Home page Planetmountain.com
Borderline in Val Salarno: Matteo Rivadossi sul meraviglioso Arco del Musico, L1
Fotografia di archivio Matteo Rivadossi,
Matteo Rivadossi e Simone Monecchi impegnati sul secondo tiro di Borderline in Val Salarno
Fotografia di archivio Matteo Rivadossi,
Borderline in Val Salarno: Simone Monecchi sul diedro-fessura di L2
Fotografia di archivio Matteo Rivadossi,
Borderline in Val Salarno: Matteo Rivadossi e Simone Monecchi in vetta
Fotografia di archivio Matteo Rivadossi,

Borderline, in Val Salarno la nuova via d’arrampicata di Matteo Rivadossi e Simone Monecchi

di

Il 19 e 27 luglio 2020 Matteo Rivadossi e Simone Monecchi hanno aperto Borderline, una nuova via d’arrampicata all’Avancorpo del Cornetto di Salarno in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello. Il report di Matteo Rivadossi

Lungo l’infinita mulattiera, non appena spuntata la sagoma del rifugio, ecco il Diamante, i tre Corni, la Quota 2900, l’Antecima, il Cornetto, il Triangolo, il Gioià, il Poia. Lo senti nella pancia il tornare dopo anni in una valle costellata di cime cercando con lo sguardo se quelle fughe di placche che portano il tuo nome sono davvero lì.

Almeno una via per ogni parete, ricordo di tante avventure sparse in 31 anni di ricordi. Manca giusto la struttura minore ma più blasonata, il superbo Avancorpo, visto che nel 1989 nell’unica apertura fui un freddoloso secondo in fuseaux e canottiera dietro al maestro Alberto Damioli.

Le velleità di aprire una via nuova, impegnativa ed elegante su questo placcone monolitico lungo mezzo chilometro ed alto dai 300 ai 150 metri, si esauriscono tra itinerari storici zigzaganti senza alcuna ripetizione, tentativi misteriosi sparsi un po’ dappertutto e specchi non scalabili.

Se la Val Salarno è la più alpinistica delle valli adamelline, l’Avancorpo del Cornetto ne è certo la fucina delle difficoltà. Il rispetto reverenziale per quei passi, per quei tiri firmati addirittura 35 anni fa da Mario e Massimo Roversi, Sandro Zizioli, Silvio Fieschi e Alberto Damioli, dei loro spaventosi VI+ dispensati con sufficienza ma che oggi sono oggettivamente dei comodi 6c, impone un confronto armi alla pari: piantaspit in mano e niente trapano! L’elettrodomestico qui sarebbe un sacrilegio ed i suoi eventuali sgrillettatori seriali condannati di conseguenza…

Mezza mattina per me e Simone Monecchi se ne va con il binocolo tra le mani alla ricerca di tacche e knobs per passare e di chiodi per non incrociare. Poi, esausti, la scelta migliore: partiamo sul magnifico Arco del Musico dell’amico Silvio Fieschi (1985), il diedro più bello dell’Avancorpo e forse di tutto il Salarno. Un’arrampicata assurdamente bella che ben meritava le 3 ore di pulizia! Poi ancora dubbi da cui pendolo andandomene a destra. Qui ahimè ancora tracce: sì, siamo sul diedro di L2 di Lancillotto Urlante (Mario Roversi e C. 1985), si vedono le boccole degli spit ma perché nessuna placchetta? Boh, sfrutto due millimetri di filetto arrugginito e, dopo un bel dinamico su un tettino, a questo punto mi butto nel nulla verticalmente lungo la placca più liscia della parete che, per lo meno, è vergine.

Sopra la sosta metto altri 3 spit lontani, chiudendo il primo giorno di scalata a 50 metri da terra. Che detto così, senza conoscere i respiri dei runout, le lacrime per gli alluci e le tendiniti da piantaspit, potrebbe anche far sorridere!

Una settimana dopo rieccoci alla base dell’Avancorpo, con l’entusiasmo maniacale subito bastonato perché le corde nascoste sotto i sassi, in uno zainetto dentro due sacchi neri, sono state rosicchiate da qualche animale bastardo, me lo concedano gli etologi: la gialla è accettabile, la blu no, ormai ridotta ad una 50 con 5 lesioni gravi. Teniamo qualche bestemmia anche per l’Arco del Musico che è fradicio, poi partiamo decisi. Al termine precedente la lavagna lucida mi obbliga a rispolverare un po’ di artificiale naif, giusto per non banalizzarla con una fila di spit. Una sequenza ariosa di rivetti da strozzare e cliff con cui parlare sempre sull’ultimo gradino delle staffe. Mentre Simone mi fa notare che forse quei passaggi con cui sto giocando potranno essere un filtro psicologico per gli aspiranti ripetitori…

Acciuffato il secondo grande arco, eccomi presto sulla familiare cengia erbosa dove ritrovo - uguale uguale - la buca tra l’erba isiga che nel 1989, ancora ragazzino sprovveduto, mi protesse dal freddo durante l’apertura di Vercingetorige, variante d’uscita di Morituri te Salutant. Sopra la solita fuga su placche embricate scovando nel Cassetto, un caratteristico masso incastrato, la maniera di passare in libera il gran tetto.

A rompere la monotonia del tic-tic-tac ipnotico degli spit dal lontano sentiero arrivano con la foschia i saluti urlati dalla gioia dell’amico Leo Gheza, incontrato al rifugio la mattina e già di ritorno dalla prima solitaria della mia Gotica: 5 ore e 35? Ma come diavolo hai fatto a far così presto? Complimenti davvero, furetto!

Alle 18 arriviamo al terminus di Vercingetorige tra le fredde nebbie bluastre di una giornata coperta e ventosa: a questo punto due persone non affette da disturbi della personalità, dopo 10 ore di scalata avrebbero potuto anche calarsi. Ma ovviamente no, c’erano ancora due tiri più corti da inventarsi (l’ultimo davvero entusiasmante) prima di vedere il terrazzo sommitale dandosi due pacche sulle spalle.

Prima di respirare leggeri, togliendosi finalmente, ma senza fretta, il piacevole peso di ogni apertura.

Matteo Pota Rivadossi

NB: Un ringraziamento particolare a Rino Ferri, guida alpina e gestore del Rifugio Prudenzini (tel. 0364634578) per l’accoglienza con pappa e birra a tutte le ore!

Matteo Rivadossi ringrazia: Camp - Cassin, CASSIN, Montura e Kayland

Per info si consiglia di consultare:
- la guida Le vie del Cielo di Paolo Amadio, edizioni Alpine Studio
- il sito adamellothehumantouch.it in cui trovate varie relazioni

SCHEDA: Borderline, Val Salarno, Adamello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
19.12.2011
Via Gotica sul Cornetto di Salarno per Rivadossi e Mauri
Matteo Rivadossi e Giorgio Mauri lo scorso settembre (il 3, 10 e 16-17 con un bivacco), hanno effettuato la prima salita di Gotica, una direttissima attraverso le placche più compatte della monumentale parete sud della Quota 2900 del Cornetto di Salarno, Val Salarno, Gruppo dell'Adamello.
Soldato Blu in Val Salarno
12.09.2018
Soldato Blu in Val Salarno
Il racconto e la relazione della via di arrampicata Soldato Blu, aperta sul Cornetto di Salarno in Val Salarno (gruppo dell’Adamello) nel 1985 da Guido Bonvicini e Sandro Zizioli. Una via d’arrampicata storica e piuttosto temuta nel Bresciano, ripetuta di recente da Gianluca Forti e Sandro De Toni e Giovanni Mostarda che forniscono le informazioni aggiornate.
La Diretta del Diamante al Corno Miller, Adamello
13.09.2016
La Diretta del Diamante al Corno Miller, Adamello
Il racconto di Michele Tapparello della probabile prima ripetizione della 'Diretta del diamante' al Pilastro Est della Parete Est del Corno Miller (3373m) in Val Salarno (Valle Camonica, Adamello), effettuata insieme a Filippo Barbieri e Leonardo Gheza.
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
20.08.2012
Via Gotica, nuove ripetizioni in Val Salarno
Nuove ripetizioni della via Gotica in Val Salarno, Gruppo dell'Adamello, da parte di Cristian Brenna insieme a Flavio Crespi, Dario Sandrini e Carlo Codenotti.
Scoglio di Boazzo in Valle di Daone: due vie di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi
11.06.2020
Scoglio di Boazzo in Valle di Daone: due vie di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi
La Premiata Ditta e La Disfatta dei Daoniani, due vie d’arrampicata di qualche anno fa ma ancora inedite a firma di Silvio Fieschi e Matteo Rivadossi sullo splendido scudo granitico dello Scoglio di Boazzo in Val Daone. Il report di Rivadossi.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock