Home page Planetmountain.com
Cima Grande di Lavaredo, Dolomiti: Jacek Matuszek & Łukasz Dudek durante la prima salita di Premiere
Fotografia di Jacek Matuszek, Łukasz Dudek
Jacek Matuszek e Łukasz Dudek aprono Premiere, Cima Grande di Lavaredo, Dolomiti
Fotografia di Jacek Matuszek, Łukasz Dudek
Łukasz Dudek e Jacek Matuszek durante la prima libera di Premiere, Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti
Fotografia di Jacek Matuszek, Łukasz Dudek
Il tracciato di Premiere, Cima Grande di Lavaredo, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti (Łukasz Dudek, Jacek Matuszek)
Fotografia di Jacek Matuszek, Łukasz Dudek

Cima Grande di Lavaredo: in Dolomiti Jacek Matuszek e Łukasz Dudek aprono Premiere

di

Gli alpinisti polacchi Jacek Matuszek e Łukasz Dudek hanno aperto e liberato Premiere, una nuova via d’arrampicata sulla parete nord della Cima Grande nel gruppo delle Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti.

Jacek Matuszek e Łukasz Dudek sono meglio conosciuti per il loro Alpine Wall Tour, un viaggio che nel corso degli anni li ha portati a ripetere alcune delle vie di più tiri più difficili delle Alpi come End of Silence (Alpi di Berchtesgaden), Silbergeier (Rätikon), Des Kaisers neue Kleider (Wilder Kaiser), Brento Centro (Monte Brento, Valle del Sarca) e Bellavista, La Via degli Spagnoli e Project fear (Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti). Man mano che guadagnavano esperienza, i climber polacchi hanno iniziato però a chiedersi cosa non avevano ancora vissuto in montagna e si sono subito resi conto di non aver mai aperto una nuova via. Centrare questo obiettivo, più di ogni altra cosa, era tutto ad un tratto ciò che gli interessava di più.

I primi viaggi nell'agosto 2017 in Marmolada e al Monte Taè alla ricerca di nuove linee si sono rivelati infruttuosi e mentre sfogliavano una guida d’arrampicata hanno appreso che La Strada alle Tre Cime di Lavaredo non era mai stata ripetuta. Aperta nel 1980 dai loro compatrioti Piotr Edelman e Jan Fijalkowski, non potevano non tentare di salire la linea sul lato destro della Cima Grande, ma arrivati all’attacco hanno constato che la linea era completamente bagnata. La parete poco più a destra invece era asciutta e c'era spazio sufficiente per aprire qualcosa di nuovo.

Matuszek ha spiegato: "Abbiamo tirato fuori tutti i nostri giocattoli dagli zaini e Jacek ha iniziato a mettere sull’imbrago spit, chiodi, nuts e friends. Sembrava un albero di Natale mentre saliva la prima sezione facile per raggiungere una placca. Per la prima volta in vita sua, Jacek si è fidato di uno skyhook e dopo aver trapanato un po’, il primo spit brillava orgogliosamente in parete. Avendo salito in artificiale con l’aiuto dei Friends il resto del tiro, è finalmente arrivato ad una comoda cengia, dove ha fatto sosta. Ora era il mio turno. Prima di entrare sul terreno vergine ho esaminato attentamente gli skyhook e li ho provati per la prima volta. Era agosto 2017, eccezionalmente freddo, con temperature in parete non superiori a 10°C. Siamo saliti all'ombra per la maggior parte del tempo, il che ha reso ancora più difficile riscaldare le mani e le dita."

Durante l'estate 2017 hanno aperto sei tiri che li hanno portati su terreno meno impegnativo prima che l’arrivo dell’autunno interrompesse il gioco. Mentre nell'estate 2018 hanno aperto i restanti 6 tiri. La Strada nel frattempo è stata ripetuta per la prima volta da Simon Gietl, Thomas Huber e Rainer Treppte, e Dudek e Matuszek hanno effettuato la prima libera della loro via il 15 agosto 2018, nonostante la pioggia che li ha costretti ad aspettare per diverse ore sulla buona cengia a metà prima di completare la salita.

Parlando con planetmountain.com dopo la salita, Matuszek ha spiegato: "Premiere inizia a destra di La Strada e sale direttamente sul contrafforte per poi seguire lo spigolo. Poi raggiunge la buona cengia del bivacco a metà, da dove si tuffa nello strapiombo più grande prima di correre a sinistra verso il bordo e condurre finalmente verso terreno facile sotto la vetta. La via offre molti tiri intorno al 7b che richiedono sia resistenza che nervi d'acciaio. Inoltre, dopo l’esposto traverso del quinto tiro, non è più possibile tornare indietro senza lasciare una corda fissa. Questo inconveniente è tuttavia controbilanciato dalla suddetta cengia due tiri più in alto che consente un bivacco moderatamente confortevole."

Con vie fino al 9a di arrampicata sportiva al loro attivo e ripetizioni di alcune delle vie lunghe più dure delle Alpi, al primo sguardo Premiere può sembrare un po’ meno eccitante. Ma Matuszek indica che l'esperienza in Dolomiti è stata l’esatto contrario. "Dobbiamo ammettere che ripetere vie già esistenti ed aprire una via nuova sono due mondi completamente diversi. Aprire una via equivale ad uno sforzo fisico notevole e non tanta arrampicata, e a noi sembrava più come un lavoro in fune piuttosto che una bella danza in parete. Inoltre, aprire una via è molto pesante psicologicamente. Il più delle volte abbiamo smesso di arrampicare non perché eravamo stanchi fisicamente, ma perché eravamo esausti mentalmente. Tuttavia, essere in grado di prendere le proprie decisioni ed accettare le proprie responsabilità è molto più interessante che seguire le orme di qualcun altro. Aprire la strada attraverso l'ignoto è accompagnato dall’eccitazione legato alla incertezza della possibilità, oppure impossibilità, di progredire. Bisogna credere in se stessi, è un lungo processo creativo intrecciato con sentimenti di insicurezza e punti interrogativi, tutto avvolto nella paura. Invece mentre tenti una via esiste, anche se ridicolmente difficile, la consapevolezza che qualcuno prima di te l’ha già fatto fa la grande differenza. Ti fa sentire un passo avanti, perché sai che si può fare. Tuttavia, dopo molti giorni in arete siamo riusciti a lasciare la nostra traccia sulla Cima Grande ed una cosa è certa - lì eravamo i primi. E questo cambia tutto."

Link: Jacek Matuszek, Łukasz Dudek, Alpine Wall Tour, Salewa

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cima Ovest di Lavaredo, Jacek Matuszek e Łukasz Dudek ripetono Project fear
15.08.2017
Cima Ovest di Lavaredo, Jacek Matuszek e Łukasz Dudek ripetono Project fear
Il 2 agosto 2017 Jacek Matuszek e Łukasz Dudek hanno effettuato la seconda ripetizione in arrampicata libera di Project Fear (8c, 550 m) sulla Cima Ovest di Lavaredo, Dolomiti.
Via degli Spagnoli Cima Grande di Lavaredo, seconda libera per Jacek Matuszek e Łukasz Dudek
23.09.2016
Via degli Spagnoli Cima Grande di Lavaredo, seconda libera per Jacek Matuszek e Łukasz Dudek
Il 31 agosto 2016 Jacek Matuszek e Łukasz Dudek hanno effettuato la seconda salita in arrampicata libera della difficile Via degli Spagnoli sulla Cima Grande di Lavaredo, Dolomiti.
Alpine Wall Tour con Jacek Matuszek e Łukasz Dudek
02.02.2016
Alpine Wall Tour con Jacek Matuszek e Łukasz Dudek
Il trailer dell' Alpine Wall Tour, effettuato dai climber polacchi Jacek Matuszek e Łukasz Dudek su cinque difficili vie d'arrampicata nelle Alpi: End of Silence (Berchtesgaden) Silbergeier (Rätikon), Des Kaisers neue Kleider (Wilder Kaiser) Brento Centro (Monte Brento) e Bellavista (Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti).
Arrampicata: Lukasz Dudek e Jacek Matuszek ripetono Brento Centro in Valle del Sarca
01.07.2015
Arrampicata: Lukasz Dudek e Jacek Matuszek ripetono Brento Centro in Valle del Sarca
Il 28 e 29 giugno 2015 i polacchi Lukasz Dudek e Jacek Matuszek hanno effettuato la prima ripetizione di Brento Centro (8b, 600m), la via di David Lama e Jorg Verhoeven sul Monte Brento, Valle del Sarca (Tn).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni