Home page Planetmountain.com
Roberto Mazzilis sulla parete sud del Secondo Campanile delle Genziane, Alpi Carniche
Fotografia di archivio Roberto Mazzilis
Arrampicarnia: Dal 13 al 15 luglio 2018 al Passo di Monte Croce Carnico nelle Alpi Carniche, Friuli Venezia Giulia, ritorna lo storico raduno d'arrampicata Arrampicarnia in cui verrà celebrato anche il 150° anniversario della prima salita alla Creta delle Chianevate.
Fotografia di Arrampicarnia
Roberto Mazzilis sulla parete sud del Secondo Campanile delle Genziane, Alpi Carniche
Fotografia di archivio Roberto Mazzilis
Roberto Mazzilis sulla Alpi Giulie
Fotografia di archivio Roberto Mazzilis

Roberto Mazzilis: l'arrampicata, l'alpinismo, Arrampicarnia e i 150 anni della Cjanevate

di

Intervista a Roberto Mazzilis per parlare del suo modo di vivere l'arrampicata e l'alpinismo ma anche di Arrampicarnia (13-15 luglio 2018) e del 150° anniversario della Prima salita della Creta della Cjanevate

È stato tra i protagonisti della prima edizione di Arrampicarnia e le sue salite sulla Creta delle Chianevate hanno permesso al mondo di scoprirne la bellezza della roccia, ma il suo nome è strettamente legato a tutte le Orientali, le montagne di casa. Roberto Mazzilis, grande arrampicatore carnico di Caneva di Tolmezzo, ha all'attivo un migliaio di scalate, circa cinquecento nuove vie aperte e un centinaio di solitarie. Siccome il padre giocava bene a pallone, da ragazzino aveva iniziato a militare in una squadra di calcio, ma lo aveva fatto “solo per compiacere papà”. Regole, confronto, allenamento imposto, per il carattere “anarchico” di Roberto il calcio non faceva proprio. Appena provata l'arrampicata seguendo le orme dello zio materno, invece, si è subito sentito nella sua dimensione. Un amore a prima vista, vien facile da dire, come 'a vista' è sempre stato il suo approccio preferito alle nuove linee sulla roccia che lo aspettavano per essere liberate.

150 anni dalla prima ascensione della Creta delle Chianevate da parte di Paul Grohmann. Un massiccio per molti anni trascurato dagli scalatori per la roccia friabile, dove però, a un certo punto, hai aperto la “Cjargnei über alles” sul pilastro della Plote, un IX grado a vista. Cosa rappresenta per te questa montagna?
Direi che la Cjanevate è una montagna simbolica per l'arrampicata friulana. La parete di confine che si vede dalla pianura e dalla costa triestina, una cresta che a sud digrada con dei pilastroni. Era considerata marcia, pericolosa, invece è la roccia migliore di tutta la Carnia e anche oltre. Credo che quanti l'hanno bollata negativamente abbiano cercato i canali, dove ad occhio ci sono le vie più percorribili e dove trovi roccia friabile. Io invece sono andato in parete e lì la roccia è bellissima e ci sono vie stupende. Per fortuna ho voluto metterci le mani. Come quando scali una via difficile che presenta delle incognite, tipo una barriera di tetti. Devi arrivare là per trovare il passaggio risolutore, quando sei nei tetti ecco che vedi una cengetta o una fessura che ti porta fuori. Quando abbiamo iniziato ad esplorare la Cjanevate abbiamo capito che si prestava naturalmente a un'evoluzione dell'arrampicata con un innalzamento dei gradi. Anche per questo la definisco simbolica.

I gradi. Tu ne hai conquistati di importanti, quanto hanno contato e contano nella tua attività?
Relativamente. Negli anni Ottanta ero attirato dal grado, sai l'arrampicata sportiva era una novità. Mi ero anche costruito artigianalmente una trave per allenarmi e migliorare. Molti 7c li facevo a vista, specie sugli strapiombi, i gradi superiori andavano lavorati. Tendenzialmente o mi riusciva una via sportiva in due, tre tentativi, o non mi interessava. L'allenamento metodico toglie la spontaneità che per me è sempre stata fondamentale. Ad ogni modo se vuoi fare un grado alto vai in falesia, non bisogna scimmiottare l'arrampicata sportiva in montagna. La montagna è armonia, dei movimenti e con l'ambiente.

Un approccio classico ed etico all'alpinismo...
Ritengo che chi frequenta la montagna e arrampica non debba modificare l'ambiente, così come lo trova lo deve lasciare, sfruttando ciò che gli dà la natura. Le protezioni non devono stravolgere né la roccia né l'avventura che vivi in quel momento. Pensa ai chiodi di una volta, a com'erano forgiati, si integravano perfettamente con l'ambiente. La roccia è di tutti, bisogna avere cura di ciò che la natura ci ha regalato e tutto ciò che l'uomo inserisce nelle pareti in qualche modo le altera.

E la sicurezza?
La sicurezza che io cerco mi arriva dalla preparazione fisica e mentale. Mi alleno in palestra (falesia, ndr) per arrampicare in montagna, dove non ci si si può permettere di sbagliare. Davanti a un passaggio difficile so di essermi allenato per quello. Bisogna essere consapevoli di ciò che il proprio fisico riesce a fare; quando si prende una tacca piccola si deve sapere per quanto tempo si tiene la presa, altrimenti è uno sprezzo alla vita.

Nel tuo curriculum ci sono tante solitarie e tante vie aperte.
L'arrampicata in solitaria dà sensazioni uniche. La concentrazione è massima, sei sempre in azione e sei libero, in ogni decisione e in ogni movimento. Ovviamente resto al di sotto del mio limite; se non lo facessi, come dicevo, sarebbe un azzardo. Una via nuova ti permette di conoscere ogni piega della roccia, di andare dove vanno solo aquile e corvi, dove nessuno è mai stato. Il mio sogno è trovare una parete arrampicabile che mi consenta di 'camminare' sulla roccia. Aprire una via è cercare il facile nel difficile, non viceversa, fare il passaggio più naturale senza forzature. Un gesto andato a vuoto, spostare la mano in cerca di un altro appiglio, per me è già fastidioso. Quando riesci a trovare dalla base alla cima tutti gli appigli che servono per andar su sembra che la natura li abbia sistemati proprio perché tu possa scalare. E torniamo a prima. Sui monti non ha senso cercare il grado dove non serve, come non ha senso andar su con il trapano. Ci sono rimaste poche nuove vie e dovrebbero essere aperte seguendo un'etica di mantenimento dell'integrità della montagna.

Sei un purista.
In questo senso sì. E mi piace la coerenza. In oltre quarant’anni di alpinismo ho cercato di essere coerente con il mio pensiero. Se ho iniziato in un modo credo sia giusto continuare così per me stesso e per chi mi conosce.

Fedele a te stesso come apritore e, mi pare, anche più in generale, con un rapporto mai ossessivo con l'alpinismo.
Ho sempre voluto che la montagna non diventasse troppo invadente e che restasse una passione, meravigliosa. Rispetto chi fa scelte diverse, ma per me era giusto inserirla in un contesto di vita normale fatta anche di lavoro, di famiglia e amici, di altro.

Tra qualche giorno si festeggeranno il 150° della prima alla Cjanevate e una ripartenza di Arrampicarnia. Che ricordo hai della mitica Arrampicarnia degli anni Ottanta?
Conservo un ricordo stupendo. Una cosa innovativa, uno dei primi raduni di arrampicata sportiva vissuto come una festa, molto ben organizzato. C'erano i migliori climber del nord Italia. Un bel ritrovarsi e confrontarsi. Sai, tutti si faceva finta di niente e la gara ufficiale non c'era, ma nessuno voleva far brutta figura. Siamo andati su Svaghi di Kalì... è andata benissimo. E poi è stata l'occasione per far conoscere al mondo dell'arrampicata la Carnia con le sue pareti e vedere che tutti le apprezzavano. D'altronde non ci sono tante falesie così belle in giro.

Quest'anno sarai al campo base di Passo di Monte Croce Carnico...
Sì, con Attilio e Reinhard (De Rovere e Ranner, ndr) parleremo dell'arrampicata in Cjanevate. In parete stavolta toccherà a mio figlio Fabio e a Vera, la sua compagna (Gussetti, ndr).

So che sono due giovani che promettono, forti e con prestazioni in crescita.
Non sta a me... Fabio si è guadagnato da poco il suo primo 8b+ e pure Vera è fresca di un 8b... diciamo che la tradizione di famiglia è in buone mani!

Intervista di Giuliana Tonut

Roberto Mazzilis sarà al “campo base” di Passo di Monte Croce Carnico insieme a Reinhard Ranner e Attilio De Rovere sabato 14 luglio, alle ore 20, nell'incontro dedicato ai protagonisti di oggi dell’arrampicata in Cjanevate.

Programma completo su www.arrampicarnia.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cjanevate 150 e Arrampicarnia 2018, il grande meeting d'arrampicata delle Alpi Carniche
02.07.2018
Cjanevate 150 e Arrampicarnia 2018, il grande meeting d'arrampicata delle Alpi Carniche
Dal 13 al 15 luglio 2018 al Passo di Monte Croce Carnico nelle Alpi Carniche, Friuli Venezia Giulia, ritorna lo storico raduno d'arrampicata Arrampicarnia in cui verrà celebrato anche il 150° anniversario della prima salita alla Creta delle Chianevate. Tre giornate di arrampicata, incontri, corsi, escursioni, attività per bambini, salite guidate lungo la Via Grohmann e la Via Normale.
Vera Gussetti primo 8b nella falesia di Raveo Alta in Carnia
06.04.2018
Vera Gussetti primo 8b nella falesia di Raveo Alta in Carnia
La 30enne climber friulana Vera Gussetti ha salito il suo primo 8b, Logicamente, nella falesia di Raveo Alta in Friuli-Venezia Giulia.
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
08.08.2005
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
Alpi Carniche: arrampicare Peralba Coglions, arrampicate classiche e moderne di Riccardo del Fabbro e Massimo Candolini.
Andrea Polo ripete Team Vision, la king line della Scogliera di Pal Piccolo
25.01.2017
Andrea Polo ripete Team Vision, la king line della Scogliera di Pal Piccolo
Il racconto di Andrea Polo che il 21/12/2016 nella bellissima falesia della Scogliera al Monte Pal Piccolo (Alpi Carniche) ha ripetuto Team Vision 8c/c+, la via d'arrampicata sportiva liberata nel 2015 da Adam Ondra.
Walking. Arte in cammino #2
26.07.2016
Walking. Arte in cammino #2
La riscoperta della Carnia (Friuli) continua con il progetto 'Walking. Arte in cammino' di Giuseppe Favi e Michela Lupieri. In questa seconda puntata: la nascita della mostra a 1800 metri di quota sul Pal Piccolo nel Comune di Paluzza e la presentazione degli artisti Filippo Minelli, Caterina Rossato e Michele Spanghero.
Walking. Arte in cammino
28.06.2016
Walking. Arte in cammino
Il progetto artistico Walking. Arte in cammino ha come spazio di espressione il territorio della Carnia (Friuli) e si propone di esplorare il tema del camminare (e dell'attraversare la natura, la montagna e le sue comunità) con l'esperienza e il linguaggio dell'arte. In questa prima edizione il tema specifico è La Grande Guerra e il sentiero su cui lavoreranno gli artisti invitati è quello del Pal Piccolo nel Comune di Paluzza.
Find your way 2014, Silvio Reffo e Adam Ondra e l'arrampicata in Friuli
27.05.2015
Find your way 2014, Silvio Reffo e Adam Ondra e l'arrampicata in Friuli
Il video della terza edizione del meeting di arrampicata Find Your Way con gli ospiti d'eccezione Adam Ondra e Silvio Reffo nelle falesia Pal Piccolo e Somplago.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria