Home page Planetmountain.com
Il sangue sotto la neve di Stefano Ardito. Il romanzo degli alpini nella Grande Guerra. Dall’Adamello alle Dolomiti, a Caporetto, una grande storia di coraggio, amore, amicizia.
Fotografia di Stefano Ardito
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:
    STEFANO ARDITO
    racconta da anni, come giornalista, scrittore e documentarista, le montagne, la natura e la storia dell’Italia e del resto del mondo. I suoi reportage e le sue inchieste sono stati pubblicati da “Airone”, “la Repubblica”, “Alp” e “Specchio”. Oggi scrive per “Il Messaggero”, “Meridiani Montagne” e altre testate, e coordina la collana “Cammini e sentieri” edita da GEDI e National Geographic. Come regista ha girato decine di documentari per Geo&Geo di Rai Tre. Con Alpi di guerra, Alpi di pace (Corbaccio, 2015), dedicato alla Grande Guerra, ai suoi protagonisti e ai suoi luoghi, ha vinto il Premio Cortina Montagna. Con Alpini (Corbaccio, 2018) è stato finalista al Premio Bancarella. Il sangue sotto la neve è il suo primo romanzo.

Il sangue sotto la neve di Stefano Ardito

Alberto Sciamplicotti presenta il nuovo libro di Stefano Ardito, Il sangue sotto la neve. Il romanzo degli alpini nella Grande Guerra. Dall’Adamello alle Dolomiti, a Caporetto, una grande storia di coraggio, amore, amicizia.

Stefano Ardito è conosciuto come giornalista, scrittore e documentarista specializzato nel raccontare delle montagne e della natura d’Italia e del mondo. Ha iniziato più di trent’anni fa e in questo periodo ha pubblicato guide, reportage e inchieste fino a diventare uno dei più importanti giornalisti di questo settore.

Essendo nato a Roma, lontano dalle Alpi e da quelle cime che più nell’immaginario sono legate al concetto di montagna, è facile immaginare quanto al principio abbia faticato a trovare credito. Un po’ come il protagonista del suo ultimo libro, Antonio Renzi, un fiorentino che in virtù del suo amore per le ascensioni e per la montagna viene arruolato negli Alpini dovendo al principio scontrarsi con la diffidenza di chi è invece nato e cresciuto all’ombra delle alte vette.

“Il sangue sotto la neve” è il primo romanzo di Stefano Ardito. Un volume che arriva però dopo oltre un centinaio di guide, decine di saggi e ricostruzioni storiche, innumerevoli articoli pubblicati su riviste e quotidiani. Il passaggio da un tipo di scrittura come questo a quello di un romanzo non è cosa scontata comunque: è qualcosa che chiede e pretende un impegno differente e che impone un’attenzione all’emozione che si vuole trasmettere al lettore.

Stefano Ardito in questo volume racconta così la Prima Guerra Mondiale vista attraverso gli occhi del protagonista, con un racconto preciso, pieno di particolari e dettagli che riescono a ricostruire la vita di chi quella guerra era stata chiamata a combattere. Un quadro dove l’ambiente, quello delle montagne - così ben conosciuto dall’autore – è non solo sfondo all’azione ma altro protagonista, ancor più di quello ufficiale.

Antonio Renzi passa infatti attraverso tutto il conflitto attraverso il suo ruolo di osservatore incaricato dal comando generale, più come un’ombra che scivoli da un combattimento all’altro. Non è un caso che il suo percorso giunga al termine di quegli anni terribili davanti a un fuoco di campo dove si alternano i fantasmi di quelli con cui ha diviso il dramma della guerra. Lui stesso è quasi spirito ectoplasmatico, rappresentante di tutta quella umanità, vera e reale, che ha vissuto anni, mesi, giorni e ore della tragedia del conflitto.

Forse è anche per questo che tanti dei nomi dei militari compagni di strada del protagonista riecheggiano invece quelli di personaggi reali: le storie personali raccontate alla fin fine sembrano contare poco all’interno della vicenda totalizzante e senza via di uscita che è quella macina di carne umana della guerra. Nessuno conta, nessuna vita sembra aver valore in questo motore che schiaccia tutto, in cui ogni cosa sembra solo determinata a sopravvivere a se stessa e null’altro. Ogni figura della vicenda assurge così a rappresentante di un tipo, di un modo di essere, in una carrellata di uomini e personaggi che provano a riassumere i vari caratteri umani. Un quadro in cui ogni personaggio ha un destino che lo può portare all’annullamento in qualunque istante e dove l’unico eroismo possibile non è quello che porta a sfidare ciecamente la sfida della sopravvivenza, ma al contrario quello che riesce a far accettare la difficoltà dell’assurdità che si sta vivendo.

In questa rappresentazione, l’unica certezza sembra essere lo sfondo, quel panorama dove si svolgono le vicende raccontate da Stefano Ardito e di cui Antonio Renzi è guida per il lettore: le montagne dell’arco alpino diventano così pietre focaie, con le loro albe e tramonti, con i pendii ghiacciati, con le pareti verticali da scalare, con i regalati e unici momenti di contemplazione per la bellezza con cui avvolgono l’osservatore, unico modo continuare a far accendere e divampare quel fuoco d’amore e passione propulsione per la vita.

Alberto Sciamplicotti

IL SANGUE SOTTO LA NEVE
Dall’Adamello alle Dolomiti, a Caporetto, una grande storia di coraggio, amore, amicizia.
Antonio Renzi è un giovane ufficiale degli alpini. Quando l’Italia entra nella Grande Guerra il 24 maggio 1915 ha poco più di vent’anni, ma nel deserto della Libia ha già conosciuto la violenza e la morte. Ora tutto cambia, e dal caldo e dalle tempeste di sabbia deve passare alle bufere di neve delle Dolomiti. Antonio è nato a Firenze, e oltre alle difficoltà del terreno e del clima, e ai colpi dei fucili e dei cannoni austro-ungarici, deve superare la diffidenza degli alpini nati in Veneto, Piemonte e Lombardia, che si muovono sulla roccia e sulla neve come a casa propria. Il suo compito è di studiare il territorio, analizzare le operazioni, progettare attacchi a sorpresa. Una missione delicata, che gli è stata affidata dal colonnello Boursier, che vent’anni prima, sul campo di battaglia di Adua, era sopravvissuto a un disastro causato dalle mappe imprecise e dalla penuria di informazioni. Tra il 1915 e il 1918 Antonio attraversa il fronte delle Alpi, dal Cevedale fino alle Dolomiti e all’Isonzo. È protagonista e testimone di molti eventi decisivi, dalla conquista del Passo della Sentinella a quella del Corno di Cavento, dalla mina del Castelletto alla catastrofe di Caporetto. Incontra personaggi storici come Cesare Battisti, Rudyard Kipling e Gabriele D’Annunzio, e solo il maltempo gli impedisce di partecipare al Volo su Vienna. Accanto alla storia di Antonio si dipanano quelle dell’infermiera Francesca, della quale il protagonista si innamora, e di decine di alpini che provengono da ogni regione d’Italia. Alla ricostruzione precisa dei maggiori eventi della Guerra Bianca, Stefano Ardito unisce un affresco vivido dell’umanità varia ed eterogenea che quella guerra l’ha combattuta. Lo fa con coraggio, mostrando come dalle privazioni della vita di trincea possano maturare frutti molto diversi. Grettezza ed eroismo, isteria e lucidità, egoismo e abnegazione. Restituendo con forza quell’insondabile groviglio di contraddizioni che è l’essere umano.

Info: www.rizzolilibri.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Lepini, Circeo e Isola Zannone. La guida di Tommaso Funaro
01.06.2021
Lepini, Circeo e Isola Zannone. La guida di Tommaso Funaro
La recensione di Alberto Sciamplicotti della nuova guida 'Lepini, Circeo e Isola Zannone. 67 itinerari a piedi su tutte le cime del settore' scritto da Tommaso Funaro per Edizioni Versante Sud.
Il gioco del ripido e dell’esplorazione in Appennino
21.01.2021
Il gioco del ripido e dell’esplorazione in Appennino
La recensione di Alberto Sciamplicotti del libro Skialp tra Gran Sasso e Sibillini, Appennino ripido ed esplorativo vol.1, scritto da Cristiano Iurisci, Fabrizio De Angelis, Rinaldo Le Donne (Edizioni Versante Sud, 2020).
La notte fra i due inverni. Di Alberto Sciamplicotti
25.09.2019
La notte fra i due inverni. Di Alberto Sciamplicotti
Pensieri e riflessioni di Fabio Palma su La notte fra i due inverni, il nuovo romanzo scritto da Alberto Sciamplicotti edito da Alpine Studio, ambientato fra le montagne del Centro Italia come il Gran Sasso, Velino, Maiella e il Monte Bianco.
Un giorno lungo 50 Anni: Alberto Sciamplicotti tra film, alpinismo e... la seduzione dell'avventura
03.07.2014
Un giorno lungo 50 Anni: Alberto Sciamplicotti tra film, alpinismo e... la seduzione dell'avventura
Alberto Sciamplicotti, la sua avventura, i suoi racconti e il suo nuovo film "Un giorno lungo 50 Anni" dedicato a due grandi alpinisti, Gigi Mario e Fernando di Filippo, e all'apertura di due vie nello stesso giorno sul Gran Sasso d'Italia. Di Simonetta Radice.
Con Una Montagna Come Casa di Alberto Sciamplicotti
23.06.2009
Con Una Montagna Come Casa di Alberto Sciamplicotti
Il cortometraggio di Alberto Sciamplicotti “Con Una Montagna Come Casa” che racconta la storia di Pasquale Iannetti, Guida Alpina che ha scelto l'Appennino e le pareti del Gran Sasso come la sua terra.
10.11.2000
'Rotti e stracciati. Aria di Roma sulle cime', nuovo libro di Alberto Sciamplicotti
A "Montagne in città", la presentazione del nuovo libro di Alberto Sciamplicotti edito dal CDA di Torino, è stata l'occasione per ricodare l'alpinismo romano degli anni '70.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra