Home page Planetmountain.com
Andrea Lanfri e Luca Montanari al Campo Base dell'Everest
Fotografia di Ilaria Cariello
Andrea Lanfri appena arrivato a Gorakshep. Lungo tutto il paese si trovano questi cartelli con le indicazioni per Everest Base Camp
Fotografia di Ilaria Cariello
Andrea Lanfri attraversa uno dei ponti tibetani durante il trekking verso il Campo Base dell'Everest
Fotografia di Ilaria Cariello
L'entrata nel Sagarmatha National Park in Nepal. Da sinistra a destra: Roberto Lanfri, Luca Montanari, Andrea Lanfri, Ilaria Cariello, Ramesh Ghising, Bibek Pandey, Andrea Casati, Giacomo Biancalani
Fotografia di Ilaria Cariello
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:
    Andrea Lanfri
    Classe 1986, nel 2015 in seguito ad una meningite fulminante con sepsi meningococcica ha perso entrambe le gambe e sette dita delle mani. Ex membro della Nazionale Paralimpica Italiana di atletica, è vincitore di un argento mondiale a Londra nel 2017.

Andrea Lanfri e il trekking al Campo Base dell’Everest

di

Il report di Andrea Lanfri della prima tappa del suo progetto di scalare Everest: il trekking attraverso la Valle del Khumbu fino al Campo Base della montagna più alta della terra

Dopo molti mesi di preparazione, il grande giorno finalmente è arrivato. Il 23 marzo 2022 io, insieme al mio team e all’amico e compagno di cordata Luca Montanari, siamo partiti alla volta del Nepal. Dopo l’atterraggio a Kathmandu, non abbiamo perso tempo; prima destinazione Lukla e da lì è partita ufficialmente l’avventura.

A farci compagnia alcuni amici appassionati d’avventure, la fotografa Ilaria Cariello e il video maker Giacomo Biancalani, pronti a documentare l’impresa. E in questa mia avventura c’è anche un ospite d’eccezione, il mio papà, che ha come obiettivo arrivare al Campo Base dell’Everest a quota 5300!

Il trekking ovviamente parte con forte entusiasmo, e il 25 marzo 2022 la prima tappa, la più facile, è già conquistata: Phakding, quota 2610m. "Primo villaggio, prima pasticceria" – rido – io che amo già la cucina locale!

Si riprende il cammino e anche il secondo giorno di trekking scorre tranquillo. 12 km di strada tra panorami mozzafiato e ponti sospesi sul fiume Dudh Koshi, compreso il rinomato Hillary Bridge, che deve il suo nome al famoso esploratore Sir Edmund Hillary, primo alpinista ad effettuare l’ascensione dell’Everest nel 1953 insieme a Tenzing Norgay. Al passaggio dei viandanti sui ponti sventolano le preghiere che li accompagnano in un’atmosfera di pace, scandita dal rumore dei loro passi e delle acque scroscianti del fiume.

Raggiungiamo così il villaggio di Namche Bazaar a 3440m, sede del parco nazionale di Sagarmatha. Questa è una tappa speciale, emozionante, non solo per il panorama che accompagna il cammino. Namche Bazaar è considerata la capitale degli Sherpa, e ospita il museo a loro dedicato, dove una visita è d’obbligo.

Si tratta del villaggio più grande della valle del Khumbu, in cui rimaniamo per due giorni per abituarci alla quota, ma anche per godere un po’ della "movida", tra i dolci della Bakery e il mitico Liquid Bar.

Namche Bazaar è il luogo giusto per acclimatarsi, ma anche per riposare. Per tutti, ma non per Luca e me; io infatti ho utilizzato la prima domenica nepalese per allenarmi. Insieme a Luca, saliamo poco sopra Namche e da qui, per la prima volta, si scorge la cima del grande Everest, proprio dietro l'icona principale del popolo sherpa, Tenzing Norgay, primo sherpa appunto a raggiungere la vetta insieme a Hillary. Una grande emozione. Vedere il villaggio di Namche dall’alto è uno spettacolo: le abitazioni sono letteralmente "abbracciate" dalle montagne Himalayane, un’immagine accogliente e al tempo stesso piena di forza.

Arriviamo poco sotto i 4000 metri di quota, qui decido di cambiare le protesi e indossare per la prima volta le lame da corsa, provando a correre per la prima volta a questa altitudine, una location particolare: una sorta d’aeroporto… l’esperimento va decisamente bene. Cosa avrò in mente? … questo era solo un piccolo test..

Per il quarto giorno di trekking lasciamo alle spalle Namche Bazaar con il nuovo obiettivo: Tengboche. Ma prima, una sosta al tempio buddista per una benedizione del viaggio.
Il tempo è clemente, seppur nuvoloso. Passeggiare tra le nebbie dell’Everest ha il suo fascino. La giornata termina così, con il meritato relax che permette di recuperare energie in vista del giorno dopo.

Il cammino prosegue, raggiungendo prima Tengboche e poi Dingboche, a 4410m. Il forte vento sferza sul viso, ma noi viandanti non ci lasciamo intimorire. Qui avvengono i primi incontri con lo Yak, il placido bue tibetano a pelo lungo.

I panorami diventano sempre più belli. Io e Luca saliamo ancora, raggiungendo la sommità del Nangkartsang, a 5083 m. La vista è davvero meravigliosa su queste montagne che ormai sembrano familiari. Un primo assaggio di salita, perché dal giorno dopo si comincia a fare sul serio.

Il 31 marzo 2022, infatti, raggiungiamo Lobuche, a 4930m. Si parte di buonora ed inizialmente il percorso si snoda tra gli alpeggi degli Yak. Dopo una breve pausa all’unico lodge affrontiamo una rampa e dopo circa 45 minuti di cammino arriviamo in un luogo sacro e suggestivo: il memoriale in onore degli alpinisti che hanno perso la vita sull’Everest o su altre montagne. Da questo punto il paesaggio cambia, essendo ormai a 5000m sulla morena del ghiacciaio dell’Everest. Il Campo Base è sempre più vicino. Mancano solo due giorni.

Il 1 aprile si arriva a Gorakshep, quota 5190m, ultimo villaggio prima del Campo Base. Il paesaggio si fa surreale, davanti a noi svettano le montagne tibetane. È qui che la mia pazza idea prende forma… voglio compiere un’impresa che ancora non avevo svelato a nessuno. Stabilire un record sul miglio di corsa più alto al mondo, correndo sulle sue lame a 5160m. L’obiettivo è completare il miglio entro i 10 minuti.

Mi ero allenato per mesi, mantenendo il segreto. Avevo molti spettatori nel mio tentativo di record: gli abitanti di Gorakshep, i bambini del posto dagli sguardi stupiti. Ma anche cavalli, yak e una moltitudine di cani..

Non è stato per nulla facile. Il terreno su cui ho corso era irregolare e disomogeneo. Ho fatto qualche giro di prova, poi sono partito. Quando, negli ultimi cento metri, ho guardato l’orologio mi sono reso conto che ce l’avrei fatta e sono scattato dando tutto quello che avevo in corpo. Alla fine, ho fermato il cronometro a 9 minuti e 48 secondi. Guinness World Record! Era già un po' che mi "frullava" nella mente… Dopo la grande emozione del pomeriggio e la serata rilassante, si riprende a camminare.

Il giorno dopo, finalmente, la tappa più importante di questo viaggio, Everest Base Camp. Per il mio staff e mio padre, significa raggiungere l’obiettivo, per me e Luca invece solamente uno dei tanti obiettivi che ci aspettano.

È un cammino lungo, che ci godiamo passo dopo passo. Lasciamo il villaggio di Gorakshep ma non puntiamo subito all’obiettivo. Prima c’è una piccola deviazione: la salita al Kala Patthar fino a 5580m per godere l’alba strepitosa sull’Hillary Step, la leggendaria parete rocciosa del Monte Everest.

Colazione abbondante e si riprende a camminare. All’ora di pranzo il Campo Base - quota 5364m – viene raggiunto, nei tempi previsti. Ad attenderci c’è la neve e un paesaggio strepitoso. Al Campo Base siamo da soli, almeno per ora. Il "villaggio" si popolerà nei giorni successivi, man mano che arriveranno gli altri alpinisti, gli sherpa e i vari team. Il gruppo si gode uno spettacolo assoluto per bellezza, imponenza, vastità. E silenzio.

Sono felice. Accanto a me, per una notte in tenda, c’è mio padre, che ha raggiunto l’obiettivo. Il giorno successivo però dobbiamo separarci, siccome gran parte del gruppo torna indietro.

I primi tre giorni al Campo Base scorrono veloci, in "relax", o quasi. Davanti alla nostra tenda svetta l’Ice Fall, con le sue piramidi di ghiaccio puro che raggiungono anche i 10-12 m. Armati di picozze e ramponi, ci alleniamo e ci divertiamo. La giornata tipo comincia con un paio d’ore di esercizi, poi il pranzo e il relax in tenda! Ci esercitiamo con le corde fisse, saliamo queste particolari conformazioni di ghiaccio. Ormai lo chiamo il mio "ice-park". Una sorta di "antipasto" dei giorni che arriveranno.

Poi comincia la fase 1 di acclimatamento vero e proprio. Torniamo a Lobuche, dai 5350m del Campo Base a 4900m. È da questo villaggio che parte la salita ai 6140m del Lobuche est, la montagna attrezzata per la prima fase di acclimatamento. Per me la seconda vetta nepalese da raggiungere in due tappe: dal paese si sale al campo avanzato, più su del campo base. Il giorno dopo si raggiunge la cima a 6119m. L’8 aprile saliamo in cima al Lobuche est.

Ora che siamo nuovamente tornati al EBC, continuano le nostra giornate, alternate da momenti di relax e perlustrazioni varie. La fase 2 di acclimatamento a breve avrà il via, e inizierà proprio con il primo attraversamento dell’icefall. Al momento tutto procede secondo i piani e il corpo reagisce bene alla quota. E ovviamente non vediamo l’ora di partire per questo nuovo obiettivo!

di Andrea Lanfri

Link: andrealanfri.comIG Andrea LanfriFB Andrea LanfriFerrinoLa Sportiva

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Andrea Lanfri da record sul miglio di corsa più alto al mondo al cospetto dell’Everest
04.04.2022
Andrea Lanfri da record sul miglio di corsa più alto al mondo al cospetto dell’Everest
Durante il trekking di avvicinamento al campo base dell’Everest, l’atleta paralimpico Andrea Lanfri ha corso sulle lame il miglio più alto al mondo in soli 9 minuti e 48 secondi. Il tempo stabilito presso il villaggio di Gorakshep a 5160 metri di quota passerà ora al vaglio del Guinness World Records per l’omologazione.
Luca Montanari e Andrea Lanfri insieme per l’Everest
23.03.2022
Luca Montanari e Andrea Lanfri insieme per l’Everest
Intervista alla guida alpina Luca Montanari che proprio oggi è in partenza per il Nepal dove, come capo spedizione, sarà il compagno di cordata di Andrea Lanfri durante la salita all'Everest. Intervista di Arianna Del Sordo
Andrea Lanfri e l'obiettivo Everest
08.03.2022
Andrea Lanfri e l'obiettivo Everest
Intervista ad Andrea Lanfri, l'atleta paralimpico e alpinista lucchese che il 23 marzo partirà con la guida alpina Luca Montanari per tentare di scalare l'Everest.
Andrea Lanfri da Genova alla Capanna Margherita del Monte Rosa
20.09.2021
Andrea Lanfri da Genova alla Capanna Margherita del Monte Rosa
Per il suo progetto 'From 0 to 0', Andrea Lanfri è partito da Genova in bici ed è salito alla Capanna Margherita (4554m) del Monte Rosa, prima del suo rientro a Genova. L'atleta paralimpico ed alpinista lucchese ha quindi percorso oltre 470km in bici e per il primo tratto Genova - Monte Rosa ha impiegato solo 18 ore e 7 minuti.
La traversata del Monte Rosa di Andrea Lanfri e Massimo Coda
13.07.2021
La traversata del Monte Rosa di Andrea Lanfri e Massimo Coda
Andrea Lanfri parla della Traversata del Monte Rosa, da Gressoney a Cervinia effettuata insieme al paraclimber e compagno di cordata Massimo Coda. La cordata di amputati agli arti ha compiuto la traversata in alta montagna in completa autonomia dal 27 giugno al 2 luglio.
Andrea Lanfri sul Gran Sasso d’Italia nel progetto From Coast to Coast
22.06.2021
Andrea Lanfri sul Gran Sasso d’Italia nel progetto From Coast to Coast
Il report dell’atleta paralimpico lucchese Andrea Lanfri che domenica 13 giungo nell’ambito del suo progetto 'From 0 to 0' ha salito il Gran Sasso d’Italia partendo da Montesilvano sulle sponde dell’Adriatico e concludendo il viaggio a Ladispoli sul Mar Tirreno. Oltre 300km non stop, inclusa la salita al Corno Grande (2912m)
Andrea Lanfri live nella Giornata Mondiale contro la Meningite
24.04.2021
Andrea Lanfri live nella Giornata Mondiale contro la Meningite
L'atleta paralimpico Andrea Lanfri oggi a partire dalle 9.00 percorrerà il tragitto da Marina di Pisa al Monte Serra e ritorno, no stop, alternando corsa e bicicletta. L'impresa sarà trasmessa live sui suoi canali social, in occasione della Giornata Mondiale contro la Meningite.
Andrea Lanfri: From 0 to 0 live nella Giornata Mondiale contro la Meningite
15.04.2021
Andrea Lanfri: From 0 to 0 live nella Giornata Mondiale contro la Meningite
Sabato 24 aprile nella Giornata Mondiale contro la Meningite l'atleta paralimpico ed alpinista italiano Andrea Lanfri percorrerà il tragitto da Marina di Pisa al Monte Serra e ritorno, no stop, alternando corsa e bicicletta. L'impresa sarà trasmessa live sui suoi canali social.
Andrea Lanfri, Monte Etna e il progetto From 0 to 0
19.11.2020
Andrea Lanfri, Monte Etna e il progetto From 0 to 0
Il report di Andrea Lanfri del progetto alpinistico From 0 to 0 e la salita del Monte Etna in Sicilia, con partenza e ritorno al livello del mare. L’iniziativa del 33enne atleta paralimpico e alpinista italiano è legata ad un progetto di solidarietà, finalizzato alla raccolta di fondi a sostegno di Pink is good, della Fondazione Umberto Veronesi.
Andrea Lanfri e Massimo Coda, paraclimber in cima al Monte Bianco
14.08.2020
Andrea Lanfri e Massimo Coda, paraclimber in cima al Monte Bianco
Intervista a Andrea Lanfri che all'inizio di agosto insieme a Massimo Coda è salito in cima al Monte Bianco lungo la via normale italiana. Con ogni probabilità è la prima cordata di amputati agli arti a compiere un'impresa simile.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra