Home page Planetmountain.com
Matteo Della Bordella
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello
Coffee Break Interview: Matteo Della Bordella / Tamara Lunger
Fotografia di Photo by © archive Alberto Tadiello
Tamara Lunger
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello

Coffee Break Interview: Matteo Della Bordella / Tamara Lunger

di

L’alpinista lecchese Matteo Della Bordella e l’alpinista sudtirolese Tamara Lunger sono i protagonista della 14° puntata di Coffee Break Interview, il progetto settimanale curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell’alpinismo.

MATTEO DELLA BORDELLA

Daniela Zangrando: Il passo chiave.
Matteo Della Bordella:
È dove la probabilità di fallire è più alta. Non è necessariamente un passaggio tecnicamente difficile, ma piuttosto un passaggio dall'esito incerto, dove ti devi mettere in gioco e non sai bene come andrà a finire. In arrampicata, in alpinismo e nella vita di tutti i giorni.

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
M.D.B.:
Fare qualcosa di nuovo, di mai fatto prima. A livello personale raggiungere un traguardo che pensavo impossibile, a livello generale raggiungere un traguardo che nessuno poteva nemmeno immaginare o tutti ritenevano impossibile.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
M.D.B.:
Forse iniziare nuovi grandi progetti. Le idee non mi mancano, ma rispetto ad alcuni anni fa forse sono più consapevole dei rischi che ogni grande progetto comporta e meno propenso alle rinunce che implica. Non mi pongo limiti, però ci penso bene prima di tentare qualcosa di questo tipo perché so che poi quando sono in ballo prima di tirarmi indietro voglio giocarmi tutte le carte.

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
M.D.B.:
Nessun piano parallelo. Fino a qualche anno fa lo avevo, lavoravo come ricercatore in università, ma poi ho deciso di mollare quella strada. Preferisco vivere la realtà e vedere dove la vita mi porta e dove posso arrivare.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
M.D.B.:
Più onestà nel raccontare e nel comunicare, meno autocelebrazione.

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
M.D.B.:
Forse qualsiasi campo base, ma sicuramente la Patagonia. Anche i momenti in cui il tempo è brutto per scalare, indipendentemente che mi trovi a El Chalten, in una truna o in qualsiasi altro campo base, non li ho mai vissuti come l’esasperante attesa che molti alpinisti descrivono. Per me sono luoghi in cui posso rifugiarmi, pensare ed eventualmente gridare. Distruggere per fortuna no.

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
M.D.B.:
Continuare ad avere sogni da inseguire, sempre diversi tra di loro, rinnovarsi ogni volta e crescere, stare bene ed essere pronto ad accogliere quello che la vita può offrirmi.


TAMARA LUNGER

Daniela Zangrando: Il passo chiave.
Tamara Lunger:
Il passo chiave. Non si sa. La cosa più difficile, che mi fa paura ad esempio in questa spedizione*, è lo star bene insieme. Siamo in sette, ognuno di noi ha un carattere indipendente ed è difficile trovare un equilibrio in questo. La fatica la vogliamo fare tutti, certo, ma se qualcosa non funziona tra le persone, diventa tutto pesante.

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
T.L.:
Vuol dire andare in una direzione inesplorata. Questa cosa che vorrei fare adesso è la più dura che ho provato finora. Tutto è un po’ sconosciuto: non so come il corpo reagirà a questi chilometri, a questi metri verticali, … è un viaggio verso un polo nuovo di me stessa.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
T.L.:
Non so proprio rispondere. I limiti dipendono sempre da quanto sei innamorato di una cosa. Per esempio, pochi giorni fa, quando ho pensato che dovevo partire per questa spedizione, mi sono venute le farfalle allo stomaco. Per me è il segno inequivocabile che la scelta di voler provare è quella giusta. Poi il resto si vedrà. Siccome amo sia fare fatica che le montagne, secondo me non c’è niente di insuperabile… faccio fatica a descrivere la sensazione da tanto è profonda.

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
T.L.:
Se non potessi più farlo, forse mi sposterei verso il volo. Ma non voglio pensarci adesso. È inutile. Intanto vivo questa esperienza a pieno. Quando non potrò più continuare, ci penserò.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
T.L.:
A me basta che ognuno sia onesto con se stesso e non solo attento a rientrare negli schemi che altri hanno preparato per lui. Non è necessario corrispondere esattamente all’immagine che qualcun altro ha di noi! La montagna è espressione di vita. Attraverso il suo tramite posso esplorare me stessa, e per me questa lettura interiore è qualcosa di prezioso. Spero che chiunque si possa sentire libero di fare quello sente, anche se magari va un po’ contro gli ideali comuni.
Ognuno dovrebbe avere la possibilità di esplorarsi in montagna, e vivere questa investigazione come una cosa solo per se stesso, non per dimostrare qualcosa a chi ha attorno.

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
T.L.:
Il posto in cui finora mi sono sentita così è stato il Campo 3 del Nanga Parbat. Quando ho guardato fuori e ho visto il panorama, ho capito che eravamo davvero solo noi quattro su questa montagna grandissima. Mi ha dato un senso di pienezza che non avevo mai sentito prima. Era così bello che ho detto: «Adesso non mi manca niente. Potrei anche morire perché mi sento completa, felice, arrivata.»

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
T.L.:
Non è una cima o qualcosa di simile. È diventare la persona che voglio essere, perché è una meta che non ho ancora raggiunto. Si tratta di un percorso che voglio fare, non sapendo cosa mi aspetta, che cime voglio ancora scalare. Certamente ho qualche idea, ma poi i sogni diventano sempre di più, e magari uno va a segno, e uno non va. Inseguirli è davvero solo un viaggio per capire a fondo me stessa e diventare quella che voglio.

Daniela Zangrando 

>> Tutti gli articoli Coffee Break di Daniela Zangrando 

* Si riferisce alla spedizione Der Lange Weg. Un team di alpinisti che vede, oltre a lei, Núria Picas, Janelle Smiley, Mark Smiley, David Wallmann, Philipp Reiter e Bernhard Hug ha intrapreso il 17 marzo scorso la storica traversata delle Alpi compiuta nel 1971 da Robert Kittl, Klaus Hoi, Hansjörg Farbmacher e Hans Mariacher, con l’obiettivo di percorrere i 1.917 chilometri e i più di 85.000 metri di dislivello in un tempo inferiore a 41 giorni.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Coffee Break Interview: Simon Gietl / Patxi Usobiaga
21.03.2018
Coffee Break Interview: Simon Gietl / Patxi Usobiaga
Tredicesima puntata di Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, il progetto per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. In questa puntata l'alpinista sudtirolese Simon Gietl e il climber spagnolo Patxi Usobiaga.
Coffee Break Interview: Alex Blümel / Michele Caminati
14.03.2018
Coffee Break Interview: Alex Blümel / Michele Caminati
L'alpinista austriaco Alex Blümel e il climber parmense Michele Caminati sono sotto la lente di ingrandimento della puntata #12 del Coffee Break Interview, il progetto di Daniela Zangrando che esplora sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Pete Whittaker / Luca Schiera
07.03.2018
Coffee Break Interview: Pete Whittaker / Luca Schiera
Il climber inglese Pete Whittaker e l'alpinista lecchese Luca Schiera sono intervistati da Daniela Zangrando per la puntata #11 del suo progetto Coffee Break Interview, per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Vittorio Messini / Tommy Caldwell
28.02.2018
Coffee Break Interview: Vittorio Messini / Tommy Caldwell
Coffee Break Interview #10: l'alpinista italo-austriaco Vittorio Messini e la stella statunitense Tommy Caldwell sono i protagonisti della decima puntata del progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Sean Villanueva O'Driscoll / Corrado Korra Pesce
21.02.2018
Coffee Break Interview: Sean Villanueva O'Driscoll / Corrado Korra Pesce
Sean Villanueva O'Driscoll è belga, e Corrado Korra Pesce è italiano. Ma sono uomini e alpinisti del mondo. Ecco la nona puntata di Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Alex Megos / David Lama
14.02.2018
Coffee Break Interview: Alex Megos / David Lama
Il climber tedesco Alexander Megos e l'alpinista austriaco David Lama sono i protagonisti dell'ottavo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
07.02.2018
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
L'alpinista austriaco Peter Ortner e il climber vicentino Silvio Reffo sono il focus del settimo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
31.01.2018
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
I protagonisti della sesta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo, sono il climber italiano Stefano Ghisolfi e la climber statunitense Sasha DiGiulian.
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
24.01.2018
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
Quinta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. I protagonisti sono la climber francese Mélissa Le Nevé e il climber bielorusso Sergey Shaferov
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
17.01.2018
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
Nicola Tondini e Alessandro Baù sono i protagonisti della quarta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
10.01.2018
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
L’austriaca Barbara Zangerl ed il sudtirolese Jacopo Larcher sono i protagonisti della terza puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
20.12.2017
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
Seconda puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. Le protagoniste di questa settimana sono le climber ed alpiniste Federica Mingolla e Nina Caprez.
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
13.12.2017
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
Parte Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, un progetto per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. In questa prima puntata il climber ceco Adam Ondra e l'alpinista austriaco Hansjörg Auer.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni