Home page Planetmountain.com
L'avancorpo sud delle Grandes Jorasses versante sud, massiccio del Monte Bianco
Fotografia di Enrico Bonino
La mappa della Val Ferret e la zona chiusa tra le località Montitaz e Planpinceux e la strada interpoderale per la località Rocheroft per il potenziale rischio glaciale legato al ghiacciaio di Planpinceux.
Fotografia di Fondazione Montagna Sicura

Il ghiacciaio del Planpincieux, sul Monte Bianco, a rischio crollo

di

Il ghiacciaio del Planpincieux, sul versante italiano delle Grandes Jorasses (Monte Bianco) è a rischio crollo. Chiusa la strada della Val Ferret. Eppure sembra che nulla ci scuota.

L'ultima notizia viene dal Monte Bianco. Più precisamente dal versante italiano delle Grandes Jorasses: il ghiacciaio del Planpincieux rischia di crollare. Si parla di un possibile distacco fino ad un massimo stimato in circa 250.000 metri cubi di ghiaccio. Questa mattina la notizia è riportata da tutti i media, ma già da ieri era rimbalzata su molte testate online.

A dare l'allarme sono state la Regione Valle d’Aosta e la Fondazione Montagna Sicura, dopo aver riscontrato l'aumento della velocità di scivolamento del ghiacciaio che si sposterebbe verso valle di 50-60 centimetri al giorno. Chiaro dunque il pericolo di un crollo anche molto importante. Per questo il Comune di Courmayeur ha chiuso la strada della Val Ferret, la stupenda Valle che corre ai piedi delle Grandes Jorasses, l'Aiguille de Triolet e il Mont Dolent.

Già il 4 Settembre scorso il Sindaco del Comune di Courmayeur aveva emesso un'ordinanza (la n. 3517) che - come riportato nel sito della Fondazione Montagna Sicura - presciveva "il divieto di accesso e di transito al sentiero che conduce al Rifugio Boccalatte-Piolti e all'area sottostante il seracco Whymper delle Grandes Jorasses. L'ordinanza si rende necessaria poiché, a seguito delle segnalazioni pervenute dalla Struttura regionale “Assetto idrogeologico dei bacini montani”, è stato evidenziato un aumento del rischio relativo al possibile crollo di una porzione di seracco proveniente dal ghiacciaio delle Grandes Jorasses (stimato in massimo 175.000 m3) in Val Ferret."

Quasi inutile dire (e ribadire) che questo è l'ultimo segnale in ordine di tempo. Eppure non riusciamo a fare nulla. I ghiacciai si sciolgono e crollano. Le montagne si sgretolano. Le tempeste distruggono in nostri boschi come un flagello (ci siamo già dimenticati di quello che ha fatto Vaia alle nostre Dolomiti?). Ma sembra che nulla ci scuota. Che nulla cambi. Che nulla ci convinca ad invertire, seppur minimamente, quell'inerzia che - come avverte da tempo la totalità della comunità scientifica - ci porterà irreparabilmente a sbattere.

di Vinicio Stefanello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il seracco delle Jorasses, intervista a Michèle Curtaz della Fondazione Montagna Sicura
26.09.2014
Il seracco delle Jorasses, intervista a Michèle Curtaz della Fondazione Montagna Sicura
In data 16/09/2014, il Sindaco di Courmayeur ha emesso una ordinanza di divieto di passaggio sia sul sentiero che conduce al rifugio Boccalatte che sulle aree sottostanti al seracco Wymper delle Grandes Jorasses. Un eccesso di zelo da parte dell'amministrazione comunale o il pericolo di crollo del seracco era reale? Tra il 20 e il 22 settembre il distacco di una parte di questo ha certificato la bontà della scelta, che è stata presa in seguito alla segnalazione della Fondazione montagna sicura. Intervista di Elio Bonfanti a Michèle Curtaz della Fondazione Montagna Sicura.
28.09.2004
Yvon Chouinard, la Responsabilità Collettiva verso la Terra
Yvon Chouinard, fondatore dell'azienda america di capi per la montagna e l'outdoor Patagonia, spiega la sua politica ambientale.
Crollo sull'Arête des Cosmiques, Monte Bianco
27.08.2018
Crollo sull'Arête des Cosmiques, Monte Bianco
Un crollo importante ha interessato l’Arête des Cosmiques il 22 agosto 2018. La Chamoniarde sconsiglia vivamente di percorre la famosa cresta nel massiccio del Monte Bianco.
Crollo sulla Tour Ronde, Monte Bianco
27.08.2015
Crollo sulla Tour Ronde, Monte Bianco
Oggi, giovedì 27/08/2015 si è registrato uno spettacolare crollo sulla SE del Tour Ronde, Monte Bianco. Il video e le foto della guida alpina Gianluca Marra.
Civetta, crollo sulla Cima Su Alto in Dolomiti
21.11.2013
Civetta, crollo sulla Cima Su Alto in Dolomiti
Il 16 novembre 2013 è crollato una parte dello spigolo nord ovest della Cima Su Alto nel gruppo del Civetta in Dolomiti.
Sass Maor, il crollo alla base della est
21.12.2011
Sass Maor, il crollo alla base della est
E' crollata una sezione alla base della parete est del Sass Maor, Pale di San Martino, Dolomiti.
12.07.2006
A rischio di crollo la est dell'Eiger
Due milioni di metri cubi della parete est dell'Orco possono precipitare e schiantarsi a Valle a causa di un'enorme fenditura orizzontale lunga quasi 300 che incide, a 1600m di quota, la prima parte della parete orientale della mitica montagna dell'Oberland bernese, in Svizzera.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni