Home page Planetmountain.com
Martin Giovanazzi e Davide Miori durante l'apertura di Tra cuore e pensiero alla Cima Busazza (Adamello - Presanella) il 29/05/2021
Fotografia di Martin Giovanazzi / Davide Miori
Martin Giovanazzi e Davide Miori durante l'apertura di Tra cuore e pensiero alla Cima Busazza (Adamello - Presanella) il 29/05/2021
Fotografia di Martin Giovanazzi / Davide Miori
Davide Miori e Martin Giovanazzi in cima alla Busazza durante l'apertura di Tra cuore e pensiero il 29/05/2021
Fotografia di Davide Miori
Il tracciato della via Tra cuore e pensiero alla Cima Busazza (Adamello - Presanella) aperta da Davide Miori e Martin Giovanazzi il 29/05/2021
Fotografia di Martin Giovanazzi

Tra cuore e pensiero alla Cima Busazza in Presanella per Davide Miori e Martin Giovanazzi

di


Martin Giovanazzi e Davide Miori il 29/05/2021 hanno aperto Tra cuore e pensiero (400m M4+), una nuova via di misto alla Parete Nord-Ovest della Cima Busazza nel Gruppo Adamello - Presanella che si congiunge nella parte alta alla storica Dibona. Il report di Giovanazzi.

Era un po’ di tempo che Davide Miori ed io volevamo tirarci un po’ scemi con del sano ravanage. Questo inverno abbiamo passato tanto tempo insieme e ovviamente le idee sono incominciate ad affiorare, una tra queste era andare sulla Busazza e aprire qualcosa di nuovo. Qui la parete nord è una figata, graniti, diedrini ed ambiente selvaggio.

Il nostro progetto però continuava ad essere respinto per un motivo o per l’altro per tutto l’inverno, fino all’altro giorno, ormai estate. Anche se le condizioni non erano le migliori, perché non provarci? La linea che abbiamo tirato fuori secondo noi è mondiale, logica, non troppo difficile (anche se le condizioni ce l’hanno fatta purgare) e bella da vedere.

L’idea era quella di salire in tenda il giorno prima, per togliersi un po’ di dislivello, ed in seguito approcciarsi alla parete. Diciamo che i progetti su cosa intraprendere erano vari, ma il linea di massima, era di aprire qualcosa.

Un mese prima eravamo saliti sul Cercen e avevamo osservato la nord della Busazza individuando alcune linee. Le condizioni sembravano buone, pur sapendo che, probabilmente, la situazione del ghiaccio si sarebbe stravolta col tempo. L’unico modo per venirlo a sapere era partire e ficcarci il naso. Così, carichi come asini, siamo partiti per la Busazza e arrivati lì sotto, ovviamente, ci siamo trovati una situazione completamente diversa da quella che ci eravamo aspettati.

La parte di parete sulla quale il pomeriggio batteva il sole continuava a scaricare e la linea che intendevamo salire non esisteva più. Sembrava che, a quel punto, il giorno seguente ci saremmo dovuti accontentare di una pellatina e di rientrare a casa.

Ad entrambi, tuttavia, è tornata in mente una linea che avevamo intravisto il mese prima ma che avevamo escluso perché sembrava finisse in un punto morto della parete.  Guardandola dalla nuova prospettiva, invece, sembrava molto logica e nemmeno troppo difficile. Così si trasformò nel nostro obiettivo: linea da salire con sci in spalla per poi affrontare la discesa
molto più velocemente, figata!

La linea, una volta che ci si è dentro, è super. Nella prima parte è incassata a mo’ di goulotte e l’ambiente in cui ci si trova è fantastico. Si è circondati da graniti dove proteggersi è una goduria.

Nella seconda parte, oltrepassato lo spigolo, si sborda sul versante nord ovest dove si scala più o meno sulla Dibona, andandosi a cercare diedrini e fessure, fino alla cima. Da qui sciatona giù per il canale ovest e rientro alla tenda.

È bestiale come queste avventure ti regalino una sensazione impagabile, fino a quando non si è giù di nuovo con i propri soci e saltano fuori nuove idee e allora “via che nare”!

La promessa che ci eravamo fatti era quella che quando avremmo trovato una via che rispettava questi canoni, l’avremmo dedicata al Spinacchio e al Giorgio. Ecco che allora l’abbiamo mantenuta dedicandogliela ai veci che, uno nel cuore e l’altro nella mente sono sempre con noi, ci aiutano e ci spingono a portare avanti le nostre passioni. Insomma, grazie ai papà.

di Martin Giovanazzi

Tra cuore e pensiero
Cima Busazza Parete Nord-Ovest, Gruppo Adamello - Presanella
Martin Giovanazzi e Davide Miori il 29/05/2021
Nota: La via via di misto si congiunge nella parte alta alla storica Dibona.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Adamello, Busazza, Presanella: le tre Nord in giornata per Leonardo Gheza e Giulia Venturelli
21.04.2021
Adamello, Busazza, Presanella: le tre Nord in giornata per Leonardo Gheza e Giulia Venturelli
Gli alpinisti Leonardo Gheza e Giulia Venturelli hanno salito le parete nord dell’Adamello, Cima della Busazza e Presanella in giornata. Un giro lungo 51 km con 3700 metri di dislivello positivo, effettuato in 22 ore complessive.
Via Mezzasoga sulla Torre di Val Scura nelle Dolomiti di Brenta
23.07.2020
Via Mezzasoga sulla Torre di Val Scura nelle Dolomiti di Brenta
Sulla Torre di Val Scura in Val di Tovel (Dolomiti di Brenta) Nicola Cont, Elio Mazzalai e Davide Miori hanno aperto la via d'arrampicata Mezzasoga (250 m, VII+). Il report di Miori.
Canale del Boomerang sul Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta
18.01.2020
Canale del Boomerang sul Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta
Il 05/12/2019 Martin Giovanazzi e Vincenzo Mascaro hanno effettuato una probabile prima discesa sul versante NE del Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta, da loro chiamato Canale del Boomerang.
Speta che Vegno, nuova via d'arrampicata sul Roccione di Ranzo in Valle del Sarca
31.05.2019
Speta che Vegno, nuova via d'arrampicata sul Roccione di Ranzo in Valle del Sarca
Sul Croz dele Mirandole (Roccione di Ranzo) parete di Ranzo in Valle del Sarca Nicola Cont, Martin Giovanazzi e Elio Mazzalai hanno aperto Speta che Vegno, una nuova via d'arrampicata aperta dal basso ed attrezzata a fix con tratti da proteggersi con Friend e dadi.
Cima Verde in Val d'Adige, nuova via d'arrampicata sulla Pala Grande
01.04.2019
Cima Verde in Val d'Adige, nuova via d'arrampicata sulla Pala Grande
Il racconto di Martin Giovanazzi di Via Teoria del Grigio, una via d’arrampicata sulla Pala Grande di Cima Verde in Valle dell'Adige aperta insieme a Nicola Cont e Elio Mazzalai il 20 ottobre 2018.
Valle del Sarca e la nuova via d'arrampicata Via Obliquando
14.03.2017
Valle del Sarca e la nuova via d'arrampicata Via Obliquando
Simone Navarini presenta la Via Obliquando (7b+/A0, 180m), una nuova via d’arrampicata aperta sulla parete Lon in Valle del Sarca (TN) a più riprese e dal basso insieme a Nicola Cont, Alessandro Forti, Martin Giovanazzi e Elio Mazzalai. Tutti vivono nei dintorni di Trento e hanno dai 20 ai 22 anni.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra