Home page Planetmountain.com
La falesia di Oliana in Spagna, devastata dal rogo del 19/06/2022. 'Uno scenario apocalittico. Grazie a Dio, nessuno è rimasto ferito e i vigili del fuoco hanno svolto un lavoro straordinario, un enorme ringraziamento per il loro coraggio e duro lavoro.'
Fotografia di Patxi Usobiaga archive
La falesia di Oliana in Spagna, devastata dal rogo del 19/06/2022
Fotografia di Patxi Usobiaga archive
La falesia di Oliana in Spagna, devastata dal rogo del 19/06/2022
Fotografia di Patxi Usobiaga archive
Le fiamme devastano Oliana in Spagna,19/06/2022
Fotografia di Patxi Usobiaga archive

Un incendio devasta Oliana in Spagna

di

Gli incendi che imperversano in tutta la Spagna sono divampati anche ad Oliana, recando danni ad una delle falesie più famose al mondo

Parti dell'Europa meridionale stanno attualmente facendo i conti con un'ondata di caldo di proporzioni senza precedenti e la Spagna, in particolare, è colpita da violenti incendi ed alte temperature che hanno costretto migliaia di residenti a evacuare le loro case e hanno portato alla distruzione di migliaia di ettari di terra. Nelle prime ore di domenica pomeriggio è scoppiato un incendio ad Oliana, la falesia catalana di fama internazionale che ospita alcune delle vie sportive più difficili al mondo come La Dura Dura. Solo dopo un enorme sforzo i vigili del fuoco sono riusciti a contenere le fiamme lunedì mattina.

Svana Bjarnason, una climber francese di origini islandesi, ha assistito al drammatico rogo. Racconta sul suo account Instagram "Faceva ancora molto caldo e il vento stava raggiungendo i 50 km/h, quindi il rogo sì è intensificato e ha viaggiato abbastanza velocemente. Ha raggiunto rapidamente la foresta sotto la falesia, poi la falesia stessa. Per ore la falesia è stata preso dal fuoco e dal fumo. Poi, a causa del vento, le fiamme hanno cambiato direzione, continuando dietro la falesia. Solo la mattina successiva sono riusciti a controllare e fermare il fuoco".

Due giorni dopo lo scoppio dell'incendio è stato permesso ai climber di salire e valutare i danni. Bjarnason ha descritto quello che ha visto come "Uno scenario apocalittico. Grazie a Dio, nessuno è rimasto ferito e i vigili del fuoco hanno svolto un lavoro straordinario, un enorme ringraziamento per il loro coraggio e duro lavoro."

I climber del posto guidati da Patxi Usobiaga e Dan Forgeng stanno attualmente valutando i danni ma le prime segnalazioni sono che "la parte sinistra della parete è stata gravemente alterata (dalla via "Michi"), rinvii fissi bruciati e molti appigli sono ora a terra. Il primo strato di roccia è distrutto, si stacca solo toccandolo. Avrebbe bisogno di una massiccia pulizia e richiodatura. Ma le vie non saranno mai più le stesse.

Il muro principale e quello di destra SEMBRA ok ma alcuni appigli si sono staccati e sono anche a terra, a volte grossi pezzi. In altre zone inevitabilmente la roccia è stata alterata dal calore del fuoco. Potrebbero esserci delle micro fessure, ciò che non si è rotto oggi potrebbe rompersi più tardi, per adesso è impossibile sapere cosa è solido o meno. Inoltre, non ho idea della resistenza dei rinvii e degli spit, ma sembra ovvio che sia stata alterata dal calore del fuoco".

Mentre i climbers locali hanno già lanciato una campagna crowdfunding per aiutare a ricostruire la falesia, vale la pena sottolineare che il cambiamento climatico sta portando a ondate di caldo sempre più frequenti ed estreme. La questione degli incendi, come sottolinea la dottoranda sul cambiamento climatico Lena Müller, non può che aumentare a causa della crisi climatica.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Arrampicata, alpinismo e cambiamenti climatici
02.07.2020
Arrampicata, alpinismo e cambiamenti climatici
In che modo può il nostro amore per l’arrampicata, per l’alpinismo e per la montagna influenzare il clima? E cosa possiamo fare per cambiare questo processo? Ecco le idee e le osservazione della climber tedesca Lena Müller, che attualmente sta facendo un dottorato di ricerca sugli effetti dei cambiamenti climatici all'Università di Innsbruck e che recentemente ha ripetuto l'E9 Prinzip Hoffnung a Bürs in Austria.
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul Monte Bianco, a rischio crollo
25.09.2019
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul Monte Bianco, a rischio crollo
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul versante italiano delle Grandes Jorasses (Monte Bianco) è a rischio crollo. Chiusa la strada della Val Ferret. Eppure sembra che nulla ci scuota.
Sulle tracce dei ghiacciai: com'è cambiata la Patagonia in 100 anni
25.05.2017
Sulle tracce dei ghiacciai: com'è cambiata la Patagonia in 100 anni
Il video trailer di Fabiano Ventura che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sui ghiacciai della Patagonia.
Parco Nazionale delle Torri del Paine, primi confronti fotografici sui ghiacciai della Patagonia
09.03.2016
Parco Nazionale delle Torri del Paine, primi confronti fotografici sui ghiacciai della Patagonia
È attualmente in corso la spedizione del fotografo Fabiano Ventura nel Parco Nazionale delle Torri del Paine in Cile, Patagonia. Sulle orme di Alberto Maria De Agostini e nell'ambito del progetto pluriennale Sulle tracce dei ghiacciai la spedizione documenterà gli effetti di oltre 100 anni di cambiamenti climatici.
Chasing ice, il crollo enorme del ghiacciaio in Groenlandia
09.02.2013
Chasing ice, il crollo enorme del ghiacciaio in Groenlandia
La storica rottura del ghiacciaio Ilulissat in Groenlandia, filmato per il progetto Chasing Ice.
28.09.2004
Yvon Chouinard, la Responsabilità Collettiva verso la Terra
Yvon Chouinard, fondatore dell'azienda america di capi per la montagna e l'outdoor Patagonia, spiega la sua politica ambientale.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós