Home page Planetmountain.com
Davide Battistella. 'In questo momento il carico di lavoro è aumentato notevolmente, ma lo si sostiene con senso del dovere e con abnegazione; siamo tutti impegnati in una guerra difficile, ma siamo certi che la vinceremo, con la professionalità delle varie componenti impegnate sul campo, ma soprattutto con la grande forza di volontà che gli italiani sanno dimostrare in queste occasioni.'
Fotografia di archivio Davide Battistella
Davide Battistella. 'Sicuramente finché non ci sarà un vaccino la nostra frequentazione nelle sale di arrampicata piuttosto che in falesia dovrà essere effettuata con molte precauzioni, ma con un buona organizzazione e standard operativi di disinfezione ben studiati e condivisi, sono convinto che potremo riprendere l’attività che più ci sta a cuore, magari con una mascherina e una bella scorta di magnesite liquida… e qualche abbraccio in meno…'
Fotografia di archivio Davide Battistella
Il presidente CONI Giovanni Malagò con il presidente FASI Davide Battistella
Fotografia di archivio Davide Battistella
Davide Battistella sale No Siesta 8b allo Specchio di Atlantide al Muzzerone
Fotografia di archivio Battistella

Davide Battistella, Covid19, esperienza personale e futuro dell'arrampicata sportiva

di

Abbiamo interpellato Davide Battistella, medico di emergenza sanitaria territoriale 118 CNSAS e presidente della FASI (Federazione Italiana Arrampicata Sportiva), per avere un suo punto di vista sull'esperienza che sta vivendo come medico e su qualche spunto per intravedere il futuro del movimento dell'arrampicata sportiva di gara.

Lavorando per tanti anni in un sistema di emergenza ne ho viste un pò di tutti i colori: dai terremoti alle maxi emergenze, ai disastri e le alluvioni su tutto il territorio italiano, alla partecipazione col team sanitario del 118 Liguria in Sri Lanka subito dopo lo Tsunami del 2004, ma una situazione come questa, una guerra contro un nemico invisibile e altamente pericoloso, non era mai capitata né a me, né ai miei colleghi dell’emergenza.

La pandemia del Covid19 ci ha colti in qualche modo impreparati. Lo dimostrano le drammatiche perdite di tanti medici e infermieri che, soprattutto nelle prime regioni interessate (Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) hanno combattuto in prima linea per salvare la vita dei pazienti infettati, con scarsi dpi e poca conoscenza della situazione reale, mettendo a rischio la propria vita ma anche quella dei propri  familiari, costretti quotidianamente a condividere le ansie e le paure del contagio.

Per chi fa questo lavoro ed è sulla linea del fronte le preoccupazioni sono tante: il corretto utilizzo dei dpi e dei dispositivi sanitari e la loro successiva sanificazione, la vestizione e svestizione dopo l’intervento, e soprattutto l’intervento sul paziente e le manovre sanitarie, ulteriormente complicate da tutta la bardatura.

E poi c’è il ritorno a casa, dalla famiglia, con l’effettuazione di vari passaggi di disinfezione e tutti gli accorgimenti possibili, al fine di evitare qualsiasi forma di contagio. Una vita non facile.

In questo momento il carico di lavoro è aumentato notevolmente, ma lo si sostiene con senso del dovere e con abnegazione; siamo tutti impegnati in una guerra difficile, ma siamo certi che la vinceremo, con la professionalità delle varie componenti impegnate sul campo, ma soprattutto con la grande forza di volontà che gli italiani sanno dimostrare in queste occasioni.

Certo che quest’anno doveva essere per l’arrampicata e la Fasi un anno importantissimo, per la crescita che questo sport ha avuto negli ultimi tempi, ma soprattutto per la partecipazione a Tokyo alle prime Olimpiadi, con i nostri splendidi atleti; tutto andava al massimo dei giri, ma poi è arrivato ‘lui’’, un essere microscopico, che in pochissimo tempo ci ha fatto capire quanto l’uomo e tutti i suo progetti, buoni o cattivi, poco contano quando è in gioco la sopravvivenza dell’umanità.

Questo periodo che stiamo trascorrendo blindati nelle proprie case, quasi agli arresti domiciliari, sicuramente ci farà capire che nella vita nulla è scontato, come una banale passeggiata nel bosco o un giro in mountain bike, o andare in libertà a scalare in una falesia. Tutte cose che riprenderemo sicuramente a fare a tempo debito, ma che sono convinto avranno un sapore diverso…

Stiamo lavorando come Fasi alla predisposizione di protocolli adeguati da condividere con la Federazione medico sportiva italiana e l’Istituto Superiore di sanità per essere pronti dal momento della ripresa delle attività, in modo da tutelare la salute dei nostri atleti tecnici e praticanti, per tornare nelle nostre palestre, che in questo periodo di stop stanno soffrendo davvero tanto.

Abbiamo fatto, come Federazione, istanze importanti con tutte le Dsa (discipline sportive associate) al presidente del CONI Giovanni Malagò e al Ministro dello sport Vincenzo Spadafora, per venire incontro alle tante problematiche economiche in cui versano in questo momento tutte le asd/ssd; senza un aiuto concreto da parte dello stato la ripartenza sarà veramente difficile, ma siamo fiduciosi che con la passione e la forza di volontà di queste strutture e l’aiuto degli organismi sportivi si ripartirà più forti di prima alla volta di Tokyo 2021! 

Sicuramente finché non ci sarà un vaccino la nostra frequentazione nelle sale di arrampicata piuttosto che in falesia dovrà essere effettuata con molte precauzioni, ma con un buona organizzazione e standard operativi di disinfezione ben studiati e condivisi, sono convinto che potremo riprendere  l’attività che più ci sta a cuore, magari con una mascherina e una bella scorta di magnesite liquida… e qualche abbraccio in meno…


Davide Battistella
Nato nel 1969, Davide Battistella è sposato e ha tre figlie. Ha iniziato ad arrampicare nel 1978 sulle vie classiche delle Alpi Apuane e sulle Dolomiti prima di scoprire l’arrampicata sportiva. Ha partecipato alle prime gare di arrampicata sportiva a Bardonecchia ed è diventato uno dei protagonisti della falesia del Muzzerone vincino a La Spezia (Liguria) dove ha attrezzato e liberato numerose vie, e dove ha realizzato una delle prime ripetizioni di No Siesta allo Specchio di Atlantide, nel 1994. Ha continuato il suo impegno con l’arrampicata diventando istruttore nazionale di arrampicata libera del CAI ed istruttore di arrampicata sportiva della Federazione Arrampicata Sportiva Italiana. Parallelamente, ha finito i suoi studi in medicina ed è diventato medico di emergenza sanitaria territoriale 118 CNSAS, medico FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana) e medico nazionale FASI. Dopo essere stato eletto nel consiglio nazionale della F.A.S.I. nel 2017, dal giugno 2019 ricopre il ruolo di Presidente della FASI (Federazione Italiana Arrampicata Sportiva).

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Arrampicatori, regole e Coronavirus
14.04.2020
Arrampicatori, regole e Coronavirus
Una riflessione sul mancato rispetto delle norme per l’emergenza Covid-19 da parte di alcuni climber (ma non solo).
Il libro del Gruppo Gamma per aiutare l'ospedale di Lecco
11.04.2020
Il libro del Gruppo Gamma per aiutare l'ospedale di Lecco
Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato con cui il Gruppo alpinistico Gamma di Lecco lancia una sottoscrizione a favore dell'ospedale di Lecco aderendo all'iniziativa 'Aiutiamoci' della Fondazione Comunitaria del Lecchese.
La mia quarantena. Il Covid-19 raccontato dagli alpinisti
11.04.2020
La mia quarantena. Il Covid-19 raccontato dagli alpinisti
Una piccola antologia di scritti, pensieri e poesie di alpinisti in quarantena per il Coronavirus. A cura di Pietro Lacasella.
Incidente del 6 aprile 2020 a Madonna di Campiglio. Il comunicato delle Guide Alpine Italiane
08.04.2020
Incidente del 6 aprile 2020 a Madonna di Campiglio. Il comunicato delle Guide Alpine Italiane
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa delle Guide Alpine Italiane in merito all’incidente di una guida alpina il 6 aprile a Madonna di Campiglio che ha richiesto l’intervento del Soccorso Alpino.
Arrampicatori Culturisti - capitolo 1 / Il peso della cultura
09.04.2020
Arrampicatori Culturisti - capitolo 1 / Il peso della cultura
Un piccolo infinito viaggio in 4 capitoli tra climbing training e letteratura per pensare e volare oltre le pareti domestiche. Si inizia con Il Viaggio al termine della notte di Louis-Ferdinand Céline interpretato con parole, training e video da Andrea Tosi.
Un punto di vista: la montagna in fase 3 Covid-19
07.04.2020
Un punto di vista: la montagna in fase 3 Covid-19
Guido Luccisano e Matteo Michelini, appassionati alpinisti, condividono il loro punto di vista circa le attività di montagna nella futura cosiddetta fase 3 del COVID-19.
Custodi del Silenzio
07.04.2020
Custodi del Silenzio
Una riflessione e una storia di Giovanni Spitale che riesce ad interpretare anche questi nostri giorni.
Fare la propria parte
23.03.2020
Fare la propria parte
Ora più che mai serve l'impegno di tutti. Restare a casa, fare la propria parte, è quello che si deve fare per il bene di tutti, per riconquistare la felicità e anche la libertà di ritornare in montagna.
Porsi domande e accogliere l'inaspettato ai tempi del coronavirus
22.03.2020
Porsi domande e accogliere l'inaspettato ai tempi del coronavirus
Quando tutto questo sarà finito saremo cambiati abbastanza per ripartire con un pensiero e una visione diversi? Il pensiero di Michele Comi, alpinista e Guida alpina della Valmalenco, che guardando al bosco e alle montagne attorno a casa sua ci invita a resistere coltivando la speranza per una grande e profonda ripartenza.
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
18.03.2020
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
L’appello di Klaas Willems, fortissimo climber belga affetto da fibrosi cistica, di stare a casa per ridurre il rischio di diffusione del Coronavirus.
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
16.03.2020
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
Un messaggio di speranza, in questo periodo emotivamente provante, da parte della Dottoressa Ester Del Signore, oncologa dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, che 'nel tempo libero si dedica alla montagna a 360°'
La cordata contro il Coronavirus
15.03.2020
La cordata contro il Coronavirus
Siamo chiamati ad una prova epocale, di difficoltà altissima. Dobbiamo usare tutta la nostra forza e la nostra esperienza. E dobbiamo farlo tutti assieme. Solo così andrà tutto bene.
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
10.03.2020
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
L’appello del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), pubblicato originariamente sulla pagina facebook, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. La prima regola: uscire di casa solo per esigenze essenziali.
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
09.03.2020
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
L'appello di Stefano Ghisolfi, uno dei climber più forti, di non sottovalutare l'emergenza Coronavirus e di stare il più possibile a casa.
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
08.03.2020
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
Con le palestre indoor chiuse, molti arrampicatori tornano a considerare l'arrampicata in falesia. Ma non bisogna dimenticare che ora, tra zone rosse e non, è indispensabile essere ancora più responsabili, per noi e per gli altri. Buona arrampicata (se potete) e un abbraccio a tutti, da almeno un metro di distanza.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock