Home page Planetmountain.com
Giovanni Pillitteri sulla Via Renata Rossi al Monte Colodri, Arco, Valle del Sarca
Fotografia di Alberto De Giuli
Giovanni Pillitteri sulla caratteristica lama rossa della Via Renata Rossi al Monte Colodri
Fotografia di Alberto De Giuli
Giovanni Pillitteri sul primo tiro della Via Renata Rossi al Monte Colodri
Fotografia di Alberto De Giuli
Via Renata Rossi al Monte Colodri, aperta il 4 febbraio 1979 da Roberto Bassi, Marco Furlani, Luigi Giacomelli e Elio Piffer
Fotografia di Alberto De Giuli

Via Renata Rossi al Monte Colodri, l'intramontabile classica di Arco

di

La relazione di una delle vie più belle e famose del Monte Colodri ad Arco, la via Renata Rossi aperta nel 1979 da Roberto Bassi, Marco Furlani, Luigi Giacomelli e Elio Piffer. Di Alberto De Giuli, guida alpina.

Il Colodri è la montagna di Arco, la sua parete est dalla fine degli Anni 70 offre veri capolavori per gli amanti dell’arrampicata classica e sportiva. Per anni banco di prova in vista di avventure più lunghe e sostenute, le prime vie classiche sono state letteralmente consumate dalle ripetizioni, rendendo l’arrampicata poco piacevole per molti. L’avvento delle vie plaisir, tecnicamente più facili e dal sapore di merendina confezionata, ha fatto cadere nel dimenticatoio linee classiche come la Sommadossi, Barbara e la Renata Rossi. 

La Renata Rossi aperta da Roberto Bassi, Marco Furlani, Luigi Giacomelli ed Elio Piffer nel 1979 è tra le vie più belle del Colodri. Dedicata a Renata che nel 1984 è diventata la prima donna guida alpina in Italia, la via segue una linea di diedri e fessure al centro della parete, offrendo una arrampicata esposta e di gran soddisfazione lungo tutto l’itinerario.

Il primo tiro in comune con la via Sommadossi è molto lucido, in particolare i primi metri del diedro d’attacco, passato il primo chiodo, potrebbero spaventare molto e scoraggiare eventuali ripetitori. Per fortuna questo tiro è ben chiodato con fittoni e qualche spit, altrimenti sarebbe difficile integrare con protezioni veloci. Chi avrà la voglia e il coraggio di superare questo filtro, dal terzo tiro, quello della bellissima lama rossa, si troverà di fronte ad una arrampicata elegante e sostenuta, dove la roccia non è più lucida di vie classiche dolomitiche iper frequentate come lo Spigolo Giallo alle Tre Cime di Lavaredo o la Schubert al Piz Ciavazes, solo per citare due esempi.

La Renata Rossi è una via nel complesso attrezzata, le soste sono ad anelli cementati dove non c’è una solida pianta dove potersi fermare per assicurare il secondo. Lungo i tiri si trovano chiodi e spit nei tratti chiave, è comunque necessaria una serie di friends dal 0.3 al 3 per integrare le protezioni, il tiro della lama rossa è tutto da proteggere. 10-11 rinvii sono sufficienti. Le lunghezze sono quasi sempre sostenute, le difficoltà viaggiano costantemente sul V+ VI, qualche passaggio sul tiro del diedro bianco svaso direi che si avvicina al VII-. Vista la linea di salita, l’arrampicata è molto alpina e l’unica vera placca, fessurata, è solamente all’ultima lunghezza.

La croce di vetta è a pochi passi dall’uscita della via, la discesa alla macchina è veloce lungo il sentiero attrezzato del Colodri. Qui la roccia è veramente lucida! Prestate attenzione soprattutto se scendete col buio o in caso di pioggia. In quest’ultimo caso si può sempre optare per una discesa più lunga ma priva di difficoltà, seguendo il sentiero turistico che aggira il Colodri verso ovest e passa per il centro del paese prima di raggiungere il parcheggio e l’auto. Come tempi, 10 minuti dalla macchina sono più che sufficienti, il diedro d’attacco è evidente grazie ad una scritta rossa Via Sommadossi, pochi metri a destra un pesce-graffito sulla roccia e uno spit in alto che identifica l'attacco della via Segantini. Noi abbiamo impiegato 4 ore per la salita, seguendo poi il sentiero attrezzato del Colodri si raggiunge l’auto in 45 minuti.

di Alberto De Giuli

SCHEDA: Via Renata Rossi, Monte Colodri, Arco

Info: www.albertodegiuli.comInstagram Alberto De GiuliFB Alberto De Giuli

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
La Diretta Messner al Sasso delle Nove, un capolavoro di arrampicata in placca
22.10.2019
La Diretta Messner al Sasso delle Nove, un capolavoro di arrampicata in placca
La guida alpina Alberto De Giuli presenta la Diretta Messner al Sasso delle Nove in Fanes, Dolomiti. Aperta da Reinhold Messner, Günther Messner e Hermine Lottersberger il 25/08/1968, la via simbolo di questa montagna segue una linea a goccia d'acqua lungo una striscia nera nella parte centrale della parete ed è considerata un assoluto capolavoro di arrampicata in placca.
Sul Monte Colodri ad Arco l’Opera Buffa di Alessandro Beber e Matteo Pavana
28.04.2021
Sul Monte Colodri ad Arco l’Opera Buffa di Alessandro Beber e Matteo Pavana
Sulla parete est del Monte Colodri ad Arco (Valle del Sarca) Alessandro Beber e Matteo Pavana hanno aperto e liberato la via d’arrampicata Opera Buffa (270m, 7c+ (7a obbl.). Il report di Beber.
Monte Colodri, Arco: la Via per Giuliano aperta da Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini
09.04.2021
Monte Colodri, Arco: la Via per Giuliano aperta da Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini
Sulla parete sud del Monte Colodri ad Arco in Valle del Sarca le guide alpine Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini hanno aperto una nuova via d’arrampicata dedicata a Giuliano Stenghel. Il report e la scheda di Salvaterra.
Vino e Cioccolato al Monte Colodri di Arco
25.03.2020
Vino e Cioccolato al Monte Colodri di Arco
Il report di Alessandro Chiarani che nel 2016 sul Monte Colodri di Arco (Valle del Sarca) aveva completato insieme a Ivan Prandi la via d’arrampicata Vino e Cioccolato (280m, 7b+).
Francesco Salvaterra e il Magic Trip del Colodri di Arco
13.03.2020
Francesco Salvaterra e il Magic Trip del Colodri di Arco
Il racconto di Francesco Salvaterra che il 29 febbraio sulla parete sud del Monte Colodri ad Arco, nella Valle del Sarca, ha liberato Magic Trip, la via d’arrampicata aperta nel 1986 da due dei più forti alpinisti trentini del momento, Marco Pegoretti e Andrea Andreotti.
Mescalito, la classica del Colodri di Arco raccontata da Renato Bernard
21.11.2018
Mescalito, la classica del Colodri di Arco raccontata da Renato Bernard
Renato Bernard e la Via Mescalito, aperta nel 1982 insieme a Renzo Vettori sulla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco ed ancora adesso una della vie d’arrampicata più famose della Valle del Sarca.
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
19.10.2018
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
La relazione della via Mescalito alla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco, la via d’arrampicata aperta nel 1982 da Renato Bernard e Renzo Vettori ritenuta ancora oggi un capolavoro della Valle del Sarca. Di Carlo Cosi, guida alpina.
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
06.07.2016
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
La scheda della via d'arrampicata Zanzara e Labbradoro, il capolavoro aperto nel 1983 da Maurizio Zanolla Manolo e Roberto Bassi sul Monte Colodri, Arco (Lago di Garda - Trentino).
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
26.04.2016
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
Il report di Roberto Pedrotti che, nei mesi a cavallo tra il 2015 e 2016, insieme a Sebastiano Zambotti , ha aperto PiZeta (7c, 230m), una nuova via sul Monte Colodri (Arco, Trentino). La nuova linea incrocia le vie Vento di Passione e Katia Monte e termina con l’ultimo tiro su Vento di Passioni oppure sulla via L’incompiuta.
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
12.06.2015
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
Stefano Michelazzi parla di Vento di passioni (7-, A1), una nuova via d'arrampicata aperta con Marco Ghidini sul Monte Colodri, Arco (Garda Trentino).
Colodri: sopra Arco una nuova via di più tiri di Daniele Geremia e Diego Mabboni
05.05.2015
Colodri: sopra Arco una nuova via di più tiri di Daniele Geremia e Diego Mabboni
Sul Monte Colodri ad Arco Daniele Geremia e Diego Mabboni hanno aperto la nuova via d’arrampicata Piccolo Diavolo (8a 7a obb., 300m).
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
02.11.2008
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
Massimo Antonini e Giampaolo ‘Trota’ Calzà hanno aperto la Via Giovanni Segantini (280m, 6c+ max) sulla parete est del Monte Colodri (Arco, Trentino).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra