Home page Planetmountain.com
La Leggenda di Charlie e il Dragone on Pizzo Torrone Occidentale (Val Torrone, Val Masino) di Tommaso Lamantia e Manuele Panzeri
Fotografia di Tommaso Lamantia
Manuele Panzeri sale da secondo su La Leggenda di Charlie e il Dragone sul Pizzo Torrone Occidentale (Val Torrone, Val Masino)
Fotografia di Tommaso Lamantia
Tommaso Lamantia e Manuele Panzeri durante l'apertura di La Leggenda di Charlie e il Dragone sul Pizzo Torrone Occidentale (Val Torrone, Val Masino)
Fotografia di Tommaso Lamantia
Il tracciato di La Leggenda di Charlie e il Dragone sul Pizzo Torrone Occidentale (Val Torrone, Val Masino) di Tommaso Lamantia e Manuele Panzeri
Fotografia di Tommaso Lamantia

Val Masino: sul Pizzo Torrone la nuova via di Tommaso Lamantia e Manuele Panzeri

di

Sulla bastionata est di Pizzo Torrone Occidentale (Val Torrone, Val Masino, SO), Tommaso Lamantia e Manuele Panzeri hanno aperto 'La Leggenda di Charlie e il Dragone', una nuova via d’arrampicata in ricordo di Giovanni Giarletta e Ezio Artusi.

Per concludere in bellezza una grande avventura iniziata l’estate scorsa mi sembra giusto prendere un violento temporale con annessa grandinata appena poggiato i piedi a terra in Val di Zocca, dalla parte opposta alla nostra nuova linea sul Pizzo Torrone occidentale.

Ma torniamo indietro a fine luglio dell’anno scorso, più precisamente il 30 luglio 2019: attacchiamo con mille incertezze una nuova linea in Val Torrone, siamo io e Manuele Panzeri, per me è la prima volta che salgo fino al bivacco Manzi e con stupore mi rendo conto di essere circondato da roccia e da pareti severe ad ogni direzione, lui invece la valle la frequenta da 30 anni e la conosce bene avendo già aperto diverse vie nuove.

La linea che ha adocchiato il Panza si trova verso ovest in direzione val di Zocca e più precisamente sulla bastionata est del Pizzo Torrone occidentale, una delle cime più elevate della valle che con i suoi 3351 m domina entrambe le valli (Torrone e Zocca). La parete dove decidiamo di aprire si trova tra il "Muro del Torrone" e i "Pilastri siamesi" e la direttiva è data da una rampa ascendente verso sinistra fino alla cengia, poi da un diedro/camino che punta a destra.

Il primo giorno, dopo aver salito la facile placconata di roccia lisciata dai ghiacciai alla base della bastionata est, ci dirigiamo verso il punto con minori difficoltà della parete e cominciamo a disegnare la nostra linea. Nella prima giornata riusciamo ad aprire qualche tiro sempre con difficoltà tecniche non troppo elevate fino ad una cengia, dove la parete si verticalizza e da dove decidiamo di scendere attrezzando bene le soste per le calate.

A metà agosto ritorniamo decisi a finire la via e, dopo una cena e una notte favolosa al bivacco, il 16 agosto riscaliamo più velocemente i tiri che avevamo aperto due settimane prima e ci troviamo alla cengia a metà parete! A questo punto la scalata riprende a ritmo più lento dell’apertura e, lottando tra fessure, placche e strapiombi, dopo una giornata intensa, ci troviamo la sera nel punto più alto raggiunto (scopriremo poi che all’uscita mancavano solo 45 metri).

Le lunghezze si susseguono sempre abbastanza impegnative e dopo un tiro con una sezione in artificiale che sale Manuele, mi trovo a cercare nel tiro seguente una soluzione per superare una fessura offwidth. Da sotto questo tiro sembra su placca appoggiata invece risulta leggermente strapiombante e si dimostra impegnativo. Dopo una lunga lotta mi trovo distante dall’ultima protezione, oltretutto con un friend posizionato tutto aperto e in posizione del tutto precaria, con i piedi spalmati su piccoli cristallini e con in mano nulla a preparare una sosta! Esperienza mistica, infatti per posizionare il primo spit in quella posizione credo di averci impiegato circa 40 minuti, imprecando senza ormai più energie e senza una goccia di saliva in bocca! Dopo tutte le imprecazioni la sosta è pronta e dopo aver bevuto tutto ciò che mi rimaneva decidiamo di calarci. Torniamo al bivacco stanchi, soddisfatti e convinti che ci manchino un paio di lunghezze e che con un'altra giornata saremo fuori.

Purtroppo nel 2019 io e il Panza non riusciamo a far combaciare i nostri impegni, cosi il tempo passa e troviamo gli unici due giorni quest’anno. Lunedì 20 luglio il tempo è bellissimo, ma già martedì pomeriggio il meteo sembra preannunciare possibili temporali pomeridiani. Siamo fiduciosi di riuscire a scendere nel pomeriggio, cosi al mattino partiamo molto presto e dopo essere arrivati nel punto dell’ultima sosta, scaliamo i 45 metri finali dell’ultimo tiro, attrezzandolo anche in modo un po’ più generoso rispetto ai tiri sotto e, con nostra sorpresa ci rendiamo conto di essere in cima alla bastionata!

Finalmente possiamo rilassarci un po’ sull’aerea cresta con una vista magnifica, a est verso la Val Torrone e a ovest verso la Val di Zocca. Preparata l’ultima sosta di calata per permettere comunque una discesa in doppia della via (alcune doppie sono un po’ impegnative), dalla cresta attraversiamo l’anfiteatro roccioso in direzione dell’avancorpo del Pizzo Torrone e con passi di III arriviamo alle soste di calata di una via a spit (Guronsan). Durante le calate in doppia il meteo minaccia con tuoni e lampi e appena arrivati a terra sui resti delle valanghe scese dopo l’inverno si scatena l’inferno. Non è piacevole prendere una grandinata in montagna, ma ormai per noi le difficoltà sono finite, con rassegnazione di chi non ha posti per ripararsi e la felicità di aver concluso un grande progetto ci dirigiamo verso il rifugio Allievi Bonacossa dove Armando ci offre per festeggiare un ottima bottiglia di Inferno della Valtellina, come a sottolineare le ultime sensazioni vissute!

La Leggenda di Charlie e il Dragone nasce da un’idea di dedicare una via nuova a due grandi amici, due alpinisti e volontari del soccorso alpino scomparsi nel 2018 sotto una valanga, Giovanni Giarletta per gli amici Charlie e Ezio Artusi che per tutti era il Drago.

La via è stata salita in libera dove possibile con alcune sezioni in artificiale, cercando di utilizzare il più possibile protezioni veloci e chiodi, ma sono presenti alcuni spit lungo i tiri e almeno uno in ogni sosta (escludendo la sosta n.2 che si trova su un grosso spuntone). Tutti gli spit sono stati messi con piantaspit a mano. I gradi sono stati dati durante l’apertura, confidiamo di tornare a ripeterla per confermarli o modificarli e per goderci la scalata.

Ringraziamo Salomon, Suunto, BlueIce, DF Sport Specialist e Alba Optics per il supporto

di Tommaso Lamantia

SCHEDA: La Leggenda di Charlie e il Dragone, Pizzo Torrone, Val Torrone, Val Masino

Link: www.lato.coInstagram Tommaso Lamantia 

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Via Napoleone scovata in Val Torrone, Val Masino
17.08.2017
Via Napoleone scovata in Val Torrone, Val Masino
Giovanni Giarletta racconta l'apertura di Via Napoleone, una nuova via d'arrampicata in Val Torrone, selvaggia vallata della Val Masino iniziata da Manuele Panzeri e Pietro Tentori circa nove anni fa e terminata questo agosto.
Simone Pedeferri trova Adventure time alla Meridiana del Torrone in Val Masino - Val Torrone
08.03.2016
Simone Pedeferri trova Adventure time alla Meridiana del Torrone in Val Masino - Val Torrone
Dialogo tra Simone Pedeferri e Richard Felderer dopo la prima libera, nell’agosto del 2015, di Adventure Time, una via d’arrampicata big wall di 550 metri alla Meridiana del Torrone in Val Masino – Val Torrone con difficoltà fino a diff 8b/c.
Valanga in Grignetta, perdono la vita Giovanni Giarletta ed Ezio Artusi
16.02.2018
Valanga in Grignetta, perdono la vita Giovanni Giarletta ed Ezio Artusi
Tragedia in Grignetta: hanno perso la vita in una valanga Ezio Artusi e Giovanni Giarletta, due uomini del Soccorso alpino lecchese.
Pilone Centrale del Frêney: ripercorrendo la storia dell’alpinismo sul Monte Bianco
10.07.2020
Pilone Centrale del Frêney: ripercorrendo la storia dell’alpinismo sul Monte Bianco
Il racconto di Tommaso Lamantia che insieme a Mirco Grasso, Francesco Rigon e Michele Zanotti ha ripetuto il Pilone Centrale del Frêney sul Monte Bianco, una delle vie più belle e significative delle Alpi.
Pizzo Gallina, nuova via d’arrampicata in Val Bedretto, Ticino, Svizzera
24.10.2018
Pizzo Gallina, nuova via d’arrampicata in Val Bedretto, Ticino, Svizzera
Davide Mazzucchelli racconta l’apertura di N’uovo di Gallina, salita insieme a Tommaso Lamantia sul Contrafforte Pizzo Gallina in Val Bedretto, Canton Ticino, Svizzera.
Cerro Torre e resilienza. Di Tommaso Sebastiano Lamantia
22.06.2018
Cerro Torre e resilienza. Di Tommaso Sebastiano Lamantia
Tommaso Sebastiano Lamantia racconta la salita del Cerro Torre in Patagonia attraverso la celebre Via dei Ragni, effettuata lo scorso gennaio insieme a Manuele Panzeri e Giovanni Giarletta, e ricorda l'amico Giovanni che a metà febbraio ha perso la vita in una valanga  in Grignetta insieme a Ezio Artusi.
Cerro Torre, Cumbre in Patagonia per Giarletta, Panzeri e Lamantia
02.02.2018
Cerro Torre, Cumbre in Patagonia per Giarletta, Panzeri e Lamantia
Il report di Manuele Panzeri che il 25 gennaio 2018 insieme a Giovanni Giarletta e Tommaso Sebastiano Lamantia hanno salito il Cerro Torre in Patagonia attraverso la celebre Via dei Ragni.
22.03.2005
Punta Ferrario, un'invernale "calda"
Il 17-18/03, Luca Maspes, Fabio Salini e Giuliano Bordoni sono saliti sulla Punta Ferrario (3258 m, Val Torrone, Masino) lungo una combinazione di vie esistenti che nell'occasione sono state collegate fra loro con 8 nuove lunghezze.
27.03.2003
P.ta Ferrario, 1° solitaria invernale per Pedeferri
Il 18/03 Simone Pedeferri ha realizzato la 1° invernale solitaria della Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario, in Val Torrone, TD+ A1 e A2.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock