Home page Planetmountain.com
Durante l'apertura di Via della Salamandra sulla Prima Pala di San Lucano in Dolomiti (Jacopo Biserni, Arturo Dapporto)
Fotografia di archivio Jacopo Biserni
Durante l'apertura di Via della Salamandra sulla Prima Pala di San Lucano in Dolomiti (Jacopo Biserni, Arturo Dapporto)
Fotografia di archivio Jacopo Biserni
Jacopo Biserni e Arturo Dapporto in cima alla loro Via della Salamandra sulla Prima Pala di San Lucano in Dolomiti
Fotografia di archivio Jacopo Biserni
I tracciati di Via dei Popi in azione (Lorenzo Massarotto, Dario Zonta, 1992) e Via della Salamandra (Jacopo Biserni, Arturo Dapporto) sulla Prima Pala di San Lucano in Dolomiti
Fotografia di archivio Jacopo Biserni

Via della Salamandra nelle Pale di San Lucano, un piccolo seme di nuova vita in Dolomiti

di

Il report di Jacopo Biserni della Via della Salamandra sulla prima Pala di San Lucano (Pale di San Lucano, Dolomiti), aperta nei giorni 16 settembre 2018 e 29 giugno 2019 insieme a Arturo Dapporto.

La salamandra alpina, piccolo anfibio che popola i boral delle Pale di San Lucano, ha ispirato il nome della via che abbiamo tracciato io ed Arturo. Perché proprio la salamandra? Forse per omaggiare la forza di un piccolo animale che continua a "resistere" nonostante tutti gli eventi che hanno colpito questo meraviglioso angolo delle montagne agordine, come gli abitanti di queste vallate che faticosamente cercano di ricucire le ferite ancora aperte di questo territorio.

Nel settembre 2018, io ed il mio compagno Arturo Dapporto nel percorrere il boral della Besauzega alle prime luci dell’alba, ci eravamo meravigliati per la quantità di salamandre alpine che sbucavano da ogni parte.

Stavamo andando a cercare una via di Massarotto sulla Prima Pala, una via quasi dimenticata e forse mai veramente ripetuta, di quelle vie con poco niente a segnalare il passaggio degli apritori e di conseguenza non facile da trovare.

Infatti in quella occasione perdemmo le tracce poco dopo il secondo tiro disegnando così una variante diretta di cinque lunghezze che poi nella parte alta si sarebbe ricongiunta all’uscita della Via dei Fratelli.

Durante la salita avevamo osservato la possibilità di uscire attraverso degli strapiombi e delle placche lavorate, ma quel giorno non c’era tempo ne materiale per proseguire nell’apertura.

L’esperienza che ne era derivata su quella parete ci spinse ad immaginare una linea indipendente, diretta. Arriva ottobre e con lui un incendio ed un forte vento che lasceranno un segno indelebile sulle Pale, nei boral, ma anche a Nord, nel sentiero che da Pradimezzo conduce al bivacco Bedin, dove il piccolo ponte che permetteva il passaggio del torrente viene spazzato via.

Ridiscendere il boral della Besauzega è come entrare in uno scenario di guerra. I rami carbonizzati prima e spezzati poi dalla tempesta, le pietre cotte dal fuoco, fanno venire il magone, ma la natura vince sempre ne siamo convinti, basta darle tempo e aiutarla anche con piccoli gesti quotidiani come quelli delle persone che abbiamo visto risalire da sole i sentieri con una piccola motosega per liberarli dagli alberi caduti. Non è vero che l'uomo è capace solo di distruggere, c'è anche chi sa ri-costruire e mantenere vivo lo spirito dei luoghi che abita, in questi mesi le abbiamo incontrate queste persone: i primi giorni di gennaio risalivano faticosamente con la legna nello zaino fino al bedin per accendere ancora i "pavaroi" alla sera e rinnovare un rito di queste vallate.

Qualcuno a Pradimezzo ci ha offerto un passaggio quando ci ha visti sbucare un po' stravolti da sotto le volte delle case affrescate attraversate dal sentiero, altri non hanno esitato a darci consigli e informazioni sulle condizioni dei sentieri e del ponte crollato, altri  incuriositi per la salita ci hanno invitato in casa a bere qualcosa e si sono fermati sulla strada a scambiare due chiacchiere, legati ai loro posti e forse un po' gelosi ma mai inospitali con chi si presenta. Poi c'è la salita cercata a più riprese e finalmente arrivata, ma prima e soprattutto c'è il ricordo di una fatica condivisa con queste persone.

Io ed Arturo ci siamo appassionati molto a questi luoghi, così lontani dalla fretta cittadina, luoghi che richiedono pazienza, il saper attendere, che riservano sempre sorprese, così arrivato l’inverno abbiamo deciso di entrare nuovamente nel cuore delle Pale scoprendo con gioia il suo incessante pulsare.

Il freddo ci ha respinti a gennaio dopo essere giunti al Bedin, così abbiamo ritentato a marzo ma le condizioni di innevamento non ci hanno permesso nemmeno di arrivare al bivacco. Questi giorni di tentativi però ci regalano momenti di un’intimità magica con queste montagne, felici di poterla sentire respirare.

Finalmente il 29 giugno torniamo al cospetto della Prima Pala, una salamandra ci dà il buongiorno proprio vicino all’attacco che avevamo preventivato, è un buon auspicio ed in cuor mio penso nuovamente alla natura che resiste, si moltiplica, va avanti, e così mi lascio alle spalle le immagini dei mughi ed abeti carbonizzati dall’incendio.

Partiamo per questo viaggio, soli fra le pareti, pochi chiodi con noi, quelli per le soste e qualcuno in più per i passaggi. Il ritmo della cordata si fa fluido, la serenità che ci avvolge è disarmante a volte, così i tiri si susseguono intervallati dal tintinnare dei chiodi che entrano a forza e sudore nelle fessure.

Siamo entusiasti, nell’andare avanti la roccia continua a sorprenderci, piena di clessidre, buchi, a volte i passaggi sembrano disegnati, così dopo dodici ore di meravigliosa arrampicata usciamo nei prati sommitali lasciando il libro di via sotto al mugo dove si sosta.

La gioia e la consapevolezza di questa avventura sono arrivate più avanti, come spesso capita dopo tali giornate, che per noi hanno rappresentato un piccolo atto di resistenza o meglio un piccolo seme di nuova vita.

di Jacopo Biserni

SCHEDA: Via della Salamandra, Pale di San Lucano, Dolomiti


- Scarica il pdf completo con i tracciati di Via della Salamandra e Via dei Popi in azione

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Pale di San Lucano: Via dei Popi in azione + nuova variante per Jacopo Biserni e Arturo Dapporto
28.09.2018
Pale di San Lucano: Via dei Popi in azione + nuova variante per Jacopo Biserni e Arturo Dapporto
Il report di Jacopo Biserni che il 16 settembre 2018 insieme a Arturo Dapporto ha provato a ripetere la 'Via dei Popi in azione' sulla Prima Pala di San Lucano in Dolomiti. Il risultato 'più o meno volontariamente' è stata una bella variante al tracciato aperto nel 1992 da Lorenzo Massarotto e Dario Zonta.
Arrampicata Dolomiti: Via Irene sulla Prima Pala di San Lucano di Padrós e Toigo
08.10.2018
Arrampicata Dolomiti: Via Irene sulla Prima Pala di San Lucano di Padrós e Toigo
Santiago Padrós e Diego Toigo hanno aperto Via Irene, una nuova linea di arrampicata sulla Prima Pala di San Lucano (Pale di San Lucano) Dolomiti. Il report di Padrós.
Pilastro Bianco sulla Terza Pala di San Lucano, nuova via dedicata a Lorenzo Massarotto
05.07.2018
Pilastro Bianco sulla Terza Pala di San Lucano, nuova via dedicata a Lorenzo Massarotto
Il racconto di Luca Vallata e Samuel Zeni della nuova via d’arrampicata aperta sulla parete est della Terza Pala di San Lucano, Dolomiti. Salita insieme a Mauro Zanon, la linea si chiama Pilastro Bianco (VII-, 600m), ed è dedicata idealmente a Lorenzo Massarotto.
Pale di San Lucano, nuova via d’arrampicata in Dolomiti per Santiago Padros e Luca Vallata
19.10.2017
Pale di San Lucano, nuova via d’arrampicata in Dolomiti per Santiago Padros e Luca Vallata
Il 16/10/2017 Santiago Padros e Luca Vallata hanno aperto ‘Llops de mar’ (VII, 600 m + 250 m di cresta), una nuova via d’arrampicata sulla parete Sud della Seconda Pala di San Lucano, Dolomiti
Via Gogna-Cerruti alle Pale di San Lucano: prima invernale
13.01.2017
Via Gogna-Cerruti alle Pale di San Lucano: prima invernale
Alpinismo invernale: dal 26 al 28 dicembre 2016 Luciano Alessandro, Claudio Moretto, Beppe Tararan e Denis Tonello hanno effettuato la prima invernale della via Gogna-Cerruti, aperta sulla parete sudovest della Seconda Pala di San Lucano (Dolomiti) nel 1970 da Leo Cerruti e Alessandro Gogna. Il racconto di Denis Tonello.
L'uomo migliora il tempo alla Guglia Torre di Lagunaz, prima ripetizione
06.10.2014
L'uomo migliora il tempo alla Guglia Torre di Lagunaz, prima ripetizione
Il 27 e 28/09/2014 Giuseppe Ballico, Saverio De Toffol e Filippo Forti hanno effettuato la prima ripetizione de L'uomo migliora il tempo (750m, VI, VII - obbl. VII), grande via alpinistica aperta nel giugno 2014 da Heinz Grill insieme a Frorian Kluckner, Klaus Oppermann e Franz Heiss, sulla Guglia della Torre di Lagunaz nelle Pale di San Lucano (Dolomiti). Il report di Ballico e Forti.
Via dei Bellunesi allo Spiz di Lagunaz, l'invernale solitaria di Marco Anghileri
21.03.2012
Via dei Bellunesi allo Spiz di Lagunaz, l'invernale solitaria di Marco Anghileri
Marco Anghileri racconta la sua salita solitaria della Via dei Bellunesi (1350m, VI e A2) sul Pilastro sud-ovest dello Spiz di Lagunàz (Pale di San Lucano, Dolomiti). Un grande viaggio per un'esperienza che va oltre l'alpinismo.
Marco Anghileri: prima solitaria de L'Ultimo Zar sulle Pale di San Lucano, e non solo
19.10.2011
Marco Anghileri: prima solitaria de L'Ultimo Zar sulle Pale di San Lucano, e non solo
Il 13 e 14 ottobre 2011 Marco Anghileri ha effettuato la prima solitaria de "L'Ultimo Zar" (500m, 7+ A3). Per Anghileri è la 5a solitaria stagionale dopo le vie del Det alla P.ta Forcellino, al Torrione Costanza, al Sasso Cavallo e alla via dei Ragni al Torrione Cecilia, tutte in Grigna
Pilastro Massarotto allo Spiz di Lagunàz, prima salita per Grill, Comploi e Rabanser
23.09.2011
Pilastro Massarotto allo Spiz di Lagunàz, prima salita per Grill, Comploi e Rabanser
Il 20 e 28 agosto Heinz Grill, Stefan Comploi e Ivo Rabanser hanno aperto una nuova via sull'inviolato Pilastro della parete Ovest dello Spiz di Lagunàz (Pale di san Lucano, Dolomiti). La via (1300m, VI+ e 3 passi di A1) e il Pilastro sono stati dedicati a Lorenzo Massarotto.
29.07.2004
Stucchi e Ferrari: 1a ripetizione Via dei Bellunesi, Spiz di Lagunàz
17-18/07/2004, Ivo Ferrari e Silvestro Stucchi hanno realizzato la prima ripetizione della mitica Via dei Bellunesi, aperta da Franco Miotto, Riccardo Bee e Stefano Gava dall'11 al 13 luglio del 1979 sul Pilastro sud-ovest dello Spiz di Lagunàz (Pale di San Lucano, Dolomiti).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni