Home page Planetmountain.com
Vittorio Messini
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello
Vittorio Messini / Tommy Caldwell
Fotografia di Photo by © archive Alberto Tadiello
Tommy Caldwell
Fotografia di Immagine grafica © archive Alberto Tadiello

Coffee Break Interview: Vittorio Messini / Tommy Caldwell

di

Coffee Break Interview #10: l'alpinista italo-austriaco Vittorio Messini e la stella statunitense Tommy Caldwell sono i protagonisti della decima puntata del progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.

VITTORIO MESSINI

Daniela Zangrando: Il passo chiave*.
Vittorio Messini:
La partenza! Salire in macchina la mattina, all’alba. Uscire fuori dalla tendina quando è ancora buio e freddo. O riscaldarsi le mani, strofinandole, prima di iniziare il tiro chiave di una lunga via…

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
V.M.:
Hai un determinato obiettivo, ti alleni, nutri dei dubbi, ma credi in te stesso e se riesci a raggiungerlo è come se avessi sempre saputo di potercela fare.
Penso che il limite sia uno degli aspetti più importanti nella motivazione alpinistica. Si può suddividere in generale (quello di tutti gli arrampicatori, alpinisti, etc.), in limite dato dai social network, e limite proprio, ovvero quello di ogni singolo essere umano. È quest’ultimo che dovrebbe essere l’unico stimolo e il pungolo, in grado di far desiderare un avanzamento e un superamento. I giorni, le ore, o i secondi che dura lo sforzo per spostare il proprio limite sono quelli che ognuno di noi cerca e mai più dimentica. Il titolo del film di Stefan Glowacz, i, (trad.it. I cacciatori dell’attimo), credo spieghi proprio questo spazio di tempo assai preciso.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
V.M.:
Ogni anno che passa e che dedico all’arrampicata e alla montagna, mi aiuta a conoscere me stesso sempre meglio, facendomi capire quello che voglio e che forse potrei riuscire a fare. Questo mi fa essere molto più determinato con i miei obiettivi. Avendo potuto e potendo arrampicare con Herbert Ranggetiner, Isidor Poppeller, Alex Blümel, Simon Gietl e tanti altri, sono riuscito a imparare qualcosa sia sui fattori mentali che tattici che influenzano il compimento di un progetto. Questo mi ha facilitato non solo nella scelta degli obiettivi, ma soprattutto nella realizzazione. I miei veri limiti sono diventati, a dire la verità, non i gradi o le distanze, ma il tempo e i soldi…

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
V.M.
: Per prima cosa, io non mi posso definire climber, poiché per me il climber è uno che arrampica e/o fa alpinismo e viene sponsorizzato. Io il mio pane quotidiano lo devo guadagnare facendo la guida alpina, poi nel tempo libero mi posso dedicare ai miei progetti.
Detto questo, ho sempre fatto sport fin da bambino, e credo che se non andassi più in montagna ad arrampicare, dovrei comunque fare qualcosa di sportivo. Dato che dai sei agli undici anni ho fatto canoa ai Canottieri “Firenze”, credo che tornerei a dedicarmi ad uno sport d’acqua.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
V.M.:
Secondo me oggi manca l’umiltà. Dal punto di vista etico, mi augurerei che chi ha in mente di aprire una nuova via su una parete, rispetti sia la storia della parete che le generazioni future, quelle “post-Ondra”, quando magari ci sarà qualcuno che salirà tranquillamente in libera un 10c+!
È per questo che mi piace sempre di più lo stile di Simon Gietl, che dove non riesce ad arrivare senza il trapano, lascia spazio a chi lo seguirà, e torna a casa. C’è sempre meno gente che sa dire di no: no è troppo pericoloso, no non ci sono le condizioni giuste, no non sono in forma. Oltre a questo, sulle vie lunghe classicissime, dalla Comici alle Tre Cime, alla Colton McIntyre alle Grandes Jorasses, vedi sempre più gente che non dovrebbe essere lì. E qui entra in gioco anche il fattore social media, perché sembra che senza Facebook nessuno sappia se la Comici è asciutta o se sulla Colton c’è ghiaccio. Uno sguardo veloce alla relazione: 6b, bene, l’ho fatto ieri in palestra, domani partiamo! A tanta gente manca la preparazione non solo fisica, ma proprio sul posto: l’avvicinamento com’è? C’è rischio di scariche di sassi in parete? C’è ghiaccio nella discesa? Tante di queste domande non trovano sicuramente risposta in un post di Facebook, e per farsi una propria opinione bisogna prendersi del tempo, e magari partire un giorno prima… Quindi, meno consumazione fast food delle classicissime (d’altro canto, basta guardare appena di fianco per scoprire che c’è una bella via), un po’ meno Facebook e selfies e un paio di birre in più al bar, a chiacchierare e scherzare su una giornata passata in montagna.

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
V.M.:
Qualsiasi luogo all’aria aperta, preferibilmente in montagna, lontano dalla massa.

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
V.M.:
Il ritorno a casa, dopo una nuova via riuscita, stando assieme alla mia famiglia, mangiando una buona rosticciana davanti al fuoco…. ;-)


TOMMY CALDWELL

Daniela Zangrando: Il passo chiave.
Tommy Caldwell
: In generale uso questa espressione per descrivere la parte più difficile di qualsiasi impresa. Il passo chiave della salita, della vita, del viaggio. Penso che per gli scalatori sia un modo per dare senso all’arco narrativo. Aiuta a mettere in risalto il climax emotivo di ogni impresa.

D.Z.: Cosa vuol dire spostare il limite?
T.C.:
Trovo energia nel vivere la vita al suo massimo. E per me questo significa sforzarsi per raggiungere obiettivi e sogni. Il limite non è un termine che mi piace usare, perché implica un’idea di confine. Le idee riguardo cosa siano i nostri limiti sono in continua evoluzione.

D.Z.: I tuoi limiti, ora.
T.C.:
Non ne ho idea.

D.Z.: Se non dovessi più fare il climber, cosa faresti? Hai un piano altro, parallelo?
T.C.:
Sicuramente tornerei alle altre passioni della mia vita. Un uomo di famiglia, un amante della natura e della montagna. Chissà. Magari arrampicare mi distrae da altre nobili occupazioni.

D.Z.: Cosa ti piacerebbe cambiare del mondo dell'arrampicata? Di questo che a tutti gli effetti penso sia il tuo lavoro?
T.C.:
Cambierei il fatto che l’arrampicata è dominata in gran parte da gente ricca e bianca. Mi piacerebbe vedere più diversità.

D.Z.: Descrivimi il luogo. Quel posto che senti tuo. Dove puoi rifugiarti, pensare, distruggere, gridare.
T.C.:
El Cap è stato questo posto per me per quasi metà della mia vita.

D.Z.: E per ultima cosa un sogno. Che meriti di essere chiamato tale.
T.C.:
Mi piacerebbe prendere parte ad un movimento in cui gli scalatori (e i non scalatori) siano in grado di mettere a frutto l’amore che hanno sviluppato nei confronti di questo mondo, usandolo per apportare significativi cambiamenti ambientali.

Daniela Zangrando 

>> Tutti gli articoli Coffee Break di Daniela Zangrando 

* Il termine “crux” in inglese identifica sia “il passo chiave” in senso alpinistico che “la chiave” vista come punto cruciale, soluzione, elemento nodale della vita quotidiana. Gli intervistati sono stati lasciati liberi di intendere o fraintendere il termine a loro piacimento.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Coffee Break Interview: Sean Villanueva O'Driscoll / Corrado Korra Pesce
21.02.2018
Coffee Break Interview: Sean Villanueva O'Driscoll / Corrado Korra Pesce
Sean Villanueva O'Driscoll è belga, e Corrado Korra Pesce è italiano. Ma sono uomini e alpinisti del mondo. Ecco la nona puntata di Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Alex Megos / David Lama
14.02.2018
Coffee Break Interview: Alex Megos / David Lama
Il climber tedesco Alexander Megos e l'alpinista austriaco David Lama sono i protagonisti dell'ottavo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
07.02.2018
Coffee Break Interview: Peter Ortner / Silvio Reffo
L'alpinista austriaco Peter Ortner e il climber vicentino Silvio Reffo sono il focus del settimo appuntamento del Coffee Break Interview, il progetto curato da Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
31.01.2018
Coffee Break Interview: Stefano Ghisolfi / Sasha DiGiulian
I protagonisti della sesta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo, sono il climber italiano Stefano Ghisolfi e la climber statunitense Sasha DiGiulian.
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
24.01.2018
Coffee Break Interview: Mélissa Le Nevé / Sergey Shaferov
Quinta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. I protagonisti sono la climber francese Mélissa Le Nevé e il climber bielorusso Sergey Shaferov
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
17.01.2018
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
Nicola Tondini e Alessandro Baù sono i protagonisti della quarta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
10.01.2018
Coffee Break Interview: Jacopo Larcher / Barbara Zangerl
L’austriaca Barbara Zangerl ed il sudtirolese Jacopo Larcher sono i protagonisti della terza puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
20.12.2017
Coffee Break Interview: Federica Mingolla / Nina Caprez
Seconda puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. Le protagoniste di questa settimana sono le climber ed alpiniste Federica Mingolla e Nina Caprez.
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
13.12.2017
Coffee Break Interview: Adam Ondra / Hansjörg Auer
Parte Coffee Break Interview di Daniela Zangrando, un progetto per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo. In questa prima puntata il climber ceco Adam Ondra e l'alpinista austriaco Hansjörg Auer.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra