Home page Planetmountain.com
Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini sulla variante Gipù della via Luigi Degasperi sul Colodri, Arco
Fotografia di Daniele Lira
Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini sulla via Luigi Degasperi sul Colodri, Arco
Fotografia di archivio Francesco Salvaterra
Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini sulla variante Gipù della via Luigi Degasperi sul Colodri, Arco
Fotografia di Daniele Lira
Marco Pellegrini e Francesco Salvaterra in cima al Colodri, Arco, dopo aver ripetuto la via Luigi Degasperi
Fotografia di Francesco Salvaterra

Luigi Degasperi alla parete est del Colodri, Arco. Di Francesco Salvaterra

Una rara ripetizione della via Luigi Degasperi alla parete est del Colodri, Arco è stato lo stimolo per Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini per valorizzare questa classica dimenticata.

La parete est del Colodri sembra essere un inesauribile fonte di ispirazione ed emozioni. Sicuramente la "parete delle pareti" di Arco, la più bella, la più in vista e, almeno fino a alcuni anni fa, la più ambita.

A salire l’aggettante parete sud, leggermente più corta, e la est con i suoi 300 metri di verticalità, ci sono ormai circa 45 vie. Alla prima categoria appartengono le iper classiche, purtroppo addomesticate da parecchi fix lungo i tiri che ne hanno cambiato il carattere.

Le linee più logiche aperte negli anni 80’ sono tutt’ora delle magnifiche scalate che vale sempre la pena ripetere. Katia Monte, White crack, Somadossi, Renata Rossi, Umberta Bertamini, Barbara: tutte bellissime arrampicate atletiche, lungo fessure e diedri di roccia compatta e tutto sommato nemmeno così unte come si dice in giro.

Fino a metà del 2000 erano le vie più frequentate di Arco, prima delle vie plaisir che hanno portato a un progressivo spopolamento del Colodri e Mandrea a favore delle Coste dell’Anglone e della parete San Paolo.

Una ventina sono vie sportive come la mitica Zanzara e Labbradoro, una delle prime vie lunghe sportive in Italia e tutt’ora un banco di prova. A parte Zanzara, che è stata un esperimento aperta dall’alto, le altre sportive sono tutte vie aperte dal basso e in libera, proprio per queste caratteristiche sono tutte belle.

Le restanti si dividono in vie di artificiale stile direttissima, come DDT di Marampon e vie molto alpinistiche semi dimenticate. Tra queste ultime sono particolarmente interessanti: l’Agostina e incompiuta (uniche ad essere molto ripetute), via per Giuliano, Vento di Passioni, Charlie Chaplin, via del Bepi, Diedro Rosi e Magic Trip, quest’ultima sicuramente la più impegnativa (200m IX-) perché estremamente strapiombante e poco ingentilita.

Sull’onda della bella avvenuta della prima libera di Magic Trip, assieme a Marco Pellegrini abbiamo pensato di divertirci e forse valorizzare un’ altra classica dimenticata, la Luigi Degasperi. Questa via sale un sistema di diedri al centro della parete, nel settore a sinistra del Pilastro Zanzara, per poi connettersi nella parte finale alla Katia e uscire su questa.

È stata aperta in arrampicata mista, libera e artificiale, da un forte team di arrampicatori trentini (R. Bassi, S. Fruet, C. Faes, M. Degasperi 1980). Tra questi, spicca Roberto Bassi, mito e figura chiave dell’arrampicata sportiva in valle del Sarca. All’epoca Bassi doveva ancora affrancarsi completamente dai pantaloni alla zuava e le staffe per portare una ventata di novità. Tuttavia i tempi erano quasi maturi e solo tre anni dopo assieme a Manolo inaugura Zanzara.

Nello stesso anno Ermanno Salvaterra e C. Gipponi aprono una variante iniziale di due tiri, la variante Gipù, che rende l’itinerario più lungo e continuo, partendo nel punto più basso della parete. Il secondo tiro è molto bello e severo, risultando uno dei più difficili della via. Il parere di Marco Furlani è che l’itinerario è stato ben poco ripetuto negli anni ‘80 e ‘90, e non ha avuto maggiore fortuna fino ai giorni nostri. Forse per il fatto che le vie in questo stile, solo a chiodi normali, magari con tratti di artificiale e da chiodare non hanno molti seguaci.

Non avevamo notizie di salite in libera. Solo successivamente alla nostra libera, che non ci è venuta a vista, ho incontrato per caso Giampaolo Calzà (Trota). Mi ha raccontato di averla ripetuta a vista ancora pochi anni dopo l’apertura assieme a Danny Zampiccoli. Il Trota è stato uno dei più forti e questa libera (senza friends) è solo uno dei suoi tanti exploit mai pubblicizzati.

Il primo giorno siamo partiti dall’attacco originale, provando a salire a-vista. Già il secondo diedro ci ha dato del filo da torcere soprattutto per via di parecchi tratti friabili, visto che ormai l’onsight era andata su per il camino ce la siamo presa comoda scalando solo fino in cima all’ultimo diedro difficile. Poi ci siamo calati disgaggiando i tratti di roccia delicata e dando una controllata ai vecchi chiodi.

La seconda giornata siamo partiti dalla variante Gipù e abbiamo salito la via rotpunk fino in cima al Colodri. Sull’ultimo tiro, prima di connettersi alla Katia Monte, abbiamo trovato alcune incongruenze con la relazione. Siamo saliti dritti dalla sosta a chiodi, trovando due chiodi, ma anche un tratto friabile con parecchi blocchi precari, tra l’altro sulla verticale della sosta. Calandoci abbiamo trovato la possibilità di spostarsi a sinistra su una placca a buchi molto più bella e compatta, consigliamo ai ripetitori questa breve variante aperta dall’alto.

In un secondo momento, siamo tornati con il fotografo Daniele Lira, per Montura, e abbiamo fatto qualche foto sul secondo tiro della variante Gipù.

di Francesco Salvaterra

SCHEDA: Luigi Degasperi, Monte Colodri, Valle del Sarca

Salvaterra ringrazia per il supporto: Climbing TechnologyFerrinoSCARPA, Salice Occhiali

Info: www.francescosalvaterra.comFB Francesco Salvaterra

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Via Renata Rossi al Monte Colodri, l'intramontabile classica di Arco
28.11.2021
Via Renata Rossi al Monte Colodri, l'intramontabile classica di Arco
La relazione di una delle vie più belle e famose del Monte Colodri ad Arco, la via Renata Rossi aperta nel 1979 da Roberto Bassi, Marco Furlani, Luigi Giacomelli e Elio Piffer. Di Alberto De Giuli, guida alpina.
Sul Monte Colodri ad Arco l’Opera Buffa di Alessandro Beber e Matteo Pavana
28.04.2021
Sul Monte Colodri ad Arco l’Opera Buffa di Alessandro Beber e Matteo Pavana
Sulla parete est del Monte Colodri ad Arco (Valle del Sarca) Alessandro Beber e Matteo Pavana hanno aperto e liberato la via d’arrampicata Opera Buffa (270m, 7c+ (7a obbl.). Il report di Beber.
Monte Colodri, Arco: la Via per Giuliano aperta da Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini
09.04.2021
Monte Colodri, Arco: la Via per Giuliano aperta da Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini
Sulla parete sud del Monte Colodri ad Arco in Valle del Sarca le guide alpine Francesco Salvaterra e Marco Pellegrini hanno aperto una nuova via d’arrampicata dedicata a Giuliano Stenghel. Il report e la scheda di Salvaterra.
Vino e Cioccolato al Monte Colodri di Arco
25.03.2020
Vino e Cioccolato al Monte Colodri di Arco
Il report di Alessandro Chiarani che nel 2016 sul Monte Colodri di Arco (Valle del Sarca) aveva completato insieme a Ivan Prandi la via d’arrampicata Vino e Cioccolato (280m, 7b+).
Francesco Salvaterra e il Magic Trip del Colodri di Arco
13.03.2020
Francesco Salvaterra e il Magic Trip del Colodri di Arco
Il racconto di Francesco Salvaterra che il 29 febbraio sulla parete sud del Monte Colodri ad Arco, nella Valle del Sarca, ha liberato Magic Trip, la via d’arrampicata aperta nel 1986 da due dei più forti alpinisti trentini del momento, Marco Pegoretti e Andrea Andreotti.
Mescalito, la classica del Colodri di Arco raccontata da Renato Bernard
21.11.2018
Mescalito, la classica del Colodri di Arco raccontata da Renato Bernard
Renato Bernard e la Via Mescalito, aperta nel 1982 insieme a Renzo Vettori sulla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco ed ancora adesso una della vie d’arrampicata più famose della Valle del Sarca.
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
19.10.2018
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
La relazione della via Mescalito alla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco, la via d’arrampicata aperta nel 1982 da Renato Bernard e Renzo Vettori ritenuta ancora oggi un capolavoro della Valle del Sarca. Di Carlo Cosi, guida alpina.
Gola del Limarò, tre nuove vie d’arrampicata di Francesco Salvaterra
11.11.2016
Gola del Limarò, tre nuove vie d’arrampicata di Francesco Salvaterra
Francesco Salvaterra propone le relazioni di tre nuove vie multipitch nella gola del Limarò, vicino ad Arco, Trentino - Alto Adige. Due in stile arrampicata trad, 'Apparire o scegliere d’essere' e 'Via degli aspiranti', e una diametralmente opposta con chiodatura ravvicinata a fix: 'The Passenger'.
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
06.07.2016
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
La scheda della via d'arrampicata Zanzara e Labbradoro, il capolavoro aperto nel 1983 da Maurizio Zanolla Manolo e Roberto Bassi sul Monte Colodri, Arco (Lago di Garda - Trentino).
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
26.04.2016
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
Il report di Roberto Pedrotti che, nei mesi a cavallo tra il 2015 e 2016, insieme a Sebastiano Zambotti , ha aperto PiZeta (7c, 230m), una nuova via sul Monte Colodri (Arco, Trentino). La nuova linea incrocia le vie Vento di Passione e Katia Monte e termina con l’ultimo tiro su Vento di Passioni oppure sulla via L’incompiuta.
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
12.06.2015
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
Stefano Michelazzi parla di Vento di passioni (7-, A1), una nuova via d'arrampicata aperta con Marco Ghidini sul Monte Colodri, Arco (Garda Trentino).
Colodri: sopra Arco una nuova via di più tiri di Daniele Geremia e Diego Mabboni
05.05.2015
Colodri: sopra Arco una nuova via di più tiri di Daniele Geremia e Diego Mabboni
Sul Monte Colodri ad Arco Daniele Geremia e Diego Mabboni hanno aperto la nuova via d’arrampicata Piccolo Diavolo (8a 7a obb., 300m).
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
02.11.2008
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
Massimo Antonini e Giampaolo ‘Trota’ Calzà hanno aperto la Via Giovanni Segantini (280m, 6c+ max) sulla parete est del Monte Colodri (Arco, Trentino).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós