Home page Planetmountain.com
Caterina Bassi a Cadarese su The Doors
Fotografia di archivio Caterina Bassi
Caterina Bassi a Cadarese su The Doors
Fotografia di archivio Caterina Bassi
Zorro, di Caterina Bassi e Martino Quintavalla
Fotografia di archivio Caterina Bassi

Caterina Bassi a Cadarese chiude The Doors

di

Lasciar andare per riuscire a godersi il viaggio. Il report di Caterina Bassi che ha effettuato una rara ripetizione femminile di The Doors, famosa via d’arrampicata in fessura a Cadarese in Valle Antigorio (Val d'Ossola).

Prima di tutto una premessa. Quello che trovate di seguito non è il racconto di una prestazione (quelli veramente bravi un tiro come The Doors lo chiudono in pochi tentativi), bensì di un viaggio tutto personale.

Ho provato per la prima volta The Doors in top rope qualche anno fa per capire che, allora, era completamente fuori portata. A fine maggio di quest’anno mi ci sono invece riavvicinata con più convinzione. Il tiro mi è subito sembrato bellissimo e molto particolare per la varietà dei movimenti: è un tiro di fessura, ma propone anche movimenti più tipici dell’arrampicata "normale". Sin da subito mi sono accorta che i movimenti erano non solo bellissimi ma anche alla mia portata, sebbene molto duri. In particolare la prima parte, con i suoi larghi incastri di dita, era davvero ostica. Avevo la sensazione di poter cadere in qualsiasi momento e non riuscivo a rendere la sequenza ripetibile come solitamente succede quando provo un tiro in falesia.

Nonostante le difficoltà, nel corso del mese di giugno sono riuscita a realizzare dei buoni link. Nel frattempo, però, ho cominciato a sviluppare una vera e propria ossessione, come non mi era mai successo. Le settimane di giugno sono trascorse tutte nello stesso modo: lavoro, consultazione delle previsioni del tempo, organizzazione degli allenamenti e delle uscite in falesia in modo tale da non arrivare stanca a provare il tiro, infinita ripetizione mentale dei movimenti.

Insomma, cercavo di avere il controllo su tutto, comprese le cose che non potevo controllare. Nonostante fossi consapevole del fatto che il super controllo avesse come unico effetto quello di assorbire energie, ero completamente bloccata. Vedevo il problema ma non riuscivo ad uscirne. Non facevo altro che pensare al momento in cui avrei potuto tornare a provare il tiro e non riuscivo più a godermi quel "resto" che è così prezioso: le persone a cui voglio bene, le semplici corse serali sopra casa dopo una giornata di lavoro, così liberatorie, una passeggiata con un amica. Più agivo in questo modo e più perdevo il gusto di scalare su The Doors: il tiro mi appariva come un nemico e il mio unico pensiero era quello di chiuderlo, non di scalarlo.

Nel frattempo tutti i miei incubi hanno cominciato a realizzarsi: sono infatti caduta almeno cinque volte sull’ultimo movimento, ogni volta un centimetro più in alto, e nell’ultima di queste cadute mi sono distorta una caviglia. All’inizio mi sono sentita come se tutte le sfortune del mondo fossero capitate a me. In realtà, dopo un paio di giorni, il riposo forzato mi ha permesso di mettere un po’ di sana distanza e di iniziare a fare quello in cui sono meno brava: "lasciar andare".

Quando un mese dopo sono tornata a Cadarese mi sembrava di pesare cento chili meno. Sono di nuovo caduta sull’ultimo movimento ma la frustrazione di un mese prima è stata sostituita dalla gioia di essere riuscita a superare la paura di cadere nello stesso punto in cui mi ero infortunata. Un paio di giorni dopo, con il vento da Nord, sono finalmente riuscita a chiudere il tiro.

In fin dei conti credo che la distorsione alla caviglia sia stata una cosa "positiva" perché mi ha permesso di scardinare l’approccio che spesso ho quando affronto una salita per me difficile, ovvero intestardirmi e controllare ogni particolare. In questo caso ho dovuto fare una piccola rivoluzione: accettare semplicemente quello che accadeva.

Tra le cose che ho dovuto accettare con una caviglia distorta c’è stata anche la bicicletta, che solitamente odio, consigliatami dalla fisioterapista. Proprio durante una salita in bicicletta sopra casa mi è capitato di vedere un gatto, magrissimo, che gironzolava nel bosco vicino alla strada, molto lontano dalle case del paese. Il fatto mi è sembrato strano e insieme al mio ragazzo, Martino, siamo tornati più sere, armati di scatolette di cibo, per vedere se ci fosse ancora. Per quattro giorni abbiamo trovato il gatto puntuale all’appuntamento e il quinto giorno Martino è riuscito, con scatto felino, a rinchiuderlo nella gabbietta. Come dice Andrea Camilleri, "non siamo noi a scegliere un animale per compagno, ma è lui che sceglie noi e oltretutto fa in modo che ci si continui a cullare nell’illusione di aver agito di nostra libera iniziativa". Grazie quindi alla mia caviglia distorta e alla bicicletta, ora abbiamo un gatto, Zorro, che è già diventato il re della casa.

So che ci saranno altre occasioni (arrampicatorie e non) in cui la mia tendenza a controllare tutto si ripresenterà. Il viaggio su The Doors, però, mi ha insegnato che "lasciare andare" è una concreta possibilità che spero in futuro di saper cogliere senza esservi costretta da un infortunio. In fin dei conti è proprio il "lasciar andare" che mi permette di raggiungere con più leggerezza i miei obiettivi e, soprattutto, di godermi il viaggio.

di Caterina Bassi

Caterina Bassi ringrazia Sherpa Mountain Shop

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Viaggio nell’iperspazio in Val di Mello per Caterina Bassi, Stefano Libera, Martino Quintavalla
03.09.2021
Viaggio nell’iperspazio in Val di Mello per Caterina Bassi, Stefano Libera, Martino Quintavalla
Il report di Caterina Bassi che insieme a Stefano Libera, Martino Quintavalla ha aperto Viaggio nell’iperspazio, una nuova via d’arrampicata allo Scoglio della Metamorfosi in Val di Mello
Ricordi sul Badile. Di Caterina Bassi
01.09.2021
Ricordi sul Badile. Di Caterina Bassi
Il Pizzo Badile nella Val Bregaglia regala con le sue vie dei momenti indimenticabili. Caterina Bassi ricorda cinque salite, lo Spigolo Nord, la Cassin e Hiroshima, la Via degli Inglesi e il Silenzio degli Eroi. Salite che hanno lasciato il segno.
Spettro di Brocken alla Roda Val della Neve in Val Bregaglia di Bassi, Libera e Quintavalla
29.12.2020
Spettro di Brocken alla Roda Val della Neve in Val Bregaglia di Bassi, Libera e Quintavalla
Il report di Martino Quintavalla che tra agosto e settembre insieme a Caterina Bassi e Stefano Libera ha aperto Spettro di Brocken, una nuova via di più tiri al Pizzo Val della Neve in Val Bregaglia.
Val di Mello, nuova via all'Escudo del Qualido di Caterina Bassi e Martino Quintavalla
29.10.2019
Val di Mello, nuova via all'Escudo del Qualido di Caterina Bassi e Martino Quintavalla
Il report di Caterina Bassi che insieme a Martino Quintavalla ha aperto El despertador fotonico, una nuova via d’arrampicata sulla parete sud dell' Escudo del Qualido in Val di Mello.
Caterina Bassi ripete Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad a Cadarese
24.05.2019
Caterina Bassi ripete Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad a Cadarese
A Cadarese in Val d'Ossola Caterina Bassi ha salito Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad liberata da Sean Villanueva nel 2010.
Fiori nei Cannoni, prima libera in Val di Mello per Bassi e Quintavalla
10.09.2018
Fiori nei Cannoni, prima libera in Val di Mello per Bassi e Quintavalla
Il report di Martino Quintavalla della prima libera, effettuata insieme a Caterina Bassi, di Fiori nei Cannoni sulla parete sud dell' Escudo del Qualido, la via aperta sopra la Val di Mello nel 1995 da Simone Pedeferri e Stefano Pizzagalli.
Cadarese trad: 10 vie d'arrampicata in fessura in Val d'Ossola
17.11.2015
Cadarese trad: 10 vie d'arrampicata in fessura in Val d'Ossola
Maurizio Oviglia presenta 10 vie a Cadarese in Val d'Ossola, propedeutiche per l'arrampicata in fessura trad.
Hazel Findlay ripete The Doors a Cadarese
22.08.2012
Hazel Findlay ripete The Doors a Cadarese
La climber inglese Hazel Findlay ha visitato la falesia Cadarese dove ha ripetuto, tra le varie vie, anche la famosa The Doors.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra