Home page Planetmountain.com
Riccardo Quaranta sul passo chiave del primo tiro di Battle Hymn - Inno di Battaglia sul Monte Croce Matese (Appennino), aperta insieme a Michele Di Chiro e Antonio Patullo
Fotografia di Michele Di Chiro
Michele Di Chiro e Antonio Patullo sul primo tiro di Battle Hymn - Inno di Battaglia sul Monte Croce Matese
Fotografia di Riccardo Quaranta
Michele Di Chiro, Antonio Patullo e Riccardo Quaranta aprendo Battle Hymn - Inno di Battaglia sul Monte Croce Matese (Appennino)
Fotografia di Michele Di Chiro
Battle Hymn - Inno di Battaglia sul Monte Croce Matese (Appennino) di Riccardo Quaranta, Michele Di Chiro e Antonio Patullo
Fotografia di Riccardo Quaranta

Sul Monte Croce Matese, Appennino, nuova via di misto di Riccardo Quaranta

di

Sulla parete nord del Monte Croce Matese in Appennino la guida alpina Riccardo Quaranta, insieme a Michele Di Chiro e Antonio Patullo, ha aperto la via di misto Battle Hymn - Inno di Battaglia. Il report di Quaranta.

Questo inverno è iniziato come da anni non si vedeva, magra consolazione visti gli antefatti, ma pur sempre una piccola gioia. Nel gruppo del Matese già da dicembre 2020 si sono potuti salire diversi itinerari sia classici che più moderni, segno di condizioni già più che buone.

Soliti giri quindi con il naso all’insù per cercare di capire dove potersi divertire magari salendo qualcosa di nuovo. Rientro da una due giorni in zona Sperlonga per lavoro e subito il giorno successivo sono in giro di perlustrazione insieme a Michele ("Slot" per gli amici). Visto che in alto c’è già nebbia, decidiamo di vedere la situazione alla Grotta delle Ciaole, altro luogo culto per gli amanti del ghiaccio/misto/dry matesino. Per fortuna avvicinamento su fondo duro, che goduria… ogni volta che si esce dal boschetto e la parete si palesa, per me è come comprare un "gratta e vinci". C’è sempre emozione, c’è sempre la foga di conoscere le condizioni delle "classiche" (in realtà qui di vie classiche in senso alpinistico ce ne sono un paio al massimo… sic) Dato uno sguardo generale, mi cade l’occhio su una bella linea accanto a The Talisman, via che ho aperto anni addietro. Sembra un giusto compromesso tra ghiaccio, roccia e impegno atletico. Finiamo il giro di perlustrazione e saliamo alla fine Spyroid, che regala sempre belle emozioni.

Dopo un paio di giorni siamo alla base, armati di tutto punto per aprire la linea che avevo osservato. A noi si è unito anche Antonio, in arte "Sacchetto", per lui si tratta della prima apertura di una via di misto. La costante della giornata sarà un freddo micidiale, visto che partiamo dal parcheggio con - 5°C e vento sostenuto da Nord. Ovviamente la parete dove ci troviamo è esposta a Nord.

Attacco la linea di ghiaccio con ottimismo, ma alla fine la situazione è peggiore di quanto avessi immaginato visto che in alcuni tratti il ghiaccio è staccato totalmente dalla base (probabile effetto della pioggia dei giorni precedenti). Quindi si succedono i "crock", come se stessi scalando su una parete di patatine fritte... e tutto ciò non mi rende affatto tranquillo. Sarà anche per questo che dopo nemmeno 5-6 m e il primo fix messo, mi arriva una bollita epica e... blasfema. Intanto più si sale e più il venticello aumenta. Mi porto sotto quello che sarà il tratto chiave della via, ma decido di recuperare i miei compagni, per evitare che congelino del tutto. Attrezzo una sosta che sarà solo provvisoria per l’apertura e li recupero. Il morale sembra buono, come i processi di congelamento in atto (sorrido ripensandoci). Riparto con un bel runout dalla sosta, passo a 95° non protetto (pur volendo non si metteva niente), quindi stringo i denti e continuo. Finalmente riesco a proteggere in maniera discreta e poter mettere l’ultimo fix di progressione che mi resta.

Anche mettere la sosta definitiva di questo primo tiro non è facile, ma alla fine riesco e posso finalmente dare l’OK ai miei compagni per recuperarli. La novità è che entrambi hanno deciso di scalare con il piumino, cosa che non è mai accaduta; in particolare Michele di piumini addosso ne ha due, tanto per dare un’idea sulla temperatura. Dal canto mio, mentre li recupero, bevo tè caldo e indosso anche io il piumino, con cui concluderò poi tutta la scalata.

Il secondo tiro si apre con un traverso a piombo come un muro di cemento, una serie di passi tecnici per aggirare uno spuntone di roccia e andare ad agganciare una lingua di ghiaccio (vista in realtà dal basso il giorno della perlustrazione). La verità è che quando riesco ad affacciarmi e vedere di persona la consistenza e cosa mi aspetta, beh confesso che non sono stato proprio entusiasta. Terreno sempre con ghiaccio sottile e senza roccia dove proteggersi. Vabbè vado, ne uscirò anche questa volta... spero senza niente di rotto! Alla fine tiro salito quasi slegato, ad eccezione di un chiodo decente messo poco prima della sosta, mi viene in mente un ritornello cantato da un mio caro amico, sempre durante un’apertura: "comunque andare...".

Anche l’ultimo tiro, che doveva essere una passeggiata, nasconde l’insidia dell’erba non piccozzabile e di un sottile strato di ghiaccio non portante. Quindi sempre con attenzione e senza mai mollare la concentrazione arrivo al boschetto che è sopra la parete. Qui il vento è davvero intenso e con esso il freddo: gela tutto, geliamo noi, materiale compreso. Quindi via di corsa, doppie e scendiamo a temperature più ragionevoli.

E’ nata Battle Hymn, come al solito una bella lotta, battaglia che per me significa sempre un onesto confronto con me stesso. Grazie ai miei compagni di salita, Sacchetto & Slot per il freddo condiviso!

di Riccardo Quaranta, Guida Alpina

Link: www.riccardoclimbing.com

Si ringrazia Climbing Technology, Garmont e Campo Base Outdoor Roma per il supporto


SCHEDA: Battle Hymn - Inno di Battaglia

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Campitello Matese e il meeting di dry-tooling in Molise
06.02.2020
Campitello Matese e il meeting di dry-tooling in Molise
Il report di Riccardo Quaranta sulla ottava edizione del meeting di dry-tooling e misto Febbre da Cavallo, svoltosi nell’omonima area di dry-tooling a Campitello Matese, Molise. Ospite d’onore: Ezio Marlier
Monti del Matese, nuove vie di misto in Appennino di Riccardo Quaranta & Co
15.02.2018
Monti del Matese, nuove vie di misto in Appennino di Riccardo Quaranta & Co
Alpinismo in Appennino: nuove vie di misto di Riccardo Quaranta, Alessio Nunziata e Michele Di Chiro sulla suggestiva parete nord del Monte Croce Matese e la nord del Monte Miletto in Molise.
Monte Miletto, nuova via Infinite Dreams di Riccardo Quaranta e Agnese Flavi
24.02.2017
Monte Miletto, nuova via Infinite Dreams di Riccardo Quaranta e Agnese Flavi
Alpinismo in Molise: Riccardo Quaranta presenta Infinite Dreams (120m, AI4-, TD), una nuova via sul Monte Miletto nel gruppo dei Monti del Matese salita assieme ad Agnese Flavi il 15/02/2017
Monte Gallinola, tre nuove vie di arrampicata su misto in Appennino
17.11.2016
Monte Gallinola, tre nuove vie di arrampicata su misto in Appennino
Sulla parete NE di Monte Gallinola (gruppo Monti del Matese, Molise) sono nate tre nuove vie di arrampicata su roccia e ghiaccio: No Hero, Muschio Selvaggio e More than this. Riccardo Quaranta e Gabriele Paolucci raccontano quest'ultimo sviluppo in Appennino.
Monte Miletto e la nuova via Run to the Hills
19.03.2015
Monte Miletto e la nuova via Run to the Hills
Riccardo Quaranta presenta Run to the Hills, una nuova via sull'anticima di Monte Miletto, gruppo dei Monti del Matese, salita assieme a Francesco Palmiero il 10/03/2015.
Monte Miletto, la via The Thin Ice
19.02.2014
Monte Miletto, la via The Thin Ice
Riccardo Quaranta presenta The Thin Ice (235m, D-, 60° con tratti a 75°), una linea probabilmente mai salita sul Monte Miletto nel gruppo dei Monti del Matese, salita assieme a Fabio Madonna il 14/02/2014.
Cascate di ghiaccio alla Grotta delle Ciaole, Molise
30.12.2009
Cascate di ghiaccio alla Grotta delle Ciaole, Molise
Giorgio Ferretti presenta l'arrampicata su ghiaccio e drytooling alla Grotta delle Ciaole, nel Gruppo Monti del Matese in Molise.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock