Home page Planetmountain.com
L'alpinista svizzero Ueli Steck
Fotografia di Giulio Malfer
Ueli Steck sulla parete sud dell'Annapura
Fotografia di © Don Bowie
Ueli Steck e le 82 quattromila delle Alpi: Allalinhorn 4027m
Fotografia di archive Ueli Steck
Ueli Steck in cima al Everest il 18/05/2012.
Fotografia di Ueli Steck

Ueli Steck, alpinista e uomo

di

Un ricordo di Ueli Steck, il grande alpinista svizzero scomparso ieri sul Nuptse.

Era solo Ueli Steck sul Nuptse, grande e difficile montagna dirimpettaia dell'Everest. Lo era perché dopo il congelamento del suo compagno Tenji Sherpa aveva dovuto e deciso di continuare. Stava proseguendo il suo acclimatamento. Ed è stato proprio lì, tra il campo 1 e 2 del Nuptse, che Ueli è precipitato. E' lì che se n'è andato per sempre uno dei più grandi alpinisti di sempre. Ci aveva abituati a tutto Ueli. Lui era un grande, in tutti i sensi. Per questo ieri non volevo credere alla sua morte, nessuno voleva crederci. Il mondo dell'alpinismo, tutto il mondo, è rimasto senza parole.

Ieri mi hanno chiesto se Ueli Steck avesse rischiato troppo, se avesse sfidato troppo la montagna. No, ho risposto di getto. Assolutamente no! E' vero, il suo progetto, la traversata Everest – Lhotse che mirava ad unire la più alta vetta della terra con la quarta, è un'impresa mai fatta, di quelle che si devono definire anche oltre l'impossibile. E Ueli è morto, appunto, mentre si stava preparando a quell'altissima e difficilissima traversata. Eppure non c'ho pensato un attimo: Ueli non ha rischiato troppo. Era preparato, era forte, anzi probabilmente era il più forte. Ma soprattutto era estremamente consapevole di quel che stava facendo. Non sfidava la montagna. Lui c'era nato in montagna, la abitava, e la percorreva così: velocissimo e sui terreni più impensati con un controllo, una forza e una consapevolezza più unici che rari. E poi lui sapeva benissimo ciò che gli sarebbe potuto accadere... lo so che sembra retorico: ma questa era la sua vita e così era Ueli.

Mi hanno chiesto anche cosa Ueli Steck ha lasciato all'alpinismo, oltre ai suoi record. E' difficile dare risposte. Ma anche in questo caso ho risposto di getto: Ueli ci ha lasciato il ricordo di com'era come persona. Era un uomo sincero e modesto. Sì, potrà sembrare strano, anzi poco credibile e fin troppo celebrativo, per quello che in molti definiscono il migliore alpinista di questi ultimi anni. Ma era proprio una persona di una modestia assoluta Ueli, e di una disponibilità e anche una generosità rare.

Però quello che ha lasciato all'alpinismo e agli alpinisti tutti, oltre a tutte le sue imprese e record, è qualcosa che forse in molti non conoscono o si sono scordati. Era il 2008. Ueli e il suo amico e fortissimo alpinista Simon Anthamatten sono accampati davanti alla parete Sud dell'Annapurna. Il loro progetto è tentare la direttissima, ma arriva una telefonata inattesa. E' Horia Colibasanu, un alpinista romeno che hanno conosciuto una settimana prima insieme al suo compagno di spedizione lo spagnolo Iñaki Ochoa de Olza. Sono bloccati a 7400 metri sull'immensa parete Sud, Iñaki sta molto male, hanno bisogno di aiuto.

Ueli e Simon non sono acclimatati. Hanno solo il materiale da trekking perché tutto il materiale alpinistico è già al Campo base Avanzato. E' notte, ma non esitano un attimo: partono verso quella tendina lontanissima persa su una delle pareti più difficili e pericolose del mondo. Era l'inizio di uno dei tentativi di salvataggio più difficili e incredibili mai tentati. Ai due svizzeri si unirono anche altri alpinisti tra questi Denis Urubko e Don Bowie. La lotta durò 6 giorni. Ueli fu l'unico che riuscì a raggiungere Iñaki, che gli spirò tra le braccia, ma la sua azione con tutta probabilità salvò la vita a Horia. Alla fine tutti i soccorritori riuscirono miracolasamente a scappare dalla parete e dalle continue valanghe. Ecco lì sì che Ueli, Simon e gli altri andarono davvero oltre. Lì sì che Ueli rischiò assolutamente troppo, oltre ogni limite. Ma lo fece (lo fecero) solo per salvare altre vite. Quando gli chiesi di quel “folle” tentativo di salvataggio, Ueli quasi non capì la domanda. Per lui non si poneva neanche la questione: qualcuno gli aveva chiesto di aiutarlo, lui era partito. E, aggiunse, non era stato nulla di particolare. Ecco, così era Ueli Steck.

di Vinicio Stefanello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Ueli Steck muore in un incidente all'Everest
30.04.2017
Ueli Steck muore in un incidente all'Everest
È morto Ueli Steck in un incidente all’Everest. Il corpo del 40enne fuoriclasse svizzero dell’alpinismo è stato ritrovato senza vita vicino al Campo 1 sulla vicina parete Nuptse, dove si stava acclimatando per affrontare uno dei progetti himalayani più incredibili: la traversata Everest - Lhotse.
Ueli Steck, la grande traversata Everest - Lhotse e l’alpinismo da inseguire
07.04.2017
Ueli Steck, la grande traversata Everest - Lhotse e l’alpinismo da inseguire
Intervista all’alpinista svizzero Ueli Steck alla vigilia della sua partenza per il Nepal dove tenterà uno dei progetti più ambiziosi dell’alpinismo himalayano: la prima traversata Everest - Lhotse.
Ueli Steck e #82Summits, l'intervista dopo il tour degli 82 Quattromila delle Alpi
14.10.2015
Ueli Steck e #82Summits, l'intervista dopo il tour degli 82 Quattromila delle Alpi
Intervista all'alpinista svizzero Ueli Steck dopo la salita delle 82 cime oltre i 4000 metri delle Alpi, compiuto l'estate scorsa in 62 giorni, dal 11/06/2015 al 11/08/2015. Il concatenamento era già stato completato nello stesso stile, senza uso di mezzi a motore per gli spostamenti, da Franco Nicolini e Diego Giovannini che l’avevano portato a termine in 60 giorni nel 2008. Mentre, nel 2007, Miha Valic l'aveva completato in 102 giorni, con dei trasferimenti in macchina ma in gran parte in inverno.
Ueli Steck e l'Annapurna: l'intervista dopo la solitaria alla parete sud
14.10.2013
Ueli Steck e l'Annapurna: l'intervista dopo la solitaria alla parete sud
Ueli Steck racconta la sua velocissima e impressionante solitaria sulla parete Sud dell' Annapurna (8091m, Himalaya, Nepal) che lo scorso 9/10/2013 gli ha permesso di realizzare la prima salita della direttissima già tentata da Jean-Christophe Lafaille e Pierre Beghin nel 1992.
Ueli Steck e la solitaria dell'Annapurna raccontata da Erri De Luca
31.03.2014
Ueli Steck e la solitaria dell'Annapurna raccontata da Erri De Luca
La presentazione di Erri De Luca della scalata di Ueli Steck sulla parete sud dell' Annapurna, 8091 metri, ottobre 2013.
Ueli Steck e l' Everest: la salita vissuta da un grande alpinista
04.06.2012
Ueli Steck e l' Everest: la salita vissuta da un grande alpinista
Pubblichiamo il racconto dell'alpinista svizzero Ueli Steck che il 18 maggio 2012 è salito in cima all' Everest assieme allo Sherpa Tenji. E' un racconto che abbiamo voluto tradurre e proporre per intero, perché dà un'idea sia della folla presente in questa stagione pre-monsonica ma anche del lavoro degli Sherpa, e di cosa significhi salire in cima alla montagna più alta del mondo senza ossigeno supplementare, anche per un fuoriclasse assoluto dell'alpinismo come Ueli Steck.
Inaki Ochoa de Olza
23.05.2008
Inaki Ochoa de Olza
Inaki Ochoa de Olza è scomparso oggi sulla parete sud dell'Annapurna. Bloccato da quattro giorni a 7.400 metri, l'alpinista spagnolo è deceduto a causa di un ictus.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni