Home page Planetmountain.com
Durante l'apertura di Via Cheope alla Piramide del Corno Zuccone in Val Salarno, gruppo dell'Adamello

Fotografia di archivio Gianni Tomasoni
Durante l'apertura di Via Cheope alla Piramide del Corno Zuccone in Val Salarno, gruppo dell'Adamello

Fotografia di archivio Gianni Tomasoni
Durante l'apertura di Via Cheope alla Piramide del Corno Zuccone in Val Salarno, gruppo dell'Adamello

Fotografia di archivio Gianni Tomasoni
Il tracciato della Via Cheope alla Piramide del Corno Zuccone in Val Salarno, gruppo dell'Adamello
, aperta da Fabrizio Preda e Gianni Tomasoni, insieme a Paolo Amadio e Valentina Gambirasio
Fotografia di archivio Gianni Tomasoni

Via Cheope, nuova via di arrampicata al Corno Zuccone in Val Salarno

di

Il report di Gianni Tomasoni che insieme a Fabrizio Preda ha aperto Via Cheope, una nuova via d’arrampicata alla Piramide del Corno Zuccone in Val Salarno, gruppo dell'Adamello



Agosto 2019 "Ciao Beppe, domani ci sei per andare in Salarno ad aprire?" Da tempo avevo adocchiato queste placche di fronte al Rifugio Prudenzini e nessuno ancora ci aveva messo mano. 

La Val Salarno è stata la mia prima valle in cui ho tastato la tonalite Adamellina sotto l'aspetto arrampicatorio. Mi mancava in apertura, quindi le danze sono iniziate aprendo due nuovi itinerari, sulle placche dello Zodiaco: Ariete, aperta con Beppe, e Pesci con Fabry, due viette comode, appetibili e di grado accessibile, insomma... per divertirsi! 

Durante l'apertura lo sguardo era sempre puntato alla testata della valle, verso i "colossi" simbolo dell'arrampicata adamellina, e prima o poi l'occhio è caduto su una parete molto evidente, di forma triangolare, con al centro una sequenza di placche ed una cuspide a forma di piramide.

"Fabry, c'è quel triangolone che chiude la testata della valle, lo vedi ben evidente lì, sotto gli occhi di tutti, di fronte al Rifugio?" "Certo che lo vedo! È enorme!" Provo a tracciare una via virtuale e vedere se riesco a collegare e dare una eventuale linea di salita. Non ricordavo il nome della cima quindi, tornato a casa e con cartina in mano, vedo che il triangolone ha un nome: Corno Zuccone. 

Prendo in mano la "grigina" (guida CAI-TCI Adamello II) e noto che tranne la via di misto Cuore di Zucca del 2012 di Andrea Guerzoni e Dario Sandrini, l'unica salita è avvenuta nel lontano 1981 per il suo estetico spigolo Ovest; mi informo su altre guide per accertarmi che lungo quelle placche non ci sia nessun itinerario... niente di niente! La testa comincia ad elaborare e il fine settimana siamo ancora in valle con zainoni, diretti allo Zuccone, con me ci sono Fabry & la Vale. Quel giorno chiodammo quattro lunghezze, ma siccome le giornate si erano accorciate e la parete rivolta a Sud/Ovest decidemmo di tornarci l'anno successivo. 



Agosto 2020. "Fabry che ne dici se andiamo in Salarno a continuare la via? Magari in tre, che dividiamo il "Bagaglio". La Vale come sta? È una dei nostri?" Il Fabry mi risponde "Niente Vale purtroppo" Azz! Sgroppare un megabimbo sulle spalle su quella noiosissima strada che porta al rifugio… "Ascolta Fabry, sento il Paolo se viene e se dovessimo salire in bike, che ne dici?" "Io ci sto!" mi dice "Ma ho un problema: non tengo bike." "Non preoccuparti, qualcosa vedo di recuperarti." Contattato Paolo, dà l'OK, la bike ce l'ha e così organizziamo. 

Altra idea era di bivaccare in parete, visto che la sosta del quarto tiro era allestita su una comoda cengia. Proposi di portare l'attrezzatura da bivacco e così fu! Il mattino seguente arrivammo al park con mega zainoni e bike al seguito. Ovviamente non le comode e-bike, ma le squattrinate muscolari, con non poca difficoltà, visto gli zaini che avevamo in spalla! Arrivammo al Rifugio coscienti che dopo la gran fatica della salita ci aspettava una discesa da leccarci i baffi. Parcheggiate le bike, un saluto al Rino e via, zainone in spalla!

Ci incamminiamo verso la parete, con accesso dal rifugio su comodo sentiero, e in quaranta minuti siamo alla base. Ci si prepara per "l'avventura" e nel frattempo Fabry mi sussurra in Bergamasco: "te Giani ho lasat a ca' l'imbrago... san fai? eh una fettuccia e con la corda di cordata facciamo l’imbrago…" Ma no! Due giorni così assolutamente no. Poi stare in sosta mentre l'altro chioda… Allora Paolo, allenato più di noi, si offre per scendere al rifugio dal Rino, per farsi prestare un imbrago e così fu che attaccammo oramai a mezzogiorno passato! 

Salimmo i quattro tiri fino alla cengia, passammo una notte sotto una stellata strepitosa, sapendo che il giorno dopo avrebbe reso. L'indomani, calda colazione e via, si parte. Le placche che ci trovammo davanti non erano poi così prolifiche di appigli e funghi, a fine giornata ci venne fuori un bell'ingaggio, lasciammo il materiale che ci sarebbe servito la volta successiva e... giù le doppie.

Giunti al rifugio, quattro chiacchiere con Rino, una Coca per drizzare le antenne e via! Inforcata la bike, zaini più leggeri, giù lungo quella noiosa strada sterrata infinita, ma questa volta la bike ci ripaga della sua noiosità con una discesa da goduria. Che bello: due giorni passati con amici a fare giochi che più ti piacciono! 

Ci tornammo ancora per continuare la via, sempre con Fabry e Paolo. Successivamente la via la terminai con Fabry, Paolo se ne era andato con le chiappe al sole, in vacanza. Mi sarebbe piaciuto ci fossero anche Paolo e la Vale, ma visto il tempo stabile non potevamo perdere l'occasione di salire a terminarla. 

Ne è uscita una via a nostro parere molto varia su roccia super, ottimo sviluppo, protetta il giusto e comodo rientro. Un must per diventare una classica della zona. Queste sono le cose che più amo nel mio girovagare, scoprire e creare nuove avventure sempre più stimolanti.



di Gianni Tomasoni

SCHEDA: Via Cheope, Val Salarno, Adamello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Avancorpo del Cornetto di Salarno in Adamello: Matteo Rivadossi e Simone Monecchi aprono Utopia
23.09.2020
Avancorpo del Cornetto di Salarno in Adamello: Matteo Rivadossi e Simone Monecchi aprono Utopia
Il report di Matteo Rivadossi che insieme a Simone Monecchi ha aperto Utopia, una nuova via d’arrampicata all'Avancorpo del Cornetto di Salarno nel gruppo dell'Adamello
Borderline, in Val Salarno la nuova via d’arrampicata di Matteo Rivadossi e Simone Monecchi
13.08.2020
Borderline, in Val Salarno la nuova via d’arrampicata di Matteo Rivadossi e Simone Monecchi
Il 19 e 27 luglio 2020 Matteo Rivadossi e Simone Monecchi hanno aperto Borderline, una nuova via d’arrampicata all’Avancorpo del Cornetto di Salarno in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello. Il report di Matteo Rivadossi
Soldato Blu in Val Salarno
12.09.2018
Soldato Blu in Val Salarno
Il racconto e la relazione della via di arrampicata Soldato Blu, aperta sul Cornetto di Salarno in Val Salarno (gruppo dell’Adamello) nel 1985 da Guido Bonvicini e Sandro Zizioli. Una via d’arrampicata storica e piuttosto temuta nel Bresciano, ripetuta di recente da Gianluca Forti e Sandro De Toni e Giovanni Mostarda che forniscono le informazioni aggiornate.
Nuova via in Val Adamé per Tomasoni e Bariani
17.10.2013
Nuova via in Val Adamé per Tomasoni e Bariani
Nel mese di settembre Gianni Tomasoni e Sibilla Bariani hanno aperto Mille Splendidi Soli (7a, 270m) una nuova via di arrampicata in ambiente alpino al Coster di Cima Poia, Val Adamé (Lombardia).
Nuova via di arrampicata in Adamello per Tomasoni e Bariani
19.09.2013
Nuova via di arrampicata in Adamello per Tomasoni e Bariani
Nel mese di agosto Gianni Tomasoni e Sibilla Bariani hanno aperto "I sogni di Baku" (VII 300m), una nuova via sulla parete sudest del Corno Gioià in Val Adamé (Lombardia) dedicata a Rocco Belingheri.
Gioià nell’Anima in Adamello, nuova via di arrampicata per Tomasoni e Bariani
19.09.2012
Gioià nell’Anima in Adamello, nuova via di arrampicata per Tomasoni e Bariani
In Val Adamè (Lombardia) Gianni Tomasoni e Sibilla Bariani hanno aperto Gioià nell’Anima (VIII, 300m), nuova via sulla parete sudest del Corno Gioià, dedicata a Mario Merelli.
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
20.08.2012
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
Nuove ripetizioni della via Gotica in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello, da parte di Cristian Brenna insieme a Flavio Crespi, Dario Sandrini e Carlo Codenotti.
Adamello: nuova via Cuore di Zucca e prima invernale di Dottor Gore-Tex e Mr. Pile per Guerzoni e Sandrini
17.04.2012
Adamello: nuova via Cuore di Zucca e prima invernale di Dottor Gore-Tex e Mr. Pile per Guerzoni e Sandrini
Nel gruppo del' Adamello, Andrea Guerzoni e Dario Sandrini hanno aperto una nuova via, Cuore di Zucca (5+, 700m) al Corno Zuccone. Inoltre, il 16 marzo i due hanno anche effettuato la prima invernale della via Dottor Gore-Tex e Mr. Pile al Cornetto di Salarno
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
19.12.2011
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
Matteo Rivadossi e Giorgio Mauri lo scorso settembre (il 3, 10 e 16-17 con un bivacco), hanno effettuato la prima salita di Gotica, una direttissima attraverso le placche più compatte della monumentale parete sud della Quota 2900 del Cornetto di Salarno, Val Salarno, Gruppo dell'Adamello.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo