Home page Planetmountain.com
Utopia all'Avancorpo del Cornetto di Salarno: Matteo Rivadossi in apertura su L2, la Lavagna dello Jedi
Fotografia di Matteo Rivadossi, Simone Monecchi
Utopia all'Avancorpo del Cornetto di Salarno: Simone Monecchi sugli spalmi di L2, la Lavagna dello Jed
Fotografia di Matteo Rivadossi, Simone Monecchi
Utopia all'Avancorpo del Cornetto di Salarno: Simone Monecchi e Matteo Rivadossi in vetta durante l'apertura di Utopia
Fotografia di Matteo Rivadossi, Simone Monecchi
Utopia all'Avancorpo del Cornetto di Salarno, aperta da Simone Monecchi e Matteo Rivadossi
Fotografia di Matteo Rivadossi, Simone Monecchi

Avancorpo del Cornetto di Salarno in Adamello: Matteo Rivadossi e Simone Monecchi aprono Utopia

di

Il report di Matteo Rivadossi che insieme a Simone Monecchi ha aperto Utopia, una nuova via d’arrampicata all'Avancorpo del Cornetto di Salarno nel gruppo dell'Adamello

Durante l’apertura di Borderline lo sguardo era scappato lì, a sinistra, troppe volte. Su quei tetti, su quella placca incastonata, sospesa: chissà sopra, come uscirne dagli strapiombi troppo spesso bagnati? Come arrivare lassù alla placca liscia ma finalmente appoggiata?

Temuti ed evitati da sempre, dall’assalto all’Avancorpo di metà anni ’80 ad oggi, non per niente sono gli strapiombi più grandi di Salarno e forse di tutto l’Adamello.

Fu così che, ad una settimana da Borderline, io e Simone eravamo di nuovo su, carichi di nuovi dubbi e del solito materiale. Esattamente sotto la verticale di quegli interrogativi. Tanto per cominciare, dove attaccare?

Il diedro a cui puntavamo, 15 metri a sinistra del meraviglioso Arco del Musico, purtroppo è chiuso. Decidiamo allora di forzare la placca di petto qualche metro più in là, appena a destra della visionaria Acqua che Scorre dei funamboli Sandro Zizioli e Silvio Fieschi e del loro 6c obbligatorio spittato a mano ben 35 anni fa! Il trapano qui, a pochi metri, sarebbe vergognosa profanazione. Pur aiutato da Simone, il primo spit in equilibrio sulla liscia rampa a braccia stese è già sofferenza. Messo quello, pur senza veder nulla oltre il passo successivo, ho avuto come la sensazione di poter decifrare il mare di granito sopra.

Solo tacca dopo tacca però ci è dato di leggere un sequenza perfetta e miracolosamente tutta in libera per 40 metri. Pazzesca! Ma il prezzo? Caro, carissimo: ben 10 spit filati messi a mano sulla punta delle scarpette, se va bene scaricando su un cliff. E così se ne va la prima giornata, bestemmiando per i tasselli che si spuntano ed i piedi gonfissimi.

Nella seconda giornata la determinazione di Samael (versione satanica del fido Simone) mi sprona ad attaccare dritto il tettone sopra. E il suo non ragionamento non fa una piega: "Forziamo, tanto vale abituarci subito agli strapiombi sopra!". Scelta perfetta perché, pur fradicio, con un chiodo e due spit ci lascia passare addirittura in libera! E sopra ecco il mare lunare di una placca embricata da sogno per un tiro intero.

La lunghezza successiva diventa piacevolmente più tecnica ma sul muro finale devo mollare, esausto dagli ultimi spit che durano ore, che si spuntano continuamente, tanto da doverne usare 4 o 5 ogni volta: ma non è possibile, un altro KO tecnico!  I nuovi costosi tasselli autoperforanti, sostitutivi degli Spit Roc ormai introvabili, purtroppo non sono all’altezza. Per continuare l’imperativo ora è raccattarne un po’ dei vecchi.

E così, alla terza ripresa, ci presentiamo armati e belligeranti. Tanto che salgo di getto il muro di L3 senza mettere nulla. "Samael, siamo sulla Bistecca!", urlo. Mentre alla mia sinistra finalmente si apre quella placca che avevamo tanto sognato. Lavoratissima, banale se non fosse bagnata soprattutto nel finale, a 25-30 metri dalla sosta dove mi fermo a mettere il primo spit. Un bel traverso aereo. Sì, aereo soprattutto in caso di volo, penso…

Poi continuo nel nulla con passi delicati, due chiodi e alcuni friend bagnati che mi portano nel cuore degli strapiombi: ed ora dove andiamo, Samael? E se per assurdo si facessero passare in libera? Perdo almeno un’ora a decidere poi, culo del vecchio apritore, intuisco la giusta sequenza. Con il primo spit, spaccandomi i lombari, riesco a scorgere oltre il bordo, ben 2 metri fuori: non ci posso credere: c’è tutto per scalare! Un altro spit nel vuoto e mi ribalto in sosta distrutto ma pieno di gioia. Simone mi raggiunge commosso: "S-p-e-t-t-a-c-o-l-o!", ripete.

Sopra ci aspetta un muro complesso e verticale solcato da tetti, un bel casino da leggere e probabilmente da scalare. Inizio comunque deciso, in obliquo a sinistra. Scoprendo anche qui una teoria di fessure e tacche come una via già scritta. Il pomeriggio nebbioso di Salarno ci ha avvolti da tempo: ormai solo come un naufrago, fuori dalla vista e dalla voce del compagno, mi ritrovo in bilico sulla tanto agognata placca finale. Io, la nebbia pungente, i piedi che piangono, i crampi alle mani, gli spit lontani. Perso in un mare di granito in balia di un mix dopante di adrenalina, felicità e paura. Uno sballo che ben conosco…

Urlo a Simone che dorme infreddolito. Non importa se sono le 19: per uscire mancano ormai 15 metri, forse un’ora. Poi ancora una volta ci abbracceremo e ci saranno le doppie al buio, bestemmiando come ebbri immortali a quel sasso che ci trancerà l’ennesima corda, cadendo in sosta tra i nostri caschi.  Solo perché, dopo una magica dozzina di ore volate verso altri indelebili ricordi, quella linea immaginaria rimarrà Utopia.

Matteo Pota Rivadossi

NB: ancora un ringraziamento particolare a Rino Ferri, guida alpina e gestore del Rifugio Prudenzini (tel. 0364634578) per l’accoglienza con pappa e birra a tutte le ore!

Matteo Rivadossi ringrazia: Camp - Cassin, Montura e Kayland

Per info si consiglia di consultare:
- la guida Le vie del Cielo di Paolo Amadio, edizioni Alpine Studio
- il sito adamellothehumantouch.it in cui trovate varie relazioni

SCHEDA: Utopia, Val Salarno, Adamello

SCHEDA: Borderline, Val Salarno, Adamello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Borderline, in Val Salarno la nuova via d’arrampicata di Matteo Rivadossi e Simone Monecchi
13.08.2020
Borderline, in Val Salarno la nuova via d’arrampicata di Matteo Rivadossi e Simone Monecchi
Il 19 e 27 luglio 2020 Matteo Rivadossi e Simone Monecchi hanno aperto Borderline, una nuova via d’arrampicata all’Avancorpo del Cornetto di Salarno in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello. Il report di Matteo Rivadossi
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
19.12.2011
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
Matteo Rivadossi e Giorgio Mauri lo scorso settembre (il 3, 10 e 16-17 con un bivacco), hanno effettuato la prima salita di Gotica, una direttissima attraverso le placche più compatte della monumentale parete sud della Quota 2900 del Cornetto di Salarno, Val Salarno, Gruppo dell'Adamello.
Soldato Blu in Val Salarno
12.09.2018
Soldato Blu in Val Salarno
Il racconto e la relazione della via di arrampicata Soldato Blu, aperta sul Cornetto di Salarno in Val Salarno (gruppo dell’Adamello) nel 1985 da Guido Bonvicini e Sandro Zizioli. Una via d’arrampicata storica e piuttosto temuta nel Bresciano, ripetuta di recente da Gianluca Forti e Sandro De Toni e Giovanni Mostarda che forniscono le informazioni aggiornate.
La Diretta del Diamante al Corno Miller, Adamello
13.09.2016
La Diretta del Diamante al Corno Miller, Adamello
Il racconto di Michele Tapparello della probabile prima ripetizione della 'Diretta del diamante' al Pilastro Est della Parete Est del Corno Miller (3373m) in Val Salarno (Valle Camonica, Adamello), effettuata insieme a Filippo Barbieri e Leonardo Gheza.
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
20.08.2012
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
Nuove ripetizioni della via Gotica in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello, da parte di Cristian Brenna insieme a Flavio Crespi, Dario Sandrini e Carlo Codenotti.
Scoglio di Boazzo in Valle di Daone: due vie di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi
11.06.2020
Scoglio di Boazzo in Valle di Daone: due vie di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi
La Premiata Ditta e La Disfatta dei Daoniani, due vie d’arrampicata di qualche anno fa ma ancora inedite a firma di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi sullo splendido scudo granitico dello Scoglio di Boazzo in Val Daone. Il report di Rivadossi.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock