Home page Planetmountain.com
Riccardo Quaranta su Brave New World al Monte Croce Matese, Appennino, una via di misto aperta insieme a Michele Di Chiro e Laura D’Alessandro
Fotografia di Riccardo Quaranta
Brave New World al Monte Croce Matese, Appennino: in apertura sul traverso inverso
Fotografia di Riccardo Quaranta
Brave New World al Monte Croce Matese, Appennino: nel liscio diedro
Fotografia di Riccardo Quaranta
Il tracciato di Brave New World al Monte Croce Matese, Appennino, la via di misto aperta da dalla guida alpina Riccardo Quaranta insieme a Michele Di Chiro e Laura D’Alessandro
Fotografia di Riccardo Quaranta

Riccardo Quaranta sul Monte Croce Matese apre la via di misto Brave New World

di

Alpinismo in Appennino: la guida alpina Riccardo Quaranta, Michele Di Chiro e L. D’Alessandro hanno aperto sulla nord del Monte Croce Matese la via di misto Brave New World. Il report di Quaranta.

È la lunga storia di un sogno che finalmente si è realizzato. Fin qui niente di nuovo per tutti quelli, come me, che ancora si entusiasmano a tracciare linee mentali su pareti di roccia e ghiaccio. Forse il "viaggio" in questo caso è stato ancora più affascinante di quello che avevo semplicemente immaginato. Non è stato un viaggio facile, per tanti motivi e a dire il vero non sono mancati momenti di sconforto, momenti in cui mi sono sentito piccolo ed inconcludente nei confronti del mio sogno. Giornate in cui sembrava remasse tutto contro.

La storia di questa linea inizia con la storia di un’altra via, Learning to fly. Era il gennaio del 2014 e con Michele aprimmo tre tiri di “Learning”, dal basso. Questi presentavano difficoltà costantemente crescenti (non che avessi dubbi), ma alla roccia molto strapiombante nel terzo tiro si univa anche una carenza di appigli.. tutto diventava aleatorio.

L’idea di vincere, con difficoltà umane, la parete che sovrasta la Grotta delle Ciaole subì dunque un brusco arresto. Tuttavia non mi ero mai rassegnato: ogni volta che passavo da quelle parti, come un bambino col naso spiaccicato contro la vetrina del negozio di giocattoli, mi fermavo a cercare un’idea, una soluzione che mi portasse fuori da tanto vuoto strapiombante per attaccare la parte più "umana" di parete.

La lampadina si accese quando aprii la mente ad una linea che non fosse una goccia d’acqua, bensì qualcosa che cercasse il meno difficile in quel mare di vuoto. Dalla S2 di Learning parte una stretta cengia verso dx che conduce ad un netto diedro al centro della parete. Quella poteva essere la chiave di tutto, quantomeno di accesso al diedro. Affiancato da Laura aprii quello che ho poi ribattezzato il tiro del "traverso inverso" ed anche la prima parte del "liscio diedro". Tutto questo senza farci mancare giornate buttate al vento, come quella in cui dopo aver risalito i primi tiri, la parete inizio’ a colare acqua ovunque, costringendoci ad una mesta ritirata. O quella in cui la corda fissa lasciata era diventata un fuso di ghiaccio di 10 cm di diametro. Insomma mai una gioia, sembrava. Il pensiero era sempre li, tanto che il "Liscio diedro" lo terminai in solitaria ed anche i tiri successivi, tra l’altro questi ultimi anche in libera.

Mancava la ciliegina sulla torta, la prima ripetizione; ma volevo che fosse una ripetizione speciale, che desse risalto alla cima a cui la parete appartiene: Monte Croce (o Cima Croce). Vetta questa molto poco frequentata ma che, proprio per questo, ha un fascino particolare. La prima ripetizione è stato un viaggio nel viaggio, una giornata dalle emozioni fortissime per me, sensazioni difficili da trascrivere. Tanto lavoro e dedizione hanno trovato realizzazione in una giornata serena, di sole in cui la montagna ci ha fatto dimenticare il tanto freddo patito in parete (per me) e sulle soste (per i miei compagni) durante le tante giornate di apertura.

Spuntando sulla vetta abbiamo trovato ad accoglierci un nuovo mondo bellissimo; alle spalle avevamo lasciato un segno che credo possa rappresentare una nuova concezione di scalata per il nostro territorio. Un punto di inizio, affatto un punto di fine.

Grazie a Laura D’Alessandro e a Michele Di Chiro per avermi assecondato ed affiancato in questo splendido sogno realizzato.

Grazie a Climbing Technology, Garmont e Campo Base Outdoor Roma per il continuo supporto.

di Riccardo Quaranta, Guida Alpina

Link: www.riccardoclimbing.com

SCHEDA: Brave New World, Monte Croce Matese

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Sul Monte Croce Matese, Appennino, nuova via di misto di Riccardo Quaranta
26.01.2021
Sul Monte Croce Matese, Appennino, nuova via di misto di Riccardo Quaranta
Sulla parete nord del Monte Croce Matese in Appennino la guida alpina Riccardo Quaranta, insieme a Michele Di Chiro e Antonio Patullo, ha aperto la via di misto Battle Hymn - Inno di Battaglia. Il report di Quaranta.
Campitello Matese e il meeting di dry-tooling in Molise
06.02.2020
Campitello Matese e il meeting di dry-tooling in Molise
Il report di Riccardo Quaranta sulla ottava edizione del meeting di dry-tooling e misto Febbre da Cavallo, svoltosi nell’omonima area di dry-tooling a Campitello Matese, Molise. Ospite d’onore: Ezio Marlier
Monti del Matese, nuove vie di misto in Appennino di Riccardo Quaranta & Co
15.02.2018
Monti del Matese, nuove vie di misto in Appennino di Riccardo Quaranta & Co
Alpinismo in Appennino: nuove vie di misto di Riccardo Quaranta, Alessio Nunziata e Michele Di Chiro sulla suggestiva parete nord del Monte Croce Matese e la nord del Monte Miletto in Molise.
Monte Miletto, nuova via Infinite Dreams di Riccardo Quaranta e Agnese Flavi
24.02.2017
Monte Miletto, nuova via Infinite Dreams di Riccardo Quaranta e Agnese Flavi
Alpinismo in Molise: Riccardo Quaranta presenta Infinite Dreams (120m, AI4-, TD), una nuova via sul Monte Miletto nel gruppo dei Monti del Matese salita assieme ad Agnese Flavi il 15/02/2017
Monte Gallinola, tre nuove vie di arrampicata su misto in Appennino
17.11.2016
Monte Gallinola, tre nuove vie di arrampicata su misto in Appennino
Sulla parete NE di Monte Gallinola (gruppo Monti del Matese, Molise) sono nate tre nuove vie di arrampicata su roccia e ghiaccio: No Hero, Muschio Selvaggio e More than this. Riccardo Quaranta e Gabriele Paolucci raccontano quest'ultimo sviluppo in Appennino.
Monte Miletto e la nuova via Run to the Hills
19.03.2015
Monte Miletto e la nuova via Run to the Hills
Riccardo Quaranta presenta Run to the Hills, una nuova via sull'anticima di Monte Miletto, gruppo dei Monti del Matese, salita assieme a Francesco Palmiero il 10/03/2015.
Monte Miletto, la via The Thin Ice
19.02.2014
Monte Miletto, la via The Thin Ice
Riccardo Quaranta presenta The Thin Ice (235m, D-, 60° con tratti a 75°), una linea probabilmente mai salita sul Monte Miletto nel gruppo dei Monti del Matese, salita assieme a Fabio Madonna il 14/02/2014.
Cascate di ghiaccio alla Grotta delle Ciaole, Molise
30.12.2009
Cascate di ghiaccio alla Grotta delle Ciaole, Molise
Giorgio Ferretti presenta l'arrampicata su ghiaccio e drytooling alla Grotta delle Ciaole, nel Gruppo Monti del Matese in Molise.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo