Home page Planetmountain.com
Salvataggio su Nanga Parbat: Denis Urubko e Adam Bielecki
Fotografia di Denis Urubko
Nanga Parbat: Denis Urubko, Elisabeth Revol e Adam Bielecki
Fotografia di Adam Bielecki
Salvataggio su Nanga Parbat: Elisabeth Revol e Adam Bielecki in discesa sulla via Kinshofer
Fotografia di Denis Urubko
Salvataggio su Nanga Parbat: Elisabeth Revol
Fotografia di Denis Urubko

Sul soccorso al Nanga Parbat

di

Il soccorso di Elisabeth Revol sul Nanga Parbat da parte di Denis Urubko, Adam Bielecki, Jarek Botor e Piotr Tomala e la grandezza di tutti i soccorritori e di chi non esita ad aiutare chi è in difficoltà.

Eppure succede ancora. C'è ancora chi non esita a soccorrere chi è in difficoltà. Succede tutti i giorni sulle nostre montagne. E a volte succede anche ad altissima quota. Cioè in condizioni che per definizione sono impossibili. Non solo in estate, nell'aria che non c'è degli Ottomila. Ma anche - e qui è un'assoluta novità - nell'impossibile inverno Himalayano di una montagna difficilissima come il Nanga Parbat. Un soccorso a quelle quote per di più in inverno è assolutamente un azzardo e insieme una missione impossibile. Eppure è successo. Perché - ci piace pensare - c'è ancora chi corre in aiuto dell'altro, chiunque esso sia, dovunque si trovi.

Stiamo ovviamente parlando del recentissimo salvataggio della francese Elisabeth Revol da parte di Denis Urubko, Adam Bielecki, Jarek Botor e Piotr Tomala. E stiamo parlando, naturalmente, anche del polacco Tomek Mackiewicz che è rimasto sulla montagna. Dunque un successo con una vita salvata ed un lutto, pesantissimo, per una vita che si è persa. Anche questo d'altra parte succede ai soccorittori. Perché, più di quanto si possa pensare, in questi casi spesso la gioia può mescolarsi alla perdita e al dolore. I soccorritori questo lo sanno. Eppure partono lo stesso... e il motivo è uno solo: c'è qualcuno da salvare.

Di certo lo sapeva Denis Urubko che già aveva partecipato ad un altro tentativo di salvataggio incredibile. Quello che nel 2008 lo vide, insieme a Don Bowie, dare manforte a Ueli Steck e Simon Anthamatten sulla Sud dell'Annapurna nel tentativo di portare in salvo lo spagnolo Iñaki Ochoa de Olza. Quella volta Urubko saltò da un elicottero impossibilitato ad atterrare per il maltempo, per poi raggiungere il Campo base e da qui proseguire in parete per raggiugere Ueli e Simon. Alla fine non riuscirono a portare in salvo Iñaki colpito dal mal di montagna. Ma sicuramente diedero una fondamentale mano per salvare Horia Colibasanu, il compagno di scalata dello spagnolo che fino all'ultimo aveva cercato di aiutarlo in quella tenda a 7400m.

Ora, sul Nanga Parbat, Urubko l'ha rifatto insieme ad Adam Bielecki, Jarek Botor e Piotr Tomala con cui era impegnato nel tentativo di prima invernale al vicino K2. L'ha rifatto insieme al pilota di elicottero che li ha portati quasi a quota 5000 metri e poi, a salvataggio concluso, li ha evacuati dalla montagna. E l'ha rifatto con tutto il team polacco impegnato sul K2 e anche con tutti quelli che hanno aiutato nell'operazione di salvataggio. Salire 1200 metri di dislivello, in inverno, a quelle quote, sul Nanga Parbat, il tutto nello spazio di una notte, è impresa che non si può definire. Come anche i rischi che Urubko e Bielecki si sono assunti per farlo. E a nulla serve dire che Urubko è una leggenda dell'Himalaya e che Bielecki (autore, tra le altre, della prima invernale al Gasherbrum I) è uno tra i più forti alpinisti d'alta quota in circolazione. Se si sono lanciati coscientemente in questa corsa è per altro. E questo “altro” è ciò che fa grande tutti i soccorsi e tutti i soccorritori.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Nanga Parbat: finisce l'odissea di Elisabeth Revol!
28.01.2018
Nanga Parbat: finisce l'odissea di Elisabeth Revol!
Elisabeth Revol è stata soccorsa sul Nanga Parbat da Adam Bielecki, Denis Urubko, Jarek Botor e Piotr Tomala che hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte. Un elicottero ha portato la francese ad Islamabad; tornerà in Francia per curarsi i congelamenti, mentre i quattro ritorneranno a tentare di salire K2 in inverno.
Nanga Parbat, Elisabeth Revol trovata da Adam Bielecki e Denis Urubko
27.01.2018
Nanga Parbat, Elisabeth Revol trovata da Adam Bielecki e Denis Urubko
AGGIORNAMENTO delle 22:28 - Adam Bielecki e Denis Urubko raggiungono la Revol! È iniziata questa mattina l’operazione di soccorso per cercare di salvare Tomek Mackiewicz e Elisabeth Revol sul Nanga Parbat. Due elicotteri hanno prelevato Adam Bielecki, Denis Urubko, Jarek Botor e Piotr Tomala dal K2 e portati al Nanga Parbat, lasciandoli a circa 4900 metri; i soccorritori stanno salendo verso la francese ed il polacco.
Dramma sul Nanga Parbat, paura per Tomek Mackiewicz e Elisabeth Revol
26.01.2018
Dramma sul Nanga Parbat, paura per Tomek Mackiewicz e Elisabeth Revol
Sul Nanga Parbat il polacco Tomek Mackiewicz e Elisabeth Revol sono in difficoltà in alta quota durante il loro tentativo di salita in invernale. È stata attivata un'operazione di soccorso dal K2.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni