Home page Planetmountain.com
Matteo della Bordella apre con Matteo Pasquetto la via Jurassic Park su El Mocho in Patagonia, febbraio 2020. 'El Mocho è una parete particolare: vista al cospetto del Cerro Torre appare come un piccolo avancorpo privo di alcun valore alpinistico, dalla forma tozza e dall'altezza modesta. Tuttavia, proprio questa sua posizione 'sfortunata', al cospetto della 'madre di tutte le pareti' ovvero la Est del Torre, fa spesso commettere grossolani errori di valutazione.'
Fotografia di Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Jurassic Park su El Mocho in Patagonia salita da Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Fotografia di Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Jurassic Park su El Mocho in Patagonia, tentativo del 2019 di Brette Harrington, Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Fotografia di Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Matteo Pasquetto e Matteo della Bordella durante l'apertura di Jurassic Park su El Mocho in Patagonia
Fotografia di Matteo della Bordella

Jurassic Park su El Mocho per Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto

Il racconto di Matteo della Bordella che poco prima del rientro in Italia ha terminato, insieme a Matteo Pasquetto, Jurassic Park (320m, 7b, A1), una nuova salita sulla parete nord di El Mocho, nel gruppo del Cerro Torre, già tentata nel 2019 insieme alla canadese Brette Harrington.

Il nostro viaggio per quest'anno volge al termine, ma prima di rientrare a casa, la Patagonia ci ha concesso un'altra avventura, in una giornata passata in compagnia del fedele vento Azul. Lo scorso febbraio Matteo Pasquetto ed io ci eravamo uniti in cordata alla forte scalatrice canadese Brette Harrington, con l'idea di aprire una nuova via sulla parete chiamata "El Mocho". El Mocho è una parete particolare: vista al cospetto del Cerro Torre appare come un piccolo avancorpo privo di alcun valore alpinistico, dalla forma tozza e dall'altezza modesta. Tuttavia, proprio questa sua posizione "sfortunata", al cospetto della "madre di tutte le pareti" ovvero la Est del Torre, fa spesso commettere grossolani errori di valutazione.

A febbraio 2019 partimmo convinti di salire una linea nuova, che seguiva un sistema perfetto di fessure e raggiungere senza problemi la cima di "El Mocho", ma ci bastò un breve assaggio per capire che quello che fino a poco prima ci era sembrato solo un "piccolo avancorpo" ora invece era una parete di tutto rispetto, molto più lunga e difficile di quanto preventivato. Quel giorno insieme a Brette salimmo 5 tiri e mezzo, di cui uno (tirato da Brette) particolarmente impegnativo dal punto di vista psicologico, prima di rientrare sconfitti alle nostre tende. Fu una bella "bastonata imprevista", di quelle che fanno bene ogni tanto e ti ricordano di abbassare le orecchie perché su queste montagne non c’è nulla di facile e scontato.

Il 28 febbraio di quest’anno la meteo annuncia una giornata di tempo discreto con un po’ di vento, così Matteo ed io decidiamo di riprovarci, mentre Berna purtroppo rinuncia a causa dell’influenza (tranquilli che per fortuna non ha il corona virus). Fin dal mattino le raffiche di vento ci fanno posporre la prima sveglia di un’ora, per fortuna appena decidiamo di alzarci incontriamo fuori dalla nostra tenda gli amici svizzeri Roger e Jonas che ci danno inconsapevolmente un po’ di motivazione. Sono ormai quasi le 9 quando decidiamo di attaccare la via, ripercorrendo in libera i tiri aperti lo scorso anno insieme a Brette… 4 lunghezze bellissime, tutte impegnative e molto fisiche.

Giunti sotto il tiro chiave, il vento che fino a quel momento ci aveva risparmiato, torna prepotente a farsi sentire, tuttavia ormai decidiamo di non mollare, e invece che ripercorrere il precario tiro su pecker di Brette troviamo una variante a destra decisamente meno psicologica che ci porta in breve al punto massimo del 2019.

Da qui ci illudiamo di poter terminare la via senza grosse difficoltà, fino a quando a sbarrarci la strada troviamo una fessura fuori misura di 40 metri, con il finale leggermente strapiombante. Capisco subito che sarà estremamente dura, ma parto concentrato, raccogliendo tutte le energie per provare a salire in libera questa lunghezza che sembra rubata a Yosemite. Dopo 25 metri purtroppo esplodo sfinito, con le caviglie sanguinanti e senza un briciolo di energia rimasta… è incredibile come questo genere di scalata sia in grado di svuotarti completamente! Un ultimo tiro ci conduce in cima al nostro pinnacolo, dove avevamo già previsto di terminare la nostra linea, da cui unendosi ad una delle vie già esistenti si può raggiungere la “cima” di El Mocho.

Jurassic park perché il Mocho qui in Patagonia è forse un po’ un parco giochi, che però come nell’omonimo film, dopo un’idilliaca apparenza iniziale, può avere risvolti inaspettati.

di Matteo Della Bordella 


Link: ragnilecco.comwww.pataclimb.comFB Matteo Della BordellaKarposKongSCARPAVibram

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Aguja Poincenot, Patagonia, ripetuta la via del 40esimo dei Ragni
25.02.2020
Aguja Poincenot, Patagonia, ripetuta la via del 40esimo dei Ragni
Il racconto di Matteo Della Bordella che, insieme a Matteo Bernasconi e Matteo Pasquetto, ha ripetuto la via del 40esimo dei Ragni di Lecco sulla parete nord dell'Aguja Poincenot, aperta nel 1986 da Mario Panzeri, Paolo Vitali, Marco Della Santa e Daniele Bosisio. Si tratta probabilmente della prima ripetizione, sicuramente un gran viaggio di 800 metri lungo ‘una via fantastica’ salita tutta in libera e a vista.
Il dado è tratto, nuova via dei Ragni di Lecco sulla Aguja Standhardt in Patagonia
11.02.2020
Il dado è tratto, nuova via dei Ragni di Lecco sulla Aguja Standhardt in Patagonia
Sul versante Nord dell'Aguja Standhardt, in Patagonia, Matteo Bernasconi, Matteo Della Bordella e Matteo Pasquetto hanno aperto Il dado è tratto: una nuova linea che offre un’arrampicata “spettacolare". Il racconto di Della Bordella direttamente da El Chalten.
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
19.02.2020
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
Sulla Aguja Standhardt in Patagonia gli alpinisti belgi Nicolas Favresse e Sean Villanueva O’Driscoll hanno aperto la nuova via El Flechazo (850m, 7b, M3, WI5+).
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
18.02.2020
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
Intervista al 29enne alpinista tedesco Fabian Buhl che il 7 febbraio 2020 si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, Patagonia.
Torre Egger, Patagonia, completata la via Marc-Andre’s Visión
14.02.2020
Torre Egger, Patagonia, completata la via Marc-Andre’s Visión
Gli alpinisti Brette Harrington, Quentin Roberts e Horacio Gratton hanno completato la Marc-Andre’s Visión, una nuova via sulla parete est della Torre Egger in Patagonia.
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
08.02.2020
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
Paralpinismo in Patagonia: l'alpinista tedesco Fabian Buhl si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, in Patagonia. E’ il primo a farlo salendo autonomamente in vetta.
Patagonia: sul Cerro Cachet parete NE salita da Lukas Hinterberger, Nicolas Hojac, Stephan Siegrist
10.02.2020
Patagonia: sul Cerro Cachet parete NE salita da Lukas Hinterberger, Nicolas Hojac, Stephan Siegrist
Nella Patagonia settentrionale, gli alpinisti Lukas Hinterberger, Nicolas Hojac e Stephan Siegrist hanno effettuato la prima salita della parete nordest del Cerro Cachet. La via è stata chiamata Homenaje a los amigos perdidos in memoria degli amici David Lama, Ueli Steck e Julian Zanker.
Cerro Piergiorgio parete est, nuova via in Patagonia di Alessandro Bau e Giovanni Zaccaria
02.02.2020
Cerro Piergiorgio parete est, nuova via in Patagonia di Alessandro Bau e Giovanni Zaccaria
Sulla parete est del Cerro Piergiorgio in Patagonia Alessandro Baù e Giovanni Zaccaria hanno aperto una nuova via di ghiaccio chiamata Scrumble de manzana.
Fitz Roy, Supercanaleta e la straordinaria normalità della Patagonia. Di Fabrizio Della Rossa
31.01.2020
Fitz Roy, Supercanaleta e la straordinaria normalità della Patagonia. Di Fabrizio Della Rossa
Il racconto della guida alpina Fabrizio Della Rossa che, insieme al collega Carlo Cosi, ha salito il Fitz Roy in Patagonia lo scorso 22 gennaio lungo la storica via Supercanaleta.
Cerro Torre Parete Est, il tentativo di Matteo Della Bordella e Matteo Pasquetto
25.01.2020
Cerro Torre Parete Est, il tentativo di Matteo Della Bordella e Matteo Pasquetto
Il video del tentativo di Matteo Della Bordella e Matteo Pasquetto alla parete est del Cerro Torre (Patagonia) lungo il Diedro degli Inglesi.
Patagonia: Aguja Poincenot e Fitz Roy per Corrado Pesce, Pierre Labbre e Damien Tomasi
21.12.2014
Patagonia: Aguja Poincenot e Fitz Roy per Corrado Pesce, Pierre Labbre e Damien Tomasi
Breve aggiornamento dalla Patagonia con due salite di Corrado Korra Pesce, Pierre Labbre, e Damien Tomasi sull' Aguja Poincenot e Fitz Roy.
Aguja Poincenot, Andreas Fransson scende la rampa Whillans con gli sci
25.09.2012
Aguja Poincenot, Andreas Fransson scende la rampa Whillans con gli sci
Il 19/09/2012 Andreas Fransson ha effettuato la prima discesa con gli sci della rampa Whillans su Aguja Poincenot, Patagonia.
Via Russo, nuova via sull'Aguja Poincenot in Patagonia
23.02.2012
Via Russo, nuova via sull'Aguja Poincenot in Patagonia
Nel febbraio 2012 gli alpinisti russi Sergey Dashkevich, Mikhail Davy, Evgeniy Dmitrienko e Arkadiy Seregin hanno aperto la loro Via Russo (1600m (750m terreno nuovo) 6b (ABO) A4 M4) sulla parete SE del Aguja Poincenot in Patagonia.
Aguja Poincenot, la via Whillans-Cochrane e la Patagonia
29.12.2011
Aguja Poincenot, la via Whillans-Cochrane e la Patagonia
Tra storia e realtà. L'Aguja Poincenot (3002m), per la via Whillans-Cochrane (600m, 5+, 70°, M3/M4, pareti E e S): il racconto di Damiano Barabino, Sergio De Leo, Marcello Sanguineti, Christian Türk che l'hanno salita il 23 dicembre 2011
The Rise of the Machines, nuova via sull' Aguja Poincenot in Patagonia
27.12.2011
The Rise of the Machines, nuova via sull' Aguja Poincenot in Patagonia
Jens Holsten, Joel Kauffman e Mikey Schafer hanno aperto The Rise of the Machines (VI 5.11 A2 900m) sulla parete sud-ovest di Aguja Poincenot nel massiccio del Fitz Roy, Patagonia.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
COVER
Via delle Rosine, prima discesa, #iorestoacasa
Federico Ravassard Outdoor Photography