Home page Planetmountain.com
Verso un nuovo mattino, La montagna e il tramonto dell'utopia di Enrico Camanni
Fotografia di archivio Andrea Giorda

Verso un nuovo mattino. Il nuovo libro di Enrico Camanni

Verso un nuovo mattino. La montagna e il tramonto dell’Utopia. Il nuovo libro di Enrico Camanni per Laterza Editori presentato da Alberto Sciamplicotti.

L’alba. Il sole sorge da dietro l’orizzonte e tinge il cielo di un arancio che si trasforma in breve in un giallo tenue che a sua volta si dissolve nell’azzurro del giorno che viene. Istanti colmi di speranze per ciò che forse sarà nelle ore successive, che cancellano il buio della notte, ma che rimandano ai giorni già stati di cui sono comunque eredi. Istanti che durano quanto indicato dal loro nome che non è, a ben vedere, più di un battito di ciglia.

Eppure quei momenti riescono a dare senso e direzione, illuminando di una luce ancora più pura di quella che verrà, spargendo la loro potenza e scacciando le tenebre, consentendo così – per la prima volta - di distinguere quello che fino a poco prima non lo era. Questo fu il “Nuovo Mattino”. Dai giorni immediatamente precedenti, quelli del ’68, prese la spinta più dirompente e rivoluzionaria, non quella circoscrivibile all’ambito meramente politico, ma quella che imponeva una tensione emotiva verso tutto ciò che consentisse di guardare il mondo con occhi nuovi.

Enrico Camanni ha provato a raccontare quei giorni nel suo nuovo libro “Verso un Nuovo Mattino”. Un volume che partendo dalle esperienze di Motti, Grassi, Galante, Bonelli, Gobetti sulle pareti senza cima della Valle dell’Orco vuole ripercorre l’evoluzione, tecnica ma anche emotiva, dell’arrampicata e dell’alpinismo fino ai nostri giorni. E’ un viaggio dove diventa evidente e palese l’eredità lasciata dai quei ragazzi e dai loro sogni. Un lascito di Utopia, dove i valori che sostenevano l’andare in montagna quanto e più l’alpinismo stesso, la vetta, la tensione eroica e tutta la retorica legata alla figura dell’uomo/alpinista, erano finalmente abbandonati a favore di una visione libera da dogmi e prescrizioni.

Tutti momenti raccontati da Camanni da testimone diretto qual è stato. Giovane studente in quegli anni iniziava con la Rivista della Montagna il percorso che lo avrebbe portato a essere uno dei più accreditati e preparati giornalisti e scrittori di quest’ambiente e delle sue attività. Un racconto che prosegue fino alle odierne disillusioni contemporanee: quelle di una società in cui la ricerca dell’utopia sembra essersi arenata sulle banali spiagge del conformismo. Sono lidi dove anche l’alpinismo e l’arrampicata faticano a ritrovare quel senso di libertà che li aveva contraddistinti negli anni ’60 e ’70, sono bassi fondali dove al massimo si riesce a galleggiare ma non a navigare. D’altronde, anche se queste attività si svolgono lontane dalla vita di tutti i giorni, dalle città, dal lavoro di routine, dalla politica, non vivono su mondi distanti. Anzi, sono situate esattamente all’interno della società, così come aveva intuito Motti. Il lavoro di scrittura di Camanni, lega le vicende di quei giovani sognatori e inconsapevoli ribelli a quelle della società. Leggiamo così come la società sia cambiata e come di pari passo lo abbia fatto l’arrampicata, seguendo gli anni di piombo, le lotte sindacali in fabbrica, il riflusso degli anni ’80, fino alla stagnazione attuale dove, di nuovo come un tempo emozioni e sentimenti, utopie e idee nuove sembrano riprendere forza partendo proprio quel Nuovo Mattino.

Il racconto di Camanni sembra essere più potente e affascinante nella prima parte del volume. In realtà la scrittura è sempre forte, un filo rosso che corre attraverso gli anni raccontati, teso fra le tante storie comprese. La prima metà di “Verso un Nuovo Mattino” contiene però quella passione che vive nelle anime dei giovani e che li rende fulcro delle rivoluzioni e dei cambiamenti. E’ il frutto dell’anima che vibrava forte nel Camanni giovane degli anni ’70 ed è raccontata con quello sguardo d’amore con cui un adulto guarda un ragazzo. C’è nostalgia per quell’essere che è stato, ma c’è anche l’orgoglio per aver vissuto quelli anni. Come, nella seconda parte, c’è la speranza che almeno qualcosa di quelle esperienze non sia andato perso e c’è la felicità nello scoprire che così è stato. L’utopia è tramontata ed è seguita la notte, un nuovo mattino però può ancora sorgere.

recensione di Alberto Sciamplicotti

Enrico CamanniVerso un nuovo mattino La montagna e il tramonto dell’Utopia - Laterza Editori, 2018

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il Nuovo Mattino? Attuale più che mai!
18.05.2018
Il Nuovo Mattino? Attuale più che mai!
A distanza di quasi cinquant’anni il 'Nuovo Mattino' torna prepotentemente alla ribalta. Il 22 maggio, dopo il Festival di Trento, a Torino ci sarà la proiezione del film di Tiziano Gaia e Fabio Mancari 'Itaca nel sole', incentrato sulla figura di Gian Piero Motti. Enrico Camanni, coinvolto nella sceneggiatura, ha scritto un libro avvincente intitolato Verso un nuovo mattino - La montagna e il tramonto dell’utopia – Laterza Editore – maggio 2018. Camanni ripercorre con un incalzante racconto l’epopea del Nuovo Mattino, dagli anni ‘70 arriva fino alle prime gare di arrampicata degli anni ‘80, la rivisitazione e le testimonianze ne danno nuova luce. Di seguito la recensione del libro di Camanni e le riflessioni sul Nuovo Mattino di Andrea Giorda.
Mike Kosterlitz e il Nuovo mattino gli anni favolosi dell'arrampicata raccontati da Ugo Manera
09.08.2017
Mike Kosterlitz e il Nuovo mattino gli anni favolosi dell'arrampicata raccontati da Ugo Manera
Ugo Manera racconta l'incontro con Mike Kosterlitz e quanto il fortissimo climber scozzese - futuro premio Nobel per la Fisica 2016 a cui il 25 agosto prossimo sarà consegnato il Climbing Ambassador ad Arco - influì nei primi anni '70 non solo sull'arrampicata in Valle dell'Orco ma anche su Gian Piero Motti e Gian Carlo Grassi protagonisti di quello che poi verrà conosciuto come il Nuovo mattino.
Sciatori di Montagna di Giorgio Daidola
23.02.2018
Sciatori di Montagna di Giorgio Daidola
La recensione di Alberto Sciamplicotti del libro 'Sciatori di Montagna. 12 storie di chi ha fatto la storia dello sci alpinismo' scritto da Giorgio Daidola e pubblicato da Mulatero Editore.
L'idea della Montagna, il Gran Sasso e le foto di Luigi Tassi
15.01.2018
L'idea della Montagna, il Gran Sasso e le foto di Luigi Tassi
La montagna in bianco e nero, le foto di Luigi Tassi e il tempo che resta sospeso in un momento indefinito. Di Alberto Sciamplicotti

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra