Home page Planetmountain.com
Stefano Ghisolfi, senza esitazioni e senza errori, nella finale a Chamonix della Coppa del Mondo 2018
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
Stefano Ghisolfi, lancio al top nella finale a Chamonix della Coppa del Mondo 2018
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
Stefano Ghisolfi vince la tappa di Chamonix della Coppa del Mondo 2018. 'Questa gara non poteva andare meglio, fare top da solo in finale e vincere è la perfezione, anche per quanto riguarda la tracciatura e lo spettacolo per il pubblico. Direi che ho scalato al massimo delle mie capacità.'
Fotografia di Eddie Fowke / IFSC
2 Jakob Schubert 1 Stefano Ghisolfi 3 Alexander Megos
Fotografia di Luca Giupponi

Stefano Ghisolfi, Chamonix ai suoi piedi

di

Intervista a Stefano Ghisolfi dopo la vittoria a Chamonix della seconda tappa della Coppa del Mondo Lead 2018.

In una magica serata di mezza estate a Chamonix Stefano Ghisolfi ha incantato l’immensa folla al Place du Mont Blanc e, senza esitazioni e senza errori, ha vinto la seconda tappa della Coppa del Mondo Lead 2018. Arrampicando apparentemente senza fatica Ghisolfi ha raggiunto l’unico top della via, lasciandosi alle spalle sia Jakob Schubert sia Alexander Megos che in semifinale erano andati meglio. Questa vittoria ha un sapore speciale: è la sua quarta in assoluto dopo Wujiang nel 2017, Xiamen nel 2016, Wujiang nel 2014 ma, soprattutto, è la prima sul vecchio continente. Come l’austriaca Jessica Pilz che pochi minuti prima aveva celebrato la sua prima vittoria di tappa in Coppa del Mondo, il 25enne ha scelto un palcoscenico d’eccezione per dimostrare che il secondo posto nella classifica generale della scorsa stagione ormai gli sta molto stretto. Per la cronaca, con questo oro Ghisolfi si aggiunge ad altri tre italiani che si sono imposti sotto il cielo stellato del Monte Bianco: Marcello Bombardi nel 2017, Flavio Crespi nel 2007 e Dino Lagni nel 2000. Che sia di buon auspicio!


Chamonix quattro giorni dopo. Riesci a spiegarci cosa significa questa vittoria?

La rottura della maledizione della Cina! Dimostrare di poter vincere anche "in casa" è stato importante, Chamonix è la gara con più partecipanti e con più pubblico, a differenza delle gare in Cina, vincere qui vale di più anche se una vittoria è comunque una vittoria. Ma se dovessi scegliere dove vorrei vincere, sceglierei Chamonix e Arco

In semifinale non sei stato il più bravo. Però si vedeva che stavi bene. Proprio bene…
Sì, mi sono sentito bene in semifinale, non al livello di Alex e Jakob che sono stati superiori su quella via, sembravano imprendibili, però si è visto dalla semi chi aveva le carte per giocarsi il podio. Anche se poi tutto può succedere.

Quella sera c’era una grandissima folla. Quando ti sei accorto e quanto influisce il pubblico sulla tua prestazione?
Non mi sono accorto di niente, ero molto concentrato e mi sembrava di essere da solo ad allenarmi, sono riuscito a staccarmi bene da quello che mi circondava. Mi sono reso conto di tutta la gente solo quando ho preso il top e mi sono girato verso il pubblico. La folla può incitare, ma anche distrarre e far crescere la tensione, bisogna saper sfruttare anche questo a proprio favore.

Hai fatto top in finale. Tra l’altro l’unico top in finale. Meglio di così non potevi fare, no?
Questa gara non poteva andare meglio, fare top da solo in finale e vincere è la perfezione, anche per quanto riguarda la tracciatura e lo spettacolo per il pubblico. Direi che ho scalato al massimo delle mie capacità.

Top tra l’altro a pochi secondi dalla fine. Ci hai tenuto con il fiato sospeso…
Ho sfruttato bene tutti i riposi che c'erano sulla via, calcolato quanto mi sarebbe servito per arrivare in cima e sono partito al momento giusto. Prima del lancio al top ho visto che avevo ancora parecchi secondi, mi sono preso ancora un attimo di pausa e sono ripartito, avanzando 21 secondi. Ho sempre controllato il tempo e non è stato un problema, anzi l'ho sfruttato a mio vantaggio cercando di recuperare per più secondi possibili.

Sembravi sempre in controllo. Ma per andare bene, serve più controllo e capacità di rischiare?
Ovviamente serve il giusto al momento giusto e sulla via giusta. Nella semifinale bisognava rischiare molto di più, per la tipologia di via, è stata molto più aleatoria. La finale invece era abbastanza da controllare, non ho avuto nessun dubbio e non ho mai rischiato di cadere. L'unico punto dove non ero sicuro di arrivare alla presa successiva è stato il lancio al top.

Dino Lagni nel 2000, Flavio Crespi 2007, Marcello Bombardi 2017, Stefano Ghisolfi 2018. Chamonix sembra portare bene agli italiani?
Chamonix è sempre stata un po' italiana, anche per la vicinanza forse, e molti dall'Italia vengono a vedere la gara. A dire il vero non so perché porta così bene agli italiani! In realtà per me è sempre stata una gara molto difficile, ho fatto fatica per anni a passare in semi e per altrettanti anni a passare in finale. Questi sono i miei risultati a Chamonix dal 2009 a oggi: 58°, 31°, 30°, 13°,16°, 25°, 7°, 2°, 7°, 1°.

Questo weekend c’è la gara di Briançon. Poi c’è il Rock Master ad Arco. Come vedi la stagione?
La stagione è molto più difficile dell'anno scorso, oltre a Schubert e Megos ad ogni gara ci sono molti boulderisti, come Narasaki, che rendono molto più difficile ogni turno di gara. Ogni errore, anche piccolo, può costa molte posizioni in classifica e anche l'ingresso in semifinale o finale. Con l'avvento delle olimpiadi sono aumentati i numeri dei partecipanti e anche il livello medio si è alzato parecchio. In più ad Arco ci sarà anche Adam Ondra, andare in finale e sul podio sarà veramente difficile.

Ultima domanda Stefano: non hai mai nascosto i tuoi obiettivi…
L'obiettivo di quest'anno, dopo il secondo posto dell'anno scorso, è vincere. Un altro obiettivo importante sono i mondiali di innsbruck, ci saranno tutti e nel massimo della forma. Centrare il podio sarebbe un sogno.

Link: www.stefanoghisolfi.it, FB Stefano Ghisolfi, Instagram Stefano Ghisolfi,La SportivaCamp

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Stefano Ghisolfi e Jessica Pilz: vittoria da brividi a Chamonix
14.07.2018
Stefano Ghisolfi e Jessica Pilz: vittoria da brividi a Chamonix
Ieri sera a Chamonix in Francia Stefano Ghisolfi ha vinto la seconda tappa della Coppa del Mondo Lead 2018. A salire sul gradino più alto del podio insieme al climber piemontese l’austriaca Jessica Pilz, per la prima volta nella sua carriera.
Stefano Ghisolfi vince in Cina
10.10.2017
Stefano Ghisolfi vince in Cina
Stefano Ghisolfi e Janja Garnbret sono i vincitori della sesta tappa della Coppa del Mondo Lead 2017 di Wujiang (Cina). La tappa della Coppa del Mondo Speed invece è stata vinta dai russi Aleksandr Shikov e Iuliia Kaplina.
Marcello Bombardi: a Chamonix un sogno diventa realtà
19.07.2017
Marcello Bombardi: a Chamonix un sogno diventa realtà
Intervista al climber Marcello Bombardi dopo la sua prima vittoria di una tappa della Coppa del Mondo di arrampicata Lead, a Chamonix lo scorso 13 luglio 2017.
La Cina non porta fortuna. Di Stefano Ghisolfi
21.11.2016
La Cina non porta fortuna. Di Stefano Ghisolfi
A cinque giorni dall'ultima tappa della Coppa del Mondo di arrampicata Lead 2016 che si disputerà sabato e domenica prossimi a Kranj in Slovenia, il climber Stefano Ghisolfi analizza la sua vittoria della sesta tappa a Xiamen in Cina a metà ottobre.
Stefano Ghisolfi primo nel Lead in Cina insieme a Mina Markovic
20.10.2014
Stefano Ghisolfi primo nel Lead in Cina insieme a Mina Markovic
Il 19 ottobre la sesta tappa della Coppa del Mondo Lead 2014 è stata vinta a Wujiang in Cina dall'italiano Stefano Ghisolfi e dalla slovena Mina Markovic. La tappa della Coppa del Mondo Speed è stata vinta da Qixin Zhong e da Mariia Krasavina
Stefano Ghisolfi e Janja Garnbret vincono la Coppa del Mondo Lead di Xiamen
24.10.2016
Stefano Ghisolfi e Janja Garnbret vincono la Coppa del Mondo Lead di Xiamen
A Xiamen in Cina si è disputata lo scorso weekend la sesta tappa della Coppa del Mondo Lead 2016, vinta dall’azzurro Stefano Ghisolfi e dalla slovena Janja Garnbret. Mentre Klaudia Buczek e Stanislav Kokorin hanno vinto l’ultima tappa della Coppa del Mondo Speed, a vincere la Coppa a fine stagione sono stati i polacchi Iuliia Kaplina e Marcin Dzienski.
Flavio Crespi e Maja Vidmar al top della World Cup Lead di Chamonix
16.07.2007
Flavio Crespi e Maja Vidmar al top della World Cup Lead di Chamonix
Il 13/07 a Chamonix (FRA) il campione italiano Flavio Crespi e la slovena Maja Vidmar si sono aggiudicati la terza tappa della IFSC World Cup Difficoltà. Jenny Lavarda è 7a.
14.07.2000
Coppa del Mondo difficoltà, vincono Lagni e Bodet
Il 13/7 a Chamonix nella finale della 1^ prova della Coppa del Mondo difficoltà s'impongono Dino Lagni e la francese Stéphanie Bodet.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni