Home page Planetmountain.com
Pizzo Badile: Caterina Bassi sullo Spigolo Nord
Fotografia di archivio Caterina Bassi
Pizzo Badile: Cristian Martinelli sui tiri finali della via Cassin
Fotografia di archivio Caterina Bassi
Pizzo Badile: sul settimo tiro di Hiroshima
Fotografia di archivio Caterina Bassi
Pizzo Badile: nel diedro finale della via degli Inglesi
Fotografia di archivio Caterina Bassi

Ricordi sul Badile. Di Caterina Bassi

di

Il Pizzo Badile nella Val Bregaglia regala con le sue vie dei momenti indimenticabili. Caterina Bassi ricorda cinque salite, lo Spigolo Nord, la Cassin e Hiroshima, la Via degli Inglesi e il Silenzio degli Eroi. Salite che hanno lasciato il segno.

Il Badile mi ha sempre regalato vie (o forse sarebbe meglio dire viaggi!) importanti. Il secondo lockdown mi aveva fatto venire voglia di mettere nero su bianco alcuni ricordi.

Primo ricordo: nel 2008, insieme al mio maestro dei primi anni, Benedetto, salgo per la prima volta lo spigolo Nord e ne sono entusiasta. Delle mie prime vie ricordo solo cose belle. Quando mi capita di ripercorrerne avvicinamenti e discese, mi accorgo infatti di aver attuato un processo sistematico di rimozione delle rotture di scatole, come le infinite discese spaccaginocchia: forse succede quando si è davvero troppo contenti!

Secondo ricordo: la Cassin, con Martino e Cristian, e la discesa dalla Gianetti post temporale con una bruttissima calzamaglia da uomo (con tanto di patta imbarazzante) prestatami da Cristian.

Terzo ricordo: Hiroshima, quattro anni fa, con Martino. Siamo abbastanza abituati all’arrampicata in placca e decidiamo di ripetere questa temuta via dei fratelli Libera sulla Est-Nord-Est. L’avvicinamento è di per se complicato: salita alla Gianetti, colle del Cengalo e discesa in doppia sul versante Nord dal canale del Cengalo, discesa della quale abbiamo sentito racconti inquietanti di corde spezzate, impossibilità di tornare indietro ed altre amenità.

Il giorno prima, forse è la prima volta che mi capita, mi accorgo di non riuscire a gestire contemporaneamente nella mia testa tutti gli aspetti e le implicazioni della salita. Per una persona come me, con uno spiccato senso per il controllo, non è cosa facile. Mi devo però arrendere: forse per la prima volta mi pongo in un atteggiamento di totale accettazione. Mi concentro solo su quello che faccio in ogni momento: l’avvicinamento, la discesa in doppia nel canale, la ricerca dell’attacco…

La via è molto bella, impegnativa e un po’ paurosa, anche perché il Cengalo decide di franare accanto a noi e, per tutta la giornata, ci tiene compagnia con rumori di crolli. Solo la sera, in rifugio, ci rendiamo conto che la frana è talmente grande che ha sconvolto la val Bregaglia e causato la morte di alcune persone. La salita diventa ancora più paurosa quando incappiamo nella classica nuvola di Fantozzi, non prevista da nessun meteo, che si avvicina minacciosamente, ci scarica addosso cinque minuti di grandine e se ne va, lasciandoci fradici a percorrere gli ultimi tiri (per fortuna facili) nel catino terminale. Arrivati in cima sono contentissima e quasi non ci credo di aver ripetuto Hiroshima a vista! Ci accorgiamo di avere ancora sul casco le frontali del mattino: si vede proprio che durante la giornata abbiamo avuto altro a cui pensare!

Quarto ricordo: La via degli Inglesi sulla parete Est-Nord-Est, due anni fa, sempre con Martino. Oltre alle placche, sul Badile ci sono anche le fessure! La via è bellissima, logicissima e alpinistica. Sono molto contenta di riuscire a percorrerla tutta a vista (o flash nei tiri che ho fatto da seconda). Highlight della giornata: un scabroso camino nella prima parte della via con una vera e propria cascata d’acqua che ti entra nel collo. Consiglio la lettura del goliardico report di Isherwood sull’apertura della via a questo link: https://www.alpinejournal.org.uk

Il passaggio più bello, secondo me, è questo che descrive il ritorno a valle di Mike Kosterlitz e Dick Isherwood che, tradotto in italiano, suona più o meno così: "Avemmo diritto ad un bagno gratis all’hotel dei Bagni di Masino, dove l’acqua era, non solo curativa, ma anche radioattiva e cenammo in grande stile, ospiti della direzione dell’hotel. Prima della cena, ci mostrarono un modellino in gesso di una montagna, riconoscibile come il Pizzo Badile solo dai nomi delle vie scritti sopra. Ci chiesero di disegnare la nostra via con una linea puntinata, come le altre vie già presenti. Non si riusciva a riconoscere alcun particolare della parete e così disegnammo una linea dritta al centro del modellino, nello spazio tra la via Corti e la via Cassin. Gli spettatori che si erano radunati furono molto impressionati e qualcuno disse la parola magica - Direttissima. Andammo a cena molto soddisfatti di noi stessi."

Quinto ricordo: la parete Nord-Ovest, l’anno scorso, con Martino e Stefano. Stefano l’abbiamo conosciuto per la prima volta proprio condividendo alcune doppie in discesa dalla via degli Inglesi. Partiamo alla volta della parete Nord-Ovest con in testa un paio di obiettivi. E’ un estate strana. Il lockdown della primavera mi ha scombussolato. Come dice Smaranda sul suo blog (www.smarandachifu.com), "per andare in montagna bisogna schermarsi un po’ dal resto della propria vita. Perché se iniziassi a pensare al resto, perderei la concentrazione e mi ricorderei quant’è importante quel “resto” e quanto comunque non vorrei mai perderlo”. Descrizione perfetta del mio stato d’animo dell'estate scorsa: è stato proprio difficile creare quello schermo e spingermi fuori dalla mia zona di comfort! Nonostante ciò, ho comunque fatto tanti viaggi tra le montagne di casa. Ci sono però stati anche molti cambi di programma e qualche aspettativa delusa. La Nord-Ovest del Badile è proprio uno di questi cambiamenti di programma. Il ghiacciaio della Bondasca è infatti in condizioni talmente proibitive da non permetterci di raggiungere l’attacco del nostro obiettivo originale. Ripieghiamo quindi sulla bella “Il silenzio degli eroi” di Pizzagalli & co., che ci regala una bellissima scalata in placca.

I ricordi sono finiti (per ora!). Quale sarà il prossimo?

di Caterina Bassi

Caterina Bassi ringrazia Sherpa Mountain Shop

SCHEDA: Hiroshima, Pizzo Badile


SCHEDA: Via degli Inglesi, Pizzo Badile

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sul Pizzo Badile l’ultimo saluto a Matteo Bernasconi dai Ragni di Lecco
06.07.2020
Sul Pizzo Badile l’ultimo saluto a Matteo Bernasconi dai Ragni di Lecco
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dei Ragni di Lecco che ieri, domenica 5 luglio, sono saliti sul Pizzo Badile, la cima simbolo delle montagne del Masino Bregaglia, per spargere le ceneri di Matteo Bernasconi
Val di Mello, nuova via all'Escudo del Qualido di Caterina Bassi e Martino Quintavalla
29.10.2019
Val di Mello, nuova via all'Escudo del Qualido di Caterina Bassi e Martino Quintavalla
Il report di Caterina Bassi che insieme a Martino Quintavalla ha aperto El despertador fotonico, una nuova via d’arrampicata sulla parete sud dell' Escudo del Qualido in Val di Mello.
Pizzo Badile Free Nardella salita da Marcel Schenk e David Hefti
03.10.2019
Pizzo Badile Free Nardella salita da Marcel Schenk e David Hefti
Gli alpinisti svizzeri Marcel Schenk e David Hefti hanno salito la Via Nardella al Piz Badile (Gruppo Masino - Bregaglia - Disgrazia), aperta nel 1973 da Daniele Chiappa, Giulio Martinelli, Tiziano Nardella e Elio Scarabelli. Hefti e Schenk hanno salito a-vista tutti i tiri, tranne due che sono stati saliti in libera dal secondo di cordata.
Caterina Bassi ripete Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad a Cadarese
24.05.2019
Caterina Bassi ripete Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad a Cadarese
A Cadarese in Val d'Ossola Caterina Bassi ha salito Turkey crack, la difficile fessura di arrampicata trad liberata da Sean Villanueva nel 2010.
La Cassin al Badile per Marco Anghileri
27.08.2013
La Cassin al Badile per Marco Anghileri
Marco Anghileri e la salita della mitica via Cassin alla parete Nord-Est del Pizzo Badile
Memento Mori al Pizzo Badile, prima solitaria per Rossano Libera
23.07.2012
Memento Mori al Pizzo Badile, prima solitaria per Rossano Libera
Tra il 17 e il 18 luglio Rossano Libera, guida alpina e alpinista di Sondrio, ha realizzato la prima solitaria e 2a ripetizione, della direttissima Memento Mori sulla parete Nord Est del Pizzo Badile. Una via e una salita che molti definiscono la 'più allucinante' della parete.
Badile 70 anni dopo
11.10.2007
Badile 70 anni dopo
Il 13/10 a Bondo, per ricordare i 70 anni della prima storica salita di Riccardo Cassin al Pizzo Badile, è in programma un incontro/evento tra storia, cultura e alpinismo a cui interverranno molti protagonisti dell’alpinismo del Pizzo Badile, per l’organizzazione della Fondazione Cassin in collaborazione con il CAS Val Bregaglia.
09.08.2006
Il silenzio degli eroi, nuova via di Soldarini, Pizzagalli, Sanpietro al Pizzo Badile
08/2006 Domenico "Dodo" Soldarini, Stefano "Pizza" Pizzagalli e Alberto Sanpietro hanno completato una nuova via sul Pizzo Badile: “Il silenzio degli eroi” 6c e 6c obbl.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra