Home page Planetmountain.com
Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni durante la prima libera di Leap of Faith sul Poncione d’Alnasca in Svizzera.
Fotografia di Tommaso Lamantia / Karpos
Alessandro Zeni e Matteo Della Bordella durante la prima libera di Leap of Faith sul Poncione d’Alnasca in Svizzera.
Fotografia di Tommaso Lamantia / Karpos
Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni sotto Poncione d’Alnasca in Svizzera, preparandosi per la durante la prima libera di Leap of Faith
Fotografia di Tommaso Lamantia / Karpos
Il tracciato di Leap of Faith sul Poncione d’Alnasca in Svizzera, liberato da Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni
Fotografia di Tommaso Lamantia / Karpos

Leap of Faith liberata da Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni

di

Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni hanno effettuato la prima libera di Leap of Faith (8a+/b max, 7b+ obblig, 500m) grande via sul Poncione d'Alnasca in Svizzera.

Sulla erta parete sud del Poncione d’Alnasca, sopra la Val Verzasca in Svizzera, Matteo Della Bordella e Alessandro Zeni sono andati a segno con la prima libera di Leap of Faith. La via di 500 metri prende una linea sul lato sinistro della piramide granitica ed era stata aperta dal basso dallo stesso Della Bordella insieme a Davide Bacci e al ticinese Luca Auguadri tra il 2015 e il 2016. Protetta con un mix di nuts, friends e spit dove assolutamente necessario, presenta 16 tiri con difficoltà fino a 8a+/b max e 7b+ obbligatorio.

Nel 2018 Della Bordella con diversi altri compagni di cordata era riuscito a liberare singolarmente tutti i tiri tranne uno che era riuscito a salire a malapena con la corda dall’alto, poi per svariati impegni ha dovuto aspettare fino a quest’estate per ritornare, questa volta in compagnia di Alessandro Zeni, in grande forma dopo la prima libera di Cryptography l’unico 9b di placca a Saint Loup in Svizzera. Con un portaledge in parete ed in vero stile big wall i due hanno lavorato i tiri a fine settembre, poi ad ottobre sono tornati per chiudere il cerchio con la prima libera.

Per tutti i dettagli del progetto e per il grande lancio sul decimo tiro che dà il nome alla via, rimandiamo al sito Karpos dove è possibile anche ascoltare l’interessante podcast di Della Bordella.

SCHEDA: Leap of Faith, Poncione d'Alnasca, Svizzera

>> Clicca qui per il racconto di Della Bordella e Zeni su www.karpos-outdoor.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Alessandro Zeni sale Cani Morti Plus nelle Pale di San Martino
23.09.2020
Alessandro Zeni sale Cani Morti Plus nelle Pale di San Martino
Unendo le prime due lunghezze di Cani Morti, la difficile via aperta nel 2003 da Maurizio Zanolla Manolo e Riccardo Scarian sul Campanile Basso di Lastei nelle Pale di San Martino, quest’estate Alessandro Zeni ha dato vita a Cani Morti Plus. Gradata 8c, è una delle vie di più tiri più difficili delle Dolomiti.
Alessandro Zeni, intervista dopo il suo 9b di Cryptography a Saint Loup
07.05.2020
Alessandro Zeni, intervista dopo il suo 9b di Cryptography a Saint Loup
Intervista ad Alessandro Zeni che il 11/01/2020 nella falesia di Saint Loup, in Svizzera, ha liberato Cryptography, una combinazione delle vie Bain de Sang e Bimbaluna. Con il grado suggerito di 9b, è da considerarsi una delle placche più difficili al mondo.
Alessandro Zeni libera Cryptography, 9b di placca a Saint Loup in Svizzera
04.05.2020
Alessandro Zeni libera Cryptography, 9b di placca a Saint Loup in Svizzera
Lo scorso 11 gennaio 2020 Alessandro Zeni ha liberato Cryptography, una combinazione delle vie Bain de Sang e Bimbaluna nella falesia di a Saint Loup, in Svizzera. Per la nuova linea il 28enne climber ha suggerito il grado di 9b, rendendola di fatto una delle placche più difficili al mondo.
Jurassic Park su El Mocho per Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
03.03.2020
Jurassic Park su El Mocho per Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Il racconto di Matteo della Bordella che poco prima del rientro in Italia ha terminato, insieme a Matteo Pasquetto, Jurassic Park (320m, 7b, A1), una nuova salita sulla parete nord di El Mocho, nel gruppo del Cerro Torre, già tentata nel 2019 insieme alla canadese Brette Harrington.
Matteo Della Bordella ripete Itaca nel Sole sul Caporal, Valle dell’Orco
28.01.2020
Matteo Della Bordella ripete Itaca nel Sole sul Caporal, Valle dell’Orco
L’alpinista Matteo Della Bordella ha ripetuto Itaca nel Sole sul Caporal in Valle Orco. Aperta da Gian Piero Motti e Guido Morello nel 1975, questa via di più tiri fu liberata da Cristian Brenna nel 2003.
La via meno battuta di Matteo Della Bordella
11.10.2019
La via meno battuta di Matteo Della Bordella
E' uscito 'La via meno battuta. Tutto quello che mi ha insegnato la montagna' (ed. Rizzoli) il libro in cui Matteo Della Bordella, uno dei più forti giovani alpinisti italiani nonché presidente dei Ragni di Lecco, racconta la sua avventura sulle montagne e pareti del mondo
Greenspit: il sogno di una generazione salito in Valle dell'Orco da Matteo della Bordella e Francesco Deiana
03.05.2019
Greenspit: il sogno di una generazione salito in Valle dell'Orco da Matteo della Bordella e Francesco Deiana
Matteo della Bordella e Francesco Deiana hanno entrambi ripetuto Greenspit, la mitica via di arrampicata trad in Valle Orco liberata da Didier Berthod.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock