Home page Planetmountain.com
Agner parete NE Diretta 4 Gatti: Marco Toldo sul primo tiro
Fotografia di Carlo Reghelin / Gruppo Roccia 4 Gatti
Agner parete NE Diretta 4 Gatti: Diego Dellai sul 5° tiro.
Fotografia di Carlo Reghelin / Gruppo Roccia 4 Gatti
Agner parete NE Diretta 4 Gatti: Marco Toldo, Diego Dellai, Carlo Reghelin in cima
Fotografia di Marco Toldo, Diego Dellai, Carlo Reghelin / Gruppo Roccia 4 Gatti
Agner parete NE Diretta 4 Gatti:
Fotografia di Marco Toldo, Diego Dellai, Carlo Reghelin / Gruppo Roccia 4 Gatti

Monte Agner nelle Dolomiti, salito finalmente lo scudo superiore

di

Il racconto di Marco Toldo dell’apertura di Diretta 4 Gatti, una nuova variante alla via dei Sudtirolesi (o Messner) sulla parete Nordest del Monte Agner in Dolomiti. Aperta insieme a Diego Dellai e Carlo Reghelin, la nuova via supera l’evidente scudo nella parte alta della Via dei Sudtirolesi con difficoltà fino a VIII e A3 in arrampicata artificiale.

Lo scudo superiore della parete nord dell’Agner in Dolomiti è sempre stato un punto di domanda. Evitato a sinistra nel 1967 da Heini Holzer, Günther Messner e Reinhold Messner durante l’apertura della via dei Sudtirolesi, e evitato a destra nel 1990 dai fratelli cecoslovacchi Miroslav e Michal Coubal durante la loro apertura della Storia Infinita. È sempre stato un’incognita: apparentemente troppo compatto per essere scalato. Ma adesso gli alpinisti vicentini Diego Dellai, Marco Toldo e Carlo Reghelin del Gruppo Roccia 4 Gatti, arrampicando il 18 e 19 agosto, sono riusciti a superare questo bellissimo scudo giallo e grigio che domina con i suoi 2873 metri la selvaggia Valle di San Lucano. La via è stata aperta senza spit, sia in arrampicata libera fino a VIII sia, su tre tiri, in arrampicata artificiale fino all'A3.


DIRETTA 4 GATTI
di Marco Toldo

Nel 1969 quattro giovani e intraprendenti scalatori formavano nel paese di Arsiero, nell’ Altovicentino, il “gruppo roccia 4 gatti”. Grazie a loro, di anno in anno giovani e non si avvicinano al mondo della montagna ed entrano a far parte del gruppo realizzando nuove aperture e importanti ripetizioni in tutto l’arco alpino. 50 anni dopo 3 giovani del gruppo inseguono il loro sogno che da tempo coltivano…

Era da qualche anno che io e Diego pensavamo ad una via nuova sull’ Agnèr, per noi la cima più bella delle Dolomiti. L’obbiettivo iniziale era un altro ma poi, non ricordo come, si cominciò a parlare del grande scudo e alla possibilità di salire giusto al centro, dove le evidenti colate nere potevano rappresentare un punto debole della parete.

- Ciao Carlo, abbiamo pensato di provare ad aprire una via nuova in Agnèr, sullo scudo. Non dico che sarà facile, magari neanche alla nostra portata, ma sicuramente una bella avventura anche solo provarci!-

E così venerdì sera siamo al bivacco Cozzolino, con noi anche Carlo, coinvolto in questo gioco perché in 3 sarà tutta un’altra cosa, sia per il trasporto del materiale, sia per la compagnia nei probabili momenti di dubbi e tensione.

La mattina del sabato raggiungiamo l’attacco della Messner e la seguiamo fin sotto al grande scudo. Sono le 2 del pomeriggio ed iniziamo a ‘provare’. Per quasi tutto il tempo questo era il concetto che avevamo in testa, ‘provare’, perché più su non si delineava precisamente una possibilità di passare ed in ogni caso le difficoltà erano evidenti.

Al calare della sera io e Diego, alternandoci avevamo salito i primi 3 tiri ed iniziato il quarto, già incontrando difficoltà elevate e lasciandoci comunque sopra la testa il tratto che rappresentava l’incognita più alta.

Ma si sentiva anche una certa fiducia nell’aria, e così lasciate su le due mezze corde, fisse sui tratti appena saliti, scendiamo alla cengia sospesa, che con l’avvicinarsi del tramonto aveva assunto un’atmosfera magica. Mangiamo, beviamo, e riusciamo anche a concederci un po' di svago.

L’ambiente che ci circonda è surreale, un mare di nuvole lascia spuntare solo le cime più alte, il tramonto colora il cielo di fuoco e poi lascia spazio alla notte e a tutte le sue stelle. Ci mettiamo nei sacchi a pelo e lasciamo andare la tensione.

La mattina il sole arriva presto e si fa subito sentire quando ci alterniamo nel risalire le corse fisse. Ricominciamo a ‘provare’, tocca a me. Ho sopra la testa un sottile diedro, l’unico punto debole in mezzo allo scudo giallo, ma il diedro ha un termine e una placca scura e compatta lo sovrasta.

È un momento di forti dubbi, sto li qualche minuto perchè sembra molto difficile. Un buon chiodo mi stiamola a provare, e la possibilità di passare si fa sempre più luce... qualche bel buco per i friend, alcuni passi sui cliff e un paio di chiodi mi fanno giungere ad una grande nicchia dove faccio sosta.

Le difficoltà non sono ancora finite e almeno per altri venti metri il dubbio rimane. Tocca a Diego che sale, lentamente ma sale. In sosta c’è silenzio, credevamo che arrivati li fosse fatta ma non è ancora così. Tutto va per il verso giusto, ma radunati alla sosta successiva non possiamo ancora sciogliere la tensione. 10 metri di placca compatta, ma molto più generosa di come si presentava ci permette di raggiungere i veri punti deboli dello scudo e una serie di camini in breve ci portano sulla cima!

Potrei scrivere un libro sulle sensazioni provate in quella prima mezz’ora passata lassù, ma credo che non esistano parole per descrivere certe emozioni. Posso dire di aver sentito la forza del silenzio, talmente intensa che non riuscivamo ad esprimerci…

E’ pomeriggio e sotto di noi un importante linea è stata finalmente salita, dedicheremo la via al Gruppo Roccia 4 Gatti, ai suoi 50 anni, ai suoi membri e a tutto quello che ci hanno insegnato!

Mi piace pensare che il gigante ci abbia in qualche modo permesso di passare in mezzo al suo scudo, in cambio della grande ammirazione che proviamo per questa montagna.

Mi piace pensare che una cosa, se puoi sognarla, puoi farla!


SCHEDA: Diretta 4 Gatti, Monte Agner, Dolomiti


Diego Dellai ringrazia  Camp Cassin e il negozio Valli Sport di Schio.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Una cavalcata nella storia dell’alpinismo: le Tre Cime di Lavaredo in giornata
09.08.2019
Una cavalcata nella storia dell’alpinismo: le Tre Cime di Lavaredo in giornata
Il report di Diego Dellai che domenica 4 agosto insieme a Marco Toldo ha concatenato le Tre Cime di Lavaredo salendo di seguito la via Comici - Dimai sulla Cima Grande, la via Cassin sulla Cima Ovest e lo Spigolo Giallo sulla Cima Piccola. Una lunga giornata in Dolomiti inseguendo la storia dell’alpinismo.
La storia infinita all'Agner, prima ripetizione e invernale per Martin Dejori e Titus Prinoth
18.01.2016
La storia infinita all'Agner, prima ripetizione e invernale per Martin Dejori e Titus Prinoth
Dal 29 al 30 dicembre 2015 gli alpinisti Martin Dejori e Titus Prinoth hanno realizzato la prima ripetizione (e prima invernale) de La storia infinita la via aperta nel 1990 sulla parete nord est dell'Agner (Dolomiti) dai fratelli cecoslovacchi Miroslav e Michal Coubal.
Cecoslovacchi d'inverno sul Monte Agner, il Gigante di pietra
08.10.2015
Cecoslovacchi d'inverno sul Monte Agner, il Gigante di pietra
Ivo Ferrari racconta, attraverso i ricordi dei protagonisti e di Mauro Chenet, la storia dell'avventura dei cecoslovacchi Josef Rakoncaj e Jaromir Stejskal che, dal 29 Febbraio al 4 Marzo 1980, realizzarono la prima salita invernale della Via Dei SudTirolesi (aperta nell'agosto 1967 da Reinhold Messner, Heini Holzer e Gunther Messner) sulla parete Nord-Est del Monte Agner. Una storia d'alpinismo e di alpinisti di altri tempi sul Gigante di pietra delle Pale di San Martino (Dolomiti).
Velocementeveloce sullo Spigolo Nord del Monte Agner. Di Ivo Ferrari
03.12.2014
Velocementeveloce sullo Spigolo Nord del Monte Agner. Di Ivo Ferrari
Il racconto di Ivo Ferrari della salita in solitaria dell'infinito Spigolo Nord del Monte Agnèr, Valle di San Lucano, Dolomiti. Una via maestosa, aperta nel 1932 da Celso Gilberti e Oscar Soravito e che con i suoi 1600m di dislivello viene considerata la via più lunga delle Dolomiti.
Variante del Li-Cuore alla parete Nord-Est del Monte Agner, una storia d'alpinismo
04.10.2013
Variante del Li-Cuore alla parete Nord-Est del Monte Agner, una storia d'alpinismo
Tito Arosio e Luca Vallata presentano la loro Variante del Li-Cuore (450m, VII+ e A3, VII- obbl.) che sale tra la Vie dei Sud tirolesi e la Via Cuore sulla parete Nord Est del Monte Agner (Dolomiti).
Filtro Magico allo Spiz d’Agner per Roverato e De Giuli
27.09.2007
Filtro Magico allo Spiz d’Agner per Roverato e De Giuli
Il 22/09 Alessio Roverato e Alberto De Giuli hanno ripetuto Filtro Magico la via aperta nel 1996 da Gigi Dal Pozzo, Venturino De Bona e Maurizio Fontana sulla sud dell’Anticima Sud dello Spiz D’Agner (Dolomiti).
03.08.2000
Marmolada, Civetta e Agner in 14 ore per Marco Anghileri
L'1/8 'tour dolomitico' di Marco Anghileri che ha concatenato in 14 ore, comprensive degli spostamenti, la Vinatzer/Messner alla Sud della Marmolada, la Solleder alla Nord Ovest della Civetta, lo Spigolo Gilberti sull'Agner.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni