Home page Planetmountain.com
Il Vallone del Grand Etrét in Valsavarenche spoglio di neve, fotografato il 26 maggio 2022. La concomitanza di una straordinaria siccità invernale-primaverile - iniziata a novembre 2021 - e di un maggio 2022 precocemente estivo ha determinato un’eccezionale carenza di neve sui ghiacciai del Parco Nazionale Gran Paradiso.
Fotografia di Alberto Rossotto

Cambiamenti climatici: neve eccezionalmente scarsa sui ghiacciai del Gran Paradiso

di

Eccezionale scarsità di neve sui ghiacciai del Gran Paradiso a causa dei cambiamenti climatici. Situazione allarmante sui ghiacciai del Grand Etrét (Valsavarenche) e Ciardoney (Val Soana), con accumuli nevosi inferiori a metà del normale, e fusione in anticipo di un mese e mezzo.

La concomitanza di una straordinaria siccità invernale-primaverile - iniziata a novembre 2021 e tuttora in corso - e di un maggio 2022 precocemente estivo ha determinato un’eccezionale carenza di neve sui ghiacciai del Parco Nazionale Gran Paradiso. La marcata anomalia, che pone i presupposti per gravose perdite di massa glaciale nell’estate 2022, è stata documentata dalle misure effettuate dal team del Corpo di Sorveglianza specializzato nel monitoraggio dei ghiacciai sul ghiacciaio del Grand Etrét in Valsavarenche e, in collaborazione con la Società Meteorologica Italiana, su quello del Ciardoney in Valle Soana.

GHIACCIAIO DEL GRAND ETRÉT
Inizio di stagione allarmante per il Ghiacciaio del Grand Etrét. I dati rilevati giovedì 26 maggio 2022 con le misurazioni dell’accumulo nevoso non lasciano presagire nulla di buono per la salute del ghiacciaio nell’estate 2022. Un inverno drammatico per la scarsità delle precipitazioni nevose e le elevate temperature del mese di maggio hanno spogliato precocemente di neve il vallone del Grand Etrét, e i guardaparco saliti sul ghiacciaio per i rilievi sono stati costretti a un lungo avvicinamento a piedi con l’attrezzatura da sci-alpinismo sulle spalle, senza precedenti dall’anno 2000, e hanno potuto calzare gli sci con continuità solo oltre i 2500 m di quota.

L’accumulo di neve medio sul ghiacciaio è risultato di 127 cm, valore più basso in assoluto della serie storica e inferiore di circa il 62% rispetto alla media del periodo 2000-2021 (331 cm), mentre la densità media della neve è di 416 kg/m³, inferiore di circa l’11% rispetto alla media (468 kg/m3). Analogamente, pure l’equivalente in acqua del manto nevoso, 606 mm nell’insieme del ghiacciaio, rappresenta un record negativo, pari a -62% della media 2000-2021 (1587 mm). Viste le premesse primaverili il ghiacciaio rischia di perdere rapidamente le scarne “scorte” di neve accumulate e di vedere pesantemente intaccato dalla fusione il suo capitale di ghiaccio.

GHIACCIAIO CIARDONEY
Situazione analoga sul ghiacciaio Ciardoney, sorvegliato dalla Società Meteorologica Italiana dal 1986 per le variazioni della fronte e dal 1992 per il bilancio di massa con la collaborazione dell’Ente Parco e di Iren Energia.

Alla stazione meteorologica sul pianoro antistante il ghiacciaio (2850 m) il manto nevoso è scomparso già il 24 maggio 2022 con un anticipo di un mese e mezzo rispetto alla media dell’ultimo decennio (9 luglio). Le misure di accumulo del 1° giugno sul ghiacciaio hanno confermato la situazione di scarsità estrema con spessori di neve decrescenti da 165 cm nel punto più elevato (Colle Ciardoney, 3120 m) ad appena 25 cm nel settore mediano, equivalenti nel complesso a una lama d’acqua di 390 mm – ovvero circa 202.000 m3 – un quarto del normale (1579 mm) e minimo della serie iniziata nel 1992, ma ragionevolmente anche su tempi molto più lunghi.

Con incredibile anticipo, parte del ghiacciaio potrebbe cominciare a “scoprirsi” dalla neve invernale entro la metà di giugno, e anche in questo caso la situazione attuale lascia presagire imponenti perdite di massa glaciale durante l'estate, anche qualora le temperature non fossero particolarmente elevate.

Il lavoro sui ghiacciai riprenderà alla fine dell’estate per il rilievo dell’ablazione, ovvero il calcolo del quantitativo di neve e di ghiaccio fusi al termine della stagione estiva, attività che si svolge nel mese di settembre.

Per approfondimenti sulle rilevazioni al ghiacciaio del Ciardoney è possibile visitare il sito della Società Meteorologica Italiana alla pagina www.nimbus.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Coprire i ghiacciai con teli non significa salvarli
25.01.2022
Coprire i ghiacciai con teli non significa salvarli
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa e la lettera aperta firmata da 44 scienziate e scienziati che si occupano dello studio della glaciologia e dei cambiamenti climatici, che illustrano perché la copertura dei ghiacciai con teli geotessili non è una soluzione agli effetti avversi del cambiamento climatico, bensì parte del problema. Il documento è inoltre supportato dalle principali istituzioni che in Italia si dedicano al monitoraggio dei ghiacciai a scala regionale e nazionale e che afferiscono al World Glacier Monitoring Service.
Sulle tracce dei ghiacciai: Il Bernina e il ritiro impietoso dei suoi ghiacciai
18.10.2021
Sulle tracce dei ghiacciai: Il Bernina e il ritiro impietoso dei suoi ghiacciai
Il terzo video della spedizione Sulle tracce dei ghiacciai - Alpi 2021 di Fabiano Ventura che a fine agosto aveva visitato il gruppo del Bernina, il 4000 più orientale delle Alpi, per testimoniare l'impietoso ritiro dei suoi ghiacciai.
Sulle tracce dei ghiacciai: Gorner e Aletsch, l'antica grandeur non c'è più
16.09.2021
Sulle tracce dei ghiacciai: Gorner e Aletsch, l'antica grandeur non c'è più
Il secondo video della spedizione Sulle tracce dei ghiacciai - Alpi 2021 di Fabiano Ventura che dopo ferragosto si è recato in Svizzera per documentare il ghiacciaio del Gorner e il ghiacciaio dell’Aletsch. A causa del riscaldamento globale, entrambi hanno subito un notevole regresso.
Sulle tracce dei ghiacciai: Ecrins e Monte Bianco, uno spettacolo glaciale perso per sempre
02.09.2021
Sulle tracce dei ghiacciai: Ecrins e Monte Bianco, uno spettacolo glaciale perso per sempre

Il primo video della spedizione Sulle tracce dei ghiacciai - Alpi 2021 di Fabiano Ventura che in agosto ha visitato il Massiccio degli Écrins e il Massiccio del Monte Bianco.
Video: il ritiro del Mer de Glace, il ghiacciaio più grande del Monte Bianco
06.08.2020
Video: il ritiro del Mer de Glace, il ghiacciaio più grande del Monte Bianco
Il video di Bertrand Delpierre che illustra il ritiro del ghiacciaio Mer de Glace nel massiccio del Monte Bianco
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul Monte Bianco, a rischio crollo
25.09.2019
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul Monte Bianco, a rischio crollo
Il ghiacciaio del Planpincieux, sul versante italiano delle Grandes Jorasses (Monte Bianco) è a rischio crollo. Chiusa la strada della Val Ferret. Eppure sembra che nulla ci scuota.
Ice Scream, street art sul ghiacciaio della Mer de Glace
10.07.2017
Ice Scream, street art sul ghiacciaio della Mer de Glace
Il video diretto da Arnaud Moro dedicato all’opera dell'artista francese Philippe Echaroux eseguita sul ghiacciaio del Mer de Glace, Monte Bianco, per sensibilizzare sul tema del riscaldamento globale.
Sulle tracce dei ghiacciai: com'è cambiata la Patagonia in 100 anni
25.05.2017
Sulle tracce dei ghiacciai: com'è cambiata la Patagonia in 100 anni
Il video trailer di Fabiano Ventura che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sui ghiacciai della Patagonia.
28.09.2004
Yvon Chouinard, la Responsabilità Collettiva verso la Terra
Yvon Chouinard, fondatore dell'azienda america di capi per la montagna e l'outdoor Patagonia, spiega la sua politica ambientale.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós