso la montagna più alta della terra: tante le salite, lunghissime le file e, come ogni anno, troppi i morti. Di Vinicio Stefanello.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria